Il processo di lancio di un nuovo prodotto ha subito, nel tempo, modifiche sempre più estreme, sempre più originali. Adidas football dal febbraio 2016 ha iniziato una serie di processi per dar risalto ai propri nuovi prodotti dedicati al calcio che oggi raggiungono (forse) un punto mai avvicinato, con le nuove adidas Glitch 16.

Cosa c’è di tanto speciale? Innanzitutto la scarpa, questa nuova frontiera dello scarpino da calcio componibile (quanti di voi si ricordano adidas Tunit?), poi come inizierà ad insediarsi nel mercato. Il primo passo sarà fatto da una speciale “cerchia” di ragazzi selezionati su Londra che avranno accesso ad una App speciale (adidas Glitch appunto) a circuito chiuso. Saranno le loro condivisioni, sensazioni, feedback a dare lustro a Glitch, nel bene o nel male.

adidas-glitch-componibile

Ma quindi, cosa è Glitch? Non è un nuovo silo, non è un nuovo prodotto, non ha come obiettivo quello di soddisfare le esigenze di un preciso atleta. Glitch è un progetto unico, che apre oggi i battenti.

Nella sostanza la scarpa si compone di due pezzi tra di loro componibili; il primo è una sorta di interno dello scarpino, quello a primo contatto con il piede, mentre il secondo è la tomaia vera e propria dotata del piatto suola FG o SG a seconda delle esigenze. I due pezzi si incastrano perfettamente tra di loro, sono ovviamente sostituibili e c’è la possibilità di combinare più soluzioni.

Glitch è stata testata in gran segreto negli ultimi mesi da 30 ragazzi, questo numero salirà a 250 al momento del lancio previsto a novembre. La vera “figata”, passateci il termine, è la modalità di accesso al progetto. In pratica si vuole creare una community locale e l’unico modo per ricevere un invito sarà quello di seguire da vicino i primi partecipanti.

I fortunati che avranno accesso in seguito, se residenti all’interno della Motorway M25, riceveranno le scarpe entro quattro ore dalla richiesta. In pochissimo tempo avranno una scarpa totalmente personalizzata, sarà proprio come ordinare una pizza da asporto.

colkett-debuts-adidas-glitch

Cinque invece saranno i calciatori professionisti, tra cui due ragazzi del Chelsea. Uno di loro, Charlie Colkett, ci ha già mostrato le sue adidas Glitch 16 con le quali è sceso in campo proprio questo fine settimana. La rivoluzione di Glitch parte da Londra per prendere poi campo in tutta Europa; non abbiamo date certe, sicuramente tutto sarà molto vincolato agli sviluppi del progetto.

Un progetto senza dubbio affascinante che non mancherà di far parlare di sè nei prossimi mesi.