SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Per il suo 90esimo anniversario dalla fondazione, il Rayo Vallecano ha presentato, al “Campo de Futebol de Vallecas”,  le maglie per la stagione 2014-2015, fra tradizione e forti novità.

Maglie Rayo Vallecano 2014-2015

La terza squadra di Madrid rimane fedele all’italiana Erreà, che anche quest’anno fornisce le divise.

L’aspetto innovativo non riguarda tanto l’ambito tecnico/sportivo ma economico/commerciale. Da questa stagione il main sponsor degli spagnoli è Qbao.com, società tecnologica cinese, già sponsor, sempre da quest’anno, anche della Real Sociedad.

Passando in dettaglio i kit, la prima maglia rimane fedele ai colori e ai disegni sociali: essa è infatti bianca con una striscia rossa che la taglia obliquamente da sinistra a destra. Rossi sono anche gli inserti, come il bordo a chiusura delle maniche, i pantaloncini e i calzettoni. Il brand italiano quest’anno ha proposto poi un colletto a V di colore rosso.

Altro elemento innovativo è poi il marchio Erreà riportato, non solo sul petto, ma anche sulle spalle: rosso nella parte bianca della maglia, e bianco sulla riga rossa. Infine Erreà ha personalizzato la maglia, apponendo, all’interno del colletto, lo stemma societario del Rayo.

Maglia rayo vallecano 2014 2015

Il kit da trasferta e la terza divisa mantengono il medesimo template ma cambiano solamente in fatto di colori: la maglia da trasferta infatti risulta essere a colori invertiti rispetto alla prima, con il rosso che predomina e il bianco presente nella stiscia obliqua che taglia la camiseta, oltre ai consueti dettagli.

La terza divisa stacca completamente con i due colori sociali ed è azzurra e blu, con l’azzurro a farne da padrone e il blu, utilizzato per la riga obliqua e per i dettagli sui pantaloncini e sui calzettoni. Infine la divisa del portiere è giallo fluo e nera.

Rayo Vallecano kit 2014-2015 90 anni

A contorno della presentazione dei kit hanno parlato sia il presidente del Rayo che l’amministratore di Qbao.com.

Raul Martin Presa, presidente degli spagnoli ha affermato: “L’accordo firmato con la società cinese è molto importante sia per il Rayo che per unire e avvicinare la cultura spagnola con la Cina.”

Dal canto suo, Li Quenfeng ha ribadito “di essere orgogliosi che la nostra società collabori con il Rayo Vallecano. Questo accordo produce interessi per entrambe le parti: molta visibilità sia per il Rayo, club di Primera Divsion BBVA, sia per noi, che abbiamo più facilità a pubblicizzare il nostro nome.”

Infine il manager cinese conclude il suo discorso con un omaggio alla tifoseria madrilena dicendo ” L’attenzione e l’affetto del pubblico per la squadra sono valori molto importanti per noi.”

Allora che ne pensate dei kit del Rayo Vallecano versione 2014-2015 e della partnership con il gruppo cinese?

  • pit1991

    La maglia in sé è di buona fattura e testimonia la qualità di Erreà nel design. I lavori recenti di questa azienda sono stati sempre piuttosto rilevanti, come ad esempio la sponsorizzazione per il Norwich City e il Parma.
    Forse il tema è un po’ ripetitivo, nel senso che soprattutto per la terza maglia si poteva osare qualcosa di più fantasioso.

    Unica cosa da sottolineare per quanto riguarda lo sponsor tecnico, che infine è lo stesso problema che c’è con Lotto, Macron e altre aziende italiane, è la volontà di mettere il proprio logo letteralmente ovunque.
    Così facendo non solo si crea un impatto visivo alterato ma scombina gli equilibri di proporzione tra i loghi: in questo caso lo stemma del Rayo Vallecano sembra enorme rispetto a quello tecnico sul petto, a discapito comunque dei due enormi loghi Erreà sulle spalle.
    Forse un solo logo Erreà di dimensioni intermedie tra quello piccolo e i due enormi, da posizionare sul petto, sarebbe stata la soluzione ideale.

    Il problema più rilevante di queste maglie però risulta essere lo sponsor. Questi investitori asiatici hanno i loro particolari loghi che, così come per lo Swansea City e altre squadre tra Premier League e Championship, anche in questo caso non si integra per niente bene con il resto del kit.

