SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

L’antefatto.
La primavera scorsa è bastato il restyling del logo dell’Everton per suscitare una mobilitazione di massa tra i tifosi della sponda blues di Liverpool, che avevano definito il nuovo stemma ‘ridicolo e clownesco’.

Deulofeu maglia Everton 2013-14

Nel maggio 2013, infatti, forte di un accordo con Nike come sponsor tecnico, la società di Goodison Park decise di abbandonare lo stemma cucito in petto dal 1991 a favore di uno graficamente più snello e minimale, allo scopo di renderlo “facilmente riconoscibile e replicabile” soprattutto su piccola scala. Insomma, esigenze di marketing e di promozione mediatica che, come sottolineato dal project manager, Jim Fantozzi, e dal direttore commerciale, Dave Biggar, avrebbero portato a riconoscere meglio il logo della squadra soprattutto nelle situazioni in cui gli elementi testuali e grafici diventavano illeggibili o irriconoscibili, soprattutto in ambito televisivo.

Evoluzione stemma Everton

Si decise quindi di andare verso un riadattamento grafico che tenesse in considerazione gli elementi del logo come un tutt’uno, piuttosto che lavorare singolarmente su ciascuno dei componenti. Queste le premesse. I risultati, invece, sono stati tutt’altro che positivi: da una ridefinizione si è passati ad un vero “breakdown” grafico: vennero, infatti, rimossi due elementi che fanno parte del primo stemma ideato dall’amministratore delegato della società, Theo Kelly, nella stagione 1937/38 e utilizzato solo a partire dal 1978 e ripeso, nel 1991, vale a dire la coppia di corone di alloro che accompagnano la Prince Rupert’s tower e il motto “Nil Satis, Nisi Optimum” (Niente, al di fuori dell’ottimo, è abbastanza).

E’ bastato questo a scatenare l’ira dei Toffees che non hanno ingoiato l’amara caramella e hanno lanciato una petizione online, firmata da circa 14.000 Evertonians, parallelamente ad un’accanita campagna twitter a colpi di hashtag #thingsthenewevertonbadgelookslike (a cosa somiglia il logo dell’Everton – dalla casa degli gnomi ad una filiale di Pizza Hut).

Stemma Everton 2013-2014

A parte i giudizi di tipo grafico ed estetico (i Toffees lo definiscono ‘uno stemma amatoriale’, ‘graficamente povero’) a pungere sul vivo i supporters dell’Everton è stato, nella fattispecie, l’eliminazione del motto latino dallo stemma, un motto che esprime lo status, la motivazione nell’essere tifoso di questa squadra: «Eliminare il motto dallo stemma è come eliminare una parte importante del club: è stata una disgrazia», «Non acquisterò mai più una maglia dell’Everton finchè non verrà reinserito il motto nello stemma» è quello che si legge tra i commenti dei firmatari della petizione.

Immediato è stato il dietro-front della società: nel comunicato, “A Message to Evertonians”, apparso il 28 maggio 2013 sul sito ufficiale del club, i dirigenti si scusano con i tifosi dichiarando di ‘aver capito forte e chiaro’, sottolineando il rammarico per non aver considerato l’idea di coinvolgere i Toffee su qualcosa, lo stemma, a cui tengono molto. Pertanto la decisione è stata quella di trovare un punto di incontro tra società e tifosi in modo da ‘put it right’, rimediare al danno, attraverso una campagna per la stagione 2014-15 che porti i tifosi ad essere parte attiva nella creazione del nuovo stemma societario, non solo attraverso un sondaggio on-line ma con l’invio del proprio disegno elaborato di gruppi di lavoro che rappresentano i tifosi dell’Everton.

Votazione stemma logo Everton

Tre mesi dopo.
Dal 27 agosto fino a ieri, più di 20.000 Evertonians, insieme allo staff, ai giocatori e partner della società, hanno preso parte alla discussione sul nuovo volto grafico da dare al club, consci del fatto di dover procedere verso uno svecchiamento del simbolo senza però rinunciare allo storia che esso rappresenta. Soprattutto perché «l’Everton non è semplicemente un club, ma uno stile di vita e, per molti, qualcosa per cui vale la pena vivere».

