SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

In Inghilterra la pattuglia del brand Erreà continua a crescere, poche ore fa è stato ufficializzato l’accordo pluriennale con il Queens Park Rangers che attualmente milita in Championship.

Terminata in anticipo l’avventura del marchio Dryworld, la prestigiosa squadra londinese ha scelto Erreà dopo un’attenta analisi, come dichiarato da Euan Inglis, direttore commerciale del QPR: “Siamo davvero entusiasti di questo accordo. Abbiamo avviato nei mesi scorsi un’attenta e rigorosa selezione per identificare il miglior partner tecnico tra le numerosissime offerte che ci erano pervenute. Erreà ci è sembrato da subito quello ideale per noi per molteplici motivi. Primo tra tutti la sua capacità di produrre e fornire materiale completamente personalizzato per il nostro club, per noi prerequisito essenziale. Oltre a questo il fatto che Erreà rappresenta una delle poche realtà in Europa ad essere rimasta produttrice, qualità che assicura il controllo dell’intera filiera produttiva, celerità dei tempi e eccellente servizio. Tutto questo ci aprirà incredibili opportunità a livello di merchandising”.

Maglia QPR 2016-17

Entusiasta anche Angelo Gandolfi, fondatore e presidente di Erreà che ha così commentato: “Siamo veramente orgogliosi di iniziare questa storica collaborazione che ci lega a uno dei club più famosi e importanti di Londra. È stato un onore poter lavorare a stretto contatto con il Club nella creazione dell’intera linea di abbigliamento e in particolare del nuovo kit gara che sarà un giusto mix tra modernità e innovazione”.

Il QPR si aggiunge così a Norwich City, Millwall, Mk Dons, Port Vale, Rochdale, Blackpool e numerosi team inglesi nelle serie minori.

Un orgoglio italiano che ormai è una certezza anche all’estero, avanti Erreà!

  • Geeno Lateeno

    Gran bel colpo.
    Sono pronto a scommettere che Erreà farà un bel lavoro

    • Franz

      Il gran colpo e’ del QPR che invece che fare come molte societa’ nostrane (spasmodica ricerca dei mega brand, rinunciando a maglie personalizzate) sceglie un marchio piccolo ma che produce da se’ e insieme al committente. Con Norwich hanno fatto globalmente un bel lavoro negli anni (con certe “chicche” che fossero state proposte da piu’ famosi produttori avrebbero ottenuto ben altra accoglienza), meno brillante l’esordio col Milwall: buona la home, decisamente infelice il pigiamino away.

      • Geeno Lateeno

        Yessss…. Erreà cura molto la personalizzazione dei particolari (ed in questo ha un approccio molto simile a Macron)… e quindi anche ad occhi praticamente chiusi si può dire che il QPR si presentarà con tutto fuorchè maglie a catalogo…

  • Swan

    Strano, il QPR aveva sottoscritto un contratto decennale con Dryworld solo la scorsa estate, i cui kit attualmente in uso sono tra i miei preferiti a livello europeo.
    Beh, buon per Errea che ingloba un club di prestigio e che in Inghilterra sta producendo kit apprezzabili da anni.

    • Franz

      Credo che sostanzialmente siano falliti o giu’ di li’, infatti il Watford ha firmato con adidas e l’Atletico Mineiro con Topper. Vedremo dove andra’ la Fluminense.
      Comunque anch’io ho apprezzato i loro lavori, peccato.

      • Swan

        Grazie della info.

  • maruego

    a mio umile giudizio, un marchio estremamente sottovalutato, che ha sempre fatto dei buoni lavori.