SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Approdato quest’anno alla presidenza della nuova S.P.A.L. 2013 (nata dalla fusione con la Giacomense), Walter Mattioli ha da subito alzato l’hype nei confronti della squadra ferrarese riapprodata nel calcio professionistico della Lega Pro Seconda Divisione dopo una stagione tra i dilettanti.

Per riportare la società e la squadra estensi alla vecchia gloria, il presidente Mattioli ha pensato bene di recuperare i principali simboli storici della gloriosa Spal in modo da ricordare i momenti belli della Serie A e, perchè no, far sognare la gente di Ferrara. Questo intento ha portato la società a creare una speciale maglia storica, prodotta dallo sponsor tecnico Erreà, che verrà indossata dai biancazzurri nella partita di domenica prossima contro il Mantova.

Spal riproduzione maglia storica anni 50-60

Testimonial dell’evento di presentazione della casacca celebrativa è stato Tommaso Silvestri che per l’occasione ha indossato la fedele riproduzione della maglia usata dagli spallini tra gli anni ’50 e gli anni ’60 durante i quali militarono in Serie A.

Corpo azzurro e maniche bianche colorano una maglia vintage che come caratteristica principale ha il doppio collo a polo con chiusura a lacci per il cui inserimento il presidente Mattioli ha dovuto richiedere una specifica autorizzazione alla Lega. Infine, lo scudetto cucito in petto completa una casacca semplice e minimale abbinata a pantaloncini e calzettoni bianchi.

La maglia ricalca alla perfezione quella indossata dai grandi giocatori che hanno militato nella squadra ferrarese e per questo motivo rappresenta il simbolo di un passato indimenticabile per chi è cresciuto nel segno della Spal, ha sottolineato il presidente della società. E proprio per evocare quella tradizione e quella storia, la casacca verrà indossata dai giocatori biancazzurri durante il sentito match contro il Mantova, una partita che farà ritrovare due squadre che hanno militato per molti anni in categorie superiori.

Formazione Spal anni '50

Oltre a quelle che verranno indossate domenica, sono state prodotti altri 68 esemplari di queste maglie che verranno numerate e accompagnate da un certificato di autenticità. Per ora la nuova maglia storica biancazzurra sarà venduta fino ad esaurimento solamente all’interno degli uffici di via Copparo (il prezzo verrà comunicato nei prossimi giorni dalla società) ma, durante la conferenza stampa, il presidente ha lasciato intendere che saranno prodotti e messi in vendita altri pezzi qualora venga superata la disponibilità di acquisto.

Una possibilità abbastanza concreta dato che questa maglia rappresenta non solo una rievocazione storica della tradizione della Spal ma anche il tentativo di riavvicinare la squadra alla cittadinanza ferrarese, come dimostra il calendario di iniziative cui parteciperanno gli spallini il 14 e il 18 dicembre in piazza di fronte la Cattedrale.

  • Code

    Direi che con questa maglia la Erreà si conferma una delle migliori aziende mondiali a livello di font, creatività e originalità.
    Tutti prodotti, a mio avviso, riusciti alla perfezione, come la maglia del centenario del Parma, e tutte le altre che indossane le varie squadre di A e B.
    Davvero tanti complimenti ad un’azienda che secondo me quest’anno nel complesso ha fatto meglio di Adidas.

    Viva il Made in Italy !!!

  • F093

    Bella iniziativa.
    Già che c’erano potevano realizzare la maglia a manica lunga col polsino blu e personalizzare un po’ anche i calzettoni.

    cmq apprezzo l’idea vintage per una squadra davvero OLD come la S.P.A.L. !!!

    F093
    old style

  • frenz

    Magnifica

  • Dukla

    Bello questo stile “Arsenal” con il bianco e l’azzurro, veramente vintage i lacci al colletto. Personalmente, avrei preferito il colletto di colore blu (come nella II foto d’epoca) anziché bianco. Il massimo sarebbe stato – per lo spirito di una maglia così – non avere lo sponsor… Auguri alla gloriosa Ars et Labor di tornare a calcare i campi importanti che merita!

  • sergius

    E daglie con ste celebrazioni! Bella quanto si vuole ma verrà usata per una partita e basta e allora? Io sono per le maglie che vanno indossate in campo con continuità, non per festeggiare eventi o date più o meno importanti al solo scopo, che per carità poi magari non sarà quello del presidente della Spal, di saccheggiare le tasche dei collezionisti e dei tifosi.