Perciò, la sfida è stata quella di trovare un giusto mix tra il vecchio e il nuovo, tra lo spirito di vittoria e la dignità della sconfitta radicati nella storia del club e l’apertura verso un nuovo modo di esprimere queste qualità. In grandi linee, gli elementi che la maggior parte di tifosi volevano fossero mantenute sono la Prince Rupert’s Tower, simbolo della storia del club, il motto “Nil Satis, Nisi Optimum”, il nome del club con l’anno di fondazione e il royal blue come colore. E’ stato intorno a queste quattro componenti che si è maggiormente concentrata la creazione di tre stemmi che, adesso, sono sottoposti a votazione, riservata a coloro i quali hanno un numero di registrazione sul sito in quanto abbonati o che acquistano on-line i biglietti delle partite, aperta fino alle 23:59 del primo ottobre sul sito del club.

Per ogni stemma proposto è presente una sezione dedicata in cui si trova la descrizione e la simulazione per il merchandising, lo stadio, il sito e le riviste; in più viene proposta una versione ‘in negativo’ e una breve presentazione video con rendering del logo. Vediamoli nel dettaglio.

STEMMA A

Everton stemma opzione A

E’ lo stemma più vicino a quello elaborato nel 1938 da Theo Kelly: il riferimento alla tradizione del club e alla sua storia è forte e mantiene con sé tutti gli elementi grafici di quella elaborazione ma resi più moderni. Le figure quali la Torre, le corone di alloro sono poste su uno scudo blu con bordatura bianca, proprio a simboleggiare vittoria ed appartenenza al club, quest’ultima resa più esclusiva dall’inserimento del nome, dell’anno di fondazione e dal motto racchiuso in un nastro attaccato alla base dello scudo per simboleggiare la stretta corrispondenza tra club e way of life. E’ lo stemma che più fa da ponte tra innovazione e tradizione.

STEMMA B

Everton stemma opzione B

Nella seconda opzione proposta dal club di Goodison Park primeggia il nome del club: è la versione che più si avvicina a quella presentata in primavera, per minimalismo e presenza di elementi. Insomma, una piccola furbata. Sono state, infatti, eliminate le corone di alloro e il motto è stato portato all’interno dello scudo, leggermente più bombato rispetto alla prima opzione, questa volta con bordatura ambrata. Questa formulazione grafica è quella che più calza con l’idea di replicabilità all’interno dei circuiti del merchandising e della televisione.

STEMMA C

Everton stemma opzione C

Di tutt’altra veste grafica, invece, è la terza opzione. Il restyling riguarda, anzitutto, lo scudo, reso più snello e moderno dalla forma triangolare. Gli elementi grafici sono stati tutti mantenuti e, ad eccezione del motto posto in cima allo stemma, occupano le stesse posizioni dello stemma precedente. L’idea alla base di questa impostazione è quella di riformulare l’identità del club e dei suoi supporters in chiave ancora più moderna, più iconica, sostituendo alle curve dello scudo precedentemente usato, una forma che delinea e racchiude nettamente l’essenza dei valori del club.

Insomma, quello della stagione 2014-2015 sarà sicuramente lo stemma della gente, che avrà dato il proprio contributo dal momento che, come ha sottolineato Alan Myers, il direttore della comunicazione dell’Everton F.C., “tutti noi siamo l’Everton”.

Aggiornamento del 3 Ottobre 2013

Il popolo Toffees ha deciso, finalmente, che lo stemma del club, per la stagione 2014/2015, sarà il primo dei tre messi a votazione. L’Everton FC ha divulgato oggi i risultati del voto on line sul proprio sito internet mostrando la schiacciante preferenza da parte dei tifosi per il crest A, che ha ricevuto 10.343 voti con una percentuale del 78.18%. In pratica, un plebiscito.

Gli altri due stemmi, in ordine di presentazione, invece, hanno ottenuto rispettivamente 1.615 voti (12.21%) e 1.271 preferenze (9.61%).

Nel video di presentazione dello nuovo crest, il Direttore della Comunicazione, Alan Myers, si dice soddisfatto della scelta da parte dei tifosi perché “è [lo stemma] che racchiude quello che stavamo cercando ma con un tocco di modernità in più”. Uno stemma completo, dunque, “ottenuto senza togliere alcun riferimento diretto alla tradizione del club”: una scelta che mette d’accordo tutti perché questo stemma permette di inserire “tutta la storia del club di un unico disegno, ed è quello che i tifosi volevano: vedere la torre, vedere il motto, ed è molto importante che il Nil Sati sia tornato a far parte del crest”.

Lo switchover dello stemma inizierà con l’estate del 2014, fino ad allora l’Everton FC cucirà sul petto l’attuale crest, quello che tanto ha fatto arrabbiare i Toffees ma che, probabilmente, ha contribuito a saldare ancora di più tifosi e società.

