SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Mancano 7 mesi esatti al calcio di inizio dei campionati mondiali del 2014 e le fibrillazioni che precedono il torneo iniziano a farsi sentire in modo considerevole, a partire dalle presentazioni delle divise ufficiali.

I famigerati presunti diktat che la FIFA avrebbe utilizzato per far pressione sulle Federazioni calcistiche e sugli sponsor tecnici al fine di ottenere degli outfit perfettamente distinguibili in campo, vanno via via sempre più confermandosi con le presentazioni delle divise ufficiali delle varie nazionali.

Presentazione kit Germania 2014 in pullman

Il “tutto chiaro o tutto scuro” sembra essere l’idea attorno al quale si è concentrato questa nuova impostazione della federazione mondiale e a quanto pare anche la Germania è stata travolta da questo destino. E via giù a scavare nel passato delle nazionali per trovare anche un solo riferimento che possa essere ripreso e reinterpretato in modo da avere la botte e piena e la moglie ubriaca: accontentare la FIFA e non deludere i tifosi.

Eppure i supporter tedeschi pare riescano a reggere bene l’alcol da campagna mediatica e nonostante il teaser in cui compare lo slogan “È tempo per un nuovo classico”, la nuova DFB-Trikot, presentata oggi a Monaco di Baviera non è stata poi così accolta con grande acclamazione.

Ozil kit Germania 2014 adidas

Il bianco della maglia non va ad intaccare in alcun modo la tradizione tedesca in ambito calcistico. La caratteristica più evidente sul pannello frontale è l’elaborazione grafica di una chevron declinata in tre tonalità di rosso confinate da due bordature, una nera (superiore) e una dorata (inferiore). Delle linee scure completano il riempimento del disegno e sfumano man mano che si distanziano da esso.

Maglia Germania 2014 adidas

Come si legge dal comunicato sul sito della Deutscher Fussball-Bund, questa definizione grafica rappresenta la bandiera tedesca, anche se il condizionale qui dovrebbe essere d’obbligo se non altro perché il giallo della bandiera è diverso dal dorato presente sulla casacca. Fortunatamente, il logo DFB sul petto non sembra risentire del campo sula quale è posto e campeggia fiero e autoritario in argento sovrastato dalle tre stelle che, fedelmente, simboleggiano i titoli mondiali del 1954, 1974 e 1990.

Stemma DFB maglia Germania 2014

Le tre canoniche strisce adidas coprono le spalle e richiamano i bordi a profilo maglia, le bordature del colletto a V (molto morbido nel disegno) e delle maniche, questi ultimi due arricchiti da inserti in rosso. Questi dettagli ci fanno da anticamera al pannello posteriore della maglia.

Anche qui adidas marchia le sue squadre con la linea orizzontale che solca le spalle e che sarà il denominatore comune per Brasile 2014 dei team sponsorizzati dal brand tedesco. A differenza della parte frontale, il tricolore viene riportato fedelmente e sottolinea l’inserto in argento sotto il colletto recante la scritta in stampatello “Die Nationalmannschaft” (“La nazionale”). Lettering snello e squadrato fa da cornice ai numeri con un effetto “tagliato”.

Germania kit Mondiali 2014 adidas

Ma se lo stravolgimento cromatico non dovesse bastare, basta dire che i pantaloncini che completano il kit sono diventati bianchi in barba alla tradizione e genuflessi al presunto volere FIFA. I bordi neri e rossi richiamano la casacca e fanno da tramite ai calzettoni che provano a riunire i colori della bandiera tedesca con scarso risultato. “I pantaloncini bianchi simboleggiano la leggerezza del gioco tedescoafferma Jürgen Rank, capo designer abbigliamento di adidassi tratta di una dichiarazione di classe ed eleganza.”

Calzoncini calzettoni Germania 2014

Come se non bastasse, a fare eco alle dichiarazioni su questo kit sono stati, ovviamente e senza sorpresa, il capitano Lahm e il difensore Mats Hummels che sottolinea come il disegno della maglia sia molto diverso ma al contempo è molto più evidente di prima. Nel complesso questa soluzione rimanda ad un mix tra la divisa tutta bianca utilizzata dalla Germania Ovest contro la Polonia nel 1974 e la divisa usata dai tedeschi nel campionato del mondo di Italia ’90, solo che in questo caso il tricolore era autentico ed evidente.

Germania-Polonia 1974

Può darsi che l’incursione di Thomas Muller durante le riunione dei creativi di adidas abbia destabilizzato un po’ le sorti del nuovo kit che i tedeschi indosseranno venerdì prossimo nell’amichevole contro l’Italia a San Siro.

Nel frattempo, possiamo solo goderci l’unica nota di originalità di questa vicenda che sta nella presentazione della maglia a mezzo bus che ha sorpreso gli abitanti di Monaco di Baviera e nel video in cui i supporters tedeschi introducono la nuova maglia con la più grande ola che si possa immaginare. Speriamo che questa onda supporti la federazione e non la travolga con le critiche. Lo spot è “i nostri colori o niente”. Beh, un post-it per ricordare il giallo è necessario.

  • sergioXVII

    Che cosa orribile questa totale ignoranza e rispetto delle tradizioni…

    • mannis

      anche vedere l’argentina senza calzoncini neri è stato un colpo al cuore.. come il brasile senza il suo giallo-blu-bianco.. ma di sicuro quello che piu fa male agli occhi è la francia in quel total blu.. per altro molto molto scuro..

      • broscky

        perfettamente d’accordo con entrambi…

    • Geeno Lateeno

      Qualcuno mi svegli da questo incubo

  • GIUSEPPE

    fa schifo anche questa.

    • Astan

      Ma tu sai scrivere solamente “fanno schifo”? Conosci altre parole della lingua italiana?

  • http://goalislife.blogspot.com FZ

    Io sono per “l’innovazione nella tradizione”, per cui può starci qualche “invenzione” nel design, ma sui colori fatico ad essere elastico. E i pantaloncini della Germania DEVONO essere neri!

    Sulla maglia: l’idea delle tre “V” che vanno a comporre la bandiera della Germania non mi dispiace (in base al discorso che facevo poc’anzi), però quella più basso è troppo scura, avrebbe dovuto essere decisamente più vicina al giallo originale della bandiera tedesca.

    • Giovanni

      Ma non sembra nemmeno la bandiera, sono 3 toni di rosso! Con la bandiera sarebbe stata sempre brutta (non amo le maglie con la V), ma comunque meglio, come in questa immagine trovata on line

      http://s10.postimg.org/b3uu0v361/Schermata_2013_11_12_alle_14_16_57.png

      • Filippo

        sarebbe stata una soluzione molto ma molto più apprezzabile!
        questa maglia invece non dice proprio nulla…

      • matteo

        se fosse stata quella del link….cheapeu….appena ho visto le tre versioni di rosso nessuno ha pensato..”ma xke non hanno fatto con i colori della bandiera?”

      • Filippo

        potresti provare a fare una foto ritoccata della divisa, con V coi colori della bandiera e calzoncini neri?
        Giusto per vedere l’effetto..

  • jojo

    brutta, la rottura con la tradizione non ha giovato per niente, è come se alla maglia dell’Italia mettono sullo sfondo azzurro il giallo o il rosso. voto: 5

  • Ciuccminchj

    Ragazzi ma siete seri?!
    Io questa maglia la trovo a dir poco FANTASTICA.
    Avrei preferito i pantaloncini neri ma quella V sul petto mi fa impazzire.

    • Marco

      Concordo.
      Questa maglia è S T U P E N D A!!!!

    • Nasty

      sarebbe un’ottima seconda maglia per la roma. per il resto, il monocolore imposto è una barbarie.

    • A.D.L

      Concordo, maglia SPLENDIDA

  • Giovanni

    È terribile.

  • http://Unitalianoinsvezia.com Daniele in Svezia

    La FIFA ha rotto, con le sue pressioni per avere divise monocolore.
    Abbiamo visto i mondiali per 80 e passa anni con le divise spezzate, non vedo dove sia il problema…

    • gre

      quoto!
      Assolutamente vergognoso!
      Da ricordarsi lo scempio dell ultima amichevole tra Italia e Brasile

    • Filippo

      verissimo! La FIFA ha decisamente rotto le scatole!
      Non se ne può più, io germania-italia la voglio vedere così:
      http://24.media.tumblr.com/tumblr_m6ywbzKPQ11rwf0beo1_500.jpg

      non così: http://www.calcioalpallone.com/wp-content/uploads/2010/06/zambrotta-italia-nuova-zelanda.jpg !

      Scusate lo sfogo ma io non la reggo sta cosa!
      Proviamo a fare una sorta di petizione internazionale tra tutti gli appassionati di calcio nel mondo??

      • broscky

        concordo… si è giocato per oltre 100 anni con le divise multicolore, e non ricordo di aver visto grossa confusione… anni addietro, ad esempio, in milan juve avevano entrambe pantaloncini e calzettoni bianchi… cambiava solo la maglia… quindi? non mi sembra di ricordare grossi problemi… la fifa ha letteralmente rotto le scatole… mandiamoli via questi disgraziati… stanno rovinando anche quelle poche cose buone che sono rimaste nel calcio di oggi…

        • Fabio

          Ma come la Fifa nel 2005 impose alla Germania di tornare alla classica casacca, per eliminare quella rossa, non ci si capisce più niente. Blatter si è scordato!

          Adesso vedremo a Milano la partita tra Italia e Germania monocolore blu contro tutto bianco? Bah!

