SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Con la squadra ancora in League One (terza divisione inglese) e il sogno di tornare tra le grandi, il Notts County ha presentato le nuove maglie per la stagione 2014-2015.

Famose per aver “ispirato” quelle della Juventus, le maglie di quest’anno salutano Fila come sponsor tecnico e accolgono Carbrini.

Presentazione maglie Notts County 2014-2015

La maglia per le partite in casa è la classica a righe verticali bianconere, ma sono diversi gli elementi che rendono innovativo questo kit. A cominciare dalla larghezza delle righe, insolitamente larghe per i canoni dei Magpies: al centro prende posto una larga riga nera, affiancata da due bianche di uguale misura e seguite da righe nere troncate sui fianchi da un inserto verticale in oro profilato di grigio.

Le strisce continuano anche sulla parte inferiore del retro completato da un grande pannello bianco, dove trovano collocazione nomi e numeri in nero e oro con il font tipico del campionato inglese.

Maglia Home Notts County 2014-2015

Il colletto a V è nero, così come la spessa riga che trova posto sulle maniche bianche e che accoglie un bordo manica spezzato bianco contenente l’anno di fondazione del club (1862) e il logo dello sponsor tecnico, sempre in bianco. Il lettering Carbrini si trova sul petto, opposto allo stemma del Notts County, in nero dentro un riquadro bianco bordato d’oro.

Kit Notts County home 2014-2015

Per pantaloncini e calzettoni vengono tirati fuori due modelli a loro modo storici. I primi sono bianchi, accompagnati da una sottile linea nera sui fianchi: in questa tinta, ad accompagnare la maglia bianconera, sono apparsi soltanto altre due volte, ovvero nelle stagioni 1994-1995 e 2005-2006. Per i secondi invece c’è il ritorno alle hoops bianconere, molto in voga nella prima metà del ‘900 e talvolta riprese solo nei primi anni 2000. Quelle di questa stagione vedono l’acronimo del club NCFC sul bordo alto e il marchio dello sponsor tecnico al centro.

Kit away Notts County 2014-2015

Nelle partite lontane da Nottingham la squadra può fare affidamento sulla divisa da trasferta, che rispolvera una combinazione di colori già usata dai Magpies: verde e giallo. Entrando nel merito, la maglia è verde con una banda verticale gialla sul lato sinistro, accompagnata da una molto più sottile internamente, che accoglie lo stemma societario. Il colletto è giallo a V, bordato di verde e con un inserto giallo al centro, e dello stesso colore sono le maniche, che ospitano in verde il bordo manica spezzato già visto per la maglia home con dentro l’anno di fondazione del club e il marchio Carbrini, piuttosto vistoso.

Seconda Maglia Notts County 2014-2015

In giallo lo sponsor tecnico, così come il main sponsor, ingombrante ma che ben si sposa coi colori della divisa. Pantaloncini e calzettoni sono dello stesso modello di quelli per la divisa casalinga con i colori riadattati: i primi sono verdi con riga gialla, i secondi a hoops gialloverdi.

A proposito del main sponsor, il Notts County ne adotterà due diversi. PayGroup campeggerà sulle maglie casalinghe, mentre su quelle da trasferta ci sarà Women Make Waves. Lo stesso vale per le divise dei portieri.

Maglie Portiere Notts County 2014-15

Il primo completo per gli estremi difensori dei Magpies è principalmente giallo con sottili pinstripes a contrasto ed inserti verdi nel colletto a girocollo, nel motivo a righe che insiste sulla cucitura delle maniche e lo sponsor tecnico. Presente anche un motivo esagonale nella parte interna delle maniche. Il modello è lo stesso anche per i completi alternativi, dove l’azzurro rimpiazza il giallo e i loghi Carbrini sono presenti in bianco.

Curiosità: avete riconosciuto il biondo barbuto dal capello lungo? E’ Alan Smith, oggi 33enne e che in molti ricorderanno, giovanissimo a inizio secolo, furoreggiare nel Leeds degli australiani Kewell e Viduka. Da questa stagione vestirà anche lui la maglia dei Magpies.

Maglie Notts County 2014-15 store ufficiale

Qual è la vostra opinione sul lavoro di Carbrini per il Notts County 2014-2015?

