SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Il 18 Dicembre è una data speciale per l’Ascoli e tutti i tifosi del Picchio, è il giorno in cui si ricorda lo storico presidente Costantino Rozzi. Sotto la sua guida l’Ascoli raggiunse per la prima volta la Serie A nel 1973-74, l’allenatore era Carletto Mazzone. Con Rozzi al comando della società i marchigiani vinsero la Mitropa Cup nel 1986-87.

Costantino Rozzi calze rosse

Il carismatico presidente era noto anche per i suoi calzini rossi portafortuna, da indossare durante le partite del Picchio. Per ricordarlo l’Ascoli ogni anno gioca con i calzettoni dello stesso colore la partita più vicina al giorno del suo anniversario.

E’ successo anche ieri nel posticipo di Serie B contro il Brescia, conclusosi con la vittoria dei bianconeri per 2-0.

Ascoli con le calze rosse contro il Brescia

Prima della partita il dirigente Gaspari ha depositato un mazzo di fiori sotto la Curva Sud, dove i tifosi hanno esposto lo striscione “Per te che ci hai fatto sognare e hai scritto la nostra storia. Onore e gloria!“.

Sono queste le tradizioni che rendono speciale il gioco del calcio, complimenti Ascoli!

  • markfretello

    e sono pure belli da vedere si collegano al logo

  • Bart

    Bella questa cosa…

  • Filippo

    Già,sempre un plauso alla società marchigiana!

  • V

    concordo pienamente: sono queste le cose belle del calcio!

  • AlbPal

    Stupenda idea questa!

  • Oz

    Ho sempre amato questa iniziativa. Io addirittura, in omaggio a Rozzi, terrei i calzettoni sempre rossi.

    • elkunazzurro

      Quoto parola per parola…

    • squaccio

      Concordo anch’io…

    • rudiger

      E siamo in quattro. Sono questi i miti, i simboli, le storie, che il calcio ha bisogno di continuare a inventare e tramandare, per non diventare un gioco di conti correnti.
      Tra cent’anni i nostri eredi dovranno dire: “ma tu lo sai perché l’ascoli ha i calzini rossi? si racconta che centotrent’anni fa il suo presidente…”

      • William

        Se prima eravamo in 4… adesso siamo in 5 😀

        Infatti si sposano bene con la divisa. A me piacciono!

        Complimenti Ascoli! 🙂

        • Niccolò Nottingham Forest

          Magari con le numerazioni in rosso (tipo Udinese e Siena di quest’anno) si sposerebbero ancor di più…

        • DY

          @Niccolò, è quel che ho pensato io vedendo la partita: non discuto l’iniziativa e il ricordo… ma a livello cromativo, vedere divisa bianconera, calzettoni rossi e numeri blu, è davvero un pugno in un occhio! 😀

        • passionemaglie.it

          Nomi e numeri sono quasi invisibili, proprio l’altra sera il radiocronista si lamentava di non riuscire a leggerli.

        • elkunazzurro

          L’Ascoli hai mai usato il quadrato per i numeri? Per intenderci stile Juve.
          Credo sia una buona soluzione quella juventina.

  • giglio66

    Si parla di un calcio che putroppo non esiste più, in cui i presidenti dettavano legge e non si facevano sottomettere dai procuratori e giocatori. Il più sanguineo era appunto Costantino Rozzi, seguito del presidente del Pisa Romeo Anconetani.
    Non solo erano presidenti, ma si sentivano padroni della loro squadra, andavano in ritiro con i giocatori ed in trasferta con i pullman dei tifosi. Spesso anche Anconetani seguiva le partite dalla Nord ed entrambi spargevano scaramanticamente il sale sul campo prima delle partite.
    Dei personaggi da rimpiangere sicuramente….e con le loro passione hanno dato noia alle grandi, facedosi rispettare !

    • corry_32

      Giglio hai perfettamente ragione! io purtroppo non li ho vissuti in prima persona! 🙁 ma papà mi ha raccontato un sacco di volte alcuni dei loro suggestivi episodi! 🙂 comunque iniziativa davvero bella! complimenti alla società marchigiana! 🙂

    • FDV

      Io ricordo solo il giorno in cui morì, ma lo ricordo come se fosse ieri.