      • passione per la camiseta

        Concordo, ho però un dubbio: ammesso che la regola Fifa non scritta diventi legge a tutti gli effetti, perchè impedire l’uso dei colori tradizionali quando è possibile? nel caso di Italia e Germania a cui ti riferisci, le due casacche tradizionali sono possibili cromaticamente (azzurro-bianco-azzurro vs bianco-nero-bianco)
        le case produttrici dovrebbero produrre i colori tradizionali per i pantaloncini per consentirlo.
        Altra considerazione: la levata di scudi (giustissima) per queste casacche da calcio balilla non c’è stata per la Puma che ci ha imposto questa schifezza del pigiama total azzurro da tempi della divisa pezzata del 2006.
        Almeno in questo siamo avanti a tutti..
        la nike ora che farà? si adegueranno?

        • passione per la camiseta

          mi toccherà ridipingere le miniature del subbuteo che mi facevo io..

      • leevancleef

        MAGARI!
        Se organizziamo una petizione io ci sono sempre. E’ insopportabile questa decisione, è senza senso!

  • gre

    Sono i pantaloncini NERI che contraddistinguono la nazionale tedesca da tutte le altre nel mondo.
    Ma cos è quella V sul petto? cosa rappresenta?

    Vedo che non è solo la Puma a stuprare decenni di storia del calcio..ora ci si mette anche l adidas

  • TDX

    Onestamente visitando TSC in questi giorni ho potuto vedere le anticipazioni di: germania, spagna, russia, galles, scozia, colombia, Irlanda del nord e argentina. Notare che sono tutte sponsorizzate Adidas e sopprattuto la tradizione se ne andata a far benedire!! Righe tono su tono qua e la’, bande con colori assurdi e kit completamente monocromatici! fifa e Adidas sono legati da un contratto si sa ma qui veramente si sta rovinando tutta la storia di divise iconiche del calcio mondiale!!

  • Roberto

    La divisa della Germanaia più bella di sempre resta a mio avviso quella dei Mondiali USA ’94, con la V a rombi gialli-rosso neri… Avevo 10 anni e ricordo che la acquistai anche nel Subbuteo, da quanto mi piaceva! Questa maglia indiscutibilmente rompe con la tradizione ma lo avrei fatto diversamente, la V completamente rossa o quasi non ci sta a dire molto con la nazionale tedesca… Se poi ci mettiamo anche i calzoncini bianchi e non neri, ecco che il disastro è completo!

    Voto maglia da sola: 5
    Voto completo bianco: 4,5

  • jc

    Per me la maglia (solo la maglia, eh!) è bellissima e soprattutto originale, senza allontanarsi troppo da uno stile comunque classico ed elegante, come tutte le maglie Adidas “leakate” finora, su tutte quella del Giappone.

    Purtroppo l’infame regola FIFA sui pantaloncini toglie molto ai kit completi: nazionali che da sempre sono caratterizzate da una particolare variazione di colori tra maglia, pantaloncini e calzettoni ne perdono molto. Penso appunto alla Germania, ma pure a Francia, Spagna, Argentina e probabilmente Portogallo (non oso pensare al Brasile).

    • pietro93

      Aiuto è vero! Il Brasile che gioca il mondiale casalingo con i calzoncini bianchi no!

  • Keel

    Non si capisce dove sia il problema ad avere kit spezzati, la FIFA sta esagerando, vuole appiattire le differenze tra le varie divise e standardizzarle. Il bello del calcio è anche questo, fino ad ora non si sono avuti grandi problemi, è tutto così ridicolo.

    Parlando della maglia, è semplicemente oscena.

    • Filippo

      ma infatti è inconcepibile!
      la germania contrariamente ad altre nazioni non ha mai (o quasi) adottato il kit monocolore. Posso anche ad arrivare l’Italia o l’Olanda in monocolore ma la Germania, la Spagna, l’Argentina o il Brasile con quei orribili calzoncini bianchi no! Non ci riesco!

      • Keel

        Vogliono stravolgere tutte le tradizioni e uniformare le maglie, adducendo a motivi di visibilità. Per quanto riguarda la maglia dell’Italia, preferirei che ogni tot di anni si alternassero la divisa monocolore e quella coi pantaloncini bianchi.

    • cisky

      La Fifa vede il problema dei Kit spezzati dopo oltre un secolo di gioco del calcio: o se ne sono accorti con un certo ritardo o hanno passato decenni a rimuginare su sta cosa prima di aver il coraggio di proporla.
      Peraltro, per quanto riguarda il Brasile se davvero vogliono togliere i calzoncini blu, perché devono metterli bianchi? Se vogliono il monocolore perché non li mettono pure gialli? A questo punto oscenità per oscenità, almeno il giallo è coerente con la loro bizzarra interpretazione,o no?

  • mr74

    Bene….allora a rigor di logica, il Brasile ai prossimi mondiali dovrebbe indossare una tenuta interamente gialla…..se così fosse(giusto o sbagliato che sia…) le direttive e pretese della FIFA avrebbero un senso, ma visto che ho forti dubbi in proposito…….mi sembra un’iniqua pagliacciata che inquina e discrimina le tenute storiche dei paesi…..ma non di tutti!! Insomma o la FIFA la impone come regola obbligatoria x tutti, oppure non rompesse……le uova nel paniere.

    • jc

      Infatti con ogni probabilità il Brasile giocherà con i pantaloncini bianchi. Ne vedremo delle belle…

  • Dukla

    Inquietante la leggerezza con cui si buttano via decenni di tradizione e ancora più inquietante la notizia che la spinta a tale abominio viene ex alto, dalla FIFA! Ma la cosa più fastidiosa è rilevare come la Federazione tedesca abbia acconsentito a questa storpiatura. Di questo passo, quando potremo parlare più di “divise iconiche”? Nelle Nazionali non avevamo l’invadenza degli sponsor: bene, c’è sempre un modo per rovinare tutto …

  • Eug

    Secondo me, sia la maglia della Colombia che questa della Germania sono bellissime. Per la Germania, abbiamo visto negli anni come alla maglia bianca siano stati aggiunti altri elementi che richiamavano la bandiera tedesca ( http://www.soccerstyle24.it/wp-content/uploads/2010/07/1990w.jpg , http://imageshack.us/a/img541/5814/b4yp.jpg , http://sport.shop.it/locandine/media/adidas-germania-maglia-ufficiale-2008-1321766.jpg ). E in questo caso, se vogliamo, la tradizione continua, visto il richiamo alla bandiera sul petto. Poi può piacere o meno l’idea di utilizzare le sfumature di rosso, ma la maglia a mio parere è fatta benissimo.
    Il vero scandalo sta nel fatto che la FIFA voglia i completini monocolore… assolutamente senza senso!

    • Filippo

      questa è LA divisa della nazionale tedesca!
      http://goo.gl/qCxbMA

      • Stavrogin

        Anche no. Perché le tre strisce?
        Io direi che è questa:
        http://static.guim.co.uk/sys-images/Football/Pix/pictures/2008/09/19/germany74476.jpg

        • Niccolò Mailli

          Io direi più in generale che LA divisa della Germania è una divisa composta da:
          1- maglia bianca (anche non totalmente, altrimenti non avremmo ammirato la divisa dei campioni del mondo ad Italia 90);
          2- pantaloncini neri;
          3- calzettoni bianchi
          Su queste basi è lecito sperimentare.

          Notare che lo stesso vale per l’Autria, diventata misteriosamente rossa negli ultimi anni…

        • Filippo

          adidas – germania è un dato assodato, cioè è scontata la presenza delle 3 strisce così come abbiamo sempre visto i calzoncini della Germania Neri!

        • Marco
  • Fakkio

    Una v inutilmente brutta e un completo totalmente banale. Stesso collo e maniche del Galles,nessuna fantasia. I pantaloncini bianchi sono un vero abuso sulle tradizioni. Voto 5 solo perchè mi sembra un buon tessuto.

  • squaccio

    Ecco a cosa mi riferivo prima nell’articolo della Colombia….ZERO…la peggiore maglia di questa annata.
    La maglia tedesca è stata letteralmente violentata, io rescinderei il contratto per un orrore del genere.

    • squaccio

      Se ripenso alla sobirità delle ultime maglie adidas della Germania mi metto a piangere..

  • tot

    peccato, la germania ha sempre avuto bellissime divise

  • LM

    Che tristezza, dobbiamo assistere a rivoluzioni di divise che hanno fatto la storia del calcio. Questo completo imbarazzante, non incarna lo spirito tedesco ma solo di una divisa pacchiana, moderna e senza riferimenti al passato come avrei voluto. Quella V con quei colori che neanche ricordano il tricolore tedesco,sarebbe da censura, così come il font e i calzoncini bianchi, che sono una vergogna. Spero che la Germania esca subito nei gironi, perchè divise di questo tipo non sono da nazionale e non meritano di figurare in una competizione così importante. Peggior lavoro Adidas per nazionali visto in questi due anni e peggior kit in assoluto per la nazionale tedesca. Confido nella seconda, perchè questa non si può proprio guardare.

  • Ryukashy

    Noooooo!!!! I pantaloncini neri della Germania non li dovevano toccare!!!! :’-(((((

  • Stavrogin

    Mi accodo ai commenti di sdegno verso la FIFA. Ahimè, temo ci sia poco da fare.

    Per quanto riguarda la V sul petto, sono indeciso.
    Mi pare che “d’istinto” ti venga da pensare alla bandiera tedesca, anche se in realtà si tratta di tre sfumature di rosso. Penso che questo effetto sia ricercato, e apprezzo il fatto che sia ben riuscito.
    Poi però guardandola bene, ci penso e dico “bah, perché quel disegno rosso?”, e mi pare un bel po’ fuori contesto.

