SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Si incrementa ulteriormente la rappresentanza tricolore nelle Lowlands scozzesi: dopo il Motherwell, sponsorizzato da Macron e l’Inverness, il Kilmarnock ha infatti ufficializzato di aver siglato un accordo di sponsorizzazione tecnica con Erreà per la stagione 2014-2015.

Kilmarnock kit home 2014-2015 Erreà

L’azienda di San Polo di Torrile aggiunge dunque alla propria scuderia nientemeno che il più antico club dell’intera Scottish Premiership, fondato nel lontano 1869, ripercorrendo le scelte già intraprese da un connazionale divenuto assai celebre a quelle latitudini: Manuel Pascali, roccioso e aitante centrocampista che, partito dalla periferia milanese e dalle serie inferiori del professionismo italiano è riuscito a far breccia nel cuore dei tifosi scozzesi, sino ad ottenere l’ambita fascia di capitano del club.

Manuel Pascali capitano Kilmarnock

La proposta di Erreà per i match casalinghi del Killie 2014-2015 non si discosta eccessivamente dalla divisa sfoggiata nella passata stagione: il kit home mantiene la rigida ed intoccabile alternanza delle strisce bianche e blu royal, proposte dal brand emiliano in una versione più fitta, interrotte da sottili profili arancioni che corrono lungo le spalle, congiungendo il bordino conclusivo delle maniche al colletto alla coreana.

Il kit casalingo viene completato da pantaloncini total white, impreziositi da una banda laterale royal e da calzettoni anch’essi bianchi.

Maglia Kilmarnock 2014-2015

Kilmarnock pantaloncini calzettoni home 2014-2015

La divisa away si caratterizza invece per l’utilizzo di un arancione acceso, tonalità che domina completo dalla maglia, realizzata con il medesimo template del kit home, benché privo di strisce, fino ad arrivare ai calzettoni, passando per i pantaloncini.

Kilmarnock seconda maglia 2014-2015

Direttamente dal sito ufficiale di Erreà apprendiamo che la colorazione, a onor del vero insolita per le divise del Kilmarnock, non è che un omaggio ai colori dello sponsor QTS, che da quattro stagioni supporta la causa del club scozzese, campeggiandovi sulla divisa.

Kit Kilmarnock 2014-2015 Erreà

Il third kit, anch’esso cromaticamente innovativo rispetto alla tradizione del club, presenta una suddivisione in quarti grigi e neri, con maniche a contrasto, profili e dettagli arancioni.

Terza maglia Kilmarnock 2014-2015

Chiudono le proposte Erreà per la compagine scozzese pantaloncini neri con banda arancione e calzettoni full black.

Che ve ne pare del debutto di Erreà sulle maglie del Kilmarnock?

  • Niccolò Mailli

    Una collezione molto gradevole.

    Giudico ottima la scelta di decorare la divisa home utilizzando il terzo colore dello stemma societario, in questo caso l’arancione. Una soluzione adottata nella passata stagione da Puma per le divise del Newcastle e che rappresenta a mio avviso un’interessante variante delle solite maglie palate.

    Lodevole poi la presenza delle strisce sul retro e sulle maniche, mentre non mi convince la dimensione delle personalizzazioni (troppo piccole?) e la loro posizione (troppo in basso?). Peccato per l’assenza dell’arancione nei pantaloncini (la banda laterale poteva essere doppia e proporre anche questo colore) e la mancanza di personalizzazione dei calzettoni (perchè non azzardare delle hoops?).

    Nella divisa away buona la scelta dell’arancione ma mancano il bianco e il blu per gli inserti (almeno colletto bianco e bordo-manica blu ci volevano).
    Third interessante che ricorda molto la maglia supersonica del Tottenham al primo anno di Under Armour.

    http://www.abc.net.au/news/image/4264502-3×2-700×467.jpg

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Ottimo il debutto di Erreà col Kilmarnock, che se non erro fino alla passata stagione utilizzava divise autoprodotte (Killie 1869).
    Nella maglia home mi piacciono i dettagli arancioni, anche se sono un tributo allo sponsor QTS. Io li vedo anche legati alla colorazione dei due scoiattoli (?) che affiancano lo stemma societario.
    La maglia away tutta arancione senza dettagli particolarmente contrastanti non mi piace.
    Buono invece il third kit, con l’arancione che stacca benissimo dal nero e dal grigio di fondo divisi equamente a destra e sinistra. Spero che anche il retro sia a quarti con numero e nomi arancioni.

    PS: pollice alto per capitan Paska 😉

  • Swan

    Molto bene da parte di Errea, un marchio che in Inghilterra è visto di buon occhio.
    Bella la home, ottimale la larghezza delle righe, gradevole il colletto, i bordi ed il piping arancione che si abbina molto bene con il biancoblu della maglia. Peccato per le calze all white, con le hoops sarebbe stato un kit strepitoso.
    Un po’ piatto il kit away, qualche inserto in più nero avrebbe sicuramente giovato.
    Notevole il third kit, nero ed antracite a quarti con rifiniture arancio è di grande impatto.
    Anche questi kit del Kilmarnock confermano che i vari club britannici vestono maglie di gran lunga più curate ed accattivanti rispetto a quanto si vede in Italia.

  • mosca

    Spettacolare kit.

    Traspare evidente la volontà d’aver elaborato un prodotto curato fin nei minimi dettagli.

    Non aggiungo altro, lavoro davvero ineccepibile, riuscito e che, a prescindere dall’esito commerciale, è un, evidente modo corretto di lavorare.

    Ottima Errèa

  • Riccardo

    Divise semplici e normali..nulla di che
    Prima tradizionale e sempliciotta..
    Divise da trasferta così così..meglio la terza per il modello

    Home: 5,5
    Away: 5
    Third: 5,5

  • NelloStileLaForza

    Fa sempre piacere che un marchio italiano lavori all’estero, ma la collezione mi sembra deboluccia.

    Appena discreta la prima maglia, con bordini e “code di topo” arancioni – colore tratto dal blasone, spero, e non dalla “paletta colori” dello sponsor – ma, a questo punto, avrei osato anche il colletto dello stesso colore. Così mi pare indecisa. Grossolano il rettangolo dello sponsor stesso. Passabili i calzoncini, anonimi i calzettoni.

    La seconda divisa l’avevo scambiata a prima vista per l’uniforme dei portieri. Perché non citare il bianco e il blu in nessun dettaglio? Davvero mediocre.

    Terza divisa tutto sommato gradevole: il nero non mi fa mai impazzire, ma la maglia ha un buon impatto grazie alla presenza dell’arancio.

  • Alessio

    Erreà ha fatto molto di meglio.
    Passi per la prima maglia (è difficile ottenere molto di più con quella combinazione cromatica) ma anche le altre due mi paiono tutt’altro che eccezionali