      Lo disse mia madre dalla cucina a me e mio padre che eravamo in un’altra stanza ” E’ morto Rozzi”

      Io capii Rossi.. e chiesi ” ma chi?!? Sebastiano?!?”

      E mia madre poi disse proprio “aaah, sempre coi calzini rossi!”

      • Lino

        Lo ricordo benissimo anch’io, anche perché quello stesso giorno l’Ascoli ci disintegrò per 3-0… c’era una strana atmosfera in casa ascolana, in bilico tra quella vittoria e lo sbigottimento per il presidente che se ne stava andando.

  • matteo18

    sinceramente un paio di anni fa notai l’ascoli con i calzettoni rossi e rimasi abbastanza perplesso, ma non pensavo ci fosse dietro chissà che.
    Ora che so il motivo cambio totalmente opinione, quindi anche io faccio i complimenti all’Ascoli.

  • Junglefever

    chapeau! Iniziativa encomiabile e simpatica. Come encomiabile e simpatico era il mitico presidente Rozzi.

  • elkunazzurro

    Non so il perchè, forse non capirò nulla, oppure sono soltanto entusiasmato dall’iniziativa ma questi calzettoni rossi ce li vedo bene con l’Ascoli, forse perchè renderebbero la divisa particolare, qualcosa di unico.

  • Dukla

    Davvero encomiabili società e supporters ascolani … che affetto duraturo e struggente; ritengo, inoltre, particolarmente appropriato il commento finale dell’articolo: <>. Ed è bello che venga dedicato un particolare della divisa ad un pezzo di storia della società stessa, in un momento in cui gli appassionati assistono impotenti agli scempi senza senso e senza storia che deturpano le “sacre” divise di gioco. Credo che tutti gli utenti di Passionemaglie lodino iniziative del genere. Complimenti Ascoli e rispetto per Costantino Rozzi!

  • elkan

    splendido tributo e onorevole tradizione..ma secondo voi i calzettoni rossi sono delle stesso fornitore delle maglie ;)? per me no..

  • Torto #13

    Bellissima tradizione.

  • Biagio

    Bellissima iniziativaa 🙂

  • FDV

    Stupenda tradizione, la classica idea che avrei voluto avere io!

    Ed è bene che resti limitata alla partita più vicina al 18 Dicembre, per renderlo un momento solenne all’interno della stagione. Se cominciasse ad essere parte costante della divisa anno dopo anno dovremmo per forza di cose cominciare a vederci scritte, strisce, risvolti bianconeri, il marchio del fornitore tecnico ecc..

    Ottimo così invece, completamente rossi, no logo e per un solo match.

    • Marcomanno

      sono d’accordo, includere nella divisa sempre i calzini rossi, come qualcuno auspicherebbe, secondo me toglierebbe paradossalmente importanza al ricordo.

    • rudiger

      Non sono d’accordo. Una celebrazione annuale rischia di decadere nel tempo. Se l’omaggio ad Anconetani diventasse fisso entrerebbe a far parte della storia e dell’aneddotica del club. Ed inoltre aggiungerebbe qualcosa di davvero unico ad una divisa che ora è simile ad altre.
      Se si vuole mantenere il rituale commemorativo si può pensare ad altro: ad esempio spargere sale in campo in occasione dell’anniversario 🙂

      • Marcomanno

        mah, sarà che a me non piacciono gli accostamenti troppo dissonanti (ad esempio, i calzettoni neri del catania). Cos’è ‘sta roba del sale? da me si butta il sale sui vitelli appena nati per buon auspicio e benedizione… è una roba simile? 🙂

        • GIGIO

          Quella di spargere il sale per il campo era un sistema per scacciare il malocchio, ma era una pratica di Romeo Anconetani, storico presidente del Pisa, che nulla aveva a che vedere con Rozzi e l’Ascoli

        • Marcomanno

          grazie gigio

  • rudiger

    Ecco un altro a cui dedicare questa iniziativa. Parte del mito Ascoli anche lui.
    [img]http://images.virgilio.it/sg/sportuni/upload/ton/0001/tonino_carino9.jpg[/img]

    • Marcomanno

      grande! competente, simpatico…un personaggio davvero Carino!

