SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Scendiamo in Lega Pro e parliamo delle nuove divise della Cremonese 2013-2014.

Alla presentazione estiva ha partecipato anche Gigi Simoni, oggi direttore tecnico della “Cremo”, accolto dagli oltre 2000 tifosi presenti con una standing ovation, durata ben cinque minuti, in virtù del suo glorioso passato di allenatore dei grigiorossi: fu, infatti, l’unico che riuscì a disputare tre stagioni consecutive in Serie A con la squadra del compianto presidente Luzzara e che conquistò anche un Trofeo Anglo-Italiano.

Presentazione Cremonese 2013-2014

Photocredit: laprovinciacr.it

Il sodalizio lombardo anche quest’anno è vestito da Acerbis. Dopo la bella iniziativa di due anni fa, in cui il design della maglia ufficiale uscì fuori da un concorso riservato ai tifosi dei Violini Grigiorossi, quest’anno l’azienda bergamasca ha deciso di fare tutto in casa, proponendo e realizzando le nuove divise per la stagione appena iniziata.

Il kit home e il kit away utilizzano lo stesso template, con l’unica differenza che risiede nel colore principale. La divisa casalinga, ovviamente, è grigiorossa, mentre quella per le trasferte di Lega Pro è grigioblu. Il design delle casacche prevede due strisce grigie verticali al centro, più altre due ai lati che però convergono verso la zona ascellare.

Maglia Cremonese 2013-2014 Acerbis

Kit Cremonese home 2013-14

Ad un’analisi più approfondita e ravvicinata, si può notare come tali strisce siano al loro interno attraversate da quattro stripes molto sottili di colore rosso, che rappresentano le quattro corde di violino, il simbolo della città (da cui trae spunto anche il soprannome “Violini Grigiorossi” di cui sopra). Presenti anche due vistosi inserti grigi sui fianchi, mentre i particolari del colletto a girocollo e della parte terminale delle maniche sono di colore blu.

Inspiegabile la targhetta frontale con la scritta “Cremonese 1903”. Altra caratteristica originale riguarda il retro, dove sono assenti strisce di qualsiasi genere e il colore del font dei numeri è giallo.

Seconda maglia Cremonese 2013-14

Cremonese divisa trasferta 2013-14

Per la maglia da trasferta, l’unica differenza risiede negli inserti delle maniche, grigi, e nel colore predominante: il rosso è interamente sostituito dal blu. Molto semplici invece i calzoncini, che sono in tinta con la maglia e caratterizzati da vistosi inserti ovviamente di colore grigio, con il logo di Acerbis sul retro della gamba destra.

Presente anche una terza maglia, che si discosta abbastanza dalle prime due. Infatti è interamente grigia, con il solo colletto rosso e due linee sottili sempre rosse che sagomano la maglia partendo dalla spalla. Grigi anche i calzoncini, con due strisce rosse oblique che vanno dalla zona inguinale all’esterno della coscia.

Cremonese divisa casalinga 2013-2014

I calzettoni, invece, sono rossi, blu o grigi a seconda del kit. Nel caso dei primi due, al centro nella zona tibiale trova spazio l’ampio stemma della U.S. Cremonese, mentre nella terza variante tale stemma è sostituito dal logo dello sponsor tecnico in giallo.

Infine, una curiosità: in qualche occasione sarà facile vedere i portieri vestiti della maglia del kit da trasferta, una particolarità non insolita del nostro calcio.

Cosa ne pensate del lavoro di Acerbis?

  • squaccio

    Quando le squadre con le maglie a strisce sono stravolte in questo modo le posso solo bocciare.
    Visto che anche il mio Foggia veste acerbis, spero che l’anno prossimo non ci rifilino questo template dopo che quest’anno ci hanno rifilato quello della Cremonese dell’anno scorso.
    Che però è bellissimo.

  • pongolein

    disposizione disordinata, colletto molto brutto, incide troppo nell’anima della maglia e quasi non si capisce che si tratti della cremonese (anche se l’abbinamento di colori unico per fortuna aiuta a capirlo).
    Brutta

    • adb95

      stravolgimento a dir poco orrendo

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Non parlo da tifoso in questo caso, ovviamente. Le maglie di questa stagione proprio non mi piacciono: una maglia a righe deve restare tale, non essere stravolta in questa maniera dove le righe sono poche e ravvicinate sulla parte frontale e assenti su quella posteriore. Salvo solo le 4 pin-stripes all’interno delle righe stesse perché rappresentano le corde di violino (già nella precedente maglia erano presenti). Passi il colletto blu perché questo colore fa parte dello stemma societario; il fatto è che a mio avviso stona un po’. E poi perché i numeri gialli? A ‘sto punto perché non farli blu come colletto e bordo maniche? Stesso discorso per lettering e loghi Acerbis.
    Non mi piace, di conseguenza, anche la maglia da trasferta. Così come boccio anche la third che è la stessa per il terzo anno consecutivo: mi sa di maglia provvisoria da pre-stagione.
    In definitiva molto molto meglio le divise del biennio precedente a questo.