    • Matteo Perri

      A parte Nike, praticamente quasi tutte le aziende piazzano sulle maniche/spalle i loro loghi, non solo quelle italiane.

      • NHT

        esatto, adidas in primis

  • White 0010

    Accettabili…

  • Renzo

    Peccato per l’invasione dei loghi “errea” perché la maglia nella sua semplicità non è male. Anche lo sponsor cinese è integrato bene senza che la banda diagonale sia interrotta. Credo e spero (visto che non ci sono foto) che la banda prosegua anche dietro, come nel River Plate o nel Perù. La seconda è il negativo della prima. Io come seconda preferirei la …..terza, per differenziarla di più.

  • upuntou

    Ma solo io noto una fantasia tono su tono che riproduce lo stemma a livello del simbolo dello sponsor tecnico sulla parte frontale? O sono allucinazioni?

    • Daniele Costantini

      Di base, ritengo che una casacca sbarrata debba rifuggire da troppe personalizzazioni, essendo la sbarra diagonale già di per se un forte tratto distintivo. Lo steso vale per le maglie del Rayo Grosset… ehm, Vallecano 😀 , molto buone con unicamente la presenza di bordini a contrasto.

      Mi duole invece notare la presenza ossessiva dei loghi Erreà sulle spalle; sulle maniche avrebbero nettamente avuto un minor impatto visivo, mentre così facendo la parte alta del petto diventa troppo satura di elementi… scelta bocciata.

      Circa l’inserimento dello sponsor, felice di vedere che, perlomeno, la sbarra non è stata ‘interrotta’ per dare ancor più risalto al marchio pubblicitario.

    • Daniele Costantini

      Ops! Quello sopra, doveva essere un messaggio ‘autonomo’ 😀 . Volevo solo risponderti che, se ti riferisci alla seconda foto, mi pare un semplice watermark applicato dall’account web del club.

      • upuntou

        danke schön!

  • Alessio

    Belle.
    Mi pare si sia ripreso molto del lavoro svolto con il Grosseto, ma sono belle.
    Peccato per l’eccesso di loghi.

  • Magliomane

    Sto sponsor in cinese non si può vedere

  • Swan

    Non granché; la banda obliqua mi sembra troppo ampia così come il bordo del colletto a V.
    La presenza dei due loghi Errea sul fronte della maglia, uno bianco ed uno rosso, è fastidiosa e conferisce un effetto pasticciato/pacchiano alla stessa.
    Non mi piacciono maglie e kits away che siano il negativo della home, avrei optato per il kit celeste blu come away e quello rosso come eventuale third, ammesso che ce ne fosse bisogno.

  • mosca

    Questi hanno trovato la partnership con uno sponsor cinese ed Errea immediatamente piazza sulle spalle “l’innovativo ed inedito” logo.

    …La pubblicità è l’anima del commercio…

    Sulle maglie nulla da aggiungere, mi pare un lavoro normalissimo.
    Con tre maglie uguali il fruitore cinese riconoscerà immediatamente ” l’identità” del club e dovrà solo preoccuparsì di che colore scegliere.

    Lavoro furbo, più di forma che di sostanza

  • ste2479

    dopo i kapponi vedremo in tutte le prossime maglie Erreà i romboni ??

  • Code

    primo passo falso di Erreà…

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Sempre interessanti le divise del Rayo.
    Mi sembrano tutte e tre buone come divise, certo i simboli Erreà sulle clavicole si potevano evitare.

  • Eugenio

    Com’è giusto che sia per un anniversario, si è andati su design classici, quindi apprezzo i template comunque non molto differenti da quelli delle passate stagioni. Lineari prima e seconda, sulla terza avrei optato per un altro colore. Riguardo ai rombi sulle spalle, non mi dispiacciono, anzi, mi piacevano i kapponi nelle maniche di kappa degli anni `90. Per quanto riguarda lo sponsor cinese .. Mah, spero di vederne sempre di meno.

    Voti 8 – 8 – 7,5

  • Riccardo

    Modello non così male per le divise..
    La prima e la seconda mantengono i colori del club..quindi accettabili..
    Terza divisa diversa oppostamente per i colori ma bella per l’accostamento
    Divisa portiere così così..

    Home: 6
    Away: 6
    Third: 6
    Portiere: 6