SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

È stata la prima squadra a svelare mesi fa i bozzetti della nuova stagione, ora le maglie dell’Empoli 2014-2015 sono state presentate ufficialmente.

Per il ritorno in Serie A il club empolese mantiene lo sponsor tecnico Royal e si affida ancora a Massimiliano Ciabattini, tifoso e collezionista doc, che sotto la supervisione dei responsabili marketing Rebecca Corsi e Gianmarco Lupi ha disegnato le nuove divise.

Presentazione maglie Empoli 2014-2015

Pezzo forte della prima maglia azzurra sono i monumenti di Piazza Farinata degli Uberti, comunemente conosciuta come Piazza dei Leoni: sul lato sinistro, a sovrastare lo stemma dell’Empoli, si distinguono le sagome della Collegiata di Sant’Andrea con il campanile trecentesco e la fontana del Pampaloni. Da qui partono due righe bianche di spessore diverso che terminano in fondo.

Il colletto bianco alla coreana che si estende fino al centro del petto è arricchito da un profilo azzurro e da un bottone a scomparsa. Un altro dettaglio è la cerchiatura bianca sulla manica destra che si collega alla medesima fascia sulla gamba. Infine sul retro del colletto è stampato il soprannome “Azzurri”.

Simboli cittadini maglia Empoli 2014-15

Empoli prima maglia 2014-2015

Font nome numeri Empoli 2014-2015

I pantaloncini sono azzurri con un bordo bianco sulla cintura e in fondo alla gamba destra, oltre alla già citata fascia. L’acronimo EFC decora invece i calzettoni azzurri con risvolto bianco.

La seconda maglia mantiene il classico colore bianco per le trasferte con una banda centrale azzurra che scende dal colletto. Su questa c’è un profilo bordeaux che richiama le origini dell’Empoli, lo ritroviamo poi anche sulla manica destra e sui calzoncini.

Seconda maglia Empoli 2014-15

Ultima opzione per i calciatori di movimento è la terza maglia, quella scelta dai tifosi in primavera tramite un sondaggio online fra quattro proposte. Il colore di base è il vinaccia, molto caro al presidente Corsi e ripreso più volte nel recente passato.

Empoli terza maglia 2014-2015

Sul petto una riga biancazzurra diagonale divide le due tonalità di vinaccia, una soluzione che richiama esplicitamente la maglia casalinga “stile Monaco” del 2004-05, quella legata alla promozione in Serie A.

Maglia Empoli 2004-2005

Una formazione dell’Empoli nella stagione 2004-2005

 

Capitolo sponsor: ai noti NGM e Computer Gross si affianca per quest’anno Banca Dinamica, applicato sotto il numero dopo l’approvazione della Lega Serie A in merito al quarto sponsor. Royal è invece presente con il lettering sul davanti e con il logo sulle maniche.

Cambiano anche le personalizzazioni, con il font di nomi e numeri sviluppato per il terzo anno consecutivo dall’ufficio marketing del club. Alla base dei numeri ricompare l’acronimo EFC.

A livello tecnico Royal ha introdotto sui lati delle casacche una serie di fori, di chiara ispirazione Nike, per migliorare la traspirazione.

Nel corso della serata in cui è stata presentata la squadra ai tifosi, le nuove maglie sono state indossate da quattro vecchie glorie dell’Empoli: Antonio Buscè, Rosario Guarino, Carmine Esposito e Gianluca Berti. Quest’ultimo portava la maglia gialla destinata ai portieri. La prima scelta per gli estremi difensori, vista in campo contro l’Udinese, è invece in grigio.

Come giudicate il nuovo look dell’Empoli 2014-2015?

Photocredit parziale: empolifc.com

  • alex 85

    mille volte meglio queste con qualche difettuccio che più della metà di quelle del resto della serie A. Tenetevi Nike che almeno queste sono fatte per identificare una squadra.

    • TITO

      bravo.

    • iac88

      applauso!

    • adb95

      sfogo più che giusto

      comunque la maglia è ottima, non mi convince solo un po’ il font e la fascia sulla manica.
      Passabili seconda e terza

    • Roberto 85

      Perfettamente d’accordo con te!

