SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Il Natale sta arrivando e tutte le franchigie della MLS si affrettano a presentare le nuove maglie, vediamo quelle dei New England Revolution e New York Red Bulls.

Kit 2012 New England Revolution  

Blu, rosso e bianco si mescolano in entrambe le divise dei Revs che condividono lo stesso modello con scollo a V. Sono state presentate presso il Gillette Stadium ProShop, alla presenza dei calciatori Diego Fagundez, Shalrie Joseph, Matt Reis e Chris Tierney, i quali hanno firmato autografi e scattato foto con i fans.

Passiamo ai New York Red Bulls, la cui maglia, come di consueto, è caratterizzata dai tori dello sponsor-proprietario. Particolare il colletto a V metà bianco e metà rosso con una doppia cucitura. La trama del tessuto ha un interessante effetto a costine.

Prima maglia New York Red Bulls 2012 

Il logo Adidas è ricamato mentre lo stemma societario è applicato a caldo. L’orlo delle maniche è di colore rosso.

Quale maglia preferite fra le tre presentate nell’articolo?

  • GianGio87

    trovo tutte le divise dei team red bull orripilanti… sarà ma vedere il logo del team quasi simile a quello dello sponsor, fa venire il latte alle gambe

    • klaus

      Il problema è che il logo del team è il logo dello sponsor.

  • ccc

    veramente belle quelle dei new england
    orribile il toro della red buls

  • paolomonea

    Quelle dei Revolution, strepitose. E poi il loro logo mi è sempre piaciuto.
    Quella dei Red Bulls, purtroppo, è dei Red Bulls…

  • Classick

    La maglia dei New England Revolutions è innovativa rispetto a quella dell’anno scorso, c’è molto più rosso, novità che amplifica la sensazione di unicità di questa maglia, mi piace!

    La maglia dei New York Red Bulls è migliore rispetto a quelle dei due anni passati (ricordate il colletto a zip e quello con i bottoni? e il simbolo adidas quasi sulla spalla?) questa nuova versione del colletto è decisamente più bella e finalmente il logo adidas torna dove deve stare: giudizio positivo.
    Lo sponsor con i tori è ormai parte di loro; poi se piace o meno la squadra della Red Bull è un’altra storia, che oltretutto risiede nel New Jersey, ma si fa chiamare New York per questione di merchandising!

  • ferro

    passabili quelle dei new england, sagra dell’orrore ( come sempre…) per i team red bull

  • Torto #13

    Pessima quella dei N.Y. RedBull, fa rabbrividire il logo con i tori così grande al centro della maglia. Il problema però è di fondo: il nome della squadra/società come quello della bibita e il conseguente cambio di logo da quello degli ormai ex Metrostars a questo della RedBull.
    Lo stesso discorso lo estenderei anche ai RedBull Salisburgo.

    Riguardo le divise dei N.E. Revolution, niente di che ma nemmeno brutte. Preferisco la away alla home, a quest’ultima avrei tolto il bianco a fine manica lasciandola totalmente blu.

    • mosca

      Lo sponsor padrone che cambia i connotati e cancella con un colpo di spugna una storia di club è la mortificazione del doppio sponsor all’ennesima potenza.
      Io rabbrividisco già nel basket dove si cambia “solo” il nome, figurarsi qui. Sicuramente oltre oceano non esiste il problema dell’etica in questo senso, certo si ha il terrore che questa situazione possa essere esportata.

      Concordo sulla home dei N.E, ho avuto lo stesso pensiero. Fosse stata tutta blu la manica, la maglia non sarebbe stata per nulla male, con un tocco di vintage.

      • Carletto

        Il problema è che è questa situazione è partita proprio dall’Europa, la Red Bull infatti è di Salisburgo e la prima squadra a cui questo sponsor ha cambiato i connotati è proprio l’Austria Salzburg, diventato Red Bull Salzburg.

        • matteo18

          beh comunque,dopo aver cancellato il club precedente, non possiamo rimproverarli di non fare maglie tradizionali 😀

          Io non capisco perchè non basta quello sponsor enorme e il nome del prodotto davanti a quello originale del club, ma debbano cambiare anche logo e cancellare il vecchio nome(comunque non credo che in italia si possa cambiare il nome a piacimento, correggetemi se sbaglio).
          Hanno creato una catena di squadre e tra l’altro,che io sappia, senza risultati.

        • mosca

          hai perfettamente ragione.
          Io mi riferivo al fatto che là sia assolutamente routine e quindi si ignori totalmente- credo- ciò che con lo sponsor si va a cancellare, forse in europa un fenomeno così esteso ed assodato sarebbe difficile da insinuare ad ampia scala,sebbene sia appunto partito da Salzurg.

          Ma è più un augurio che una supposizione, mi auguro magari che ci si possa fermare a qualche richiamo nelle fantasia delle maglie away, come già accade.