  • Flavio

    sarebbe molto bella se i colori dello chevron fossero quelli della bandiera nazionale.

  • Alvise

    questa volta adidas si becca un bello zero in pagella

  • giallu9

    Dopo l’oro sulle maglie del Milan, la quasi totalità delle squadre di premier con maglie identiche, il poco rispetto per le tradizioni della Colombia e del messico , le indiscrezioni sull’Argentina e, infine, questo scempio sto odiando Adidas più di quanto non la odiassi prima (cioè molto).

  • Ulisse

    Concordo che c’entrano le 3 tonalità rosse sulla maglia della Germania ?! Voto 5.5

  • FDV

    “I pantaloncini bianchi simboleggiano la leggerezza del gioco tedesco” afferma Jürgen Rank, capo designer dell’abbigliamento per il calcio adidas.

    Jürgen Rank..Jürgen Rank cosa vai raccontando..
    Ti hanno ordinato “i pantaloncini me li fai bianchi che se no ai parrucconi della FIFA serve l’audiodescrizione” ed hai eseguito, ma risparmiaci queste presunte motivazioni auliche.. Sarebbe stato più dignitoso riciclare la storia della pace in Colombia.

    L’unica utilità dei pantaloncini bianchi è nel distogliere l’attenzione dallo scempio concettuale perpetrato nella maglia.

    E comunque, come vado dicendo dal 2010, i colori della bandiera tedesca sono: nero, (un solo) rosso, e GIALLO, non oro né tanto meno color sabbia.

    • Stavrogin

      Beh dipende cosa intendi per oro… In teoria il colore giusto per il tricolore tedesco è una specie di giallo caldo e sbiadito che viene chiamato, appunto, oro (“Schwartz-rot-gold”). O sbaglio?

      • http://Unitalianoinsvezia.com Daniele in Svezia

        https://en.wikipedia.org/wiki/National_colours_of_Germany
        The national colours of Germany are officially Black, Red and Gold, defined by article 22 sec. 2 of the German Basic Law constitution on the flag of Germany: Die Bundesflagge ist schwarz-rot-gold. (“The federal flag shall be black, red, and gold.”).

      • FDV

        Mi aspettavo questa risposta. Se dobbiamo seguire l’araldica allora eliminiamo il bianco e lo sostituiamo con il grigio argento.

        A livello pratico, di occhio e non di parole nelle bandiere della Germania vedo un giallo pure bello deciso, non quello del metallo oro.
        http://www.stadtentwicklung.berlin.de/pix/baubilanz/regierungsgebaeude/reichstag.jpg

        Poi ci si può interrogare su quale sia il giallo-oro, ma quello che vedo sulle maglie della Germania dal 2010 ad oggi non mi sembra un’interpretazione giusta né ragionevole.

        • Stavrogin

          Ma infatti concordo, dipende dall’interpretazione che si dà al termine “oro”. Quello del 2010 era proprio oro metallico, scorretto. Quello del 2012 però mi pare la giusta tonalità di giallo.

          PS Non sono certo che l’obiezione sull’araldica sia corretta, nel caso delle bandiere. Visto che è attuale qui sul sito, ti faccio l’esempio della Colombia; in quel caso (come in molti altri sudamericani) si parla di giallo, non di oro. Ma anche senza uscire dall’Europa, la bandiera spagnola “está formada por tres franjas horizontales, roja, amarilla y roja”.

        • squaccio

          Per mettere d’accordo tutti non ce l’hanno messo proprio………. 🙁

        • http://Unitalianoinsvezia.com Daniele in Svezia

          Non è questione di araldica, ma la cosa è proprio specificata nella costituzione.
          Certo, l’effetto “metallico” è pacchiano, e andrebbe usato con moderazione.

        • http://Unitalianoinsvezia.com Daniele in Svezia

          Squaccio: c’è una righina piccola piccola, sotto il rosso…

        • FDV

          Va be “Schwartz-rot-gold” mi sembra una definizione dei colori in “araldichese” a differenza degli altri due esempi. Riportarla sulla maglia della nazionale è un’interpretazione sì letterale, ma lontana dalla realtà e dall’identità nazionale.

          Peggio ancora la divisa della nazionale di atletica firmata Nike
          http://www.thelocal.de/userdata/images/article/de/44011.jpg

          Un altro esempio che mi viene il mente è il pessimo RC Lens dei primi anni 2000 letteralmente “Sang et Or” http://www.rclens.fr/site/memoire_equipes/2002-2003.jpg

        • squaccio

          Ragazzi io più che di colore letterario farei riferimento alla tradizione.
          Anche io sapevo la definizione dei colori dove esiste l’oro e non il giallo, ma nella realtà il 3° colore della bandiera è un giallo bello carico.

          Altro esempio, sia la maglia della nostra nazionale che la maglia del Napoli sulla carta è detta “azzurra” e i calciatori “azzurri” ma sappiamo che la tradizione vuole la maglia della nazionale + tendente al blu rispetto alla maglia partenopea…
          Per capirci:

          Scozia —> Italia —> Napoli —> Lazio

        • Stavrogin

          Ma sì, alla fine io e FDV intendiamo lo stesso colore (un giallo scuro/caldo), solo che per me “oro” è una precisa indicazione in tal senso, mentre per lui si usa questo termine solo perché è l'”araldichese” per giallo 🙂

        • FDV

          Forse l’avremmo fatta più breve se avessi scritto :
          nero, rosso e “ORO” NON “DORATO” 😀

        • Niccolò Mailli

          @Squaccio. Puoi completare il tuo chiarissimo schema con le freccette così:

          Lazio — Malmo — Real Madrid :):)

        • rudiger

          Ma che bella dissertazione sul giallo! Stavolta non partecipo ma butto un sasso nello stagno: perché qui i confini del giallo/oro sono il giallo caldo e l’oro metallico mentre per la Roma (per cui si parla comunque di giallo e di oro) molti di voi arrivano ad includere e accettare l’arancione 🙂 ?

  • CP9

    Senza commentare la ridicola faccenda dei pantaloncini bianchi,su cui si è detto abbastanza, posto che non mi piace il modello che Adidas sta proponendo alle nazionali, quello che c’è sul petto è uno scempio della bandiera tedesca. I colori della Germania sono il nero il rosso e il giallo, lì si vedono tre tonalità di rosso e delle striature color sabbia. Il disegno mi piace, se si fossero limitati a utilizzare i colori della bandiera sarebbe una bella maglia, tolta la linea sulle spalle.

  • http://Unitalianoinsvezia.com Daniele in Svezia

    La maglia sarebbe stata splendida se il nero e l’oro nella V non fossero stati ridotti ad una righina. Così, col rosso predominante, non ha molto senso.
    I pantaloni bianchi sono un’oscenità per cui FIFA e Adidas devono rispondere.

  • zagorakis

    incredibile, la germania con i pantaloncini bianchi! con questa idea assurda della fifa si sta calpestando un secolo di storia del calcio…assurdo!

    • zagorakis

      la vederemo venerdì contro l’Italia?

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Parto dalla maglietta: il design con la “V” poteva starci perché vagamente avrebbe ricordato la maglietta dei mondiali 1994. Il fatto è che in adidas hanno completamente sbagliato l’utilizzo dei colori… dov’è il giallo? Perché s’intestardiscono con quella specie di oro? Se la “V” fosse stata nera, rossa e gialla la maglietta sarebbe stata uno spettacolo, da Germania. Così invece non lo è affatto.
    I pantaloncini bianchi non si possono vedere abbinati a maglia bianca e calzettoni bianchi. La nazionale tedesca non è il Real Madrid.
    Divisa bocciata praticamente in tutto.

  • squaccio

    Viste le maglie presentate posso dire che le nostre si candidano prepotentemente alle migliori del mondiale ?
    Il che è tutto dire…..

    • Stavrogin

      Quella della Spagna non sembra male, ma ho visto un’immagine non chiarissima e senza i pantaloncini.

      • squaccio

        Diciamo, per usare un eufemismo, che la adidas per questo mondiale ha stravolto + di qualche colore:

        qualche giallo è diventato oro e viceversa, qualche rosso ha cambiato tonalità, un paio di calzoncini iconici neri sono diventati bianchi con aggiunta di maniche monocolore, il Giappone ha il color salmone, alla Colombia è sparito il rosso…. maglie che senza stemma della federazione sarebbero discrete, ma non sono le maglie identificative di quella nazionale.

        Senza stemmi la maglia della Germania potrebbe sembrare l’ipotetica away dello United di quando aveva la V sul petto; dimmi la differenza, sempre senza loghi, tra Spagna, Russia, Galles e Danimarca….

        FORZA PUMA che questo mondiale sbaragliamo tutti ! 😀

  • elkan

    è la fine, preparatevi i maya avevano ragione ed inizierà tutto dal calcio..

    • rudiger

      🙂

  • sergius

    Ma che è sto schifo? ma dove sono i colori nazionali? cosa sarebbe quella V con tre tonalità di rosso? e i calzoncini neri che fine hanno fatto?….dal Castel Rigone, 400 abitanti, alla Germania, super potenza mondiale, Adidas ormai è un naufragio continuo. Vergognosa davvero.

  • Alessandro

    La FIFA ha veramente rotto con questa mania del monocolore ed è incredibile che una Nazionale importante come la Germania l’assecondi pure.
    Vediamo partite a colori da 30 anni e con Nazionali bicolore, ma dove sta veramente il problema?
    Esistono le divise away in caso di problemi con i pantoloncini tipo Germania-Brasile, la Germania si mette la verde con pantaloncini bianchi.
    Va fatto veramente dai tifosi un Manifesto contro il Calcio Moderno su modello Playstation.