  • Lorenzo

    Con tutti questi sponsor però si rischia di diventare come la Ligue 1…

    • adb95

      A conti fatti direi: togli sponsor, il font e forse la fascia (perché magari senza gll sponsor sarebbe anche bella da vedere chissà), allora diventa la mia maglia perfetta

  • Swan

    Bah, non sono maglie da buttare però mi entusiasmano poco.
    Secondo me la migliore è quella bianca, mi sembra la più lineare. In generale mi infastidisce la presenza di troppe linee sottili, di diverso spessore nella home e mal posizionate nella third.
    Vedo tanti piccoli dettagli che per me rendono poco, si confondono con le scritte degli sponsor.
    Mi piacerebbe vedere l’Empoli con maglia azzurra e maniche bianche stile Arsenal, sarebbe d’impatto e caratteristica senza ricorrere a righine o disegnini.

    • ThePickwickPub

      Nella risposta cerco di seguire il tuo post.

      A quali linee “mal posizionate nella third” ti riferisci? Può darsi che abbiano una certa collocazione per un motivo specifico, specificamele e vediamo di approfondire.

      Per coniugare in maniera ottimale l’abbinamento dettagli/sponsor sarebbe necessario però avere la palla di vetro, ovvero:
      – conoscere a Febbraio con certezza quale campionato la squadra disputerà (perchè fra A e B gli ingombri cambiano, sorvolando sull’arrivo a cose fatte del quarto sponsor);
      – disporre di analoga certezza per le grafiche che utilizzeranno gli sponsor (NGM, per esempio, avrebbe potuto voler dare visibilità ad una linea specifica di prodotti caratterizzata graficamente in maniera totalmente diversa dal brand principale, quindi l’impatto sulla divisa sarebbe potuto cambiare significativamente).

      Quanto sopra per farti capire che, in assenza di determinati input, l’unico sistema per garantirsi a priori di non “perdere” in nessun caso la resa del dettaglio sarebbe di rinunciarvi in partenza.

      Fra le varie proposte era stata elaborata anche una soluzione come quella che suggerisci, ma ci è parso più importante realizzare qualcosa che rimarcasse il legame fra squadra e città (seguendo la linea tracciata dal claim della scorsa campagna abbonamenti “Uniti…si può!”) che non rielaborare in chiave empolese la divisa dell’Ipswich Town.

      • Swan

        Ti rispondo volentieri.
        Riguardo alla third la linea diagonale biancoblu è posizionata troppo in basso, la parte superiore della stessa finisce sotto l’ascella piuttosto che sulla spalla al contrario della divisa del 2004-05.
        In generale nelle tre maglie vedo troppa asimmetria e la cosa, personalmente, non mi entusiasma.
        Poi, come hai specificato tu, se nel preparare una maglia bisogna tenere conto di diversi fattori (citi il fatto del sapere se l’Empoli avesse giocato in A o in B: ma lo spazio destinato agli sponsor sul fronte della maglia non è lo stesso per entrambe?), perché optare per dettagli come righe sottili e silhouette che si perdono tra scritte varie? A me la maglia home vista da media distanza da un’idea di confusione tra scritte e linee di varia dimensione e la silhouette dei monumenti che si ingarbuglia con lo stemma.
        Ti ripeto, avrei visto meglio una maglia con dettagli solidi tipo maniche bianche piuttosto che hoops con due tonalità di blu senza dover inserire altri elementi per renderla unica, anche perché a quello ci pensa già lo stemma a prescindere da tutto.

        • ThePickwickPub

          Nel 2004/05 la diagonale si raccordava sulla spalla perchè da lì proseguiva sulla schiena (con l’inconveniente dell’effetto “barrato” sulla personalizzazione). Fra l’altro per evitare che il raccordo venisse “tagliato” dalla cucitura della manica con risultati diversi a seconda della taglia, la stessa fu realizzata più spostata sul braccio che non sulla parte finale delle spalle, con un effetto “spalla cadente” che non era esattamente il massimo.

          Se guardi la divisa 2005/06 riportava invece lo spostamento della diagonale in una posizione similare all’attuale, proprio per evitare il problema.

