SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike



La scorsa stagione la novità per le maglie del Celta Vigo fu rappresentata dal cambio di sponsor tecnico: dopo essere state per anni la versione celeste delle maglie dell’Inghilterra, dalla Umbro si passò a Li Ning.

Quest’anno alla seconda stagione con il partner cinese la particolarità è rappresentata dall’inno del club trasportato all’interno della maglia. Un po’ quello che è accaduto per la nuove divisa del Man City, ma in maniera più tradizionale: tutto il testo di “Hala Celta” serigrafato al centro della maglia home, rigorosamente in lingua galiziana.

Nel complesso maglia molto semplice, che rispetto alla scorsa stagione vede dettagli esclusivamente rossi e non dorati ed un materiale non più lucido, decisamente un salto di qualità. Riproposto come elemento della tradizione celtico-galiziana il trisquel,  con un watermark sul fianco sinistro. I calzoncini come da tradizione sono bianchi ed i calzettoni a strisce orizzontali biancocelesti.

La divisa da trasferta, dopo una stagione in nero,  è rossa con bordi celesti.


Nel retro delle maglie è presente un’altra novità: lo sponsor sotto i numeri è ancora la birra Estrella Galicia, ma nella sua versione analcolica, in linea con il giro di vite intrapreso dal governo spagnolo nei confronti delle pubblicità di bevande alcoliche.

Ciò spiega anche la particolare maglia utilizzata dall’Odense nel preliminare di Champions League in casa del Villarreal, con lo sponsor Carlsberg sostituito dalla scritta “Nydes med omtanke”, traducibile come “Goditela con moderazione”.

 Nydes med omtanke

Come giudicate le nuove maglie del Celta Vigo?

Vi piacerebbe vedere l’inno anche sulla casacca della squadra per cui tifate?

Photo credit : www.halacelta.com


  • http://www.soccerstyle24.it/2011/09/inno-della-squadra-sulla-nuova-maglia-del-celta-vigo/ Jak Carate Brianza

    buona idea…buona

  • Massimiliano

    Secondo me una bella idea,fara’ piacere ai tifosi,mi rimane il dubbio sulla qualita’ dei materiali,ma come maglia la reputo interessante

  • mosca

    Non è una brutta idea, rende bene la partecipazione e la peculiarità, ed andrebbe bene anche una canzone tipica, a tal proposito propongo “Romagna mia” su quella del Cesena

    • ferro

      e magari funiculi funicula su quella del napoli…

    • rudiger

      Fatece largo che passamo noiiii! Ma per favore…

      • FDV

        Invece Roma Roma Roma non ce lo vedrei male, magari un po’ meno evidente.

        • rudiger

          Con wind scritto sopra come qui hanno scritto citroen? E con i kapponi tutti intorno?
          E poi i nostri avversari conoscono bene roma roma roma, visto che, gentilmente, glielo cantiamo appena prima del calcio d’inizio.

        • FDV

          Su di una kombat, la cosa sarebbe inconciliabile con lo stile.
          Ma in generale, su di una maglia più simile come stile a questa del Celta e magari in una posizione più defilata, penso che apprezzerei la cosa.

        • rudiger

          Non disprezzo l’idea in se, anche se per me le maglie più belle sono quelle più pulite. Il problema mi sembra l’accostamento ai tanti sponsor che ormai campeggiano sulle maglie.
          Dalle foto non capisco bene ma mi sembra proprio che citroen sia scritto “sopra” l’inno del celta. Per me questo è inaccettabile e quasi blasfemo. Da tifoso, e da acquirente potenziale, non l’accetterei.
          Mi sembra di aver capito che progettazione e manifattura delle maglie, e la successiva applicazione degli sponsor tecnici, siano due fasi distinte. Quando c’è attenzione da parte dei club e degli sponsor tecnici (soprattutto nei casi di grandi club e degli sponsor migliori) l’integrazione puó essere accettabile. In questo caso mi pare ci sia stato un totale scollegamento tra le due fasi.
          Ripeto: in teoria l’inno sulla maglia potrebbe essere un bel tributo, ma il rischio di un risultato… offensivo, per me, non vale la candela.
          E poi chi lo regge più Venditti se gli mettiamo la canzone sulla maglia? Grande Antonello!