Articolo di Giovanni Trombino per Passione Maglie

  • SaverioG

    Chapeau.
    Nient’altro.

  • Meyerside

    Complimenti per l’articolo, è raro vedere casi del genere nel calcio. Dei nuovi loghi a me piace la versione B.

  • Mickael Gelabale

    Stemma B

  • Moa

    Stemma A.
    E’ il più completo e classico.

  • RDF3

    Non conoscevo tutta la storia e mi ha molto appassionato complimenti. Tornare sui propri passi è indice di rispetto verso chi finanzia il calcio, noi tifosi. Bravo Everton.

  • JomaViola

    Stemma A senza indugio!

    • TITO

      sono d’accordo.

  • squaccio

    Stemma A ma credo che sceglieranno la C..

  • Simone

    Mi piace l’opzione A, ma credo vinca la B.
    La C stacca troppo con il passato, non credo sarà molto votato.

  • Djibril

    Ma cosa potevano aspettarsi i tifosi da uno che si chiama Fantozzi?
    scusate la battuta….

  • Daniele Costantini

    Ottimo articolo d’approfondimento.

    Venendo al succo della questione, premetto che non mi piaceva lo stemma in uso fino al 2012-13 (lo trovavo un po’ datato, e visivamente ‘dispersivo’); non mi piace assolutamente quello in uso nel 2013-14 (troppo semplice e banale, mi dà l’idea di un distintivo di polizia piuttosto che di uno stemma calcistico) e, purtroppo, non sono di mio gradimento neanche le proposte confezionate coi tifosi per la futura stagione 2014-15: da una grande sollevazione popolare come questa, che ha peraltro fatto molto rumore, mi aspettavo un livello grafico ben più alto.

    Diciamo che opto per la soluzione ‘A’, quella più vicina all’idea originale del 1938, e in generale quella che mi trasmette una maggiore idea di ‘prestigio’… ma è una preferenza unicamente dettata dal motto: “il meno peggio…”.

    Beninteso, ciò non implica assolutamente un critica all’iniziativa dell’Everton, assolutamente lodevole – magari tutti i club interpellassero sempre loro tifosi! – né tantomeno verso le scelte di tutto il popolo degli Evertonians, che anzi hanno creato assieme il *loro* stemma di cui è giusto che siano fieri. Semplicemente, in parole povere, nessuna delle tre proposte fa impazzire: personalmente, avrei trovato stupendo riproporre il trigramma ‘EFC’ del 1920; ma tutto questo è ovviamente soggettivo.

  • MarlonBrando

    Fortunati gli Evertonians.
    Bello essere english.
    Certe volte.
    Non sempre.

    • ferro

      …soprattutto a… tavola!

  • magliomane

    Che domande. Opzione A tutta la vita!
    E aggiungo: se gli evertonians dovessero scegliere una qualsiasi altra opzione, farebbero la figura dei buffoni. Tanto baccano per cambiare uno stemma lontano dalla tradizione per poi sceglierne un altro praticamente identico (opzione B) oppure ancora più lontano dall’originale (opzione C).

    Credo sarà un plebiscito per la A.

  • Swan

    Un elogio al management dell’ Everton che è tornato sui suoi passi capendo che i tifosi sono l’anima del club, appassionata ma anche fiera delle proprie tradizioni. Un elogio anche agli stessi tifosi che si sono mobilitati per veder ripristinati degli elementi per loro importanti senza voler comunque impedire una modernizzazione degli stessi.
    Dei tre stemmi proposti voterei senza indugi per il primo: mantiene tutti gli elementi chiave della versione del 1938 con l’aggiunta del nome e data di fondazione in modo distinguibile in un buon compromesso tra tradizione e modernità.

  • LM

    Iniziativa lodevole, belli tutti gli stemmi, ma per me quello che si avvicina di più è il primo. Interessante anche il terzo, la forma, anche se particolare, non mi dispiace. Comunque sono tutti migliori di quello attuale, questo è certo.

  • rudiger

    Fermo restando che uno stemma deve cambiare il meno possibile e piacere in primis ai tifosi, va detto che la “torre” del principe in realtà è una vecchia prigione, alta come un trullo e decisamente più simile al nuovo stemma che al vecchio disegno.
    Concordo con Daniele: in generale non mi piace lo stemma dell’Everton (ne vacchio ne nuovo), mi affascina invece l’acronimo originale del 1920. Chissà che sarebbe successo se l’avessero inserito tra le opzioni.

