SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Saliamo di latitudine fino ad arrivare alla corte della società professionistica situata più a nord nel nostro Paese: il Fußball Club Südtirol, noto semplicemente come FC Südtirol o FC Südtirol-Alto Adige.

Il club bianco-rosso, che gioca le sue partite casalinghe allo stadio “Druso” di Bolzano, è la principale squadra di calcio del capoluogo altoatesino, nonché di tutta la regione Trentino-Alto Adige.

Sudtirol formazione Lumezzane

Attualmente la squadra milita nel girone A di Lega Pro Prima Divisione, dopo aver mancato di un soffio la storica promozione in serie B nella passata stagione. La cavalcata dei tirolesi si era interrotta soltanto nella semifinale dei play off persa contro gli emiliani del Carpi; play off raggiunti con un ottimo quarto posto ottenuto nel girone, al termine di un entusiasmante campionato che ha visto il Südtirol più volte solo al comando davanti ai ben più quotati giallo-rossi del Lecce.

Divise Sudtirol 2013-2014

Le divise della stagione 2013-2014 sono firmate Garman, e sono state scelte dai tifosi attraverso un sondaggio sulla fan page ufficiale della squadra. Tutti e dieci i modelli proposti erano stati elaborati dal Prof. Antonino Benincasa, disegnatore del logo dei Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006 e professore presso la Facoltà di Design e Arti della Libera Università di Bolzano. La collaborazione con Garman Group, già sponsor tecnico del Cittadella in serie B è al secondo anno, dei tre previsti dal contratto.

Votazione maglie Sudtirol tifosi

Le maglie candidate per la votazione dei tifosi

La divisa casalinga è principalmente bianca; il modello è caratterizzato da una vestibilità molto aderente e da un colletto alla coreana, e presenta una trama particolare a rombi rossi che richiama lo stemma societario.

Questa fantasia si sviluppa diagonalmente lungo la maglia, dividendola in due parti e conferendo al kit un aspetto fresco e dinamico. Lo stemma societario è posizionato al centro del petto, mentre il logo dello sponsor tecnico, si posiziona lungo la clavicola destra.

Maglia Sudtirol 2013-2014 Garman

Il marchio dello sponsor principale Duka è posizionato al centro della maglia, mentre sulla manica sinistra è impresso il marchio della promozione turistica dell’Alto Adige.

Curiosa l’etichetta stampata all’interno del colletto, che riporta la scritta “Made in Italy, designed in South Tyrol”, a ribadire il forte senso di appartenenza e di amore per la propria terra delle popolazioni altoatesine; sentimento sottolineato anche dalla simpatica campagna promozionale delle nuove maglie che vede il difensore Hannes Kiem, capitano classe 1985 e leader carismatico della squadra e il centrocampista classe 1989 Hannes Fink, anch’esso baluardo bianco-rosso, impegnati nella veste di taglialegna.

Campagna lancio kit Sudtirol 2013-14

Le numerazioni in rosso riprendono la trama dello stemma societario; un elemento che personalizza ulteriormente la divisa, aggiungendo carattere all’effetto finale. Il kit si completa con pantaloncini bianchi con due inserti rossi a mezzaluna lungo i fianchi e con calzettoni, anch’essi bianchi, con un inserto a rombi rossi.

La divisa da trasferta degli atleti di mister Rastelli, è invece costituita da un completo rosso caratterizzato da una fantasia a spirale in bianco che si sviluppa dalla parte inferiore della maglia verso le spalle.

Seconda maglia Sudtirol 2013-2014

Il modello di base è lo stesso della divisa casalinga; stessa posizione per stemma societario e loghi. In bianco le numerazioni che riprendono la fantasia a rombi dello stemma societario. Rossi anche pantaloncini e calzettoni, che completano il kit da trasferta.

Terza maglia Sudtirol 2013-14

La collezione prevede anche una terza divisa nera che permetterà ai tirolesi di distinguersi cromaticamente da qualunque avversario. Il modello è, se vogliamo, meno elaborato, con un colletto a girocollo appuntito e senza nessuna personalizzazione particolare. In questa versione lo stemma del club si trova sulla parte sinistra del petto, mentre al centro, sotto il colletto trova spazio il lettering dello sponsor tecnico, il cui logo appare sulle spalle. Stessa posizione delle due precedenti versioni per gli sponsor, in bianco le numerazioni e neri pantaloncini e calzettoni.