    • squaccio

      Scusa la veemenza…ma dove sta scritto che i calzoncini blu del Brasile cozzino con i neri della Germania e la Germania deve cambiare proprio tutto il kit ?
      Dove sta scritto che non vedremo più Italia Brasile con i vecchi colori ?

      Prima avevo letto che “Era fatto per agevolare le popolazioni dove esistono i televisori in bianco e nero” e mi sembra una grandissima str… perchè eventualmente questa norma andava fatta 20, 30 anni fa non ora.
      Dove +ttosto non si mangia ma l’iphone ci deve strare. Figuriamoci una tv a colori…
      Prima panzana.

      Seconda panzana è che questo stacco cromatico viene(verrebbe) attuato per facilitare gli arbitri.
      Io fesserie arbitrali vedevo 10 anni fa, fesserie arbitrali vedo ora e credo di vederne anche tra 10.

      Alla fifa pensassero al modo in cui vengono scelte le sedi dei Mondiali (Vedi Qatar)…visto che sono marci + di una mela bacata…altro che il contrasto cromatico o i mondiali a 45° o peggio in inverno…….

      • Dukla

        Bravi, pienamente d’accordo con entrambi!

      • Alessandro

        Volevo scrivere Argentina, ma nella fretta ho scritto Brasile… Stavo pensando infatti alla finale di Mexico 86, quando la Germania giocò con quella bellissima maglietta verde.

  • Alberto G.

    Secondo me, sarebbe stata molto più carina così, con i colori della bandiera tedesca anche sulla parte frontale, anzichè quelle tonalità di rosso:

    http://i42.tinypic.com/2emoahz.jpg

    Cosa ne pensate ?

    • magliomane

      Così sarebbe stata stupenda!

    • hernam

      Stessa identica cosa che pensavo io! perchè una fascia rossa?!? non ha senso!
      ed è vergognoso il cambio di pantaloncini, ma ormai a nessuno importa più niente della tradizione, vedi brasile, colombia e anche italia

    • Piero

      Magari!!!

  • Giuseppe

    Attendiamoci quindi un total blu per l’Italia

  • boom89

    Io la colpa delle schifezze per i mondiali di Adidas (chi ha messo del suo) però la darei in gran parte alla FIFA!Non esiste che le divise debbano essere o chiare o scure…non si possono vedere!soprattutto per le nazionali dove i diversi colori rappresentano o le bandiere o la tradizione!

    Spero si un errore che verrà rivisto…tra tutte queste schifezze però quella che farà più “male” sarà quella del Brasile (che gioca anche in casa…)!poveri noi!

    Adidas in questa situazione però mi è sembrata “obbligata”, anche se le maglie le ha realizzate lei, infatti per le squadre che non giocheranno i mondiali a mantenuto la tradizione (cfr. Irlanda del Nord) e ha creato un capolavoro per la Scozia…peccato!

  • squaccio

    Cmq Giovanni Trombino tra gli articolisti si riconosce perchè ha uno stile + “cattivo”.
    Complimenti al ragazzo (non se se è ragazzo, quindi in senso lato) perchè crearsi uno stile facilmente riconoscibile non è da tutti.

    Così come gli articoli “enciclopedici” di Daniele Costantini.

    • Stavrogin

      A proposito, ma Giovanni Trombino ha uno username riconoscibile con cui in genere commenta? O è proprio una new entry?

    • Passione Maglie

      In realtà è colpa mia che gli affido i pezzi più “polemici” ed a volte lo incito ad andarci giù duro 🙂 🙂

      L’articolo non mi sembra cattivo, sono solo state messe in evidenza le debolezze del kit, citate da quasi tutti nei commenti.

      @Stavrogin
      E’ una new entry, a breve troverete il nuovo staff nella pagina “Chi siamo”. Sono dei timidoni e non vogliono svelarsi 😀

    • Giovanni Trombino

      @squaccio ti ringrazio per il complimento 😉
      @Stavrogin uso direttamente nome e cognome 😉

  • Simone

    La bandiera è schwarz-rot-gold, il completo della Nationalmannschaft è weiß-schwarz-weiß. Punto.
    Non possono esistere variazioni sul tema, a prescindere da quante e quali droghe assumano alla FIFA. Non si può prendere la tradizione e buttarla nel bidone dell’immondizia.

  • Eugenio

    In questo stile era ovviamente più bella quella di Italia ’90.
    Una divisa bella, ma che si va a perdere nel suo unico punto,ossia il chevron, che l’ avrei fatto di un’ unica tonalità, invece che sbiadire e poi perdersi del tutto con quella striscia dorata che non ‘ centra nulla. Mi aspetto una seconda maglia decisamente migliore, che , non so, a questo punto potrebbe essere gialla.

    Voto 7,5

  • ZampaZampa92

    Se la maglia della Germania non avesse i pantaloncini neri, allora molto semplicemente non sarebbe la maglia della Germania…

  • mosca

    Ma insomma, ciò che per antonomasia distingue lo spirito tedesco è innovazione e storia assieme, quel connubio che ha portato ad avere maglie “estreme” come nel 90, o 94.

    Maglie sempre al limite eppur immediatamente riconducibile alla germania per il calibrato innesto dei colori.
    Qui sfido chiunque ad associare la maglia alla nazionale.

    Forse stavolta quel limite è stato superato e l’identità della nazionale si perde.

  • Tux

    volendo tirare le somme…
    dunque, io sono tra quelli che apprezzano la V (simil-V) sul petto. O meglio, apprezzo che sulla base bianca della maglia tedesca si osi un qualsivoglia fregio nero, rosso e oro, che poi può esteticamente riuscire come quello del ’90 o meno come quello del ’94, ma comunque ci sta.
    di QUESTA V sul petto ovviamente trovo senza senso che in realtà siano tre tonalità di rosso che tentano di riprodurre il nero rosso oro; o meglio, credo che un senso lo abbia, e sia il tentativo di “bypassare” le regole FIFA. Infatti mi pare che una delle ultime circolari (Passione Maglie magari ha notizie più precise) imponga un massimo di tre colori sulle maglie, e il colore predominante della maglia che deve esser predominante anche sul resto della divisa.
    Mettendo sul bianco della maglia il tricolore tedesco si infrangerebbe questa regola (i colori sarebbero quattro), quindi, se la mia informazione è corretta, si è ovviato sfornando una maglia in tre colori (bianco, nero, rosso) che però “vista da lontano” sembri riportare sul petto la bandiera tedesca.
    Ovviamente il risultato fa inca##are.

    I pantaloncini, come detto, a quanto pare devono riportare il colore predominante della maglia. E così, dopo l’Italia tutta in azzurro, il Brasile e l’Argentina tutte in chiaro, l’Olanda total orange, la Francia tutta in blu, l’Inghilterra tutta in bianco (e ci scommetto, la Spagna tutta in rosso) ecco violentata l’ultima leggendaria divisa della storia del grande calcio.
    Violentata, non trovo altre parole.
    E’ uno sconcio.
    Adidas sono quasi sicuro non c’entri.
    Possiamo nel caso chiedere alla nostra federazione se ha ricevuto precise direttive FIFA che impongono di indossare completi monocolore, così da avere la certezza che sia una regola?

    Assistere alle partite del Mondiale con le squadre conciate in questo modo, noi siamo amanti delle divise e quindi capite che non sto esagerando, ci toglierà gran parte del gusto dello spettacolo.
    Io ad esempio a Brasile-Italia della Confederation ho assistito stranito, non sono riuscito per tutti i 90 minuti a superare il senso di “fuori posto”, addirittura il disagio visivo. Giallo-bianco-bianco contro tutto azzurro, e quello sarebbe Brasile-Italia?
    Fate quello che volete, movimento di opinione, raccolta firme, appoggio tutto, ditemi dove devo firmare, a chi mandare mail, sono con chiunque finalmente si levi contro questa pagliacciata.

    La cosa assurda è che sembra sia fatto per migliorare la visibilità della partita rendendo immediatamente distinguibili tra loro le due squadre in campo: ma maledetta la genitrice che ha partorito chi ha concepito questa vetta di scienza, per CENTO anni si è giocato tranquillamente nel modo tradizionale con le divise tradizionali, per DECENNI si è giocato col modo tradizionale con partite trasmesse da televisori IN BIANCO E NERO (quindi in epoche in cui questa regola assurda avrebbe anche avuto un senso) e mettete la regola adesso che chiunque ha in casa un televisore che permette di distinguere pure la scritta ORDEM E PROGRESO sullo stemma che compare sui calzettoni del Brasile???

    • squaccio

      A questo punto l’adidas avrebbe potuto toglierlo proprio la V sul petto o farla nera…tra quest’arlecchinata ed una maglia bianca con rifiniture nere io avrei preferito quest’ultima.

      • cisky

        Concordo pienamente.

  • magliomane

    che.ca***.e.sta.roba

  • MB45

    Errata corrige: la scritta “die nationalmannschaft” presente sul retro della casacca significa semplicemente “la nazionale” ed è il modo in cui i teteschi chiamano la loro nazionale (analogo al nostro “gli azzurri”).

    Pace e bene
    MB45

    • Geeno Lateeno

      i teteschi ti Cermania
      🙂

  • Simone

    Che schifo! La peggior maglia della Germania degli ultimi anni! Bleah!

