SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning

L’agenzia Sport+Markt ha pubblicato un interessante report sui fornitori tecnici delle squadre europee, prendendo in esame cinque campionati: Bundesliga, Liga, Ligue 1, Premier League e Serie A. I dati si riferiscono alla stagione in corso, 2011-2012.

Il primo grafico analizza il numero delle sponsorizzazioni dei tre principali brand mondiali, Adidas, Nike e Puma, dal 2001-2002 al 2011-2012.

Numero delle sponsorizzazioni adidas, Nike, Puma

Adidas e Nike sono in posizione dominante con 18 team a testa, completa il podio l’italiana Kappa ferma a 8. Questi tre marchi sono gli unici presenti in tutti i campionati esaminati. Seguono nella top five Puma (7) e Umbro (6). In totale sono 98 squadre vestite da 26 aziende, l’unica a farsele in proprio è il Betis che dalla prossima stagione avrà Macron.

Il secondo grafico mostra i prezzi medi delle maglie da calcio a inizio stagione, versione manica corta, senza personalizzazione e taglia XL.

Costo maglie calcio in Europa nel 2011-2012

Abissale il distacco tra la Premier League, a quota 49,80 € con un incremento dell’1,50% rispetto al 2009-2010 e tutte le altre leghe.

L’Italia risulta essere la più cara d’Europa con un prezzo medio di 71,40 €, comunque vicina ai 71,20 della Ligue 1 e ai 70,33 della Bundesliga. Poco più staccata c’è la Liga con 64,38 euro, l’unica ad aver subito una flessione dell’1,50%.

Per spiegare i motivi di questi prezzi, sempre più improponibili specie in periodo di crisi, abbiamo deciso di fare tre domande ai marchi presenti in Serie A: Adidas, Asics, Erreà, Givova, Kappa, Joma, Legea, Lotto, Macron, Nike e Puma.

  1. Qual è il costo di una maglia dall’uscita dalla fabbrica  e come si arriva al prezzo di listino di 60-70-80 euro?
  2. Perché la stessa maglia, persino di un club italiano, arriva a costare molto meno in Inghilterra?
  3. Una politica di prezzo inferiore non potrebbe combattere il fenomeno della contraffazione e favorirvi rispetto alla concorrenza?

Nelle prossime settimane pubblicheremo le loro risposte, sperando ci diano ascolto.

Vi invitiamo a discuterne nei commenti, proponendo anche altri quesiti.