Gli estremi difensori tirolesi, ai i quali da quest’anno si è aggiunto in prestito dal Palermo il promettente nazionale Lega Pro Alessandro Micai, utilizzano lo stesso modello della terza divisa, nei colori verde o giallo.

Maglie portiere Sudtirol Garman 2013-14

Le maglie, in tutte e tre le versioni, sono acquistabili, attraverso il negozio on line del sito ufficiale al prezzo di 39,90 € a cui vanno aggiunti 10,00 € per l’eventuale personalizzazione. I pantaloncini sono acquistabili in tutte e tre le versioni per 7,90 € mentre 4,90 € è il prezzo per i calzettoni. Da metà settembre, inoltre, tutti gli articoli merchandising dell’FCS sono acquistabili presso il Fan Corner di Nalles.

Calzoncini calzettoni Sudtirol 2013-14

Completiamo la panoramica analizzando la versione utilizzata dalle ragazze del C.F. Südtirol Damen, la formazione tirolese di calcio femminile.

Le ragazze allenate da mister Antonio Alberti, impegnate in serie B, scendono in campo utilizzando gli stessi colori dei colleghi ma in una versione differente.

Sudtirol damen 2013

Nel completo bianco casalingo, ritroviamo lo stesso modello di maglia utilizzato dalla formazione maschile nella passata stagione. La divisa è caratterizzata da un colletto a girocollo chiuso da un semicerchio rosso dal quale partono due strisce parallele che, seguendo la linea delle spalle, arrivano alle maniche; una scelta stilistica che ricorda le iconiche stripes di casa adidas. Lo stemma societario è posizionato sulla parte sinistra del petto, mentre il logo dello sponsor tecnico è inserito all’altezza della clavicola destra. Bianchi anche pantaloncini e calzettoni, in rosso invece le numerazioni.

Un completo rosso dello stesso modello, è invece utilizzato dalle giocatrici in trasferta.

Sudtirol femminile 2013-2014

Divisa scelta dai tifosi, giocatori nella veste di taglialegna, etichetta che ribadisce il senso di territorialità… sembra che l’FC Südtirol e Garman stiano segnando un legame inossidabile con tifoseria e territorio.

Cosa pensate di queste iniziative? E come trovate le nuove divise dei tirolesi?

  • Upuntou

    Una peggio dell’altra..

    • Ivan

      Proprio così!

  • Fly

    La prima tutto sommato non è male a mio parere

  • FDV

    Bella la prima, anche se avrei votato la seconda opzione, ma credo renda meglio questa. Molto tedesca, così come la seconda, di cui il design non è ai livelli della prima ma comunque interessante. Nel contesto delle divise sta bene anche la totale semplicità di quella nera.

    Interessantissima la soluzione dei numeri, che danno movimento anche alla terza maglia.

    Complimenti a Garman e Sudtirol.

  • aldo

    Brutte tutte maglie meglio quelle della formazione femminile

    • GianGio87

      peccato che quelle della squadra femminile scimmiottano un vecchio template adidas

  • rudiger

    Le due biancorosse sono ottime, nuove e piacevoli nel disegno. Peccato che la fantasia di maglia e calzettoni sia interrotta dai soliti pantaloncini nulli.
    Belli i colletti, che starebbero molto meglio con le maniche lunghe.
    Stranamente anonime la terza e quelle da portiere.

  • enrico

    bell’articolo, con tante curiosità. interessante il fatto che la maglia è stata scelta dai tifosi attraverso un sondaggio.

  • Dukla

    L’articolo è molto interessante, le maglie – sinceramente – meno: anche se adoro gli abbinamenti bianco-rosso, preferisco la sobrietà della maglia nera alle linee e ai rombi irrazionali delle altre due maglie.

  • LM

    Bellissime le prime due, le grafiche rendono la maglia più colorata e ricca, anche se nella prima avrei preferito la versione con gli scacchi più piccoli e numerosi. Decisamente meglio dei modelli deludenti dell’anno scorso, senza rosso. La terza mi piace, ma meno, dato che è semplice senza alcun dettaglio o inserto bianco-rosso. Belli anche i calzoncini e i calzoncini, mentre la versione femminile mi delude.