  • Tux

    Facciamo un gioco.
    Prendiamo un appassionato di calcio, magari, ma non di divise. Uno che conosca squadre e giocatori a un livello decente, diciamo, ce ne sono tanti; uno che certamente sa che, ad esempio, la maglia del Genoa è inquartata rossoblu, ma se da un anno all’altro cambia dal colletto a polo al girocollo lui nemmeno ci fa caso.
    Avete presente il tipo?
    Bene. mettetegli davanti due fotografie, cancellando stemmi col photoshop.
    In una è ritratto un giocatore della Germania campione del mondo 1990, con quella divisa. Non uno famoso, non necessariamente Matthaeus o Brehme, va bene anche una riserva.
    Chiediamogli di indovinare la squadra.
    CENTO SU CENTO che dice Germania (o Germania Ovest, il Muro era crollato da solo un anno).

    Ora mettiamogli davanti la fotografia di un famoso giocatore tedesco con indosso QUESTA divisa. Diciamo Schweinsteiger, che oltre ad essere celebre è anche inconfondibile, coi suoi capelli color limone.
    Chiediamo al nostro appassionato di calcio non esperto di divise di riconoscere la squadra.
    Quanto ci scommettete che, riconoscendo Schweinsteiger, il nostro dice “Bayern Monaco, con la nuova maglia da trasferta”?

    …Una divisa della Germania che non si riconosce al primo sguardo, ed anzi non si riconosce e basta, NON è una divisa della Germania.

    • squaccio

      Avevo immaginato fare lo stesso gioco perverso con le divise adidas di:
      Russia, Spagna, Galles e Danimarca…provate a levare gli stemmi…

    • cisky

      E’ un discorso di una puntualità esemplare, che chiarisce emblematicamente la questione della riconoscibilità di una maglia anche da parte di chi è poco esperto: e questo dovrebbe essere il primo pregio di una maglia.

  • Mat27

    Dopo questa maglia ho deciso che non guarderò i mondiali in Brasile.

  • gianni

    Divisa francamente sconcertante…il buon gusto nell’abbinamento dei colori è senza dubbio presente, ma l’insieme va bene per un club non per una nazionale. Il pantaloncino nero è un “must” irrinunciabile per la DFB

  • sergius

    Tanto queste maglie non verranno comprate quasi da nessuno o comunque da pochi, non credo che esista unn tifoso tedesco che possa identificarsi in queste porcherie, così Adidas se ritroverà tutte sulla panza. La FIFA poi ha rotto le scatole all’intero pianeta con queste imposizioni a sfondo monocromatico o monocolore, ma che si facciano i cavoli loro e pensino ai problemi del calcio realmente seri che non hanno mai risolto.

  • Andrea

    Ma che problema è avere i kit “spezzati”?? ma la Fifa è cretina?? maglia-pantaloncini-calzettoni devo essere tutti e 3 di colore differente da quello usato dall’avversario (e, solo in caso di alternanza speculare è meglio usare un kit monocolore), ….ma è assurdo obbligare le nazionali ad avere maglia-pantaloncini-calzettoni di uguale colore…

  • ste2479

    la V sembra copiata dalla maglie nike di 3-4 anni fa (manchester united per chi si ricorda)
    il total white poi non si puo’ vedere sul completo della germania…

    Ps: per vedere la bandiera della germania nei colori della V ci vuole veramente molta fantasia…
    forse la riesce a vedere solo un ubriaco dopo 5 litri di birra…

  • cisky

    Semplicemente non è la divisa della Germania. Il modello non è male, ma non ha niente a che fare con la Germania. Proprio per venire incontro, se devono lasciare i calzoncini bianchi, almeno quella V doveva essere nera o nera-rosso-gialla, come alcuni hanno proposto. Se invece devono lasciare quella V così, almeno i calzoncini devono essere neri. Più di questo non si può concedere, secondo me. O forse è solo che ormai qui io e molti altri qui siamo troppo vecchi e non capiamo che il mondo non è più quello di quando eravamo ragazzini.

  • MARCO0890

    Maglia orrenda l’Adidas ha rovinato una delle più belle ed originali maglie da calcio

  • Lord Balod

    Ma che cagata…se volevano ispirarsi alla tradizione,bastava rimettere in auge la maglia di Italia ’90 e come seconda divisa usare lo stesso template su sfondo verde,il colore che usava allora.Quella è LA maglia della Germania,punto.

  • Lord Balod

    Ma che orrore…se volevano ispirarsi alla tradizione,bastava rimettere in auge la maglia di Italia ’90 e come seconda divisa usare lo stesso template su sfondo verde,il colore che usava allora.Quella è LA maglia della Germania,punto.

  • gianni

    Da quello che ho visto in giro hanno cambiato pure quella di riserva. Adesso è qualcosa di simile a quella del Flamengo, niente a che vedere con la versione del 2010 o la verde. Le casacche home più belle restano quella del 96 e 2010, senza andare troppo indietro del tempo. Difficile che faranno marcia indietro, a meno di incassare un pesante flop economico da parte di adidas. Se la tendenza è rinnovare ciclicamente ogni 2 anni bisognerà aspettare il 2015..e non ne è detto che si tornerà al passato

  • gianni

    (scusate il pasticcio di scrittura…)

  • hernam

    stai a vedere che l’italia con puma fa il colpaccio quest’anno!

  • Riky Nova

    Comunque Cisky ha ragione…bisogna fare i conti con il concetto di moderno. Gli anni ’70, gli anni ’80..tutto stupendo…tutto meraviglioso. Ma non si può vivere sempre pensando al passato. Anche a me piange il cuore nel vedere la Spagna in completo rosso, la Germania in completo bianco. L’abuso del colore oro. Ma non fermatevi alla maglie. Vi piacciono i giocatori con il 45 o il 92 sulle maglie ? Le panchine di 12 giocatori ? Il calcio spezzatino ? La serie A a 20 squadre (fattore che per primo ha portato all’impoverimento del nostro calcio) ? Lasciamo poi perdere la situazione degli stadi.

    Sulle maglie: negli anni ’80 il Milan ha giocato spesso in calzoncini e calzettoni bianchi contro squadre che avevano calzoncini e calzettoni bianchi…poi ?

    Comunque il giochino del “leva lo stemma non capisci che squadra è ” francamente non lo capisco. Io ho il subbuteo, per me la squadra in maglia bianca con calzoncino nero e calzettone biancho è la Germania..l’Austria..il Cesena…la maglia di riserva del Manchester…la maglia lo fa lo stemma.

    • squaccio

      Sono totalmente in disaccordo perchè il calcio non è un subbuteo…
      e le maglie delle nazionali dovrebbero avere una sacralità maggiore rispetto ad un Cesena qualsiasi…

      Poi i cambiamenti non sono tutti da vedere come il demonio:
      per esempio apprezzo le maglie personalizzate, anche con numeri bislacchi, perchè identificano ancor di + un calciatore ad una maglia.
      Giusto ? Sbagliato ? A me piace.

      Così come mi piacciono le panchine allargate (mortificante mandare i giocatori in tribuna)…

      tutto il resto purtroppo non decidiamo noi ma chi ci deve mangiare, ovvio che lo spezzatino non piace a nessuno…

    • Tux

      guarda che praticamente così mi dai ragione… la squadra con maglia bianca e pantaloncini neri è la Germania (oppure il Cesena), ok… e allora guardando questo completo qui, che squadra è? bianco-bianco-bianco con un fregio in tre tonalità di rosso (???) sul petto… se non sapessi che è la Germania, la riconosceresti?
      …ecco.
      …Ti sembra normale non riconoscere la divisa della GERMANIA??? non del Burundi, della GERMANIA.

  • Peppe

    Bruttarella forte. Voto: 4,5.

  • Brado

    Con calzoncini neri ed il colore della bandiera al posto delle sfumature di rosso sarebbe stato un kit bellissimo.

    • Tux

      eh, ma poi a blatter gli veniva un infarto… metti che non riuscivano a distinguersi giocando contro l’Italia o l’Uruguay…

  • Luigi – TR

    Brutte

  • Swan

    Un kit molto bello per qualche squadra di club ma non per la nazionale tedesca.
    Purtroppo la colpa di questa situazione non è altro che la FIFA e le varie aziende di abbigliamento sportivo si piegano ai suoi voleri, Adidas in primis che ne è partner da quando seguo il calcio.
    Il calcio moderno è sempre più di plastica. Rispondendo al post di Riky Nova poco più in alto concordo con tutto ciò che ha detto tranne un punto: favorevole alla serie A con 20 squadre come i maggiori campionati europei (tranne la Bundesliga a 18). Ricordo quando la serie A ne aveva 16, tristissimo.

  • elkunazzurro

    Sta FIFA facess na cosa bon!!!! 😀

  • Daniele Costantini

    La maglia in sè mi piace. Non si può certo parlare di novità assoluta: negli ultimi venticinque anni – la Germania Ovest prima, e la Germania unificata poi – ci hanno ciclicamente abituato a “macchiare” la classica maglietta bianca coi colori nazionali; dalla più iconica, quella di Euro ’88 e Italia ’90, alle spalle colorate di Euro ’92, dalle stripes adidas sul petto a France ’98, alla fascia nera di Euro 2008, senza dimenticare la “mitica” gorgiera a rombi di USA ’94.

    Nello specifico del modello per Brasile 2014, apprezzo la chevron che gioca solamente sui toni del rosso: probabilmente, l’uso contemporaneo del giallo/rosso/nero avrebbe reso la ‘V’ troppo invasiva; inoltre, io ci vedo un labile richiamo alla away rossa della gestione-Klismann ( http://www.corbisimages.com/images/Corbis-42-15476220.jpg?size=67&uid=066a0c9d-d2d6-4eec-a518-14b1e12f34b2 ).

