Adidas ha presentato una nuova maglia del Giappone in edizione limitata, per commemorare la storica partecipazione ai mondiali francesi del 1998.

Per i nipponici fu la prima qualificazione alla manifestazione, la squadra guidata da un giovane Hidetoshi Nakata e dal veterano Masashi Nakayama giocò discretamente, ma non riuscì a fare punti al cospetto di Argentina, Croazia e Giamaica. La maglia firmata Asics del periodo, in pieno stile anni ’90 e con la sfrontatezza giapponese, rimane un’icona con le sue fiamme su spalle e pantaloncini.

Nakayama Japan 1998 World Cup

Il veterano Masashi Nakayama nella partita contro la Giamaica (suo l’unico gol nella competizione)

La maglia del Giappone per i 20 anni dal primo Mondiale

Dal primo di maggio è in vendita la nuova maglia commemorativa del Giappone per i 20 anni dalla prima storica qualificazione mondiale. Però siamo nel 2017, i mondiali sono stati disputati nel 1998…

Il mistero è svelato dal blog di adidas Japan: la data del ventennale è in realtà riferita alla partita giocata contro la Malesia il 16 novembre del 1997, quella che diede la matematica certezza della qualificazione ai mondiali!

La maglia verrà venduta in edizione limitata, 20.000 pezzi disponibili, ma non è chiaro se sarà indossata dalla nazionale in una partita ufficiale. L’ideale sarebbe usarla vicino al mese di novembre.

Brucia di nuovo il fuoco giapponese

La maglia celebrativa è molto semplice, a differenza di quella dalla quale prende ispirazione. È stato eliminato lo stravagante pattern “flambé” molto anni ’90 per un azzurro piatto e più attuale. Sono state riviste le fiamme non più vuote con outline bianco e rosso ma piene con sfumatura azzurrina. Le 3 strisce adidas invece sono lungo i fianchi come consuetudine da un anno a questa parte.

Il colletto è a girocollo bianco con un triangolo rosso sul davanti a richiamare la bandiera del Giappone. Il font di nomi e numeri non dovrebbe subire modifiche rispetto a quello tuttora in uso.

Come vi sembra questa citazione? Preferite la nuova maglia celebrativa o l’originale del 1998?