fbpx

Se vi hanno convinto le prime cinque squadre di questo progetto, aspettatevi ancora di più dalle prossime cinque! #BackToSerieA è un progetto realizzato dal designer Carlo Libri nel quale dieci squadre “piccole” hanno ritrovato vita in un restyling totale ed innovativo, con nuovo logo e nuove maglie griffate New Balance.

BackToSerieA Cover Parte 2

La scelta dei club è ricaduta, come si intuisce dal nome del progetto, su quelli che hanno partecipato al campionato di Serie A, nello specifico tra gli anni ’90 e 2000, e che da tempo cercano di risalire nel massimo campionato. Un modo per far tornare alla memoria le loro gesta ed unire un movimento di rinnovamento moderno dell’immagine freddo e orientato solo al mercato con le emozioni delle imprese regalate, ai propri tifosi e non, da queste squadre nella massima serie. Le prime cinque che vi abbiamo mostrato sono state Catania, Como, Cremonese, Lecce e Messina.

Ora, con le scelte spiegate dallo stesso Carlo, vi presentiamo le ultime cinque squadre del progetto #BackToSerieA: Perugia, Pisa, Reggiana, Treviso e Venezia.

PERUGIA

Logo

Un logo che avrebbe estremo bisogno di essere svecchiato, e per farlo mi sono ispirato agli stemmi di due big inglesi: l’Arsenal per la forma bombata dello scudo che riprende la forma del logo attuale adottato nel 2005; il Chelsea per lo stile ombreggiato del grifone. La gestione del font ricorda lo stile MLS: mi piace la freschezza con cui vengono gestiti i crest delle squadre americane.

Maglie

Tra la fine degli anni ‘90 e l’inizio dei 2000 il Perugia è protagonista tra le provinciali conquistando grandi risultati in Serie A e scoprendo giocatori che rimarranno nella memoria: Hidetoshi Nakata, Marco Materazzi, Fabio Grosso e molti altri. Ciò che distingue le divise dei grifoni in questo periodo sono stile e innovazione, ho cercato quindi di realizzare un set che riprendesse queste componenti: le maglie derivano da quelle della stagione ‘98-‘99.

Sulla home il bianco occupa metà busto creando una divisa inedita, rifinita da un pattern tono su tono; lo stesso lo troviamo sulla maglia away, color blu violaceo dove il bianco occupa il colletto e le spalle mentre l’arancio decora i bordi manica e le patch, un grosso grifone conferisce un tocco di personalità e aggressività.

PISA

Logo

Pisa è una città dalla grande storia medievale. Nel nuovo rebranding ho cercato di rendere omaggio a questa epoca storica disegnando uno stemma che la richiamasse in qualche modo, attraverso lo scudo molto regolare e le strisce strette su cui poggia la Croce Pisana.

Maglie

La maglia home è controversa, una specie di fusione tra la classica strisciatura nerazzurra e la divisione a metà più “vintage”: ne esce alla fine una divisa curiosa e inedita divisa in “spicchi strisciati” nero e azzurri, e dove il bianco dei dettagli spicca particolarmente.

La maglia da trasferta invece è rosso fuoco con una grande banda diagonale neroazzurra, che si espande ai due lati della banda stessa.

REGGIANA

Logo

“Less is more”: potremmo riassumerla così citando Mies van der Rohe. L’intera denominazione della squadra trova posto al centro dello stemma sotto forma di acronimo, che va a riempire totalmente la parte centrale granata. Il pallone al centro di essa completa la composizione.

Maglie

L’accostamento del blu sul granata è qualcosa di insolito e affascinante, per la maglia home non ho potuto fare a meno di partire da qui. Mi sono ispirato alla casacca della stagione ‘97-’98, riprendendo le pinstripes blu unite a due tonalità di granata, creando una divisa elegante ma di buon impatto, completata dagli inserti blu su colletto e bordo maniche.

Il pattern della maglia away riprende quello delle casacche da trasferta di metà anni ‘90: il motivo a quadri intrecciati, tono su tono sulle maglie di quegli anni, si colora di blu e granata creando una texture più fitta che si espande su tutta la divisa, interrotto dalle grosse bande granata sulle spalle e mantenendo il bianco come colore principale.

TREVISO

Logo

Nella sua unica stagione di Serie A il Treviso sfoggiava un logo simile a quello cittadino: una croce bianca all’interno di uno scudo rosso particolarmente sagomato. Mi è sembrato interessante sfruttare la forma non convenzionale dello scudo ed enfatizzarla fino a creare uno stemma carico e dinamico che si ispira molto, stilisticamente parlando, ai crest della MLS.

Maglie

Le maglie del Treviso spesso fanno leva sulla semplice tinta unita, celeste per le partite in casa e bianco le gare in trasferta. Nel corso degli anni si sono viste anche divise a strisce biancocelesti.
Questo kit cerca di proporre qualcosa di nuovo, partendo da elementi semplici: la maglia home è bianco-celeste, divisa a metà da una linea zigrinata e rifinita da dettagli rossi; la maglia away ricalca lo stemma cittadino rosso crociato ed è arricchita dalla presenza dei colori sociali sui bordo manica. Lo storico sponsor Segafredo fa capolino su entrambe le casacche.

VENEZIA

Logo

Disegnare uno stemma per il Venezia non sarà mai facile. Qui l’ispirazione arriva da uno stemma utilizzato nei primi anni 2000, con il logo dell’epoca che trova una nuova vita: il peso della forma tonda e nera nella quale si inseriscono colori sociali e denominazione contrasta ed enfatizza la figura più leggera del Leone di San Marco che esce fuori elegante dalla parte centrale.

Maglie

Dal 1987, anno della fusione tra il Calcio Venezia e il Mestre, si susseguono dispute e dibattiti sull’utilizzo dei colori arancio e verde sulla maglia del Venezia.

La divisa home vuole bilanciare le due tinte equamente rappresentando assieme, con l’intreccio delle righe orizzontali, la fusione attuata più di trent’anni fa dall’allora neo presidente Zamparin. La maglia away, elegante nel modello, si ispira ai colori e alle decorazioni della bandiera della Serenissima, “Viva San Marco!”. Lo sponsor posto sulle maglie è Conforama, catena di negozi francese che ha rilevato il marchio Emmezeta, storico sponsor dell’era Zamparini.

Qual è il lavoro che preferite tra i dieci proposti da #BackToSerieA? Vorreste vedere altri progetti originali come questo?