  • Torto #13

    Non male come idea quella di scrivere l’inno sulla maglia, anche se si poteva fare in modo migliore. Non mi piace, insomma, come è stato inserito. Secondo me risaltava e si integrava meglio se lo si “scriveva” non a mo’ di colonna e centrato ma che occupasse tutta la parte anteriore della maglia, in modo da risultare anche meno invasivo.
    Come maglia però, sicuramente, è migliore questa di quella dello scorso anno.

  • ferro

    belle maglie, fantastica l’idea dell’inno in lingua galiziana, altra dimostrazione che bei lavori non sono esclusivita’ dei soliti brand.

  • nickfoto

    Mettendo a parte, con molta difficoltà, la mia avversione per le aziende cinesi, devo dire che il modello è molto bello. Spero solo abbiano un tessuto migliore di quelle dell’Espanyol della scorsa stagione…

  • ccc

    bellissima l’idea dell’inno un po’ meno la realizzazione. Inutile dire che li sponsor (in questo caso citroen) rovinano le maglie.

  • Minollo97

    Brutta.
    da troppo il Celta ha strane maglie.
    L’idea dell’inno è carina, ma un po’ troppo invasiva.
    e, per finire, no: non vorrei l’inno sulla maglia del Bologna, squadra per cui tifo.

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    noi abbiamo il problema di quale inno mettere, ne abbiamo almeno 5.

  • MARCOPANTERONE

    Potevano stamparlo all’interno della maglia (sulla schiena) così c’era lo stesso ma “non c’era”… intendo? Insomma come fa da un po’ la nike con gli slogan dietro lo stemma della squadra che si legge solo con la maglia al rovescio… intendo? Messo così fa molto t-shir commerciale, troppo in contrasto, spezzato dallo sponsor… no proprio non mi piace la realizzazione

  • lorenzo70

    penso che una maglia del Celta senza lo sponsor Citroen non sarebbe piu’ la stessa cosa: oltre a identificarsi con la maglia stessa da tanto tempo,da non so quanti decenni gli stabilimenti Citroen fanno parte della citta’ e l’hanno resa piu’ grande del capoluogo, che e’ Pontevedra.
    anche a me piacciono le maglie “pulite”: per fortuna da lontano l’inno non si vede.
    purtroppo anche il marchio Umbro faceva parte della storia del Celta da un bel po’…

  • squaccio

    Bocciata l’idea, sembra una maglia souvenir qualsiasi.
    Il resto della maglia sembra interessante, a parte il font dei nomi troppo pasticciato.
    Ovviamente non ho mai toccato una maglia li ning e non so se è + simile alla umbro o alla legea, anche se una vaga idea ce l’ho…… 😀

  • wesley

    a me piacciono, l’inno scritto così è un bel esperimento..belle anche le altre

  • Ste

    bella l’idea dell’inno, anche se io l’avrei reso meno pacchiano ed invasivo serigrafandolo sulla maglia e non scrivendolo in bianco..

  • FERT

    resto un pò perplesso…forse l’idea nn è neanche male male…ma l’esecuzione nn è delle migliori anzi…

  • vigne

    bell’ idea e anche maglia discreta

  • herry

    L’ha fatto anche Hajduk Spalato nella stagione scorsa. Ho entrambe le maglie e mi piacciono parecchio.

  • Kikko

    Carina l’idea ma non capisco perché ripeterla per tutta la maglietta se alla fine l’inno è di una sola strofa (nella maglia è stata ripetuta tipo 6 volte).
    Sarebbe stata più carina su un lato, in un carattere più particolare. Così perde tanto…ma del resto non è che possiamo pensare di insegnare il design ai cinesi suvvia!

  • DD

    Maglia nel complesso carina, l’idea dell’inno è bella ma non mi piace la realizzazione:
    VOTO 6-

  • Angelo

    Come la mettiamo con lo sponsor centrale che copre alcune parole? Sarebbe stato meglio realizzare questa novità per squadre senza sponsor…ma con i tempi di oggi la cosa appare impossibile…peccato però, l’idea non era male…

  • Giuseppe

    Ahahahahah,una divertentissima trovata!!