          Riguardo i dettagli, la tua è una constatazione legittima ma è un’analisi (giustamente) da appassionato e non da tifoso dell’Empoli…il tifoso ha dimostrato, per quelli che sono i feedback ad oggi, di cogliere e apprezzare il dettaglio anche estrapolandolo dall’insieme: gli elementi non sono colti per oggettiva consistenza ma per l’importanza che rivestono ai suoi occhi…e gli elementi cardine della “empolesità” della maglia non avrebbero mai potuto essere rappresentati solo da elementi solidi. Non so se sono stato in grado di renderti l’idea.

          Tema sponsor: le superfici aumentano dalla B alla A. Senza entrare nei dettagli dei cm2 esatti, ti basta il colpo d’occhio sul “Computer Gross” 2014/15 rispetto al 2014/13 usando come “scala” la scritta “Royal”.

        • Swan

          Si, diciamo che il tifoso empolese preferisce una maglia tinta unita con elementi territoriali ( serigrafie, ecc.) piuttosto che una con elementi solidi di cui abbiamo parlato.
          Io la vedo in modo diametralmente opposto, nient’altro più dello stemma identifica la maglia ed il club in generale, quindi preferisco vedere maglie con elementi ben contraddistinti piuttosto che accennati/asimmetrici.
          Non sapevo che in A la superfici degli sponsor aumentassero rispetto alla B (ho visto la differenza di Computer Gross come hai suggerito), un regalone della lega serie A per le neopromosse.

        • ThePickwickPub

          Sono due modi diversi di approcciare al discorso: nulla vieta in futuro che, dopo maglie molto “cariche” di dettagli e inserti come quelle delle ultime due stagioni, si torni a qualcosa di più essenziale (come fatto per prima e seconda maglie nel 2011/12, ultima stagione con Asics).

  • Faretra

    Beh che dire? Per me sono maglie a dir poco favolose! Il design della prima ricorda la home del verona dell’anno scorso, ma la genialata dei simboli cittadini la rende non una maglia DELL’Empoli, ma quasi una maglia DI Empoli. Della seconda mi piace il richiamo al bordeaux, la terza è bellissima con la combinazione bordeaux-rosso e il richiamo ad un modello “storico”. Stra-promosse, grande Royal! 😀

  • Faretra

    Ora che tutta la Serie A ha presentato le divise, ecco la mia personale classifica, con voto medio e voto alle singole maglie:

    ROMA 8 (8,5 – 8,5 – 7)
    CHIEVO 7,83 (7,5 – 9,5 – 6,5)
    EMPOLI 7,83 (9 – 6,5 – 8)
    LAZIO 7 (6 – 8,5 – 6,5)
    PALERMO 6,67 (7 – 7 – 6)
    CAGLIARI 6,58 (6,5 – 7+ – 6)
    SAMPDORIA 6,5 (6,5 – 6,5 – 6,5)
    JUVENTUS 6,41 (7,5 – 6,5 – 5+)
    GENOA 6,37 (6 – 7+)
    PARMA 6,33 (6 – 6 – 7)
    TORINO 6 (6 – 6 – 6) non è un messaggio subliminale 😛
    NAPOLI 5,75 (5,5 – 6) in attesa della away fuori dagli schemi
    VERONA 5,75 (5 – 6,5)
    ATALANTA 5,67 (7 – 6 – 4)
    SASSUOLO 5,66 (6,5 – 3,5 – 7)
    CESENA 5,5 (5 – 5 – 6,5)
    INTER 5,33 (5 – 7 – 4)
    UDINESE 4,5 (4 – 5)
    FIORENTINA 4,5 (4,5 – 6,5 – 3)
    MILAN 4 (4 – 3 – 5)

    La Home più bella è dell’Empoli, la Away più bella è del Chievo, la Third più bella è ancora dell’Empoli.

  • pongolein

    bello il richiamo ai luoghi emblematici della città, ma queste dell’empoli, e per distacco, sono le maglie più brutte della Serie A.

