SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Due Champions League, due Supercoppe Europee, un Mondiale per Club, tre Scudetti, una Coppa Italia e due Supercoppe di Lega. E’ il bottino del Milan dal 1998, anno in cui ufficializzò il ritorno di adidas sulle maglie rossonere.

Ieri questa felice partnership è stata estesa fino al 2023 per arrivare a raggiungere il traguardo dei 25 anni insieme.

Milan adidas contratto 2023

La firma del nuovo contratto è stata annunciata in una conferenza stampa da Jean-Michel Granier, amministratore delegato adidas Italy, da Herbert Hainer CEO adidas Group e da Adriano Galliani, amministratore delegato del Milan. In rappresentanza della squadra erano presenti anche Kakà e De Sciglio.

“In questi sedici anni ho sempre ammirato la capacità del Milan di unire i grandi successi sportivi e un efficace lavoro di valorizzazione del brand rossonero, questo gli ha permesso di diventare il club più titolato al mondo ma anche una delle realtà calcistiche più amate in ogni angolo del pianeta” ha affermato Herbert Hainer, CEO adidas Group. “Sono felice quindi di poter ancora vedere per molti anni le tre strisce di adidas su uno dei nostri asset di maggior prestigio globale con cui abbiamo condiviso momenti esaltanti conquistando straordinari successi”.

Quella tra adidas e Milan non è una semplice sponsorizzazione, come testimoniano tutte le iniziative sviluppate insieme. Le scuole calcio Milan, gli adidas Junior Camp, la collaborazione con il MilanLab e le campagne di comunicazione per lanciare le nuove divise, come Uniti dalla Maglia nel 2007, l’arrivo a Malpensa su un aereo A380 Emirates griffato con le strisce rossonere nel 2010, la blog conference del 2011 e l’ultimo hashtag #weareacmilan.

Altro frutto della collaborazione tra i due brand è il miCoach Elite System, la cui presentazione è avvenuta a Milanello lo scorso mese di Febbraio.

Foto gruppo rinnovo Milan adidas

“Sono orgoglioso come amministratore delegato di adidas Italy di aver siglato il prolungamento della partnership con il Milan” ha dichiarato Jean-Michel Granier. ”Il nostro rapporto ormai consolidato vive quotidianamente grazie alle attività che implementiamo insieme con reciproca soddisfazione ed è stato quindi naturale estendere il contratto nonostante manchino ancora 4 anni alla scadenza dell’attuale accordo. Un accordo che ci permetterà di scrivere nuove pagine di storia del calcio e di poter celebrare i 25 anni di un binomio vincente”.

“Oggi gettiamo le basi per scrivere un’altra importante pagina di questo rapporto che ha sempre dato grandi e reciproche soddisfazioni. Arriviamo a 25 anni di relazione perché fin dal 1998 abbiamo condiviso valori, strategie, voglia di primeggiare, spirito innovativo e, naturalmente, tante vittorie. Il brand a tre strisce è stato con noi nei più grandi appuntamenti, in campo e fuori.”ha spiegato l’AD Adriano Galliani“Con adidas abbiamo scritto la storia dello sport sponsoring, abbiamo creato un modello di lavoro e di successi che ha fatto scuola: le strisce rossonere e le strisce adidas non si uniscono soltanto sulla casacca. Siamo partiti dalla tradizionale concezione di sponsorizzazione tecnica per sviluppare sinergie sempre più differenziate con il risultato di aver creato un rapporto sempre più stretto: Milan e adidas sono un binomio perfetto, pronto per tutte le future sfide”.

Con il nuovo contratto Milan e adidas si impegnano a lavorare in sinergia tramite i social network e le piattaforme digitali, ciò che avveniva anche prima ora è stato messo nero su bianco. Le cifre dell’accordo non sono state rivelate, Galliani ha premesso subito ai giornalisti che non ne avrebbero parlato.