    • elkunazzurro

      Dai Rudiger ..vedrai che anche Pallotta & Co. faranno lo stesso con voi giallorossi 😀

    • Ale

      Per curiosità sono andato sul web a vedere questa torre del principe Rupert. Ma è veramente alta come un trullo e senza il minimo bisogno di scale come rappresentata nei vecchi stemmi. Curioso che se la eliminassero dallo stemma sostituendola con l’acronimo EFC farebbero la stessa mossa (più o meno criticata) dell’Empoli: stessi colori, stesse iniziali.

      • FDV

        Dici che erano scale? Io ho sempre interpretato quella fascia appunto come una fascia nobiliare, diciamo un riferimento al Prince Rupert, anche se nella prima versione rappresentava le mura intorno alla torre.

        • rudiger

          A me sembra lo steccato intorno al trullo.

    • ferro

      prigione o monolocale???

  • MARCO0890

    Secondo me anche la Roma dovrebbe fare così, belli tutti e tre gli stemmi, io voterei il primo

  • Lord Balod

    Il logo A è senza dubbio il migliore,più vicino alla volontà dei tifosi…il B mi fa pensare all’Arsenal,con il nome del club scritto in alto,mentre il C pur essendo accattivante,mal si addice al desiderio dei supporters di uno stemma che conservi le peculiarità classiche dei precedenti

  • Alessandro

    Ottima iniziativa della società che ha capito di aver sbagliato e si è aperta ai suggerimenti dei tifosi.
    Io voto lo stemma A.

  • F093

    “in hoc signo vinces”

    F093
    old style

  • Stavrogin

    Mi stupirei se vincesse il B, che è decisamente il più simile al “casus belli”.
    Penso proprio che vincerà l’A: il C segna un distacco troppo netto con la tradizione (benché in modo molto migliore rispetto a quanto fatto l’anno scorso), tradizione cui a quanto pare i Toffees sono molto legati.

  • jojo

    L’iniziativa è lodevole, anche perché in questo modo rinforzano il legame con i tifosi. Come possibile stemma io scelgo la A, la C è troppo fuori dai modelli precedenti e sarebbe una novità, la B non è male.

  • Eug

    A!

  • Marco

    Bellissima storia, potrebbe servire come esempio ai team che si affacciano ad un restyling dello stemma societario per evitare malcontento diffuso (anche perché un cambio, per definizione, si porterà sempre dietro una percentuale di insoddisfatti, il segreto è far si che sia il più prossima possibile allo 0%).
    Tra le proposte, senza avere voce in capitolo, apprezzo molto la A ma non disdegno la B.

  • elkan

    onestamente l’everton nella sua storia non ha avuto mai molta fortuna con gli stemmi..e anche il prossimo rispetterà perfettamente la tradizione

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Complimenti per aver ascoltato i tifosi.
    Per me il migliore è l’opzione A, la più classica e vicina alla storia dell’Everton.

  • Frencis7

    Stemma A assolutamente. Il B è molto migliorato rispetto all’attuale stemma ma non mi piace il motto inserito dentro lo scudo, mentre lo stemma C mi ricorda il logo del Bordeaux

  • ferro

    per me meglio la soluzione A; certo che se avessero fatto la stessa cosa qui in italia, dubito che certi stemmi sarebbero cambiati ( parma,roma…)

  • pongolein

    Bell’articolo, complimenti.
    La società si è mostrata molto attenta, sebbene con colpevole ritardo, alla voce del popolo. Non è da tutti tornare sui propri passi.

    Io voto lo stemma A, l’unico che fonde la tradizione del glorioso e storico scudetto con l’esigenza di renderlo più moderno e facilmente riconoscibile.

    Stemma B mediocre ma comunque accettabile, stemma C francamente bruttino.

  • BFC

    Stemma A. Però il migliore rimane quello degli anni ’20 dei tempi di Dixie Dean.

  • Angelo

    Stemma A…

  • FDV

    Leggere di surveys e focus group che hanno coinvolto almeno 20.000 tifosi nel definire quali fossero gli elementi ritenuti fondamentali nello stemma è stato davvero bello ed indice di straordinaria sensibilità da parte della società, almeno in seconda battuta.

    Ed il fatto di essere stati disponibili a fare un passo indietro è ancora più lodevole.

    Molto bello anche il risultato finale, con la presentazione di tutte le versioni dello stemma con relativo impatto nei diversi contesti: un lavoro eccellente, che rimedia al 110% all’errata mossa precedente. Grande lavoro che sogno di vedere replicato nel caso della Roma.

