fbpx

16ª giornata di Serie A, stadio Atleti Azzurri d’Italia di Bergamo, va in scena la partita Atalanta-Udinese.

Poco prima del calcio di inizio l’arbitro Maresca fa notare che le maglie delle due squadre sul retro sono identiche. Entrambe sono nere con numeri bianchi.

Una foto pubblicata da Serie A TIM (@seriea_tim) in data:

Come risolvere l’inghippo in breve tempo? La soluzione più veloce è quella di coprire lo sfondo nero con del nastro bianco, il risultato permette all’Udinese di entrare nella saga delle maglie dell’ultimo minuto.

Lo scotch sulle maglie dell’Udinese

Inutile dire che sui social le battute in merito si sprecano, capitanate dai ragazzi di Calciatori Brutti che parlano di figura da Terza Categoria.

Zapata esulta dopo il gol in Atalanta-Udinese

Personalmente non ritengo imbarazzante la soluzione trovata, per quanto sia difficile concepire cose simili in Serie A. Di imbarazzante, se vogliamo, c’è la scellerata idea di presentarsi a Bergamo con la prima maglia, quando hai a disposizione una divisa bianca da trasferta.

Fatto sta che a vedere la maglia da dietro sembrava di essere tornati ai primi anni ’80, quando i friulani scendevano in campo con la mitica maglia con palo centrale tanto amata dai tifosi.

Udinese-Milan 1981-82

L’Udinese ha vinto 1-3 e per un pomeriggio lo “spirito” di Zico, Causio e compagni ha forse dato una mano ai bianconeri.

Aggiornamento

Riportiamo integralmente il comunicato rilasciato dall’Udinese Calcio in merito a questo caso.

In relazione al ritardato avvio della partita di Bergamo resosi necessario per ottemperare ad una richiesta del direttore di gara in ordine al kit gara dell’Udinese, al fine di evitare ogni tipo di speculazione sull’operato del club e dei suoi collaboratori, si specifica che: l’Udinese, come da regolamento, ha inviato ad inizio settimana alla Lega Calcio, e attraverso la Lega alla Can, la configurazione del proprio kit gara per la partita di Bergamo, nella fattispecie maglia bianconera, pantaloncini e calzettoni bianchi. Ricevuto il via libera da parte della Lega e della Can, la squadra è partita per Bergamo equipaggiata con il materiale tecnico autorizzato.

Tuttavia, l’arbitro Maresca alla verifica personale del kit, ha ritenuto opportuno chiedere all’Udinese di modificarlo nella parte posteriore con l’apposizione di strisce adesive bianche a copertura delle bande verticali nere. L’Atalanta si era offerta di modificare il suo kit gara ma l’arbitro ha preferito optare per la modifica di quello bianconero. Udinese Calcio, con spirito di collaborazione, ha fatto tutto quanto nelle sue possibilità per assecondare la richiesta dell’arbitro realizzando la modifica richiesta. Pertanto, il ritardo e l’indubbia singolarità del caso, non sono addebitabili a responsabilità del club, che nel configurare il proprio kit gara si è attenuto alle autorizzazioni ricevute dagli uffici competenti. Nulla avrebbe impedito, in caso contrario, di utilizzare un kit diverso qualora dalla Lega fosse arrivata una richiesta in tal senso.

Photocredit parziale: 80Milan