Il Milan dovrebbe continuare a guidare la classifica degli sponsor della Serie A, in attesa di conoscere cosa farà la Juventus, il cui contratto con Nike scade nel 2015.

Per almeno altri dieci stagioni le three stripes grifferanno le divise rossonere. Siete soddisfatti o avreste voluto vedere un altro marchio per Il Diavolo?

  • pongolein

    Ammetto che la curiosità di vedere il milan con un altro sponsor tecnico è forte, ma non posso che essere soddisfatto da questo prolungamento. L’adidas è sinonimo di serietà, innovazione, tradizione, stile, e visibilità a livello globale.

    Il fatto che si opti per un prolungamento così lungo fa capire quanto le due società si stimino a vicenda. Inoltre ci sono profondi intrecci anche extracalcistici o comunque iniziative di sviluppo reciproco che esulano dalla seplice fornitura di materiale tecnico.

    Anche dal punto di vista sportivo sono soddisfatto, un azienda grande come l’adidas non si sarebbe impegnata così tanto con un club che disinveste e che quindi anche dal punto di vista della visibilità perderebbe appeal e prestigio. Questa fase sfortunata passerà e mi auguro che la serie di successi invidiabile di questo binomio continui regalando ai tifosi ancora molte soddisfazioni. I 16 milioni all’anno serviranno anche al potenziamento tecnico.

    Insomma la chiudo in maniera poetica…le loro strisce sulle nostre strisce, la storia continua. =)

  • marco

    Va bene ok ,però che caccino fuori maglie un tantino decenti …sicuramente la società ha molto influito sulle scelte delle ultime 2/3 stagioni,però che si diano una regolata…soprattutto che ridimensionino questa ossessione per il tricolore,(potrebbe andar bene in champions magari)ma non tollero che le righe e le maglie in generale vengano “sporcate” e ridimensionate in funzione di questa scelta

    • marco

      *è indubbio comunque il prestigio e l’autorevolezza del binomio adidas-milan …forse non riuscirei a vedere la mia squadra con un altro sponsor tecnico ,il mio era un commento relativo solo ed esclusivamente a questi ultimi anni di magra e dal punto di vista sportivo e dal punto di vista marketing-prestigio internazionale

    • pongolein

      secondo me se analizziamo i modelli dal 98 a oggi il bilancio è positivo, le maglie oggettivamente brutte son state veramente poche, mentre alcune ingerenze forzate le abbiamo ritrovate ultimamente soprattutto con la scelta esagerata del bianco e dell’oro in questo campionato. Oltre agli inserti tricolori, sia chiaro.
      Il problema (che poi è un falso problema, perchè è semplicemente una soluzione diversa) è quello di far coesistere le strisce sulle spalle senza rendere “pasticciato” l’insieme. Per questo si opta spesso per maniche monocolori o comunque con motivi diversi dallo strisciato.

      • angelo_89

        quella di quest’anno una delle migliori degli ultimi anni, ma la manica monocolore e le strisce oro non si possono vedere.peccato che un buon progetto di base venga sempre sporcato (utilizzo eccessivo del bianco sul ritorno delle strisce strette, collettone bianco con motivi tricolori…)

  • Giuseppe

    Sbaglio o nella foto di gruppo manca il buon Mario? Sarà mica un’imposizione di Nike?

    • pongolein

      mancano i nazionali…

      • pongolein

        scusa ho letto solo ora la rettifica

  • Giuseppe

    rettifico… mancano i Nazionali… non vedo neppure Montolivo

    • passionemaglie.it

      Sì, la foto è stata scattata ieri, senza i nazionali.
      Nike non avrebbe nessun potere in merito, non dimentichiamoci che i calciatori sono dipendenti dei club, non degli sponsor tecnici.

      • rudiger

        … per ora.

        • F093

          Rudiger,
          complimenti per il nuovo avatar…. seppur recente è molto OLD STYLE!!!