  • Faretra

    Non mi piace la prima, non sembra neanche una maglia a righe…la seconda è bella, molto particolare 🙂

  • Daniele Costantini

    Avevo globalmente apprezzato le precedenti opere di Fila per i Magpies. Accolgo invece quest’esordio di Carbrini in maniera un po’ contrastante.

    Partendo dalla divisa home, la maglia non riesco a farmela piacere appieno. La variante delle strisce più larghe ci può stare, ma stavolta si è forse esagerato: vista frontalmente, la casacca sembra quasi composta da un unico palo centrale (in stile “Udinese ’80”); molto buoni, invece, i dettagli in oro – compreso il logotipo dello sponsor – che qui hanno un senso poiché riprendono i colori dello stemma.

    Bello anche il ritorno delle hoops sui calzettoni: anche in passato, mi son sempre chiesto come figurerebbero i “cugini” della Juventus con questa soluzione stilistica. Fossi in adidas, dal 2015 ci farei un pensierino.

    Circa la muta away, il template con striscia laterale non sarebbe malaccio, ma il risultato finale – soprattutto a livello cromatico – non mi convince; probabilmente, in questo caso, è solo un “mio” problema, dato che ho sempre visto il gialloverde come uno dei peggiori abbinamenti possibili… (chiedo scusa in anticipo! 🙂 )

    • leevancleef

      Le hoops sui calzettoni le utilizzammo nel 2006/07, come da img

      http://postimg.org/image/ywm3hmrhr/

      • Niccolò Mailli

        Battuto sul tempo mi da Leevancleef vendico e lo correggo dicendo che la stagione era la 2007/08, quella del ritorno in Serie A 🙂

        • leevancleef

          AAARGH, è vero, errore “marchieno”!

          Vabbè và, me la cavo dicendo che avendo rimosso un anno il conteggio mi andava a ritroso 😉

    • Niccolò Mailli

      Ciao Daniele, eccoti la risposta 🙂

      http://digilander.libero.it/the_delpiero/photo/04.jpg
      http://topicstock.pantip.com/supachalasai/topicstock/2007/11/S5987934/S5987934-9.jpg

      Io direi niente male 🙂 Una soluzione che vedo bene per la Juve e per l’Inter ma meno per il Milan che preferisco con pantaloncini e calzettoni bianchi.

    • Daniele Costantini

      Ricordavo bene quella divisa juventina, ma faccio molta fatica a considerare come ‘hoops’ due misere striscioline nere su un calzettone bianco… per quella che è la mia idea, un calzettone fasciato è solo così: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/2/2c/Marcello_Lippi_at_Sampdoria%2C_1972.jpg/362px-Marcello_Lippi_at_Sampdoria%2C_1972.jpg …non si sfugge! 🙂

      Circa il Milan, concordo con Niccolò quando cita l’abbinamento all-white visto a cavallo degli anni ’80 e ’90, sarà che è quella la prima divisa milanista che ho imparato a conoscere ( http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/4/4d/Marco_van_Basten.jpg/392px-Marco_van_Basten.jpg ); tuttavia, devo dire che sto apprezzando anche la soluzione adottata quest’anno dai meneghini, coi calzettoni a preponderanza rossa.

      • leevancleef

        Vero! E’ stata talmente rara come cosa… che nella memoria una “sintesi” si imprime come qualcosa di più di quello che è!
        Cmq “striscioline” per la quantità, non certo per lo spessore (sostanzialmente uguale a quelle di Lippi ai tempi della Samp).
        Però dai, un’idea la rende.

    • Daniele Costantini

      Ora che ci penso, se a indossare la nuova maglia Carbrini del Notts County avessero chiamato l’ex bianconero Antonio Ca(r)brini… a livello di marketing avrebbero fatto il botto! 😀

      • leevancleef

        C’avevo pensato anch’io… ma non l’ho voluta scrivere per non compromettermi :))

  • Swan

    Personalmente, in generale, preferisco le maglie a righe più strette tuttavia questa non è malaccio anche se non mi piace il raccordo tra la riga nera sui fianchi ed il retro della maglia.
    Anche con panta bianchi il Notts County figura comunque bene, grazie anche alle calze con hoops che anch’io vedrei bene alla Juve.
    Bello il kit away, per me il gialloverde è uno dei migliori abbinamenti cromatici in generale; forse avrei mantenuto le maniche verdi bordate di giallo ma anche così lo trovo ben fatto.
    Anche qui calze ad hoops molto belle; ennesimi kit di tutto rispetto, anche per club inglesi non al top.