    • Swan

      Il Del Duca a cavallo degli anni 70/80 era un campo ostico per tutti, qui tralaltro tribune strapiene.

  • sousa

    la miglior iniziativa che io ricordi, senza cose troppo invasive come maglie commemorative, patch, ecc.
    solo dei semplici e “silenziosi” calzettoni rossi.

    non so voi, ma quando penso a 90′ minuto di quand’ero bambino (primi anni 90) il primo commentatore che mi viene in mente è il mitico Tonino!…

  • F093

    Voto 10 all’iniziativa.

    Se fossi tifoso dell’Ascoli il 18 dicembre di ogni anno indosserei anche io i calzini rossi!!

    Altro che patch o ricami inutili, o meglio utili solo per fare mere speculazioni di Marketing a danno della passione dei tifosi.
    Questo è vero rispetto per il “tifo” e per un grande Presidente.

    Grazie Ascoli.

    F093
    old style

    • Dukla

      Sante parole … credo che concordiamo in pieno tutti!

  • roberto

    belli dovrebbe farlo la juve per natale! io a pes 6 cambiavo la combinazione di completo e giocavo con la juve con i calzettoni rossi!!!:)

    • Niccolò Nottingham Forest

      Ahah incredibile! Volevo scrivere la stessa cosa! L’anno che la Juve aveva la away tricolore.
      Chissà poi perchè in PES non fanno più fare le tre combinazioni ma si sceglie la divisa in blocco….

      • Marcomanno

        io amo pes 6, e le divise 20056 della juve: una bianconera da paura e la rossa mai vista prima!

      • M23

        vero …adesso bisogna andare su modifica per cambiare kit ogni volta 🙁

  • ccc

    bellissimi, io li userei tutto l’anno

  • passionemaglie.it

    L’utilizzo costante dei calzettoni rossi cancellerebbe il ricordo del presidente Rozzi. In questo modo ogni anno se ne parla su giornali e siti e ogni volta qualcuno viene a conoscenza di questa storia così romantica.

    • William

      Verissimo!!
      Meglio usarli solo in questa occasione! 🙂

    • elkunazzurro

      Son d’accordo a metà con te.
      Quel che tu dici è vero..però se l’Ascoli adottasse questa soluzione in maniera definitiva avrebbe una divisa tutta sua particolare.
      Ognuno si chiederebbe il perchè di questi calzettoni rossi e sarà bello ricordarne il motivo. Parere mio 🙂

      • DY

        Condivido il tuo pensiero. Se da una parte (come dice PM) il limitare questa tradizione ad una volta l’anno potrebbe ogni volta spingere qualcuno ad approfondire il perché della scelta, dall’altra adottare stabilmente i calzettoni rossi nella divisa ascolana sarebbe un modo per differenziarsi dalle altre squadre bianconere (e ricordare permanentemente lo storico presidente Rozzi), creando al contempo una divisa unica ed esclusiva nel panorama calcistico (e anche in questo caso, un neofita si chiederebbe lo stesso il perché dei calzettoni rossi… 🙂 ). In quest’ultimo caso, però, credo sarebbe più adatto abbinarli anche ad una numerazione in rosso; come ho detto nel mio precedente commento sopra, l’insieme cromatico bianco-nero-rosso-blu visto lunedì scorso, visivamente è stato abbastanza sconcertante… 😀

    • rudiger

      Come ho scritto sopra non sono d’accordo. Se su maglie abbastanza standard non si fossero mai aggiunti elementi di novitá (con una forte motivazione ovviamente) non avremmo oggi, per dirne due, le bellissime ed originali maglie dell’arsenal (cui furono aggiunte le maniche bianche) e quelle del river plate (cui fu aggiunta la fascia rossa).
      Questa per l’ascoli mi sembra una variazione ben motivata e anche originalissima, oltre che migliorativa dell’estetica della divisa.
      Vorrei sapere che ne pensano i tifosi bianconeri (e rossi 🙂 )

    • passionemaglie.it

      @rudiger
      Quanti tifosi conosceranno Herbert Chapman e la storia delle maniche?
      Io dico non molti.