          F093
          old style

        • rudiger

          Ringrazia la curva sud del derby 🙂

  • sergius

    Sono sincero, ma come Adidas veste da anni il Milan non mi è mai piaciuto.

  • Maver

    Però potevano disporsi un pochino meglio per fare la foto…abbiati che cavolo c’entra in quella posizione?Poteva stare insieme agli altri portieri al centro.Puro giudizio estetico.

  • squaccio

    Prima di leggere tutti i commenti auspico una cosa:
    l’adidas si inventasse qualcosa per far conviere la maglia del Milan rossa a strisce nere e le immancabili strisce adidas.
    Senza maniche monocolori, tricolori, rifiniture dorate, retri moconolori eccetera.

  • SalCo

    Il connubio Milan-Adidas lo si può quasi collegare all’unione Ferguson-ManUnited. Dopo questo riferimento molto poetico e passionale, volevo esprimer eil mio modestissimo parere.

    Ad oggi, per una generazione di 20/22 enni è difficile se non impossibile pensare al Milan sponsorizzato con da un altro sponsor tecnico. Forse Adidas è il top per fornitura e materiali sportivi, di meglio non si può chiedere.
    Certo, talvolta le maglie non saranno eccellenti, ma tra l’influenza del club e la difficoltà di far coesistere sponsorizzazione, senza trascurare la continua ricerca e sperimentazione per l’innovazione nei materiali e nei design, ogni tanto una maglia che non metta tutti dalla stessa parte può capitare…

    Secondo il mio giudizio personale, le migliori sono quella del 98-99, 2000-02, quella del 2002-03 nonostante la sperimentazione della “doppia maglia” che rendeva il nero poco intenso, 2003-04, 2006-07, 2008-09 (forse la migliore in assoluto insieme alla 06-07),

    • pongolein

      d’accordissimo con la tua analisi delle maglie migliori

  • Niccolò Nottingham Forest

    Il binomio è storico, uno dei più duraturi del nostro calcio; per questo ho accolto bene la notizia.
    Volendo però analizzare i lavori Adidas per i Rossoneri, devo dire che non sono sempre stati all’altezza. Percepisco una sorta di andamento contrario tra maglia di casa (spesso non soddisfacente) e maglie da trasferta (sempre pulite e tradizionali)
    Volendo analizzare la maglia home degli ultimi dieci anni il quadro che emerge non è a mio avviso dei migliori:
    2013/14: terzo colore, oro, maniche monocromatiche; 5
    2012/13: terzo colore, troppo bianco, maniche monocromatiche; 5
    2011/12: terzo colore, troppo bianco, maniche monocromatiche; 6
    2010/11: l’ultimo modello sufficiente a mio avviso 7
    2009/10: terzo colore, ma dopo tanti anni poteva starci, font troppo Comic; 6,5
    2008/09: ineccepibile! 7
    2007/08: retro monocolore, font futuristico, troppo rosso. 3,5
    2006/07: numeri oro; 6
    2005/06: numeri oro, striscia rossa sulle spalle 6
    2004/05: numeri oro, rosso troppo acceso, strisce nere interrotte nella parte inferiore; 5,5
    2003/04: vestibilità troppo larga. 6
    Di contro Adidas ha regalato alcune divise di un’eleganza inarrivabile per quel che riguarda le divise da trasferta; segnalo le away 2012/13, 2008/09 e 2007/08; e le third 2011/12, 2010/11 e 2009/10.
    Spero poi di non vedere più il bruttissimo spezzato con i pantaloncini rossi. Capisco che la scelta non è della società ne di Adidas ma deriva da un preciso regolamento; ma da questo punto di vista preferivo lo spezzato con i pantaloncini neri utilizzato nella stagione 2004/05 e seguente.

    http://media3.acmilan.com/uploads/photogallery/images/1/200503/1306_big.jpg
    http://media3.acmilan.com/uploads/photogallery/images/1/200601/2974_big.jpg
    http://media3.acmilan.com/uploads/news/images/IBRABOL1.jpg