    • Swan

      Alan Smitj è diventato un uomo, ai tempi aveva troppo la faccia da bambino.

  • Matteo1896

    cacchio se per l’udinese avessero fatto una prima maglia così, almeno per quanto mi riguarda, sarei felicissimo..

  • Eugenio

    Ma Fila come marchio di maglie da calcio è finita ?
    Peccato, mi piaceva .. Comunque accolgo positivamente Cabrini, marchio che merita crescita. Però come primo lavoro non è granché ..

    1) Mi lascia un po’ anonimo; cioè, non è né una delusione né uno spettacolo. Mi lascia senza un particolare giudizio.. Piuttosto sulla media. 7,5

    2) Trama intrigante, ma i colori sono un po’… Stinti. Non mi piacciono i colori stinti; e poi penso che su una maglia bicolore i colori devono essere a netto contrasto.. Questi invece sono tutti e due stinti .. Poi quello sponsor che entra nella striscia .. 6,5

    • Wasshasshu

      Per te una maglia nella media è da 7,5? Mi faresti comodo come prof all’università sai? 😀

      • Eugenio

        Perché ? per te una maglia nella media quant’è ? : )

  • mosca

    troppa roba sulle maniche, pasticciate e davvero brutto ma soprattutto inutile il bandone diagonale in oro.

    Tra le due salvo l’away per accostamento cromatico.
    Anche qui sui calzettoni al ginocchio. Fastidio

  • Ivan

    La parte posteriore della maglia è terrificante, peccato.
    Male anche la striscia oro.

  • Mr74

    Confermo le impressioni positive su carbrini, un brand per quanto mi riguarda davvero interessante. Trovo molto buona la soluzione adottata per il retro della home, la continuità delle strisce avrebbe creato i soliti problemi di legibbilità di nomi e numeri, mentre il classico pannellone nero(alla nike per intenderci…) sarebbe stato un obbrobrio. Entrambi i kit abbondantemente promossi, 8 sia per la home che per l’away. Se proprio dobbiamo criticare qualcosa, tanto per cambiare non si può non mettere in evidenza l’impatto negativo del logo sulle divise, pur non essendo tra i peggiori in circolazione, di sicuro non è un bel vedere,specie sui calzettoni.

  • leevancleef

    Forse le strisce sono un po’ troppo larghe, ma visto il recente codice a barre questa dona tutt’altra personalità, come dalle stalle alle stelle.
    Belle anche le hoops.
    Anche la away segna un netto passo avanti rispetto allo scorso anno. I colori scelti dovrebbero essere quelli della contea, se non ricordo male.

    Rimane il fatto che i ns amici del Notts sono stati + fortunati di noi con i numeri!
    http://postimg.org/image/qw6uwxecl/

    Noi juventini continuiamo con la nostra protesta! http://goo.gl/V61YwG
    RT http://goo.gl/x1tMqr

    • http://www.sportbloggers.it FZ

      Da juventino appoggio ovviamente la protesta. Anche per questioni “scaramantiche”, oltre che estetiche. Maglia con colletto nero e numeri gialli = stagione 2010/’11…

      • leevancleef

        Perlomeno in quell’occasione i numeri poggiavano sulle strisce!
        Ad ogni modo per sicurezza ho consumato la patta! 🙂

  • Wasshasshu

    Il logone sulle maniche è davvero davvero davvero davvero brutto. Almeno cromaticamente si integra, ma è inguardabile forte.

    Cabrini meglio altrove, ma almeno propone sempre lavori personalizzati e riconoscibili, apprezzo sempre questa dote. Le maglie sono entrambe da 6, forse 6,5 alla prima.

    • Wasshasshu

      *Carbrini ovviamente, a volte le correzioni automatiche sfuggono al mio controllo.