  • Daniele Costantini

    Dite quel che volete, ma la home mi fa letteralmente impazzire! Sarebbe stata la mia prescelta anche tra tutte le varie proposte: mi rimanda idealmente ad una maglia trinciata, ma qui rivisitata secondo un approccio moderno e dinamico: come ‘pazzia grafica’, mi ricorda vagamente il Fossombrone di metà anni duemila ( http://sportevai.s3.amazonaws.com/wp-content/uploads/2010/07/bikkembergs.jpg ).

    Ottimo il fatto che la fantasia si ripercuota anche nei numeri sulla schiena, mentre mi disturba un po’ la sua presenza anche sul retro della manica destra – dove il disegno finsice per essere quasi ‘interrotto’ e quindi brutto a vedersi.

    E’ però solo una minuzia, perché per il resto promuovo la casacca senza sé e senza ma: per me, questa è una delle migliori divise italiane (e non) di questa stagione! Si tratta della tipica maglietta che comprerei d’impeto, senza pensarci su troppo.

    Meno entusiasmo per la away, che asserve sì al suo compito con un completo total-red, ma di cui non apprezzo la fantasia, troppo ‘insensata’… la thirdh invece è, ‘stranamente’ (alla luce delle altre maglie), fin troppo semplice! Quelle delle ragazze, infine, sono divise ababstanza ingiudicabili, sia per il template scelto che per la disposizione degli sponsor.

    In generale, comunque, ottimo approccio – molto ‘tedesco’ – di Garman e Sudtirol FC, assolutamente sopra la media nazionale. Non posso che fare loro i complimenti, sperando che tali iniziative prendano stabilmente piede anche in Italia.

  • squaccio

    4a e 7a sarebbero state le mie opzioni preferite.
    Queste qua mi piaciucchiano ma solo perchè non credo che il Sudtirol abbia questa grandissima tradizione da rispettare…interessante l’effetto sui numeri.

    Forse le prime 2 troppo estreme e la terza troppo vuota; un pennacchio biancorosso sulla 3a ci stava.

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Il connubio SüdTirol-Garman ha prodotto divise valide e sensate. A livello estetico mi piace la home, molto caratteristica ed identitaria. La away mi sa di un po’ troppo fantasy e in un certo senso mi ricorda la grafica dello scafo Alinghi (http://www.wemustact.org/public/allegati/1835_alinghi.jpg). La third è l’unica non ad hoc, infatti è un modello da catalogo Garman; un po’ povera a mio modo di vedere (come lo era quella della Pergolettese 2012-13 ma in bianco) ma che si distacca bene da home ed away.
    Buoni ed in coordinato anche pantaloncini e calzettoni.
    La font dei numeri appositamente creata per la squadra tirolese non è male ma non mi convince del tutto.

  • Santa Tigna

    Belle, belle, belle!
    I miei più grandi complimenti a chi ha disegnato le maglie (comprese quelle che non sono state scelte), che, nella loro teutonicità un po’ anni 90, sono una ventata d’aria fresca nel panorama italiano (a questo punto, un vero peccatto che i sudtirolesi abbiano mancato l’approdo in Serie B).
    A mio parere la prima è quasi perfetta, bella la grafica, bene la vestibilità e il colletto alla coreana. A primo acchitto mi rimane solo una leggera sensazione di vuoto nella parte in alto a destra e sul colletto. Forse qualche altro piccolo elemento caratterizzante non sarebbe stato male, ma forse anche no, visto che è una maglia già abbastanza iconica così com’è.
    La seconda mi piace un po’ meno della prima ma resta un ottimo lavoro, molto bene in questo caso anche i calzettoni.
    La terza così semplice ci sta anche, viste le altre due, ma io non ci avrei visto male un tono su tono sulle maniche in stile Borussia Dortmund anni 90, ovviamente seguendo la falsariga del logo societario come per le altre due maglie.
    Stupende infine le font, davvero caratteristiche.
    Confrontare questo lavoro per una squadra di Lega Pro a quello del Sassuolo in Serie A è imbarazzante e non perchè la maglia degli emiliani sia brutta o perchè il Sassuolo dovesse osare così tanto, ma qualcosa di diverso da un kit già utilizzato per sei stagioni si poteva fare.

    P.S. un saluto a tutti, non scrivo qui da una vita e non ricordo più che nome usavo 🙁 comunque vi seguo sempre ed è bello vedere che siete sempre più numerosi!