    In definitiva, spero in un cambio di registro e di vedere divise degne dell’infinita tradizione e storia della società Rossonera, stabilizzandosi possibilmente su un preciso modello, standardizzando il più possibile lo spessore delle strisce (a mio avviso è da prendere come modello in questo senso la maglia 2005/06 anche se tutte le alternative proposte fanno parte della storia del Milan)

    • Simone

      Lo spezzato con i pantaloncini rossi (che invece a me piace molto, devo ammettere) è una tradizione che viene mantenuta da una vittoria importante a Bologna ed è utilizzata solamente in Bologna-Milan al Dall’Ara.
      Sapendo quanto è scaramantico Galliani, dovrai farci l’abitudine, così come l’abbiamo fatta con i calzettoni rossi dell’Ascoli in occasione dell’anniversario di Costantino Rozzi, sono quelle particolarità del calcio italiano che lo rendono un po’ più bello! 😀

    • zagorakis

      sulla maglia bianca ho notato che il milan non la abbina più con i pantaloncini neri da un pò di stagioni. A parte i pantaloncini rossi usati solo a bologna, ho notato che il milan la abbina solo con il pantaloncino bianco: a roma e col torino “costringe” le squadre di casa al completo monocolore e ho notato che in alcuni casi (es. manchester utd) invece di usare la bianca e pantaloncino a contrasto (come nel 2007) utilizza la terza divisa (come nel 2010).Credo che non sia un caso, ma una scelta precisa della società. Comunque l’abbinamento maglia bianca e panta neri non mi è mai piaciuto, meglio rossi

      • Niccolò Nottingham Forest

        @ Zagorakis: In effetti il bianconero è un pò pericoloso come abbinamento per il Milan, magari non andava giù ai tifosi….

        @ Simone: i calzettoni dell’Ascoli sono una delle tradizioni del calcio italiano che preferisco, secondo me la Società dovrebbe proporre ai tifosi il loro utilizzo in pianta stabile…

        • zagorakis

          sì il motivo sarà quello, anche se all’inter ad esempio non ne fanno un problema, anzi la bianca con pantaloncini neri è da tradizione sin dagli anni ’60 (coppa campioni vinta nel ’64)

        • FDV

          A proposito di evitare il bianconero per il Milan, per me è proprio questo il motivo delle tre strisce dorate di quest’anno, date le maniche e le spalle nere.

          Nelle due stagioni precedenti infatti le tre strisce bianche campeggiavano esclusivamente sul rosso.

          Un’attenzione a questo dettaglio che ho apprezzato.

        • zagorakis

          avrebbero potuto fare le tre strisce rosse, ma si sarebbero notate poco, in compenso avremmo avuto una bella maglia solo rossonera.

  • LM

    Niente da dire, molto felice di questa collaborazione, ormai il Milan viene istintivamente legato a Adidas, e questo è molto bello, dato che lentamente alcune delle grandi squadre cambiano sponsor tecnico per soldi e avere una squadra italiana che avrà un contratto ultraventennale è molto positivo, assieme all’Inter.

  • jack15

    Grazie a Dio!! questa si che è una buona notizia…
    penso non potrei più vedere “le nostre strisce senza le loro strisce”!!

  • leevancleef

    Siccome viene citata la Juve nell’articolo, mi scuso se vado OT, ma qualcuno sa a che punto è la situazione con lo sponsor tecnico?
    Leggo da più parti che oramai è vicina la rottura con Nike e il sodalizio con Adidas… è vero?
    Vedere la bianconera marchiata Adidas sarebbe una prima volta storica…

    • Niccolò Nottingham Forest

      Sarebbe più affascinante un ritorno a Kappa. Comunque se parliamo di big3 vedrei meglio la Juve con Puma che con Adidas….