    • GIGIO

      Hai ragione, visto che non fanno parte del catalogo di Adidas

  • davide88

    sono originali no c’è che dire.. gli darei più di una sufficienza piena.
    Gli sponsor sono tanti è vero però nel totale della maglia ne ho visti di più invasivi. Molto meglio di tante maglie da catalogo messe dalle squadre di metà classifica che non hanno personalizzazioni, non sono identificative e originali. evidentemente mettere uno swoosh fa vendere di più perché sembra una marca importante

  • Mr74

    Molto belle, ricordano vagamente le ultime maglie asics dell’Empoli, che erano davvero notevoli. Unica pecca il bordo manica esageratamente abbondante(una moda che non capisco e non apprezzo) e la presentazione con questi panzoni!!!(lo dico scherzosamente, tra l’altro riconosco il grande e simpaticissimo Berti).

  • Mr74

    Comunque io sono un amante dei brand chiamiamoli di seconda fascia…..e in questo caso, salvo un’originalità di fondo indiscutibile, ci sono troppi richiami a nike(maniche, fori laterali e vagamente il colletto) e devo dire che non c’è niente di peggio di un piccolo brand che scimmiotta nike adidas o puma.

    • ThePickwickPub

      Spezzo una lancia a favore di Royal in relazione a due punti su tre delle tue osservazioni.

      1) Il colletto lo avevamo già previsto con questa foggia in epoca Asics (dovrebbe esserci ancora l’articolo pubblicato su PM) quando andò però in produzione con i lembi affiancati nonostante l’ipotesi di inserire i laccetti, e quindi di aver necessità di realizzare le asole, fosse tramontata.

      Curiosamente allora fummo accusati di aver replicato il colletto delle Adidas uscite nel medesimo periodo (!?) benchè i fatti, i tempi ed i prototipi palesassero che l’ipotesi non aveva ragion d’essere.

      Non mi sognerei mai di dire che Nike abbia “copiato” una nostra ipotesi presentata ma non realizzata, più semplicemente sono consapevole che alcuni elementi sono quasi invariabili per loro stessa natura. Fai giustamente il paragone più immediato con le Nike più recenti, ma se vai a ritroso nel tempo di similari ne troverai moltissimi altri.

      Fra l’altro il template che ci aveva proposto la Royal non prevedeva nemmeno questo tipo colletto e che la produzione di catalogo probabilmente prevederà come standard un’altra soluzione

      2) Riguardo gli inserti traforati, li aveva già proposti in una foggia similare già Adidas nelle away del Milan 07/08 (per citare il primo esempio che mi viene in mente). Il discorso è analogo a quanto detto sopra: l’inserto mi espleta al meglio in quella zona e con quelle dimensioni la funzione per la quale viene realizzato, metterlo da un’altra parte e farlo diversamente perchè altri produttori lo hanno presentato in quel dato modo ha poco senso.

      E’ come se alla presentazione di una nuova auto ci si lamentasse del fatto che i sedili sono rivolti verso il parabrezza e avvolgono il conducente: girarli verso il lunotto e farli convessi non sarebbe esattamente un colpo di genio ma una bizzaria fine a se stessa.

  • Jack

    La prima veramente molto bella. Una soluzione che compre la mancanza del campanile sullo stemma. La seconda per gusti personali non mi entusiasma per la banda centrale verticale. Terza bella l’idea, ma si poteva realizzare meglio. Peccato per la presenza dei troppi sponsor.

  • Daniele Costantini

    Interessante la home, innovata dalla banda laterale che culmina nella Collegiata. Away, nonostante l’impegno, un po’ “sempliciotta”, non mi convicne appieno. Decisamente interessante la third con trinciatura tono su tono, contraddistinta da quel vinaccia che ormai sta entrando a pieno titoli tra i colori da trasferta dei toscani.

    Ben fatta anche la maglia gialla affibbiata all’estremo difensore, con un template che, rispetto alla away, trovo in questo caso più riuscito su base gialla; io l’avrei addirittura promossa a seconda divisa al posto della bianca!

    A latere, non concordo assolutamente con chi le giudica le peggiori uniformi della Serie A: per quel che è il mio pensiero, ce ne fossero in massima serie di casacche così curate e studiate…

  • sergius

    Se rapportate alle versioni indossate dall’Empoli nelle ultime due o tre stagioni, sono di un altro pianeta anche se non mi suscitano particolari entusiasmi. L’accostamento delle maglie di calcio ai simboli cittadini è comunque sempre cosa apprezzabile.