  • Gluko

    La maglia è bella, come l’iniziativa, ma hanno pensato anche a quella del portiere?

  • Ulisse

    Maial (tipica espressone ferrarese) che bella !!!!

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Gran bella maglietta, ottima iniziativa quella della SPAL. Ottima anche la realizzazione da parte di Erreà. Unica cosa che mi sento di “criticare”: i calzettoni, li avrei preferiti a fasce bianco-azzurre o azzurri con risvolto bianco.

    • FDV

      Esatto, ottima iniziativa, ottima maglia ma anche per me i calzettoni tutti bianchi perdono po’. Includo anche quelli bianchi con risvolto azzurro tra le reinterpretazioni migliori della soluzione adottata.

  • Ivan

    Bellissime!

  • http://www.collezionecalcio.it/it/Home.htm Clino

    Molto bella, ma una volta tanto non si poteva evitare di mettere lo sponsor e magari dare anche meno evidenza allo sponsor tecnico ?

  • rudiger

    Lodevole intento, ma il confronto con la foto d’epoca a colori è impietoso.
    Intanto, dal manichino al giocatore sono raddoppiati gli sponsor.

  • ferro

    bella idea e bella realizzazione ( sponsor permettendo…)

  • Swan

    Ennesima iniziativa per fare un po’ di cassa, non vedo altre spiegazioni per una maglia che verrà indossata solo una volta. La maglia in se è gradevole, riprende abbastanza fedelmente quella dei vecchi tempi, ma il lavoro è incompleto: i calzettoni avrebbero dovuto farli a hoops (bellissimi) oppure blu con fascia bianca. Boh, ribadisco la mia avversione per certi eventi un po’ forzati accompagnati da lavori non del tutto meticolosi.

  • TITO

    bellissima.

  • LM

    Bellissima. Ottimo lavoro di Erreà, semplice e pulito. In questo modello non ci trovo difetti, se non fosse per i calzettoni, che avrei preferito a strisce orizzontali. Per il resto tutto perfetto, dagli sponsor (poco invadenti) allo stemma e alle maniche che arrivano al gomito, davvero belle. Spero ne facciano una anche per il portiere, anche se mi pare molto difficile. Ad ogni modo, un completo davvero bello.

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    peccato per i calzettoni

  • Eugenio

    Bella, mi piace abbastanza, però i calzettoni non mi piacciono.

    Voto 8

  • teo’s

    Bella iniziativa, solo 3 cose le trovo migliorabili:

    1. La maglia mi sembra vesta abbastanza larga come template. Per me un modello non dico aderente come nella seconda foto storica, ma quantomeno più stretto e meno “generoso” avrebbe strappato consensi più convinti al colpo d’occhio.

    2. Il colletto, concordo come in alcuni interventi che mi hanno preceduto che sarebbe stato meglio di colore azzurro, così come i calzettoni a strisce alternate bianco-blu avrebbe dato più equilibrio e ricercatezza nel prodotto finale.

    3. Lo sponsor: quello più grande è ben inserito nel contesto con la sua monocromìa bianca, quello più piccolo che compare sotto il primo nella maglia vestita dal giocatore invece con quei due colori di logo e wordmark dello sponsor che non c’entrano nulla con i colori sociali della S.P.A.L., imho danno quel tono arlecchinesco alla maglia che non mi piace per nulla.

    Voto finale: 7,5 / 8

    P.S. Non mi piace questa moda di indossare la maglia per una gara e basta. O la si indossa tutto l’anno, oppure trovo molto più sensata la mossa studiata sempre da Errea e Parma di fare una maglia veramente vintage nella sartoria e spoglia di ogni qualsivoglia patacca pubblicitaria (http://www.soccerstyle24.it/2013/08/maglia-parma-100-anni-crociati-errea/). Il vintage mischiato così al moderno è un esperimento che difficilmente strapperà larghissimi consensi (posto che l’unanimità non ci sarà comunque mai).

  • aldo

    Bella iniziativa anche se il costo è esagerato (circa 130 euro) la maglia è molto fedele all’originale degli anni 50, forse poteva essere fatta in lanetta o cotone e non in poliestere (almeno cosi sembra) lo sponsor lo si poteva evitare visto che sarà usata solo per una gara. Tuttavia sembra essere solo un’operazione per far soldi ma almeno si è cercato di riprodurre la divisa in modo quasi impeccabile. Nel complesso bella maglia in tiratura limitata, il che renderà appetibile questa divisa per i collezionisti.