    Bocciata completamente, invece, la scelta di un completo total-white; il tirar fuori il misconosciuto precedente d’una partita con la Polonia di quarant’anni fa, puzza lontano un miglio d’arrampicata sugli specchi… bastava dire la verità, cioé spiegare la nuova politica cromatica della FIFA.

    Sempre riguardo la voglia di richiamare il passato, mi chiedo perché, nelle due ultime decadi, non sia mai stata riproposta come away la storica maglia blu della DDR ( http://www.bz-berlin.de/multimedia/archive/00273/fussball-legenden2_273244a.jpg ): a livello di marketing, e con l’Ostalgie che è oramai una realtà, secondo me farebbero centro a livello di vendite – pur se mi rendo conto che l’argomento Est/Ovest, tra i tedeschi, è ancora vivo e dibattuto; probabilmente sarà necessario attendere una generazione per spegnere definitvamente i fuochi ancora accesi.

    • Daniele Costantini

      Aggiungo solo una considerazione a 360°: col Mondiale 2014 che torna nella patria del futbol, mi aspettavo un approccio molto classico e vintage nel disegno delle divise… devo invece constatare come molte nazionali abbiano approfittato dell’appuntamento brasiliano per proporre alcune tra le maglie più innovative della loro storia.

      • Filippo

        sono totalmente d’accordo, anche io mi aspettavo un approccio super classico e vintage per questi mondiali giocati nel paese più “malato” per il calcio di tutti!
        piccolo appunto, la patria del football è l’Inghilterra. I brasiliani sono quelli che hanno capito meglio di tutti come interpretare il gioco 🙂

        • Daniele Costantini

          Infatti ho parlato di ‘futbol’, non ‘football’ 😉

        • Stavrogin

          Non per fare il pedante, ma il Brasile non è neanche la patria del “futbol”, che è il Rio della Plata, da entrambe le sponde (Buenos Aires e Montevideo) 😀

        • Daniele Costantini

          Vabbè, se volete disquisire anche sui confini geografici… 😀 …come ha detto Filippo, “i brasiliani sono quelli che hanno capito meglio di tutti come interpretare il gioco”: tanto mi basta per considerare il loro paese come la Patria – con la ‘P’ maiuscola – del calcio 😉

        • Stavrogin

          Non ero/sono polemico, ma ci starebbe un gustoso OT sulla storia del calcio 🙂
          Io non concordo con la vostra affermazione… I brasiliani sono i più talentuosi, ma dal punto di vista dell’interpretazione del gioco la vera “patria” (intesa anche in senso meritorio come fai tu, non necessariamente cronologico come facevo sopra io) sono Uruguay e Argentina.
          Comunque di certo concordiamo che sia stata una fortuna che l’Inghilterra abbia esportato piuttosto in fretta la proprio creazione 😉

  • ZampaZampa92

    Aggiungo un’altra cosa:

    Lasciando da parte per un momento la questione dei pantaloncini (che ovviamente erano molto meglio neri) immaginate se la banda a forma di v sul petto avesse avuto effettivamente i colori della bandiera della Germania. Secondo me si sarebbe ottenuto un effetto molto gradevole, oltre che un ottimo compromesso tra tradizione e innovazione (avrebbe inoltre ricordato a grandi linee la storica maglia del trionfo a Italia 90′).

  • andy

    ehm, sarebbe “Die Nationalmannschaft” e non “Die Nationalmainshafte”. C’è anche scritto sulla maglia 🙂

    • Passione Maglie

      Corretto, grazie

  • andy

    Bella la V sul petto anche se non riprende fedelmente i colori della bandiera.

    Peccato che le divise tradizionali delle nazionali vengano rovinate in questo modo dalle regole fifa…

  • rudiger

    Per me è ottima: un’innovazione che ci sta. I pantaloncini non sono un elemento molto importante nelle divise e qui si mantiene comunque il nero negli inserti della divisa…
    No, vabbè, scherzavo. Mi piace fare il bastian contrario ma qui Adidas e la federazione tedesca sono indifendibili. Non aggiungo vituperi, visto che arrivo in ritardo a commentare, e che persino FDV è arrivato quasi alla violenza fisica commentando le vaccate del “giustificatore ufficiale” di turno.
    Di mio aggiungo che quelli della nazionale tedesca erano (si, ERANO, ditegli addio) tra i pochissimi pantaloncini al mondo che definivano la loro maglia. Juve, Barcellona, Argentina, Manchester, Lecce, Brescia, Perù e il 90% delle squadre di calcio sono riconoscibili dal disegno della sola maglia, o comunque i pantaloncini non aggiungono niente. Germania, Brasile e poche altre si distinguono per l’accoppiata sopra/sotto. Per questo ‘sto scempio andrebbe denunciato all’Onu.
    Nota polemica: quando (spesso) parlo di maglia più importante dello stemma alludo a questo genere di perdita d’identità. Da quando l’attenzione si è spostata sugli stemmi (inventati, poi ingranditi, rivisitati, arricchiti, trasformati ecc.) l’identità del club (o delle nazionali) è stata “affidata” sempre più ad essi e sempre meno, a colori e disegni tradizionali delle maglie, lasciando mano libera ai “creativi” di turno. Queste sono le conseguenze: c’è lo stemma a dire che è la Germania (tranquilli, la V sparirà l’anno prossimo), quindi di sotto può rimanere un banalissimo bianco pronto ad accogliere sponsor e toppe. Le tre strisce però no, quelle non sbiadiscono e non cambiano mai.
    Adidas Uber Alles.

    • Geeno Lateeno

      Commento fori tema (mi sia consentito): ma sai che ho scoperto che c’è una canzone di Mark Knopfler che si intitola appunto “Rudiger”…???

      • Stavrogin

        Eggià, si parla del primo album solista di Knopfler, lontano 1996 se non sbaglio.

      • rudiger

        Mi vado subito a cercare il brano. Però fammi sapere perché fuori tema: è una critica che mi tocca sempre sul vivo.

    • Tux

      concordo al 99%, io toglierei dall’elenco delle squadre a cui i pantaloncini non aggiungono nulla Argentina e Lecce… la prima, è vero, è riconoscibile dalla sola maglia, però i pantaloncini neri erano (sigh) la firma finale… i salentini avevano (anche loro quest’anno hanno rinunciato) quei pantaloncini blu che li distinguevano da tutte le altre strisciate giallorosse.

      • rudiger

        In quel 90% ho messo maglie cui i pantaloncini non aggiungono nulla (come la Roma ad esempio) e maglie identificabili anche senza i pantaloncini che comunque sono particolari (come Lecce e Argentina). La peculiarità della Germania, e di poche altre squadre è che se tu chiedi a un appassionato “com’è la maglia della Germania?” la risposta include(va) sempre e comunque anche il colore dei pantaloncini per essere completa.
        Ora tutto questo è stato gettato al vento, senza chiedere nulla a nessuno, come sempre.

  • Oisselo

    Cioè, è talmente evidente che quella v sul petto andava fatta nera rossa e gialla che è un mistero il motivo per cui non lo si è fatto! Poi volevo rispondere a chi diceva che ormai il calcio vecchio è superato: benissimo, ma il moderno non deve stuprare per forza il passato! Giustificare obbrobri con “siamo nel 2013” mi sembra una motivazione che non sta in piedi: che significa, che nel 2013 non si possono fate le cose perbene?

  • out of mind

    Dico solo questo: di questo passo dove andremo a finire? Forse tra qualche anno tutte le nazionali avranno a disposizione solo un kit totalmente bianco e un kit totalmente nero.

  • Vittorio

    È una maglia che è nata per un effetto a distanza quindi aspetto per giudicare anche se proprio non mi entusiasma. I calzettoni sono più intriganti

  • Fede

    NOOOOOOOO. Queste stupidissime regole FIFA stanno rovinando la bellezza e l’unicita’ delle divise delle nazionali. Infatti possono essere distinte benissimo cambiando i pantaloncini e/o i calzettoni.
    Una nazionale di solito tiene molto alla propria casacca perche’ racchiude le sue tradizioni, culture e simboli che la rendono unica. La FIFA le sta rovinando e se non si torna subito indietro non immagino dove si andra’ a finire..

  • Andy
    • Filippo

      questa maglia sarebbe passata da un giudizio nemmeno sufficiente ad un giudizio più che buono. Da un 4.5 a 7.5 🙂

  • Fabio

    Ma perchè una volta giocavi non so Italia-Eire entrambe con le maglie coi pantaloncini bianchi ed adesso non più?

    Nel rugby lo fanno, ma forse lì, il gioco è più lento, ancora in Premier League ho visto farlo, lo scorso anno…

  • Marco

    Maglia stupenda per me, purtroppo ormai questo sito sembra il meeting di un gruppo di pensionati nostalgici, qualsiasi novita’ viene bocciata, se invece si fa una maglia semplice si grida al catalogo, se si copia e incolla una maglia degli anni ’80 allora si grida al miracolo.

    Siamo nel 21 secolo, un po’ di sana originalita’ e novita’ servono. Questa maglia ha un che’ di manga giapponese e l’all white una volta ogni 50 anni non fa certo male.

