SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning



Voliamo in Africa per scoprire delle maglie decisamente esotiche: quelle della nazionale del Botswana, qualificatasi a sorpresa per la Coppa d’Africa 2012 che inizierà tra pochi giorni in Gabon e Guinea Equatoriale.

La casacca del Botswana firmata All Kasi

Le divise sono prodotte dalla All Kasi, piccola azienda locale, che per l’occasione ha deciso di rinnovare l’immagine dei calciatori del Botswana ispirandosi al loro soprannome: le zebre.
Ed è proprio il mantello dell’animale a fare da protagonista nella maglia home, che prevede maniche nere e corpo zebrato, con colletto celeste, colore che era dominante nella precedente divisa. Calzoncini e calzettoni sono neri con rifiniture celesti.

Prima maglia Botswana 2012

La maglia da trasferta è bianca con delle striature ondulate celesti e nere. Stesso discorso per i calzoncini. I calzettoni sono bianchi con fascia orizzontale celeste. Sul petto oltre allo stemma federale sul cuore c’è uno scudetto con i colori della bandiera nazionale sul lato opposto, mentre al centro troviamo il logo della All Kasi.

Seconda maglia del Botswana da trasferta Collezione All Kasi per il Botswana 2012

Vale la pena fare qualche salto indietro nel tempo per rivedere altri casi in cui il manto della zebra ha caratterizzato divise da calcio e non solo.
Iniziamo dai primi anni ’90 con un modello di maglia da portiere della Reusch molto diffuso all’epoca, che raggiunge il suo apice nella versione utilizzata da Pagliuca nella Sampdoria. Tipico design astratto anni ’90 con parte inferiore della maglia zebrata.

Proseguiamo con una terza casacca della Juventus, probabilmente mai utilizzata nella stagione 1996-1997. Prodotta dalla Kappa, nera con un muso di zebra stilizzato sul corpo ed inserti a punta gialli sulle maniche. Curiosa la disposizione dello sponsor in diagonale per assecondare il design della maglia. Si è vista più frequentemente la versione da portiere a colori invertiti.

Maglia Juventus 1996-1997 nera

Andiamo in Germania dove nel 1998-1999 Diadora reinterpretò la maglia del Duisburg, solitamente a strisce orizzontali, proponendo una casacca bianca con maniche ed inserti zebrati lungo i fianchi azzurri. Presente anche il profilo della mascotte del club tono su tono al centro della maglia.

Prima casacca del Duisburg nella stagione 1998-99

Infine facciamo un salto nel ciclismo, dove Mario Cipollini tra le tante eccentriche tute indossate in carriera, ne ha portata anche una completamente zebrata.

Via piacciono le nuove divise del Botswana?
Ricordate altri esempi di maglie zebrate?

Photocredit: classicfootballshirts.co.ukfootball-uniform.seesaa.net