  • Walter

    Che pasticcio!
    Colletto blu, numeri gialli, corde di violno.
    Meglio ricordarsi il grigiorosso di Neffa e Dezotti…

  • FDV

    Riconosco a queste maglie un tentativo di apportare modernità ed innovazione molto spinte, ma il risultato è francamente brutto per vari motivi.

    Forma delle strisce incomprensibile. Mi sono chiesto più volte se ci fosse un motivo per le strisce centrali dritte e quelle laterali curve, magari legato al violino, ma non l’ho trovato.

    Misterioso il bisogno di aggiungere del blu ad una maglia già fortemente caratterizzata dai colori, poi dalle righine ispirate al violino, e ulteriormente per la conformazione delle strisce.

    Patetici le maniche ed il retro tutti rossi, con in più i numeri gialli bordati di blu.

    La seconda maglia ha di meno peggio l’assenza di un colore del tutto estraneo, ma la bruttezza resta.

    • FDV

      L’inspiegabile targhetta frontale Cremonese 1903 secondo me è pensata per chi guardando queste maglie dirà “no vabbè ma queste maglie non possono essere della Cremonese”. E invece sì.

    • Passione Maglie

      Le strisce ondulate rappresentano le corde del violino che si rompono. L’ho detto 😀

      • FDV

        Quello che avevo pensato io è che fossero le corde che vanno a finire nella parte alta dove si accordano. 🙂

      • Passione Maglie

        Ahah tanto sappiamo bene che abbiamo torto entrambi.

    • Nasty

      concordo in pieno, i dettagli in blu e giallo sono misteri assoluti e insensati, mentre le righe storte oltre che orrende sono anche copiate (cfr. lecce 2003-04)

  • http://semplicementescienza.wordpress.com/ MMarans

    Ma è legale questa maglia?

  • F093

    Scusate ma qualcuno ha spiegato alla ACERBIS che i colori sociali della Cremonese sono il grigio e il rosso? e che proprio in virtù di questo abbinamento è una delle maglie più particolari del nostro panorama calcistico???

    così, giusto per sapere…….

    Male, molto male

    F093
    old style

    • Geeno Lateeno

      Veramente un’accozzaglia di colori mai vista prima

    • Doctor Rebel

      Alla Acerbis che tipo di stupefacenti usano?

  • Gigi

    Acerbis in questo caso voleva portare innovazione ad una maglia che francamente è davvero difficile sbagliare, ma con grande sforzo ci è riuscita. Le corde di violino saranno anche una caratteristica della città ma quelle strisce mi sembrano più che forzate. La maglia vedendola anche in Tv appare completamente rossa e più che le strisce grigie che vanno a scomparire, si nota il giallo dei numeri e le rifiniture blu. Capisco che i brand cercano originalità ma a volte non capiscono che le cose semplici sono le più belle. Una maglia così affascinante e particolare per i suoi colori non può essere così stravolta. Forse la seconda si salva solo nel fatto che non ci sono 4 colori presenti,ma fare lo stesso template della prima denota scarso lavoro e impegno

  • rudiger

    Dichiaro subito il mio pregiudizio sulla Cremonese: con tutta la simpatia penso che abbia il peggior abbinamento di colori del mondo (a mio gusto ovviamente).
    Detto ciò credo che con questi colori le maglie debbano essere il più semplici possibile. Più dettagli si mettono, peggiore è il risultato.
    Qui comunque non mi pare una rovina. Il retro però non si accorda per niente col davanti.

  • MARCO0890

    Che finaccia!!!!!! e pensare che la maglia della cremonese era una delle mie preferite per la sua unicità

  • Ivan

    Terribile…

  • Fly

    Orrende!