    • Passione Maglie

      Occhio a parlare male del Sassuolo che non cambia maglie dopo 6 anni, si rischia il linciaggio 😀

      Bentornato 😉

      • Santa Tigna

        Ahahah, sì, ho visto!
        Grazie!

  • Fely

    sto fatto di votà le maglie ma rotto er….

  • sergius

    No, non mi fanno impazzire, o per meglio dire non mi piacciono nè la home e manco la away, apprezzo l’originalità del lavoro ma non rientrano nella mia visione di quella che dovrebbe essere una maglia di calcio. E devo dire che dei dieci modelli tra i quali è stata scelta la home non me piace manco uno. Apprezzo di più i kit scelti per la squadra femminile, magari troppo semplici ma sicuramente più essenziali. Grande simpatia tuttavia per il Suditirol che ormai a mio avviso sarebbe tempo che si identificasse nella città di Bolzano alla quale ormai appartiene prendendone la denominazione, ma questo è un altro discorso.

  • Alessandro

    Ho una vecchia mass del Sudtirol presa da Sportler a Bz ma mamma mia questa e’ di un’altro pianeta..poi a 39.90..tanta roba..

  • Simone

    Nel design delle maglie bolzanine vedo tantissima ispirazione Adidas.
    Cominciamo dalle proposte per la prima maglia:
    – la seconda da sinistra http://www.oldfootballshirts.com/img/shirts/1003/extra_football_shirt_10001_1.jpg
    – la quarta da destra http://www.oldfootballshirts.com/img/shirts/271/extra_football_shirt_8953_1.jpg
    – la quinta da sinistra (Lotto) http://www.kroatiehrvatska.com/img/mkmmhr_krotsh.jpg

    Anche quella femminile, come giustamente facevate notare, è chiaramente ispirata a un vecchio modello Adidas: http://www.whoateallthepies.tv/wp-content/uploads/2011/01/PA-3777045.jpg

    Ciò detto, la prima non sembra male e il prezzo sembra onesto.

  • tot

    a mio avviso:
    bella la prima
    bella la seconda
    brutte la terza e quella del portiere
    belli i numeri
    peccato x pantaloncini e calze, potevano osare di piú
    brutte la maglie delle ragazze

  • Swan

    Come home avrei preferito la seconda da sinistra ma il modello scelto mi sembra comunque molto valido, ottima a prescindere l’idea di riprendere il motivo a losanga dello stemma societario un po’ su tutto il kit, numeri compresi.
    La away mi piace meno, tra i vari motivi proposti è uno di quelli meno gradevoli ma apprezzo comunque l’intenzione di proporre qualcosa di innovativo. La third invece è l’esatto contrario delle prime due, rientra nel panorama dei kit anonimi e monotoni che spopolano in Italia, avrebbero potuto rendere unico anche questo kit, peccato.
    Resta il fatto che il Sudtirol abbia dimostrato interesse ed attenzione nel proporre i due kit principali: unici e moderni ma con forte un forte legame territoriale. Anche dal punto di vista del merchandising direi che stiano facendo molto bene come organizzazione e prezzi. Questa è la via da intraprendere, alcuni club di categoria superiore dovrebbero prendere esempio da loro.

  • Walter

    Come diceva un altro prima dime molto “tedesche” pero’ abbastanza pulite.
    Mi ricordano alcune maglie del passato del Colonia per esempio…

  • rudiger

    Interessante la puntualizzazione geografica (o politica?) nell’etichetta.

    • stefan

      Puntualizzazione giustificata in entrambe i casi

  • Italo

    Concordo con rudiger, la puntualizzazione è politica. A posto di orgoglio tirolese parlerei di odio anti-italiano, però a lorsignori fa comodo essere una regione a statuto speciale.