  • Vittorio

    Carbrini é un’azienda che conosco grazie a PM perché non l’avevo mai vista prima. Non ne conosco neppure la storia ma limitando un giudizio a quel che vedo non mi sembra poi tanto male. La prima é molto bella, la seconda ha un accostamento cromatico che non mi fa impazzire ma come é strutturata non é affatto male.

  • rudiger

    Mi piacciono entrambe, ma la prima è rovinata dal retro.

  • Alessio

    Il logo Carbrini sulle maniche riesce a essere perfino peggiore di quello della Lotto.
    La prima maglia ha una striscia dorata veramente terribile che rovina un template senza infamia e senza lode.
    il verde-giallo della seconda è meno che mediocre.

  • kesu

    La prima non riesco a farmela piacere. Diverso per la seconda… carina!

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Buon lavoro di Carbrini.
    Il kit home è davvero positivo, mi piace la larghezza delle strisce e la semplicità generale della maglia. Non mi convincono per nulla le linee dorate profilate di grigio sui fianchi, le trovo superflue e fastidiose. Buoni i pantaloncini e meglio ancora i calzettoni che con le tre hoops nere riprendono il numero delle righe nere presenti nella maglietta.
    Bello anche il kit away, se non fosse rovinato da alcuni dettagli come i loghi Carbrini sulle maniche (mentre nella casacca home non mi danno fastidio), dalla conformazione del colletto (avrei preferito un gitocollo, una “V” o un qualcosa di più semplice rispetto a quello realizzato) e dallo sponsor che cambia di tonalità di giallo e sembra un elemento grafico vero e proprio del tamplate di maglia.

  • sergius

    Brand accattivante Carbrini, maglia home del Notts County di gran lunga migliore di quella vista nella passata stagione, un vero peccato il retro che a mio avviso rovina un buon lavoro. Bella la away, originale e ben rifinita.

  • Classick

    Questa maglia l’avrei vista bene per l’Udinese!
    Molto più adatta ai friulani che al Notts county.

  • Roberto 85

    Personalmente, preferisco le strisce larghe a quelle strette tipo maglia del St. Mirren vista pochi giorni fa… La Away invece mi ricorda da vicino i modelli Legea, è la prima cosa che mi è venuta in mente quando l’ho vista! Voti:
    Home 6,5
    Away 6

  • William

    Le maglie mi piacciono tutte sinceramente, a parte i logoni Carbrini.

    Particolarmente bella quella azzurra da portiere.

    Piccola considerazione personale.
    Leggendo articoli sulla terza serie inglese, mi viene da pensare a quanto siamo arretrati in Italia.

    Amo l’Italia e non la cambierei mai, ma vorrei essere inglese solo per respirare l’aria del loro calcio.

    Anche in terza serie la maggior parte delle squadre cura i dettagli ed il merchandising, mentre da noi una squadra di serie B (che due anni fa era in A) come il Pescara (per fare un esempio) ha una gestione del merchandising ed una visione del marketing in generale da terza categoria… Come se per loro fosse un fastidio!

    Poco da dire: un abisso tra loro e noi!

    P.S.: qualcuno mi potrebbe dire che non tutte le squadre inglesi sono organizzate così bene come il Notts County ed a questi io rispondo chiedendogli di citarmi almeno una delle 60 squadre iscritte alla nuova lega pro (ma anche della serie B e forse pure della serie A escluse le big) che cura così bene e dettagliatamente il proprio marketing e che ha uno store online funzionante!!

    • Swan

      Invece sono tutte organizzate come il Notts County, anche di League Two ed alcune di Conference.
      Prendi il Bristol Rovers, appena retrocesso in quinta serie, ha un merchandising più curato di certi club di serie A.

      • William

        @Swan, mi fai venire ancora più il magone dicendomi questo… 🙁

        Ripeto: vorrei essere inglese solo per i motivi su citati!

  • abel97

    beh quelle da portiere sono stra-copiate da quelle adidas di questo mondiale e di questa stagione.

  • Pingback: Le nuove maglie del Notts County per la stagione 2014-2015()

  • Riccardo

    Prima brutta..per lo stile e il modello..
    Seconda troppo confusionale e complicata..alternativa e molto
    Portieri così cosi

    Home: 4,5
    Away: 5
    Portiere 1: 5,5
    Portiere 2: 5,5