      Se l’obiettivo è tenere vivo il ricordo di Rozzi, i calzettoni non devono essere fissi. Solo così ogni anno salterà fuori il suo nome ed i giovani potranno conoscerlo.

      Non sperate che la maggior parte dei tifosi vadano a cercare l’origine dei propri colori.

      • rudiger

        Cpisco l’obiezione e in parte ti do ragione. Però resto dell’idea che ne varrebbe la pena, e che la divisa ci guadagnerebbe. In una cittá come Ascoli credo che la storia di Rozzi verrebbe perpetuata anche senza calzettoni una tantum. E poi nulla vieta di ricordare in altro modo il presidente nella partita di metá dicembre, magari scendendo in campo con quel trench giallognolo della foto e una confezione di sale 🙂

        • GIGIO

          E’ un pò dura ricordare Rozzi con il sale, visto che quella di spargerlo per il campo era una prerogativa di Anconetani…

        • rudiger

          giglio66, sopra, scrive che lo facevano etrambi e mi sono fidato del suo ricordo. i miei sono sbiaditi ma pareva anche a me.
          comunque, se non lo spargeva, basta il trench della foto 🙂

      • rudiger

        Tra l’altro il rosso è anche presente nello stemma dell’Ascoli.

  • Simone

    L’omaggio più semplice e più efficace.

  • Tux

    mi unisco entusiasticamente al coro di chi vorrebbe vedere sempre l’Ascoli in calzoncini rossi (proprio due giorni fa, e senza sapere di questa iniziativa, per coincidenza ho provato a disegnare una divisa ascolana con maglia bianconera, pantaloncini neri e calzettoni appunto rossi).
    Non solo richiamerebbero senza dubbio la tradizione del Picchio, ma ricorderebbero per sempre il compianto presidentissimo Rozzi (alfiere di un calcio che fu e che ci piace tanto, uno capace di valorizzare persino la bistrattata Mitropa).
    Inoltre renderebbero la divisa dell’Ascoli assolutamente iconica, rendendola distinguibile da tutte le altre squadre bianconere e assolutamente riconoscibile a prima vista.

  • FERT

    Amo miti e tradizioni di un calcio che purtroppo oggi non ci sono più…presidenti tifosi…disposti a tutto per la loro squadra , non grandi imprenditori venuti da chissàdove.
    La tradizione che si rinnova ogni anno è stupenda e ricca di significato per i tifosi bianconeri.
    Personalmente, esteticamente non mi fa impazzire il calzettone rosso su maglia bianconera 🙂 …… anche se per le ragioni che ho detto prima promuovo in tutto e per tutto il continuo della tradizione !

  • Tuttal

    La migliore iniziativa in assoluto tra quelle commemorative. Grande Ascoli! Sono orgoglioso di essere andato a vedere 3 partite al Del Duca durante il regno di Rozzi. Anche se ero un ragazzino di 8,9 anni le ricordo bene.
    Voglio schierarmi anche io con la diatriba “Calzettoni sempre rossi” / “Calzettoni rossi una volta all’anno”. Propongo: Rossi una volta all’anno, ma magari in occasione del 50enario della morte di Rozzi sarei favorevole a far indossare quei calzettoni rossi all’Ascoli per tutto l’anno solare… così si mantiene cmq una certa sacralità nel rito senza sdoganarlo troppo

  • Ppr11

    Niccolò Nottingham Forest scrive:
    19 dicembre 2012 alle 14:40
    Magari con le numerazioni in rosso (tipo Udinese e Siena di quest’anno) si sposerebbero ancor di più…
    Quoto in pieno quanto detto stupendo