SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Abbiamo sbagliato partita? Potrebbe essere stata questa la domanda dei tifosi del Barnsley accorsi al Selhurst Park per assistere al match di Championship tra il Crystal Palace ed i Tykes.

Barnsley con maglia del Crystal Palace

Prima del fischio d’inizio l’arbitro Kevin Stroud ha ritenuto confondibili entrambi i kit del Barnsley, sia il completo home rosso che quello away nerazzurro. La soluzione migliore prevedeva che il Palace indossasse la muta gialla da trasferta, lasciando giocare gli ospiti con la loro divisa. E’ andata così? Ovviamente no!

Kit Barnsley 2012-2013

I commessi dello store del Crystal Palace hanno dovuto svolgere un lavoro supplementare stampando nome e numero di tutti i calciatori del Barnsley.

Barnsley wear kit away Crystal Palace

Photocredit: Conor McNamara

Sembra strano che certe cose possano succedere nel calcio moderno, dove ogni squadra possiede due o tre kit differenti. Rimanendo in Inghilterra ricordiamo un altro caso celebre del 1997, quando il Chelsea di Zola dovette indossare la divisa a scacchi del Coventry.

Coventry City Chelsea 1997 Zola

La partita tra Barnsley e Crystal Palace si è chiusa senza reti con la delusione di entrambe le tifoserie.

Ci rimane un solo dubbio: i padroni di casa avranno fatto pagare le divise e la stampa delle personalizzazioni?

  • kiko96

    La cosa mi è piaciuta molto onestamente 😀 anche se sarebbe stato più facile far indossare al Crystal Palace la giallo-blu e al Barnsley la rossa…

  • DY

    E’ capitato in passato e ricapiterà sicuramente in futuro, ma secondo me è un po’ “umiliante” per una squadra vestire le maglie degli avversari… in questi casi, la cosa più semplice sarebbe che la squadra padrona di casa vestisse la divisa di riserva, non capisco perché il Crystal Palace non l’abbia fatto (il fatto che abbiano realizzato le personalizzaioni di nomi/numeri per gli avversari, mi fa propendere a pensare che non l’ha permesso l’arbitro).

    Certo, in generale è incredibile pensare come che al giorno d’oggi, in cui i club hanno a disposizione 3 (e talvolta 4) maglie diverse a stagione, ancora capitano questi contrattempi…

    A latere, non posso non notare come nel rugby, giocare in casa con la propria maglia di riserva è invece considerata una bella forma di ‘rispetto’ verso gli ospiti ( http://www.jalsport.it/wp-content/uploads/Italia-Francia-2013.jpg )

  • jojo

    Mai mi era capitata di sentire una cosa del genere, per questo secondo me sarebbe più logico avere anche una terza divisa. Che poi non ho capito perchè il Palace non ha indossato la divisa da trasferta, lasciando indossare quella home al Barnsley, cose inspiegabili.

  • FDV

    Quello del Barnsley pure il sottomaglia giallo si è buscato!

    Comunque non si sa chi sia impuntato, se l’arbitro o il CP, di certo Gac.com deve un caffè a qualcuno.

  • squaccio

    Episodio simpatico che però fà da contraltare alla troppa leggerezza con cui vengono approvate certe seconde maglie che staccano poco o per nulla dalla prima:

    le maglie del Palace mi sembrano cmq troppo simili; quelle del Barnsley hanno entrambe colori scuri.

    • Swan

      Vero, in Inghilterra ci sono clubs con maglia home e away scure, mi vengono in mente Everton, Wigan, lo stesso Liverpool che però ha anche un terzo kit chiaro. Nel caso del Barnsley maglia home rossa con panta e calze bianchi ed away nero blu con panta e calze nere, tutto sommato ci può stare.
      Nel caso del match con il Crystal Palace per me potevano giocare tranquillamente con le loro divise classiche senza confondersi, strano invece che al giorno d’oggi un club professionistico non abbia un terzo kit pronto per l’uso in situazioni simili. Comunque niente di male, episodio da calcio old style.