  • Tux

    concordo col giudizio negativo dei commenti precedenti: la prima parte da una buona idea con le corde di violino e poi si perde nell’eccesso di particolari e di colori (anche le strisce divergenti potevano essere una buona idea, ma il risultato è pessimo); away e third fanno il loro onesto mestiere, e la away, essendo solo bicolore, si salva rispetto alla home.
    Possa poi arrivare al cielo la mia esecrazione per la orrida moda imperante delle maglie a strisce che da qualche anno diventano a tinta unita sul retro, come se le squadre di lega pro dovessero partecipare alla Champion’s.

  • sergius

    Ringrazio PM per l’ennesimo puntuale articolo, dopo aver visto l’anticipo della scorsa settimana tra Cremonese e Como stavo scrivendo qualcosa di mio. Io credo che la maglia della Cremonese targata Acerbis si possa vantare di essere la maglia più brutta di tutto il panorama italiano 2013/2014 magari in compagnia della mimetica del Napoli versione trasferta a Kabul. Ora dico io, come si fa a stravolgere la storica maglia a strisce verticali grigiorosse della Cremonese con questa arlecchinata. Strisce verticali grgie e rosse che non sono nè strisce e manco verticali, bordi e rifiniture blu e numeri gialli, davvero tutto decisamente inguardabile. Sia chiaro che l’abbinamento grigio e rosso non mi ha mai esaltato, ma una roba del genere è imnammissibile. La away è la stessa cosa in versione diversa anche se appare leggermente più sobria, mentre giocoforza la third è la più razionale. Ma Cremona non dicono nulla?

  • Daniele Costantini

    Non me ne vogliano la Cremonese (squadra che peraltro mi sta molto simpatica) e Acerbi… ma sinceramente, considero la maglia 2013-14 come la più brutta dell’attuale stagione calcistica italiana.

    Riconosco che quest’azienda aveva lavorato discretamente bene in passato, e personalmente cerco semrpe di trovare del “buono” in ogni lavoro, anche quelli meno apprezzati… ma stavolta, no, non ci riesco.

    Sono assolutamente a favore delle sperimentazioni e delle innovazioni, ma stavolta qui si è esagerato, perdendo completamente la bussola. Guardando la maglia in TV, sono riuscito a capire che si trattava della Cremonese soltanto per le scritte in sovrimpressione! 🙂

    Dove sono finite le righe grigiorosse dei tempi di Vialli e Mondonico? Oggi, ci troviamo di fronte ad una divisa che, di fatto, è un completo total-red, con dei dettagli blu che, paradossalmente, hanno più risalto delle pseudo-strisce grigie.

    In generale, l’idea delle corde e delal cassa di violino è molto buona, ma la realizzazione finale è purtroppo deludente: la vedo come un esperimento di ‘maglia barcode’ mal riuscito.

    Un template per nulla adatto alla home, e che forse si salva appena con la away. Fossi nella Cremonese, d’ora in avanti giocherei il resto del campionato indossando stabilmente la third, che mi pare la più riuscita della terna… o quantomeno, la meno ‘pazza’ 😀

  • mosca

    acerbis, nome omen.

    Inaccettabili.

  • Ulisse

    Di una bruttezza incredibile, come si fa a proporre questa cose….

  • Vittorio

    UNA PAROLA SOLA:ORRENDA

  • Swan

    Mah, io sono per l’innovazione dei templates delle maglie ma qui si è andati un po’ oltre a quello che il confine tra innovazione ed esagerazione. Sono favorevole alle quattro righine rosse all’interno di quelle grigie ma la disposizione di queste ultime è davvero naif, pessimi poi gli inserti sui fianchi e soprattutto il retro monocolore. Il numero giallo e colletto e bordomanica blu sono altri elementi particolari, ma tutto sommato non mi dispiacciono.
    Positiva l’idea di una away blu grigia (dato che il blu rappresenta il colore predominante come il rosso nella home) ma anche in questo caso il template utilizzato rovina il risultato finale.
    Se queste due maglie sono tendenti all’esagerato la third è l’esatto opposto, tendente all’insipido.

  • sergius

    Vorrei aggiungere al mio precedente commento che una maglia come quella della Cremonese probabilmenete necessitava di una rivisitazione, di un qualcosa che la rendesse meno anonima e più accattivante, anche perchè ribedisco che a mio avviso l’abbinamento tra il grigio e il rosso non rende molto. Io sono un tradizionalista al riguardo di certe, specifiche, maglie, ma quella della Cremonese andava innovata. Detto questo, una cosa è l’innovazione ben altra uno scempio del genere sul quale vedo che i giudizi sono ovviamente unanimi. Concordo infine con Daniele sul fatto che televisivamente rende ancora peggio, non si capisce in pratica nulla, per non parlare poi dei fantozziani pantaloncini extralarge modello basket che completano il quadro.