      • leevancleef

        Per i lavori old style di kappa sì. Per gli ultimi anni sinceramente no. A parte servizi scadenti perfino con lo stesso Torino (con l’ascendente della Juve magari migliorerebbero… ma i top brand sono un’altra cosa), i template sono quasi tutti gli stessi e salvo rare eccezioni anche poco innovativi.
        Puma potrebbe essere una soluzione. Se non altro perchè la Juve diventerebbe il loro top club mondiale (al momento è il Borussia). Ma c’è il discorso degli introiti da massimizzare.
        A me starebbe anche bene Adidas, ma mentre con le monocromatiche l’effetto è sempre molto buono, con le squadre strisciate qualche problema sorge sempre. E avendo negli occhi la penultima maglia del Mialn col collettone mi vengono i brividi!

  • cris

    Sono felicissimo per questo prolungamento del contratto con Adidas; Non riuscirei a vedere il milan senza questo sponsor tecnico che a parte una breve parentesi con Robe di Kappa, ha legato in modo indissolubile i rossoneri ai trionfi più prestigiosi dell’era Berlusconi.
    Detto ciò, negli ultimi anni hanno prodotto delle ottime divise ma esagerando nei fronzoli (vedi tricolore messo in risalto anche senza avere vinto nulla).
    Mi auguro che nei prossimi anni propongano dei canoni stilistici più classici, come il rossonero anche sulle maniche e facciano sparire l’oro che personalmente non trovo gradevole. Comunque Adidas e Milan assieme per sempre.

  • Cris91

    una domanda:guardando le immagini del milan degli anni ottanta,ho notato che era molto frequente l’abbinamento maglia rossonera,pantaloncini rossi..voi come vedreste un ritorno a questo abbinamento?

    • FDV

      Per me oggi la divisa assumerebbe un aspetto pacchiano con pantaloncini rossi.

      Io rimpiango quelle da fine anni ’80 a tutti i ’90 con pantaloncini e calzettoni bianchi, di una splendida eleganza, grazie anche ad una maglia estremamente semplice.
      http://www.bestsoccershop.com/poster/209b.jpg

      Ad oggi approvo questa con i calzettoni neri, mentre non ho mai gradito l’accoppiata pantaloncini e calzettoni neri, spesso adottata tra 2000-2002 e nel 2004-05.
      http://img.bongda.24h.com.vn/uploadimage/imagehosting5/541514ca35e9d181a5.jpg

      • zuqqi

        La maglietta Kappa che hai postato è la più bella maglia del milan che abbia mai visto…

  • Pingback: La Juventus firma con adidas, nuovo sponsor dal 2015-16 per sei anni()

  • cisky

    Ho letto sul televideo che l’anno prossimo la prima maglia del Milan sarà a strisce molto sottili e che la terza maglia sarà ispirata alla divisa del Brasile. Qualcuno ha conferma di queste voci?

    • cisky

      Il nuovo topic di Passione maglie ha in parte confermato la voce che avevo letto giorni fa sul televideo: in effetti la terza maglia è ispirata al Brasile e per la prima ci sono strisce sottili( ma in che modo!). Dopo le indiscrezioni su prossima prima maglia però mi pongo una domanda: perché Adidas in ultimi tempi per Milan fa maglie poco rispettose di tradizionali strisce, mentre nel periodo 90-93 in pratica le faceva a uguali a quelle della Kappa ordinatissime di 86-90? Eppure non credo che in anni 90 Adidas non facesse cose strambe, tipo maglia Germania con saette. Addirittura in anni 90 l’Adidas introdusse il nuovo lugo triangolare oggi in voga, ma per maglia del Milan di allora restò il logo a fiorellino: cosa stana perché invece praticamente tutti i grandi club Adidas in anni 90-93( Bayern, Liverpool, Anderlecht, Amburgo, ecc.) avevano il logo Adidas nuovo a triangolino. Mistero 🙂