    Riguardo i tre stemmi mi sembra scontata la vitoria della versione A.

    Male nella C quel profilo a V bianco sotto il vertice dello scudo, che caratterizza anche il nuovo stemma sulle maglie della Repubblica Ceca. Non vorrei che diventasse un nuovo elemento ricorrente di stemmi fatti con lo stampino in stile Irlanda, Israele, Rubin Kazan 2012-13, Nancy..

    • Niccolò Nottingham Forest

      Se penso a quanto era bello quello vecchio della Repubblica Ceca….
      Invece ricordo un caso simile a questo: la nazionale norvegese.
      La federazione si è vista costretta a ripristinare il vecchio stemma rotondo con la bandiera scandinava, dopo aver adottato per brevissimo tempo uno stemma nuovo con un serpente marino vichingo.

      Ricordo di questo durante una telecronaca ma non ricordo i dettagli, qualcuno conferma?

      • Niccolò Nottingham Forest

        Trovato il riferimento:

        Norway used the national flag on a white circle as their badge from the 1920s onwards. In May 2008 the NFF unveiled a new crest, a Viking style Dragon wrapped around the NFF logo. After complaints were received the crest was dropped.

        Il serpente di mare vichingo è fantastico, ma se quella è la scelta dei tifosi, nessuno può dire niente. Magari proverei a serigrafare il serpente marino lungo un fianco della maglia per vedere se crea un buon effetto, oppure in tono su tono al centro della maglia.

        http://www.vg.no/uploaded/image/bilderigg/2008/05/20/1211286700458_632.jpg

        • rudiger

          Serpentone fantastico, ma lo scudo così così. Meglio comunque dell’ovale bianco.

  • sergius

    Complimenti alla società che ha fatto un passo indietro capendo che sugli stemmi e sulle maglie non si scherza perchè sono a questi che i tifosi si identificano. Qualunque stemma scelgano sarà sempre migliore di quello attuale che sembra essere stato partorito da un fumettista. Se proprio devo esprimere una preferenza scelgo anch’io lo stemma A.

  • AlbPal89

    Personalmente, questo nuovo e attuale logo, mi piace molto. Ma se avessero inserito il nastro con il motto latino (come il precedente logo) sarebbe stato il massimo. Peccato che devono abbandonarlo!

    Comunque mosse azzeccatissime quelle della società blue di aver ascoltato i pareri dei propri tifosi e dato l’opportunità a loro stessi di poter scegliere un nuovo stemma.

    Tra i tre, il migliore è lo stemma A.

    • sergius

      Ma come fa a piacerti uno stemma del genere, quasi offensivo verso la storia di un club i cui tifosi infatti si sono ribellati in massa. Comunque….gustibus non disputandum est.

      • AlbPal89

        Infatti, de gustibus non disputandum 😀

  • mosca

    Io comprai la mia prima maglia everton nel 94 perchè, al di la del bellissimo modello, rimasi colpito dallo stemma così elegante; non potrei che votare A

  • zuqqi

    io trovo quello del 1920 il più bello di tutti. ripristinerei quello!

  • http://Yahoo Eugenio

    Il migliore è quello A. Il c quello peggiore.

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    se la nike si mette a modificare anche gli stemmi, siamo vicini alla morte

    • sergioXVII

      mah, con la Juve ha fatto un buon lavoro secondo me.

      • http://www.forzatoro.net AlessandroP

        lo stemma della Juve non ha subito il restyling “Nike”

  • Delphic

    il primo è identico a quello vecchio, se non per qualche partIcolare, perciò, ma perché non riutilizzare quello visto che era magnifico. Il secondo è tutt’altro che innovativo, anzi è regreditivo. Il terzo è osceno. Sembra lo stemma di qualche squadra araba

  • squaccio

    …poi diteci quale ha vinto !

  • pongolein

    Giustizia è stata fatta, il più classico degli happy ending =)

  • passionemaglie.it

    Per la cronaca ha vinto l’opzione A con il 78,18% dei voti.

    • squaccio

      Ottimo…

    • Niccolò Nottingham Forest

      Per gli intenditori:

      penso che l’utilizzo per una sola stagione dell’attuale stemma e la controversia che è nata, possa contribuire a rendere le divise di questa stagione uniche.
      Pensate che possano diventare “da collezione” ???
      In questo caso converrebbe comprarne qualcuna….

  • Pingback: Maglia Everton 2014-2015 con il ritorno di Umbro()

  • Pingback: Terza maglia Everton 2014-2015 in bianco, viola e giallo()