      • squaccio

        A proposito delle differenze cromatiche che da un po’ riguardano anche calzoncini e calzettoni, ma voi ricordate Barcellona e Real che hanno giocato con i calzoncini da trasferta ?
        Seguo poco la liga ma a memoria non ricordo mai un Barça blaugrana con calzoncini gialli o verdi o arancio…

        • Tux

          mai nella storia che io sappia. mi pare ad esempio che il Real quando, c’è l’eventualità di sporcare il completo bianco, preferisca piuttosto giocare interamente con il completo da trasferta

        • LORENZO70

          hai ragione e una spiegazione e’ nella puntata di “Come una seconda pelle” dedicata al real.

      • iac88

        il liverpool ha anche la terza scura, blu von maniche bianche e quei pessimi tribali!

    • Lino

      Esatto, il problema (se possiamo chiamarlo problema…) è solo questo.

  • zagorakis

    non capisco perché il crystal palace non abbia indossato la divisa gialla lasciando usare al brarnsley la sua muta rossa…a questo punto credo che sia stato il palace a impuntarsi e non l’arbitro visto che era la soluzione più facile. Ricordo che due stagioni fa la divisa bianca away (in realtà usata parecchio anche in casa) della juve creò un pò di problemi: a cesena costrinse il cesena a giocare in nero in casa, mentre a parma il parma mantenne la divisa bianca e la juve ripescò il completo grigio della stagione precedente fino a quel momento mai usato in quella stagione

  • adb95

    la colpa è della nike che è tanto ostile alle terze maglie

  • morgigno

    Ma il dovere ed il piacere dell’ospitalità dov’è finito? la colpa è der palazzo (palace)!

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    Menomale che esistono ancora questi episodi.
    Mi riconciliano con il calcio e lo fanno tornare ad essere uno gioco

  • morgigno

    Nel weekend appena trascorso, il Galatasaray ha giocato in casa contro il Mersin. Gala in bianco e Mersin con la prima maglia rossoblù!

  • MEFISTO

    In Inghilterra probabilmente nessuna squadra indosserebbe mai la Away in casa, per questo il Barnsley ha dovuto indossare una divisa degli avversari.

    In Italia il CP avrebbe messo la Away facendo giocare gli ospiti con la loro Home.

  • LORENZO70

    sottoscrivo 100% AlessandroP.

  • Maurizio

    La cosa è molto simpatica ma secondo me visto come si sono svolte le cose è stata usata dal Cristal Palace in maniera molto promozionale. Evidentemente l’arbitro aveva deciso che le divise del Barnsley potevano confondersi ed allora al Palace hanno preso la palla al balzo. Che poi se andiamo a vedere, non è che ci sia tutta questa differenza tra le due divise scese in campo! La maglia rossa a mio avviso era solo leggermente più simile alle rossoblu di quelle gialloblu. Al Palace hanno pensato ad un ottimo ritorno in termini di pubblicità in quanto si sarebbe parlato molto di questa partita per quanto accaduto. Ed allora hanno subito provveduto a fare queste maglie personalizzate… chissà che non siano già su qualche asta particolare…

    • Fefè

      Secondo me la nerazzurra si confondeva pure meno!

  • Junglefever

    “I commessi dello store del Crystal Palace hanno dovuto svolgere un lavoro supplementare stampando nome e numero di tutti i calciatori del Barnsley.”

    Io mi immagino un caso del genere in serie B o lega pro soprattutto, dove spesso sono lacunosi stadi e spogliatoi e lo store manco sanno cosa sia… il Barnsley di turno doveva giocare con le t-shirt e i numeri fatti col nastro adesivo…altrochè….

    • NASTY

      in italia sarebbero andati da decathlon a comprare tanti bei completini kipsta…

  • ai95

    Per le personalizzazioni come hanno fatto?

    • passionemaglie.it

      Le hanno stampate al momento come descritto nell’articolo.

  • Becks

    Chissà quanto varranno per i collezionisti quelle maglie 🙂

  • LM

    Ok che la colpa è per lo più del Barnsley per non aver portato una maglia chiara, ma quanto costa al Crystal Palace indossare per una partita la seconda maglia ? In Italia lo si è fatto creando molti problemi ma per cause di sponsor, per una volta che succede in Inghilterra la squadra di casa si ostina sempre e poi sempre a usare la prima maglia mettendo nei casini la squadra di turno che non ha una divisa cromaticamente distinguibile.

  • Luca_R

    In realta’ il Barnsley ha pagato le maglie al Palace con sconto del 10%. Non e’ uno scherzo.