    • stefan

      non credo tu abbia frequentato molto il Suedtirol

    • heidevolker

      Si vede che parli proprio per sentito dire 🙂 Il Trentino Alto Adige è parte dell’Italia da nemmeno un secolo e per tutta l’era fascista (e dopo, visto ciò che hai scritto) l’odio è stato degli Italiani nei confronti dei Sudtirolesi.
      Terrei anche a sottolineare che l’autonomia del Trentino-Alto Adige è un trattato internazionale, mica pizza e fichi (come l’autonomia della regione Sicilia) 🙂 peccato che quella non si critica, strano…

      • Italo

        Potete suonarvela e cantarvela come volete, sta di fatto che avete commesso attentati terroristici e gli italiani sono ormai estromessi dalla vita politica. La questione non risale certamente al fascismo, che anzi cercò di regolarla. Ai tedeschi è stato fatto scegliere se rimanere in Trentino o trasferirsi nel Reich, ma al termine della guerra gli opportunisti hanno preferito ritornare nella tanto odiata Italia. Le polemiche attorno al monumento alla Vittoria e la cancellazione della toponomastica in italiano sono emblematiche di ciò che devono subire gli italiani, traditi e dimenticati anche dai partiti nazionali.

        • heidevolker

          La questione non risale al fascismo? Il fascismo stesso cercò di regolare? D: I Sudtirolesi tedeschi? Ritornare nell’odiata Italia? Italiani estromessi dalla politica? (LUIGI SPAGNOLLI sindaco di Bolzano.. Non credo tu viva In Trentino-Alto Adige, altrimenti capiresti che le cose sono molto diverse da come la pensano i disinformati.. Gli attentati ai tralicci non sono da generalizzare, perchè sono stati opera solo di una frangia violenta come tante purtroppo. Ma la questione sta a monte. I sudtirolesi, in quanto parlano una lingua diversa e hanno costumi diversi, sentono fortemente il bisogno di difendere la loro identità culturale e BASTA (come i sardi), senza alcun odio verso i propri connazionali. Ultima cosa: il monumento alla Vittoria. Per i sudtirolesi il fascismo è stato un colpo durissimo (cambio al 40% della moneta, storpiatura dei cognomi, divieto di apprendere il tedesco a scuola) e quindi è più che naturale che ancora oggi molti storcano il naso dinnanzi al monumento che ricorda una pagina molto buia del loro passato. In ogni caso è lo stesso presidente della provincia Durnwalder ad aver detto che il passato è passato e che è necessario guardare avanti, addirittura con l’idea di rendere l’arco un museo. Detto questo basta.

      • Passione Maglie

        L’OT si è già sviluppato abbastanza, torniamo a parlare di maglie per cortesia.

  • V

    molto belle.garman molto bene!

  • Maurizio

    Molto belle le prime due maglie. Utile la terza

  • Niccolò Nottingham Forest

    Come third avrei scelto la terza da sinistra, mantenendo i riquadri colorati in bianco e rosso. In alternativa anche qualcosa in stile PSG di due stagioni fa, sostituendo però le losanghe agli scacchi. Così avremmo visto un terzetto di divise uniche ma il lavoro già così è degno di lode.

    http://i615.photobucket.com/albums/tt232/footballer2010/psv-09-11-away-nike-kit.jpg

  • Lorenzo

    Molto bella la prima anche se io avrei votato per la nove .. La seconda e La terza mi piacciono molto … Belli i numeri fatti in questo modo .. Complimenti … gran maglie!!

  • Lorenzo

    Molto bella la prima anche se io avrei votato per la nove .. La seconda e La terza mi piacciono molto … Belli i numeri fatti in questo modo .. Complimenti … gran maglie!! Speriamo di vedere presto il sudtirol in serie b

  • nickfoto

    Mi piacciono tutte moltissimo ed ho notato la somiglianza di una delle maglia papabili con quella del Bari anni ’90 targata Bari. Apprezzo molto di meno (nulla di politico, non mi permetterei mai) il fatto di voler infilare il tedesco ovunque, anche prima dell’italiano…

    • nickfoto

      Targata Adidas, intendevo! 🙂

  • Pingback: Camisa do FC Südtirol – Quem? | Minhas Camisas()

  • MARCO0890

    Molto belle e particolari:
    HOME 7
    AWAY 5
    THIRD 6

  • stefano

    a me la bianco/rossa piace..

    ps: ma allo stadio i cori vengono fatti in tedesco o in italiano ??

  • Roberto

    Io probabilmente avrei scelto la seconda da sinistra, quella con gli scacchi più piccoli che trovo una maglia semplicemente spettacolare… Comunque, anche questa non è affatto male! Un po’ peggio la away, di cui non apprezzo il disegno astratto, e molto essenziale la third. Voti:

    Home 7
    Away 6
    Third 6