SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

In occasione della gara contro la capolista Salernitana, il Lecce questa sera scenderà in campo con una patch speciale sulle maglie.

All’interno troveranno posto i loghi dell’associazione “Un’azione per un sorriso” del calciatore Francesco Cosenza, dell’associazione “Il volo degli Angeli” del giocatore Stefano Lucchini e l’hashtag #unitipergiorgia.

Patch Lecce Uniti per Giorgia

Giorgia è una bambina di 6 anni affetta da una rarissima malattia chiamata “Sindrome di Berdon”. Per lei è sceso in campo Cristian Ledesma che ha fatto partire la raccolta fondi insieme alla moglie Marta, leccese come la piccola Giorgia.

Le donazioni serviranno a pagare le spese per un difficile trapianto da effettuarsi in America.

Tutte le maglie indossate in partita saranno messe all’asta prossimamente tramite l’account eBay della onlus Un’azione per un sorriso.

  • hernam

    Non si parla mai abbastanza di queste iniziative bellissime, vendono di più le “balotellate e cassanate”

  • pegaso22

    Non conoscevo la malattia.
    Spero che si riesca a raccogliere la cifra per pagare le spese e che l’operazione abbia successo.

  • Geeno Lateeno

    Come sempre, tanto di cappello a chi promuove e dà visibilità a queste iniziative nel caso specifico Ledesma e il Lecce.
    Credo che dovrebbero diventare un obbligo per tutte le Società si A e B… almeno una partita nel girone di Andata e una nel Ritorno.

  • Mr.74

    In certi casi si rischia di essere stucchevoli, o peggio si pensa che bastano cose come queste per vincere certe terribili malattie. Personalemnte penso solo e senza troppa enfasi, che si tratta di iniziative lodevolissime, che spero trovino sempre più spazio in tutte le categorie. Un grosso in bocca al lupo a Giorgia!

  • adb95

    Giorgia ti voglio bene e spero tu campi più di me

    ma il grafico che è in me SOFFRE a guardare sta patch…

    • adb95

      PM (o MP che dir si voglia 🙂 ) bravo a ripescare una iniziativa del genere in Lega Pro, dato che probabilmente senza questo articolo la avrebbero conosciuta in pochi al di fuori del Salento