  • Eugenio

    Non sono bellissime, ma di certo non sono le più brutte .. Sono sulla sufficienza .. Il problema è che si vuole fare grandi cose mettendo particolari ecc., ma con sponsor e altri elementi nelle maglie si crea solamente casino .. E per una maglia non è di certo un fatto positivo.

    La prima è la maglia che, fra le tre, più rafforza la mia tesi.. Si, bella l’idea del simbolo cittadino, ma lo sponsor che lo taglia è uno schifo. Stemma quasi mangiato da quest’ultimo .. Per non parlare della presenza di un quarto sponsor che nonostante la sua posizione crea disordine . Appena sufficiente. 6

    Per la seconda siamo lì .. Sullo stesso discorso .. Sembra leggermente più pulita perché stemma e logo NGM sono più lontani .. Da apprezzare comunque la linea bordò e le maniche bicolore, che non guastano mai come nella prima .. 6,5

    La terza sembra la più pulita e quindi la migliore, con un bel design e bel colore .. 7+

    • ThePickwickPub

      Sull’integrazione sponsor/dettagli ti rimando a quanto già risposto a Swan sopra, mi pare che il contenuto dell’osservazione sia analogo.

      • Eugenio

        Onestamente non guardo i commenti degli altri .. Adesso che me l’hai fatto leggere ( superficialmente, ma me l’ahi fatto leggere ) ho capito che c’entri qualcosa con la produzione di queste maglie e vivi pienamente quello che succede con le maglie dell’Empoli e per questo le difendi così tanto.
        Ho solo detto che li sponsor, come al solito, hanno fatto il loro gioco sporco nel vero senso della parola; E quindi i bei particolari vengono sopperiti dagli sponsor, sempre più numerosi e invasivi. Non ho detto che siano fatte male e, a differenza di altri ( vedo tante risposte lunghe, sempre tue ) non ho accusato di aver ” copiato ” Adidas Nike ecc…
        E poi, se vogliamo andare nello specifico, Swan è stato molto più analitico di me, criticando posizioni di righe ecc…. Io ho solo parlato male degli sponsor, dato che le maglie mi sembrano molto belle.

        • Eugenio

          gli sponsor *

        • ThePickwickPub

          Più che “difenderle” cerco di far luce su alcuni punti che magari non sono a conoscenza del grande pubblico, o che si tendono a tralasciare, situazioni che però hanno ripercussioni significative sul risultato finale e che non sempre sono controllabili da chi lavora al progetto.

          Chiaramente, lungi da me qualsiasi volontà polemica verso chi esprime civilmente le proprie valutazioni: lavorando su temi di questo genere si deve accettare a priori il fatto di essere sottoposti al giudizio del pubblico.

        • Matteo Perri

          @Eugenio
          Solo per la cronaca, credevo fosse risaputo, ThePickwickPub è il Massimiliano citato nell’articolo 🙂

        • Eugenio

          Ah si ?
          Io lo conoscevo solo come uno dei primi utenti di PM, non sapevo che avesse questo ruolo .. Questo rafforza ancora di più il mio parere su Passione Maglie : ti da anche la possibilità di discutere con chi ha creato le divise che stai commentando ! ..

  • Riccardo

    Divise belle e adatte al club…
    Prima divisa molto bella per il modello che rispetta la tradizione..
    Seconda e terza belle anche loro per i modelli che non escono troppo dal normale..esatte le idee per i colori delle divise..

    Home: 8
    Away: 7
    Third: 6,5

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Sempre ottima la scelta dell’Empoli di collaborare con l’esperto Massimiliano Ciabattini. Poi è lodevole l’iniziativa di far scegliere ai tifosi la terza maglia.
    Passando all’analisi delle divise devo dire che la home mi piace. Inizialmente le silhouette dei due monumenti cittadini non mi entusiasmava molto, avendo fatto l’occhio però mi piacciono.
    Anche la maglia away mi piace, molto lineare e definita. Ottimo il dettaglio bordeaux che richiama le origini della squadra.
    Sulla scelta della divisa third io avrei scelto il modello “A”, quello a base bordeaux con la parte alta divisa orizzontalmente in bianco e azzurro. Tra le opzioni di scelta quella che poi è stata realizzata secondo me è la meno bella.
    Belle anche le divise grigia e gialla (che presumo dei portieri).