        • ale.co.

          non vorrei sbabliarmi ma a salisburgo sono tornati indietro!! il club non si chiama più come la bibita

  • lorenzo70

    molto belle, specie i N E Revs! la away di questi ultimi e’ identica alla maglia da allenamento del Bayern di una dozzina di anni fa, non per questo meno bella, anzi gia’ quell’altra mi piaceva tantissimo.

    • Classick

      ale.co. mia sa che ti sbagli, il club è ancora Red Bull Salzburg ( purtroppo i viola sono ormai spariti e non credo si riuscirà a tornare indietro).
      Nelle competizioni UEFA è chiamato FC Salzburg, in modo da non interferire con le regole di sponsorizzazione della federazione europea.

      • Carletto

        In effetti una piccola speranza di rivedere i viola c’è, infatti nel 2005, l’anno in cui la Red Bull ha acquistato e trasformato l’Austria Salisburgo, i tifosi salisburghesi si sono divisi in due: una parte ha seguito l’attuale Red Bull Salzburg e gli altri, affezionati agli storici colori, hanno fondato la Sportverein Austria Salzburg” con tanto di colori viola. Attualmente milita nella Regionalliga, la terza divisione del campionato austriaco, chissà se in futuro arriverà in prima divisione e in Europa 🙂 io lo spero.

  • ciguy

    Facendo FINTA di non essermi accorto che nella maglia di NY c’è lo sponsor della R.B. grande più della maglia stessa (del logo enome del team non voglio neppure parlare, è talmente ovvio!), a me piace di più questa di maglia che quella dei Revolution!

    L’effetto a costine mi fa impazzire, ed il colletto a doppio colore e doppia cucitura non lo trovo affatto male!

    Detto questo apro una piccola parentesi sull’Adidas: ma a voi non ha stufato il loro stile? Non so, specialmente le maglie a tinta unita a me sembrano tutte uguali, tutte impostate sulla stessa idea (che sostanzialmente è di mettere qualche motivo ai lati della maglia o sulle 3 righe).
    Non so, a me hanno iniziato a stufare anche le 3 righe (cosa che naturalmente non verranno mai modificate). Penso a maglie come quella del Man City, ad esempio: ve la immaginate versione Adidas?
    Certo, ci sono eccezioni, ma io preferisco di gran lunga l’effetto vintage della Umbro che questo che definirei ‘moderno’ (non so se rendo l’idea) dell’Adidas.

    Il mio sogno sarebbe un ritorno a qualcosa del genere, ma penso che rimarrà tale! http://footballcurva.com/wordpress/wp-content/uploads/2011/02/Milan-dutch-trio.jpg

  • MEFISTO

    New England: Maglie discrete, ottimo l’accostamento dei tre colori nella home.

    New York: Maglia semplice impreziosita dalla trama ad effetto costine, buon risultato, lasciando perdere lo sponsor ovviamente.

  • Gluko

    Bella la maglia del new england..l’altra decisamente no!
    La home new england poteva benissimo essere quella della nazionale usa..non avrebbe sfigurato no?

  • Giuseppe

    NEW ENGLAND REVOLUTION: belle casacche, molto bella la prima,ma preferisco in modo superiore la bianca. New York Red Bull ha una maglia semplice,ma fortunatamente c’è lo sponsor Red Bull che la fa diventare più completa,anche se sono contrario allo sponsor così grande 😐 Belle ma anche no.

  • Tomm

    Anche per new england, la adidas ha ancora usato queste orrende cuciture anche se quel bordino, bianco le rende migliori, e comunque sono abbastanza lineari, quindi a mio parere finora sono le maglie migliori. Per i red bulls, nn mi dispiace la trama del tessuto, ma il colletto e’ fatto veramente male e con poca precisone.

  • mitch00

    brutte tutte e 2 🙁

  • rudiger

    Di tutte le maglie usa presentate negli ultimi articoli di PM, questa di new england mi sembra la più “americana” in senso buono. Ha una geometria armoniosa dei colori e una sovrapposizione di forme che mim ricorda le maglie da hockey. Anche io non avrei lasciato tutto quel bianco a fondo manica, ma in generale mi sembra anche una maglia abbastanza interessante da indossare casual (ovviamente senza sponsor)
    La redbull è una maglia bianca con il logone aziendale. Andrebbe bene indosso a un cameriere in uno stand da fiera. Tra l’altro trovo inutile la riproposizione del simbolo del club che è già sullo stemma, come sulla maglia del cagliari di quest’anno: tanto vale ingrandire lo stemma.

  • William

    Non mi piacciono affatto quelle dei New England! (ma proprio per niente!!!)

    Quanto a quelle dei Redbull io sono fuori dal coro e dico che mi piacciono (un pò come mi piacciono quelle dell’Evian), ma preferivo quelle di un paio di anni fa…

  • dani97

    Orribili quelle di N.E. Niente di nuovo per N.Y