SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Dopo la presentazione delle divise dell’Olimpia Milano e della Pallacanestro Varese, oggi ci spostiamo a sud e parliamo di una delle possibili sorprese della nuova stagione di Lega A. Si tratta della S.S. “Felice Scandone” Basket Avellino, storico team irpino, giunto alla sua tredicesima stagione consecutiva nella massima serie.

Seconda maglia verde Scandone Avellino 2013-14

Lo sponsor tecnico per la stagione che si accinge ad iniziare sarà Erreà, azienda presente ormai da diversi anni nel mondo del basket ai massimi livelli in Italia. I kit ideati dall’azienda emiliana sono pressoché identici sia per i match da disputare in casa, che per quelli da disputare in trasferta: entrambe rendono omaggio ai colori sociali della società, che sono il bianco e il verde.

Come da tradizione, la canotta casalinga ha la predominanza del bianco sul quale spicca sicuramente al centro lo sponsor principale Sidigas, azienda locale che fa del suo core business la distribuzione del gas, non proprio invisibile, ma neanche eccessivamente vistoso. Lo stemma della società è sul cuore, inoltre la maglia è impreziosita da inserti verdi e da una banda obliqua, leggermente sfumata al centro, che parte dalla spalla sinistra e finisce sul fondo.

Infine si possono notare altre due bande verticali che si sviluppano sui fianchi, anch’esse di colore verde, su cui campeggia la scritta “Sidigas Avellino” in bianco. La canotta per le gare in trasferta è l’esatto opposto: predominanza del verde, quest’anno di una tonalità più scura e intensa rispetto al passato, mentre inserti, bande e particolari sono in bianco. Da sottolineare, come per la Pallacanestro Varese, la scelta di tenere immutato lo stemma societario su entrambe le divise.

Divise Scandone Avellino 2013-14 Erreà

Photocredit: atripaldanews.it

Alla presentazione, avvenuta alla vigilia del trofeo “Vito Lepore, è intervenuto Marco Aloi, Direttore Operativo della Sidigas Avellino: “Per noi è motivo di grande orgoglio e piacere legarci ad un brand come Erreà – dichiara Aloi – Da subito abbiamo compreso come la filosofia aziendale di Erreà, si sposasse perfettamente con la nostra visione di business e di qualità che ci vedrà concentrati su un importante e fondamentale progetto come quello del merchandising”.

Soddisfazione anche da parte di Erreà, che per bocca di Claudio Sbrolla, Responsabile della Divisione Basket, ha espresso tutto il suo gradimento per la nuova partnership: “Inizia per Erreà una collaborazione alla quale teniamo particolarmente e siamo certi di poter onorare al meglio il blasone e la storicità della Scandone. Abbiamo trovato una società con obiettivi precisi, progetti molto interessanti e con la volontà di migliorarsi nel tempo. Ci auguriamo di poter vivere insieme alla Sidigas Avellino grandi emozioni e raggiungere insieme nel tempo traguardi prestigiosi”.

Lakovic e compagni, così come tutte le squadre del settore giovanile, saranno vestiti non solo per l’abbigliamento tecnico, ma pure per quello di rappresentanza. Inoltre, con la presentazione ufficiale della nuova maglia è stato illustrato tutto il materiale di merchandising, prodotto sempre da Erreà, che sarà diffuso su tutto il territorio della provincia avellinese grazie ad una distribuzione capillare, la cui base commerciale sarà il rinnovato store del PalaDelMauro.

Divise provvisorie Avellino basket

Da segnalare che nel precampionato la Scandone ha utilizzato delle divise provvisorie, prodotte sempre da Erreà, nei match del torneo “Vito Lepore” e del Torneo di Caorle.

Erreà è sinonimo di garanzia di qualità circa il lavoro fatto nel mondo del basket, come testimoniano gli anni di presenza costante come sponsor tecnico di molte squadre, dalla Serie A a finire nelle categorie minori. Anche stavolta troviamo il lavoro particolarmente azzeccato: voi cosa ne pensate?

  • pongolein

    Davvero belle, complimenti ad avellino, solida realtà del nostro basket che si presenta ai nastri di partenza con un roster di tutto rispetto. Sono sicuro che potranno concorrere per un piazzamento prestigioso, e poi ai playoff chi sa…

    La maglia è semplice, pulita, la banda diagonale è un elemento molto elegante, peccato sia interrotta da troppi stemmi nella sua parte alta,ma è difficile collocarli altrove, soprattutto il bellissimo stemma societario.
    Nonostante erreà sia un brand che raramente trova le mie simpatie, stavolta promuovo questo kit, semplice ma di sicuro effetto.

  • squaccio

    Il verde avellino raramente tradisce…

  • LM

    Entrambe molto belle, complimenti ad Erreà, e devo ammettere che anche le versioni provvisorie non mi sarebbero dispiaciute.

  • clapet92

    la maglia verde è sublime. Buon lavoro di erreà, un grande punto di svolta è stato anche la riapertura dello store all’esterno del palazzetto, anche se i costi del materiale ufficiale hanno prezzi simili a quelli dei top brand (nike-adidas) ma la qualità è garantita

    • clapet92

      p.s. unica nota leggermente stonata è il logo erreà un po’ troppo grande

  • Simone

    Dignitose, ma secondo me hanno studiato male la sfumatura della banda diagonale.
    La cosa migliore sarebbe stata sfumare in corrispondenza dello sponsor Sidigas sul petto, in modo da integrarlo meglio.

    Ad ora la mia classifica personale per le divise analizzate è Varese, Avelolino e Milano.

  • FDV

    Buone, non esageratamente impataccate. Non capisco la sfumatura della banda diagonale in basso anzichè magari a livello del main sponsor, oppure l’avrei evitata del tutto.
    Le scritte sidigas avellino lungo gli inserti laterali mi sanno un po’ di ciclismo.

  • endriu

    segnalo le nuove maglie della Virtus Roma targate Joma. Una new entry per il basket italiano

    • Marco Cundari

      Avevo già in programma di trattarle in un articolo nei prossimi giorni, in ogni caso ti ringrazio per la “soffiata”. 🙂

  • Eugenio

    Belle, ma preferisco quelle provvisorie.

    Voti 7 – 7 ( ufficiali )
    8 – 8( provvisorie )

  • cris

    Molto belle, errea sta investendo nel basket e la cosa mi fa molto piacere. Con l’utilizzo dello stile classico poi non si sbaglia mai.