    • Tux

      il problema è il contesto. Una Germania all white una tantum (ma allora perché non riprodurre i colori della bandiera sulla V?) ci starebbe pure, se non fosse che ci avviamo ad una manifestazione in cui giocherà contro un’Italia tutta azzurra, una Francia all blue, una Spagna all red, un Brasile tutto chiaro coi pantaloncini bianchi (sacrilegio), un’Argentina tutta chiara e via così.
      Non è calcio, è calciobalilla, tutti rossi contro tutti blu (e nemmeno, perché per Italia-Spagna la FIFA imporrebbe ad una delle due di indossare il completo bianco… hai visto mai qualche daltonico non distingua le squadre o qualche cavernicolo si sia perso l’invenzione del televisore a colori).
      Si uccide letteralmente la bellezza del mondiale, i colori delle bandiere e delle divise delle squadre che da tutto il mondo arrivano nel paese organizzatore per disputare il torneo più importante forse di tutto il mondo sportivo, più dell’olimpiade.
      Ridotto a questa cosa tristissima di tutti blu contro tutti bianchi.

      • rudiger

        Non ti da fastidio che un’organizzazione qualunque decida in totale monopolio l’estetica di uno sport prendendo decisioni che cancellano decenni di passione per maglie e colori. Non parlo di innovazione ma di decisioni unilaterali e inderogabili sui colori di maglie e pantaloncini. Se lo facessero per la tua squadra? lo accetteresti in nome della modernità?
        Se questa oligarchia di sponsor e burocrati fosse esistita agli albori del calcio probabilmente non esisterebbe quella immensa varietà di colori e disegni che rende ogni club unico al mondo o quasi. I colori del calcio sono gran parte del tifo e della passione, se li riduciamo a una decina di colori primari da mettere su divise a tinta unita che resta? Ma soprattutto chi glielo ha chiesto? A me sembra il contrario di quello che tu attribuisci a noi: è una decisione presa da un gruppo di pensionati svizzeri a cui non piacciono i colori sgargianti o contrastanti perché sono impaludati nel loro grigiore.

        • rudiger

          *ovviamente rispondevo a Marco

  • Oisselo

    Marco sexondo il tuo discorso allora, siccome siamo nel XXI secolo perchè per un anno adottiamo come bandiera nazionale il tricolore, peró con verde e rosa fosforescente? Sarebbe più gradita ai tamarri che vanno in discoteca! Perdonami, ma lo ripeto, il giustificare scelte assurde con “siamo nel 2013” non ha alcun senso. Che significa, che nel 2013 non siamo in grado di rispettare le tradizioni? Ti sembra forse che in ferrari a qualcuno è venuto in mente di dire “siamo nel 2013, perchè non cambiamo colore in blu scuro?” I cambiamenti devono avere un senso, e il senso non puó essere “siamo nel 2013”

    • cisky

      Concordo. Il punto è che probabilmente il fatto è che i cambiamenti prima o poi si verificano, ma magari per noi che vediamo con gli occhi del passato non hanno senso. Sia chiaro io la penso come te, le modifiche ai colori tradizionali delle divise per me non hanno senso solo perché siamo nel 2013. Ma le mutazioni insensate semplicemente accadono. In fondo in origine ad esempio la maglia della Juve era rosa, forse a qualcuno ai suoi tempi quando passarono alle strisce bianconere sembrò un abominio.
      E personalmente quando la Germania si presentò a euro 88 con la divisa attraversata dalle fasce con i colori della bandiera anziché in bianco come sempre, non fui mica entusiasta. O che dire della maglia arancia a scagliette dell’Olanda sempre a Euro 88? Col tempo mi ci sono anche affezionato, e quando tornarono all’arancio normale, un po’ mi facevano nostalgia, ma per me erano strane. E quando l’olanda a Euro 2008 se ne uscì con i calzettoni celesti? La verità è che molti che seguono questo sito hanno una cultura di storia calcistica e quindi hanno in mente una certa graduatoria personale di bellezza e di ciò che si può fare o non fare per un modello di maglia. Ma probabilmente, un ragazzino di 13-15 anni cui piace il calcio, quando vede queste maglie, non si pone problemi particolari, perché non ha in genere un ricordo di modelli precedenti.
      Vede la maglia della Germania con quella V è pensa che è d’effetto e non si cura certo del colore dei pantaloncini.

  • Ivan

    Un orrore unico.

  • Alessandro

    Rivisitare le maglie ci sta, ma i colori sociali dovrebbero essere sacri almeno per quanto riguarda maglia e pantaloncini.
    Il tricolore tedesco a Italia 90 era una personalizzazione della maglia che però era bianca con pantaloncini neri.
    La maglia dell’Olanda 88 era pur sempre arancione e nella storia dell’Olanda il pantoloncino non è stato mai immutabile come per l’Italia o la Germania alternando nero, bianco, arancione.
    Il cambio da rosa in B/N della Juve è avvenuto in un’epoca primordiale (1903) del calcio e per un’errore umano d’interpretazione fatto in fabbrica in Inghilterra dalla quale arrivarono delle maglie del Notts County invece di quelle rosa delle quali era stato inviato un campione rovinato e scolorito.
    Poichè a quel tempo le spedizioni UK-Italia non erano come ora, per ragioni pratiche si optò per il B/N.
    Vorrei vedere oggi nel 2013 se i tifosi della Juve accetterebbero di abbandonare le strisce verticali B/N per delle strisce orizzontali ad esempio…
    Per me il pantaloncino della Juve, della Lazio, del Napoli deve essre bianco

    • cisky

      Sottoscrivo tutto. Mi sforzavo solo di limitare il mio estremo affetto per certe tradizioni di divise che condivido con te 🙂

    • leevancleef

      Solo un appunto sul pantaloncino della Juve.
      Il nero è un colore utilizzato di meno negli ultimi lustri, ma è cmq un colore appartenente alla tradizione della squadra. Al di là del fatto che la prima divisa in assoluto prevedesse i pantaloncini neri, questi, nel tempo, sono cmq stati riutilizzati spesso anche nella tenuta “home”.
      Iconicamente è vero che la divisa è bianconera con pantaloncini bianchi, ma il nero non è uno stravolgimento così fuori dai canoni, anzi!

  • cisky

    Peraltro la Germania negli ultimi anni aveva già fatto l’uscita shock dell’abbandono della storica seconda maglia verde a vantaggio di quella rossa o di quella nera. Quindi un allontanamento fortissimo dalla tradizione c’era già stato e potevano risparmiarsi, o quantomeno gestire con più moderazione, questa così intensa e ulteriore forzatura, addirittura doppia perché riguarda sia la V rossa che il calzoncino bianco.

  • cisky

    Sempre in tema di pantaloncini, riprendo qui( visto che il topic sembra bello caldo e dibattuto 🙂 ) una domanda cui non ho avuto risposta e che avevo postato nel topic della divisa Juve 2013-14. Per la Juve poi quest’anno è stato deciso di usare i calzoncini bianchi anche se come si diceva nell’articolo relativo di PM erano previsti quelli neri, cambiando così l’idea iniziale? Ovviamente a me piace di più che si utilizzino i bianchi, come sta succedendo, e mi va benissimo così, volevo solo capire se c’è stato un cambio di programma con Nike. Grazie se qualcuno sa dirmi qualcosa al riguardo 🙂

  • iguo

    Complimentoni ai geni della FIFA… Emanano regole idiote stravolgendo decenni di tradizione dei colori delle Squadre Nazionali, e poi fanno giocare un quarto di finale dei Mondiali (Argentina-Germania 2010) a due squadre con gli stessi pantaloncini. Stesso colore, stesso modello, unica differenza lo stemma della federazione…
    http://www1.pictures.zimbio.com/gi/Lionel+Messi+Argentina+v+Germany+2010+FIFA+vs6hXvm7Y0Ul.jpg

    • FDV

      L’abominio del completo nero della Germania in quella partita, con le tre strisce dorate su maglia e calzettoni e bianche sui pantaloncini ancora me lo sogno la notte.

  • Stavrogin

    Qualcuno riesce a spiegarmi qual è il VERO motivo per cui la FIFA sta facendo ciò?
    Vogliamo davvero credere che il pretesto cromatico sia reale?
    Cosa c’è sotto? Quale interesse economico, e di chi, vuole che le maglie siano tutte chiare o tutte scure?
    Ci penso ma non riesco a capirlo. Qualcuno ha idee?

    • rudiger

      Ti ripropongo la mia teoria: delirio senile di onnipotenza.

      • Stavrogin

        Quindi secondo te è proprio un’idea megalomane di Blatter in versione “so io cosa è giusto”, piuttosto che un qualche interesse nascosto?
        Beh, può anche darsi.
        Non so neanche quale dei due scenari mi farebbe più rabbia 🙁

  • pongolein

    parto da una premessa. Non bisogna accontentare la FIFA, è inconcepibile. La fifa deve fare delle regole, e queste regole si rispettano, non è che “suggerisce fortemente” agli sponsor tecnici uniformità di colore fra le componenti del kit. In assenza di una regolamentazione precisa gli sponsor tecnici hanno il diritto e il dovere di mantenere nell’ambito del possibile l’identità dei colori delle nazionali, anche e soprattutto nei calzoncini e nei calzettoni.

    Pertanto questa maglia nemmeno sembra quella della germania. Solito discorso adidas, maglia molto bella ma che poco si addice al contesto nella quale emerge, così come è per la maglia della colombia e non solo. E’ stata una settimana ricca di anteprime e questa è forse la sorpresa più grande.

    Abbiamo già parlato del colore dei calzoncini, particolare grave che contribuisce a rovinare il prodotto finale. La specie di V che rappresenta la bandiera teutonica in filtro rosso se vogliamo non è bruttissima, ma è francamente eccessiva. La si poteva inserire con più criterio, con uno spessore meno ingombrante. Mi ricorda quasi le antiestetiche V nelle collezioni nike 2009/10.