    • squaccio

      Permettimi di non essere d’accordo: magari si puo’ (potrebbe) innovare, per esempio, una maglia di una squadra “inflazionata”.
      Tipo una squadra bianconera, rossoblu o rossonera. Visto che le squadre con questi colori disposti a strisce sono molte.

      Ho messo “potrebbe” perchè alla fine se io ho la maglia bianca a strisce nere non mi interessa nulla se ce ne sono altre 20 simili; meglio così +ttosto che farla a righe orizzontali o tipo la maglia del Viareggio che è un pastrocchio.

      La maglia della Cremonese credo sia unica; quindi che senso ha l’innovazione ?

      • Dukla

        @squaccio: sono in totale sintonia con te, soprattutto con l’ultima affermazione! E’ proprio questo il punto: innovare cosa? E soprattutto perchè???

      • sergius59

        Attenzione, la penso come te, io ammetto il cambiamento per non fossilizzare una maglia che altrimenti non verrebbe più venduta, ma non ammetto che la tradizione e la storia di un club e di una tifoseria vengano stravolte in nome delle logiche di mercato. Dico solo che la maglia della Cremonese poteva essere innovata ma in modo meno sguaiato, più composto, non con questa carnevalata, ma il discorso da parte mia vale per tutti. Se ho criticato la genialata di cambiare la storica maglia della Ternana con quella attuale che manco pare essere della Ternana, figuriamoci se posso accettare quella della Cremonese modello inserviente del circo. Nè posso immaginare con quale voglia un tifoso della Cremonese possa identificarsi in una maglia del genere.

  • Lino

    Non sono belle, per niente, ma apprezzo il coraggio e la voglia di sperimentare, anche perché se non sbaglio in passato la Cremonese ha avuto già disegni diversi dalle strisce verticali. E comunque, a osservarle dalla media e lunga distanza, il disegno a strisce non appare così stravolto. Personalmente quello che boccio senza riserve è il colletto blu.

  • Simone

    Salvo solo le “pinstripes” a violino.
    Questa moda del colore unico per tutto il completo dovrà finire, prima o poi.

  • Dukla

    Ma per cortesia … come si può essere così insensibili di fronte alla tradizione, di fronte al fascino di una maglia che ERA tra le più originali e cromaticamente riuscite della Penisola? A quando i pallini grigi in campo rosso? Stravolgono tutto, innovano tutto: resteranno le figurine Panini degli anni ’70 a consolarci …

  • elkan

    semplicemente orribile

  • Eugenio

    Sono riusciti a peggiorare le maglie della Cremonese: ad Acerbis va fatto proprio un applauso …

    Inguardabili. Partiamo col dire che non mi piace come sembra indossata, troppo sul collo, e si peggiora con un colletto orribile. E poi arriviamo al crollo più totale : quelle righe e la loro forma. Modificano in maniera pessima la situazione, che non era neanche messa bene. Bocciate tutte e due, ovvio sono uguali, anche se boccio particolarmente la prima perché il colletto blu su rosso e grigio è inguardabile.

    Voti 4,5 – 5

  • LM

    Bruttissime. Poco da dire… fatte davvero male : righe incasinate e senza una direzione precisa, righe ancora piccole e brutte, le zone vicino alla spalla sono rosse, così come il retro, inguardabile con il monocolore e il numero giallo, una porcheria. Poi ci si mettono quegli inutili dettagli blu, va bene che è un dettaglio che c’entra in qualche modo con la Cremonese, ma non ci vuole molto a capire che ci sta malissimo su due colori così particolari. Poi il colletto… lasciamo perdere, così come per gli sponsor anteriori che sporcano un lavoro già di per sè bruttissime. La scritta Cremonese in basso ci sta malissimo e mi sembra pure inutile. Pantaloncini senza logo societario, molto brutto, mentre invece è presente nei calzettoni, il colmo. La seconda invece mi piace, va già meglio, visti anche i colori. Ma la prima, ribadisco, un macello.

  • sergius59

    Tralasciando per un attimo la nuova maglia della Cremonese, non posso che complimentarmi con i responsabili di questo sito che stanno dando spazio anche alla Lega Pro ed alle maglie di tante piazze importanti…non è facile ma stanno facendo un gran lavoro. Tra quelle non presentate non nascondo che mi piacerebbe commentare le nuove maglie dell’Unione Venezia.