    • ThePickwickPub

      Grigia e gialla ti confermo che sono entrambe previste esclusivamente come maglia-portiere. Riguardo il sondaggio per la terza maglia, anch’io all’epoca parteggiavo per il modello che descrivi…che se non erro arrivò tuttavia solo terzo su quattro in lizza. De gustibus…

  • Renzo

    il festival dell’asimmetria!

  • FDV

    Impressioni positive nel passaggio da bozzetti a maglie vere.

    La silhouette dei luoghi cittadini della prima maglia è un’idea molto bella, ma non mi fa impazzire esteticamente la doppia linea che scende giù dallo stemma, mentre trovo lo stesso elemento molto migliore in versione biancoazzurra sul grigio della maglia da portiere.
    Ciò che mi piace meno però è la generosa bordatura bianca sulla sola manica destra, per dimensioni e per l’assenza della stessa sull’altra manica.

    Lo sponsor Banca DinAmica sul retro è più accettabile senza l’orrenda toppa bianca che mi sembra di aver intravisto in amichevole estiva o in Coppa Italia.

    La maglia bianca sulla carta è quella con meno personalità delle tre, ma l’effetto delle righe a colori alternati è molto accattivante soprattutto grazie all’aggiunta del vinaccia.

    La terza è quella che preferisco nel complesso. Quel modello Monaco mi piaceva all’epoca e vederlo riproposto oggi in variante vinaccia è molto piacevole.

    • ThePickwickPub

      I responsabili del gruppo CARISMI dopo la gara di Coppa Italia hanno convenuto, come auspicavamo, sull’opportunità di rivedere l’inserimento grafico del quarto sponsor sulla divisa: il risultato finale è decisamente migliore e credo che anche loro ne traggano un ritorno positivo.

      Certamente i tifosi hanno apprezzato la sensibilità dello sponsor nel rivalutare la propria posizione iniziale, cosa non da cronache di tutti i giorni in quest’ambito.

  • Roberto 85

    La Third con la diagonale è semplicemente bellissima… Ma sono più che buone anche la Home e la Away! Altro che Nike e simili! Voti:

    Home 6,5
    Away 7
    Third 7,5

  • rudiger

    Apprezzo molto la fascia verticale della prima che, con le silouette dei monumenti sembra coronare lo stemma con molta naturalezza. L’avrei alzata giusto un po’ di più sulla spalla per farla risaltare; così è un po’ messa in secondo piano dal colletto imbiancato. In questo sono d’accordo con le critiche di Swan e altri: quando si mette un elemento forte sulla maglia, troppi dettagli di contorno rovinano l’effetto. Avrei risparmiato il colletto a contrasto, il manicone bianco (anche se apprezzo l’asimmetria) e il bordino fondomaglia. Il “pinnacolo” dei monumenti comunque è veramente un’idea notevole. Complimenti. Mi piace anche la striscia centrale della maglia bianca: mi ricorda l’estetica del baseball, che mi affascina molto, e mi piace come è stata composta, con righe di misure diverse. La rossa invece la boccio per i motivi scritti da Swan. Ho letto e capito le ragioni di Massimiliano ma, a mio parere, se un’idea risulta troppo complessa da mettere su una maglia, è preferibile rinunciarci.
    detto del mio apprezzamento

    • rudiger

      … per lo sforzo creativo dico anche che purtroppo è tutto inutile se poi su delle maglie così appassionatamente concepite, e in definitiva ben riuscite (le prime due), devono poi sbarcare i mezzi corazzati degli sponsor. Prendetela come una provocazione, ma non vale proprio la pena darsi tanto da fare per cucinare il piatto a puntino se poi il “cliente” ci sbatte sopra una cucchiaiata di ketchup perché “chi paga ha sempre ragione”.

      • ThePickwickPub

        Ti ringrazio dell’apprezzamento. Per quanto riguarda il resto, considerazioni anche condivisibili, posso solo dirti che cercherò di rendere i futuri kit il più possibile “a prova di sponsor”…a patto che non ne autorizzino un altro paio “nuovi” 15gg prima dell’inizio della stagione 🙂