SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

In occasione della sfida di Coppa Italia contro il Bassano Virtus, la Sampdoria è scesa in campo con una maglia celebrativa per i 70 anni. Per il compleanno dei blucerchiati lo sponsor tecnico Joma ha realizzato una casacca in edizione limitata che sarà venduta in una confezione speciale.

Maglia celebrativa Sampdoria 70 anni

Il design della maglia è decisamente tradizionale con una profonda scollatura centrale chiusa dai laccetti bianchi, più in basso c’è la fascia blucerchiata con lo scudo che ingloba la croce di San Giorgio. In fondo a sinistra è stata cucita inoltre un’etichetta che ricorda il 70° anniversario.

Sul retro spazio ai nomi e numeri bianchi che poggiano sulla banda blucerchiata. I pantaloncini e i calzettoni sono quelli del completo casalingo 2016-17.

Box speciale 70 anni Sampdoria

Sampdoria-Bassano Virtus, le foto della partita

Dalle immagini pubblicate dal sito ufficiale possiamo notare che anche i portieri vestivano una casacca speciale nera con i laccetti e gli inserti blu. Inoltre durante il riscaldamento i calciatori della Samp hanno indossato una t-shirt grigia sempre dedicata ai 70 anni.

Cosa ne pensate di quest’ultimo lavoro firmato da Joma per i blucerchiati?

Photocredit parziale: fotopegaso.it

  • Nick 88

    Un lavoro incompleto, se bastano dei laccetti per creare una divisa vintage siamo del tutto fuori strada:

    – font che fa letteralmente a pugni con lo stile retro della maglia (ricordo i bellissimi numeri della maglia celebrativa della Lazio dedicata a Silvio Piola):

    – lavoro rovinato dal logo dello sponsor tecnico che almeno per questa occasione poteva farsi da parte (vedere sempre la maglia di Piola con loghi Macron tono su tono);

    – i pantaloncini e calzettoni della divisa ordinaria stanno malissimo con la maglia vintage.E’ come travestirsi da centurione romano con corazza, jeans corti e New Balance (vedi sempre maglia Piola).

    http://www.soccerstyle24.it/maglia-lazio-silvio-piola-cento-anni-bomber-macron/

  • Alessandro

    Maglia 8 ma dai almeno fare anche calze e pantaloncini celebrativi quindi gli do un 7+

    • Alessandro

      P.s no 7+ alla maglia ma al completo in generale

  • Friax

    Gran bella maglia….Epica! Concordo per la mancanza di associazione con il resto della divisa.

  • LucaM

    concordo in toto con quanto detto sopra.

  • Daniele Costantini

    Una bellissima maglia vintage, e in generale una riuscita operazione rievocativa – compresi il font old style nonché l’annessa e altrettanto storica divisa da portiere, con il solo Scudo Ardente sul petto -; ma anche una palese licenza stilistica da parte di Joma, dato che la “Doria-Samp” degli albori mai vestì casacche con laccetti (lo fecero invece a suo tempo le antenate Andrea Doria e Sampierdarenese).

    In 70 anni di storia, a ben vedere, la Sampdoria sfoggerà tale vezzo unicamente nella stagione 1994/95, grazie ad Asics; una maglia che, seppur appariva quasi anacronistica nel mezzo dei moderni e pazzi anni 90, personalmente ritengo tra le migliori mai ammirate nella storia blucerchiata:

    http://67.media.tumblr.com/tumblr_lvbn71HFmv1qfxktpo1_1280.jpg

    Tuttavia, come detto, questa dei 70 anni rimane una casacca assolutamente affascinante; anche se, per via dell’occasione, mi sarei attenuto maggiormente alla storia stilistica dei doriani.

    Semplificando: come in quel 1946, un semplice scollo a V (o tuttalpiù l’immediatamente successivo colletto a polo) e – soprattutto – quei calzettoni fasciati che rimasero lo standard per i successivi tre decenni, e che ancora oggi rimpiango addosso ai genovesi. In questo senso, non aver approntato panta e calze ad hoc per tale kit commemorativo, è forse l’unica vera pecca dell’operazione.

    • The Italian Job

      I calzettoni fasciati sarebbero stati un vero colpo di classe.

  • Vittorio

    Maglia Celebrativa? Collo con chiusura a lancetto, naturalmente. Anche Joma è caduta nella tentazione e nella banalità. Mi spiace ma stavolta proprio non mi piace.

  • Vittorio

    questabpoteva essere un bel modello originale da riprodurre…e invece i soliti laccetti! huffa!

  • Swan

    Trattasi della solita operazione amarcord all’italiana fatta con approssimazione: si prende una normale maglia, si aggiungono i laccetti e si spaccia come maglia storica a tiratura limitata.
    Peccato che il Doria 70 anni fa non aveva i laccetti, le righe della cerchiatura erano di uguale spessore, le calze erano ad hoops.
    Aggiungiamoci i panta con lo stemma moderno, le calze con le scritte, i numeri con il font ennerre anni 70-80, la numerazione da circo, i nomi dei calciatori: insomma, se doveva essere una riproposizione storica è stato un disastro.
    Comunque sia qualche maglia la venderanno, qualche soldo lo incasseranno e diranno che questa operazione è stata apprezzata e di successo.

  • superspook

    orrore

  • Magliomane

    Tanta ma tanta roba.

  • Nevio Pizza

    a prescindere dalla storicità della maglia in oggetto, non avrebbe avuto più senso farla per il campionato? capisco il marketing, ma le prese per i fondelli, proprio no.

  • The Italian Job

    Di solito preferisco comprare questo genere di prodotti rispetto alle nuove produzioni inindossabili se non sul terreno da gioco (ad esclusione di quelle della mia squadra del cuore, naturalmente).
    D’accordo che non è il calco della prima casacca sampdoriana, ma resta una buona maglia, già pronta a diventare un cult per collezionisti.
    Personalmente l’avrei abbinata a calzoncini e calzettoni vintage.
    Simpatica anche la t-shirt abbinata.

  • Luca A.

    Visto il carattere rievocativo dell’operazione, avrei usato numeri da 1 a 11 e niente nomi.

  • Angelo Di Bello

    Ma usarla al posto della prima no? Dato che questa non ha il Font trash

  • Antonio

    Che vi devo dire? Io appena l’ho vista ho rinunciato al voto di non comprare più maglie almeno per quest’anno, mi sono precipitato sul negozio online della Samp e credo di essermi portato via l’ultima. Bellissima.

  • Antonio

    Aggiornamento. Arrivata oggi. Spettacolo puro, non solo per la tradizionale bellezza della maglia della Samp ma per la qualità del tessuto e per i dettagli, compreso lo scudo con la croce di San Giorgio ricamato e non stampato. Anche l’assenza del Baciccia la rende più pulita. Sembra davvero di avere a che fare con una maglia d’epoca. Condivido le critiche di quanti avrebbero preferito un minor protagonismo della Joma con un logo tono su tono sullo stile della maglia commemorativa di Piola Macron della Lazio, ma è così bella che mi sento di perdonarglielo. Laccetti: è vero che storicamente la Sampdoria li ha avuti solo nel ’95-’96 e che spesso si abusa di essi per le maglie vintage, con un certo semplicismo, ma a me piacciono molto (opinione soggettiva e poco obiettiva, lo so). L’ho fatta vedere qui in Spagna e sono rimasti di stucco. “Eh, ma che esagerati voi italiani: dovete giocare a calcio, mica fare una sfilata”. Porelli, che ne sanno loro. 🙂

  • superspook

    http://imgur.com/a/0z9eH

    ??? e poi alle maglie a righe ci fanno il palettone monocolore