SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning

Anno nuovo, maglie nuove. Il Frosinone ha iniziato il girone di ritorno della Serie B 2014-2015 con tre maglie rinnovate e prodotte dallo sponsor tecnico Legea.

I modelli della presentazione, svoltasi pochi giorni prima di Natale, sono stati i calciatori Damiano Zanon, Davide Bertoncini e Raffaele Schiavi.

Presentazione maglie Frosinone 2014-2015

Le tre divise sfruttano il medesimo template declinato nei colori giallo (home), blu navy (away) e bianco (third).

Il colletto è a girocollo da cui partono due segni che simboleggiano la “F” di Frosinone stilizzata e richiamano anche i “graffi” della precedente collezione. Un altro particolare è la sagoma del leone in fondo a sinistra, lo stesso che ritroviamo nello stemma societario sul petto.

Maglie Frosinone 2014-15 Legea

Retro colletto con ricamo Frosinone Calcio Sagoma Leone sulle maglie del Frosinone 2014-15 Bordo manica divise Frosinone Legea

Curati anche il bordo manica in maglieria colorato di gialloblù e il retro del collo con il ricamo ‘Frosinone Calcio’. Legea firma la maglia con il lettering sul petto e il logo applicato sulle maniche.

“Era importante presentare questa nuova linea, il primo prodotto a marchio ufficiale, perché nessun’altra società potrà disporre di questa linea di maglie. Siamo orgogliosi, perché è un ulteriore passo di consacrazione a livello professionistico e di una certa rilevanza. Speriamo che il prodotto piaccia, perché l’abbiamo realizzato guardandolo con gli occhi dei tifosi” – Ernesto Salvini, direttore generale Frosinone Calcio.

Il modello, pur con qualche dettaglio in meno, è lo stesso utilizzato dalla nazionale del Montenegro durante le qualificazioni ai mondiali 2014.

Divise Frosinone 2014-2015 Legea

Pantaloncini e calzettoni sono tutti in tinta con la maglia, nomi e numeri si colorano di blu e bianco.

I ciociari occupano stabilmente la zona playoff da inizio stagione, con i nuovi kit tenteranno di coltivare il sogno di una storica promozione in Serie A.

Photocredit parziale: lapresse.it