    Per il resto solita classe adidas, che ritroviamo in alcuni dettagli davvero preziosi e interessanti, è una maglia che può anche piacere, ma la sensazione è quella che questa maglia fatica a incarnare lo spirito della maglia della germania.

  • mario

    sono da sempre un grande fanatico dei lavori adidas, come chiunque di noi si sia appassionato al calcio tra gli europei 88 e i mondiali 90. se rivedo con gli occhi di oggi le maglie che furono proposte allora, le trovo incredibilmente innovative e anche troppo coraggiose (germania con fascia tricolore 88-90, olanda e russia con design tetris, cecoslovacchia e russia 90 con disegni stranissimi, yugoslavia con i fulmini sui fianchi). Insomma un pugno alla tradizione. eppure quelle maglie, assieme a quelle umbro di quel periodo, rappresentano le maglie preferite del 90% dei fan di questo sito, sfido ad ammettere il contrario. con questo voglio dire che ad ogni innovazione bisogna dare un po’ di tempo per capire se rimarrà o meno nell’ immaginario collettivo, magari i ragazzini di oggi guarderanno con nostalgia alle divise del mondiale 2014 fra vent’anni. Ricordo da piccolo che avrei sempre voluto un ‘ Italia tutta in blu, per me quel pantaloncino bianco faceva troppo scuola calcio. (lo stesso pensavo del Napoli). oggi vedo il monocolore come una forzatura in molti casi (francia, germania, spagna e colombia su tutti), ma chissà forse l’occhio si abituerà.
    Per ora il mio parere resta che le divise spezzate erano e sono il calcio come l’ho sempre concepito, soprattutto per le nazionali che avevano le divise ispirate alla bandiera. Sul design invece trovo la semplicità di euro 2012 imbattibile per quanto riguarda adidas:maglie eleganti con dettagli e rifiniture sobrie senza stravolgere la tradizione (vedi germania home e away, spagna home, danimarca, grecia e russia).
    sui materiali e rifiniture adidas resta comunque imbattibile.

  • Stipe

    Mi piace, ma mi ricoda molto il Grande Boomerang del Grande Mazinga…

  • squaccio

    Non so se è + penosa la maglia della Germania + calzoncino bianco visti in tv o il modo in cui i “nostri” affrontano le amichevoli…ma che le fanno a fare…

  • rudiger

    Italia – Germania in tv: sembra di esser tornati al bianco e nero.

  • gianni

    Dopo la partita di stasera non posso che confermare il disappunto verso queste nuove regole. L’Inghilterra stasera presentava il bicolore, qualcuno può spiegare questa fantomatica regola del monocromatico?!?

    • rudiger

      Lo riscrivo anche qui:
      Il regolamento della prossima coppa del mondo si può leggere qui http://fifa.to/oxzkIB (grazie a Marco Scurati di amalamaglia.it per la segnalazione)

      A pagina 44, la regola 35 comma 2 recita: “Each team shall inform FIFA of two different and contrasting colours (one predominately dark and one predominately light kit) for its official and reserve team kit (shirt, shorts and socks). In addition, each team shall select three contrasting colours for the goalkeepers. This information shall be sent to FIFA on the team colour form. Only these colours may be worn at the matches”.
      Ovvero (traduzione mia): “Ogni squadra presenterà alla Fifa due kit (composti da maglia, pantaloncini e e calzettoni) uno ufficiale e uno di riserva, di colori differenti e contrastanti, uno prevalentemente scuro e uno prevalentemente chiaro. Inoltre selezionerà tre colori contrastanti per i portieri. Questa informativa sarà spedita alla Fifa tramite il modulo dei colori di squadra. Solo questi colori possono essere indossati nelle partite.”

      Il successivo comma 5 dice testualmente: “FIFA will inform the teams of the colours that they shall wear for each match. As far as possible, each team shall wear its official colours as declared on the official team colour form. If the two teams’ colours and the match officials’ colour might cause confusion, in principle, team A in the official match schedule shall be entitled to wear its official team kit and team B
      shall use its reserve team kit or, if necessary, both teams may have to wear a combination of their official and reserve team kits. FIFA will endeavour to ensure that each team wears its official team kit at least once during the group stage.”
      Traduzione (sempre mia): “La Fifa informerà le squadre sui colori che indosseranno per ogni match. Se possibile ogni squadra indosserà i suoi colori ufficiali dichiarati nel modulo dei colori ufficiali della squadra. Se i colori delle due squadre e dei giudici di gara causassero confusione, in linea di principio, la squadra Indicata come A nel calendario ufficiale avrà il diritto di indossare il suo kit ufficiale, e la Squadra B userà quello di riserva o, se necessario, entrambe potrebbero dover indossare una combinazione dei due kit. La Fifa cercherà di assicurare che ogni squadra indossi il proprio kit ufficiale almeno una volta durante la fase a gironi.

      La parola chiave è “predominately”: prevalentemente scuro e prevalentemente chiaro, non vuol dire “totalmente” scuro o chiaro. Quindi, per me, se non ci sono altrove altre indicazioni o documenti ufficiali che aggiungano specificazioni in merito, la monocromia non è una regola imposta in maniera ferrea dalla Fifa. Ne conseguirebbe che la “colpa” di questo pasticcio ricade su federazioni e sugli sponsor tecnici, in percentuali tutte da stabilire.

      • leevancleef

        Documento utile… però sembra impossibile che tutte le federazioni e tutti gli sponsor tecnici siano impazziti di colpo.
        O c’è stato un rincoglionimento generale o qualcuno dalla Fifa ha fatto arrivare l’interpretazione corretta alle varie federazioni.
        In ogni caso è inaccettabile!

        Un bambino che imprimerà questo come il suo primo mondiale nella cassetta dei ricordi… cosa deve vedere… la Germania e il Brasile con quei gonnellini senza personalità? No bambino no!
        Sono disposto ad accettare mille altre boiate del calcio moderno, ma quando è troppo è troppo!

      • mario

        vorrei sottolineare la frase “entrambe potrebbero dover indossare una combinazione dei due kit.”

        questo condanna adidas che avrebbe potuto tranquillamente aggirare il problema facendo kit normali home e sbizzarrirsi con le away a patto di usare pantaloncini del colore dominante della home. certo il risultato sarebbe lo stesso, ma almeno lo farebbero passare per una combinazione dei due kit.

        esempio:

        germania home: bianco nero bianco
        germania away: nero bianco nero

  • squaccio

    Per curiosità i telecronisti si sono inventati qualcosa al riguardo tipo “Strambo abbinamento cromatico” o erano documentati sul cambiamento ?

  • leevancleef

    “Il “tutto chiaro o tutto scuro” sembra essere l’idea attorno al quale si è concentrato questa nuova impostazione della federazione mondiale”

    Ci viene in soccorso il filosofo “Pomata” a rendere meglio comprensibile questa nuova norma: “na stronzata così nun s’era mai sentita da quando l’omo inventò er cavallo”!

  • salvatore

    già le leggi FIFA fanno schifo ma vedo che adidas ci sta mettendo anche del suo…

  • gianni

    Nella partita con l’Inghilterra si è rivista la casacca verde, ed è stato un vero piacere. Dopo il “disagio” della partita precedente con l’Italia spero tanto che usi sempre questo look anche ai campionati prossimi

  • cisky

    Stavo pensando che con la filosofia del tutto chiaro Vs tutto scuro, se la FIFA vedesse alcune partite di Holly e Benji, magari farebbe rifare quel cartone animato :). Pensate soprattutto a partite come Artic -New team( la prima in maglia bianca con colletto blu, calzoncini blu e calzettoni bianchi e la seconda in completo bianco con bordi rossi) oppure Mappet – Toho( la prima in maglia e calzoncini blu elettrico e calzettoni bianchi, la seconda con maglia blu con maniche celesti, calzoncini blu e calzettoni celesti) :). Alla FIFA verrebbe un coccolone ^_^

  • Ronbo

    La maglia è splendida. La più bella di sempre dopo quella dei mondiali del 1990. Un plauso anche ai calzettoni: stupendi. Però – e mi accodo ai commenti di tanti – questo è un kit che ricorda la Germania, ma non è il kit della nazionale tedesca. Lasciamo perdere le strisce sul petto: molto spesso la Germania non ha avuto i colori della bandiera sulla propria divisa. La vera bestialità sono i pantaloni: il kit tedesco prevede i pantaloni neri; senza, non è Germania. Punto.

  • Stavrogin

    Sbaglio o nel gruppo della Germania ci saranno solo partite di rossi contro bianchi?

  • Pingback: Tradizione, innovazione regole | L'ascolto del venerdì()

  • Stavrogin
  • Pingback: Berlino, tutti allo stadio in salotto per vedere i Mondiali 2014()

  • FDV

    Alla fine della fiera, che fosse da Germania o non da Germania, ora questa divisa è ufficialmente nella storia come “da Germania Campione del Mondo”, con tutto ciò che di discutibile ha, ma con in più un indelebile carico di fascino.

  • cisky

    Una curiosità: ma visto che a inizio anni 90 quando la Fiorentina usava la maglia bianca con maniche viola su cui c’era una fantasia che sembrava richiamare una svastica e ci furono polemiche, per questa maglia della Germania con V sostanzialmente rossa, non è che qualcuno ha ipotizzato una qualche vicinanza con la bandiera del Terzo Reich che era rossa, bianca e nera?