    • Passione Maglie

      Ti ringrazio a nome di tutto lo staff.
      Entro un mesetto contiamo di completare A, B e quasi tutta la Lega Pro. Ti assicuro che la sola ricerca delle immagini è estenuante per diversi club. Se invece parliamo delle informazioni sulle divise… sono in gran parte inesistenti 🙂

  • jojo

    Brutte brutte e ancora brutte. Inspiegabile come scritto nell’articolo la scritta frontale cremonese 1903. La maglia home si per sè non mi piace perchè il template non è buono, la scelta della divisione in 4 non paga, per non parlare del blu del colletto e delle maniche, pessimo. Lo stesso discorso vale per la magia away, peggiore scelta grigio-blù.

  • Di Firenze vanto e gloria

    A dir poco orrende

  • Luigi – TR

    orrende

  • Simone

    Da tifoso grigiorosso ritengo le maglie graficamente pessime, come peraltro il resto del materiale tecnico privo di ogni logica stilistica-storica. Passi la questione delle corde del violino ma il risultato è un pasticcio di colori e patch (peraltro in posizioni incomprensibili). L’anno scorso la polo di ordinanza era biancoblu (quando l’abbiamo vista eravamo letteralmente allibiti)….presumo pertanto che la ditta non abbia compreso la centralità dei colori classici nella predisposizione del materiale tecnico. Il materiale riportava inoltre le date delle vittorie mondiali della nazionale italiana e, persino, della nazionale inglese (!?!)…..mah…..
    Siamo passati dalla macron alla acerbis……e i risultati si vedono: la produzione macron era molto apprezzata e diffusa tra i tifosi al contrario dei prodotti acerbis. Vedendo le produzioni del piacenza o della reggiana mi vengono le lacrime agli occhi.

  • cisky

    Se non mi fosse detto che è la maglia della Cremonese, non ci crederei. Per me è improponibile, davvero.

  • aldo

    Maglie obbiettivamente brutte, la Home è quasi inguardabile con quel colletto blù non sembra nemmeno la cremonese, se volevano fare qualcosa di diverso ci sono riusciti, purtroppo ci sono riusciti peggiorando. Le casacche degli ultimi anni mi erano piaciute parecchio, Acerbis aveva fatto un bel lavoro fino ad oggi peccato vanificare quanto di buono si era visto. La Away poi non sembra nemmeno una maglia da trasferta, peccato inoltre come accade negli ultimi tempi che nelle divise da trasferta non vengono (o quasi) più riportati i colori sociali della prima divisa, cattiva abitudine a mio avviso che purtroppo si è diffusa
    Home 3
    Away 2

  • Simone #4

    Le maglie più brutte mai indossate dalla MIA Cremmonese, e ho detto tutto.

  • magliomane

    Difficilmente mi è capitato di vedere di peggio.
    A dir poco orribili entrambe. Ma che si sono fumati all’Acerbis?

  • jack15

    veramente brutte, non c’è che dire…
    più che altro non sembra la cremonese ma una squadra rossa con inserti (messi a caso!) grigi.
    è un peccato perché, per quanto discutibile, l’abbinamento rosso-grigio della cremonese è davvero unico al mondo e andrebbe sempre valorizzato.
    l’unica cosa che mi piace è il fantastico stemma riportato sui calzettoni.

  • Doctor Rebel

    Concordo con Jack 15, anche se non trovo l’accostamento grigio-rosso discutibile. Sarebbe ora di finirla con questi deliri dei cosiddetti creativi
    . La maglia e i colori sociali sono i connotati dei clubs. Sarebbe come se ciascuno di noi, ogni anno, facesse la plastica facciale! E’ stupido!

  • Doctor Rebel

    Vorrei aggiungere che è il caso di dire che esiste una vera e propria araldica delle squadre di calcio che viene dalla storia di questi sodalizi ( ormai, sempre più spesso, ultracentenaria ). Questa particolarità, quasi unica nel panorama degli sports di squadra, DEVE essere rispettata. La creatività è un dono meraviglioso ma ci vogliono misura e buon gusto…

  • Marcello

    Orrenda!

  • out of mind

    Per fortuna non mi ero accorto di queste maglie.
    Purtroppo ora mi sono accorto di queste maglie.

  • cristian

    Maglia da maiali, l’unica nota positiva sono i pantaloncini grigiorossi ( semplicemente spettacolari ). Forza cremo !