SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Due squadre quasi gemelle: così apparivano Lazio e Manchester City tra il 1995 e il 1997. Due club accomunati dai colori e che in due stagioni hanno condiviso, quasi integralmente, anche modello di maglia e pantaloncini prodotti dalla Umbro.

Maglie Lazio e Manchester City 1995-1997

Partiamo dal colletto, un elemento in comune con alcune differenze. La caratteristica più particolare era la V che aveva una forma molto appuntita, un dettaglio spesso utilizzato dal marchio inglese in quel periodo.
Per quanto riguarda la Lazio, per la prima volta il blu scuro sostituiva il bianco nel colletto e nei bordi. Nel caso del City i bordi delle maniche erano assenti e il bavero era a righine biancocelesti.

Altro tratto caratteristico delle due maglie era lo sfondo, che in controluce svelava una fitta trama a quadratini, arricchita da tre aquile sul petto nella maglia della Lazio, e da un mix tra la scritta “CITY” e parte dello stemma societario su quella del club di Manchester.

Pantaloncini Umbro per Lazio e Manchester City 1995-97

Grandi protagonisti della divisa erano i pantaloncini, bianchi come da tradizione, ma caratterizzati da vistosi inserti laterali, composti da un’ampia fascia celeste, contornata da due triangoli blu navy con la base sull’orlo e la punta rivolta verso l’alto.

La maglia della Lazio vide il cambio dello sponsor sul petto nell’estate del 1996. Banca di Roma lasciò il posto a Cirio, il marchio che caratterizzerà il ciclo più vincente della storia del club, ma che sarà legato anche al successivo ridimensionamento a seguito del crac dell’azienda del presidente Sergio Cragnotti.

Lazio, cambio sponsor Banca di Roma-Cirio

Quello con l’istituto finanziario romano era un rapporto che durava sostanzialmente dal 1986-87, quando la Cassa di Risparmio di Roma divenne main sponsor, passando poi per il Banco di Santo Spirito nel 1991-92, fino ad arrivare a Banca di Roma a partire dal 1992-93.

La divisa del Manchester City rappresentò invece una pietra miliare per quanto riguarda lo sponsor tecnico. Nell’estate del 1997 si chiuse infatti il rapporto con Umbro, che durava addirittura da 63 anni. E sul campo non finì bene, visto che le due stagioni di vita del kit coincisero con la retrocessione dopo il terzultimo posto in Premier League e un’anonima 14esima piazza in First Division.

I calciatori del Manchester City dopo la retrocessione del 1995-96

L’anno successivo, con le divise stavolta prodotte da Kappa, andò peggio con la retrocessione in Second Division, prima della progressiva risalita, poi celebrata da una maglia nel 2014-15.

Photocredit: classicfootballshirts.co.uk

  • Daniele Costantini

    Aggiungo che la maglia del City ’96-97 fu anche l’ultima a sfoggiare lo storico stemma tondo dei Citizens – quello che tornerà in auge a furor di popolo dalla prossima stagione ( http://www.soccerstyle24.it/nuovo-stemma-manchester-city-circolare/ ) -, prima della sua temporanea sostituzione con l’aquila (ironia della sorte, visto l’articolo) romana.

    Quanto al template, per me Umbro riuscì a far di meglio negli anni ’90, e – come già ebbi modo di scrivere in passato -, per quanto concerne la Lazio, il matrimonio con il Diamante si risolse alla fine in un’occasione persa: oneste maglie, semplici e apprezzabili, ma senza squilli di sorta e per questo, ai miei occhi, mai memorabili.

    Quasi lo stesso discorso sul versante del City. Tuttavia, nonostante il pressoché medesimo template, all’epoca rimasi quasi affascinato dalla linearità del lettering Brother in mezzo al petto – sponsor-simbolo degli Sky Blues per tutti i 90s -, dettaglio che mi fece rimanere impresso nella mente il nome di questa squadra, all’epoca, letteralmente sconosciuta ai più.

    Ciononostante questa casacca mancuniana – o meglio, questo template Umbro -, oggi come allora, non riesce a destare la mia attenzione. In casa City, ricordo con maggior piacere le immediatamente successive proposte Kappa e Le Coq Sportif.

  • squaccio

    Sbaglio o anche il Celta di Vigo aveva una maglia uguale ma con sponsor citroen ?

    • collezionista_34

      Intendevi questa? E’ quella più vicina che ho trovato googolando un po’… dovrebbe essere di poco successiva, del 98.

  • Paolo D

    Una mia compagna di classe, innamorata di Signori aveva la maglia della Lazio, la prima col binomio Umbro/Banca di Roma.
    Non sono un tifoso della Lazio, ma ammetto che appena vidi la ragazza in questione quasi mi innamorai di lei; mi sembra quasi un altra Italia oltre che un altro calcio.
    Nostalgia canaglia!
    A entrambe voto 9, umbro epica negli anni 90.
    Divise Kappa del City avevano poi lo sponsor brother in bianco su un azzurro più celeste, quasi Napoli, perdevano il fascino un po’.