SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

La stagione 2013-2014 della NBA è scattata da pochi giorni, ponendo fine alla spasmodica attesa degli appassionati di tutto il mondo. Abbiamo voluto racchiudere in questo articolo tutte le principali novità, segnalate da Uni Watch, che ammireremo nel corso della prossima annata: vediamole insieme.

Maglie NBA 2013-2014

Innanzitutto, ricordate la curiosa maglia a mezze maniche con cui i Golden State Warriors disputarono alcune partite nella passata stagione di regular season? Bene, scaldate i motori perché quest’anno altre squadre si affiancheranno alla franchigia californiana in un esperimento che, non senza creare infinite discussioni, pare abbia trovato comunque il favore di un certo tipo di pubblico.

Sì, perché ad alcuni tifosi non piace la vestibilità delle canotte, per cui l’introduzione di magliette con le maniche apre nuove strade e nuovi orizzonti per il merchandising, il marketing e le vendite ad esse connessi. Inoltre, se mai ad Adam Silver, futuro Commissioner NBA, verrà in mente di riesumare il progetto – attualmente accantonato – di piazzare gli sponsor sulle maglie NBA, sicuramente le maniche potrebbero essere le zone maggiormente indiziate su cui porre marchi a fini pubblicitari,  nel tentativo di snaturare il meno possibile l’estetica e la tradizione.

Le maglie con le maniche nella NBA

C’è da dire che, se per l’aspetto economico per primo analizzato si possa parlare di ragionamento sensato – ferma restando l’incognita dell’approvazione dei potenziali acquirenti -, per l’aspetto “logistico” sul dove piazzare un eventuale sponsor appare chiaro che la manica potrebbe sembrare una forzatura: in effetti, la maggiore visibilità si ha nei primi piani durante l’esecuzione di una rimessa o di un tiro libero, e quale posto migliore c’è per piazzare il logo o la scritta di uno sponsor se non il petto? A ben vedere, comunque, pare un progetto abbandonato, e onestamente speriamo che rimanga tale per sempre.

Maglia Golden State Warrior maniche bianca

Tornando alle maniche, i Warriors non solo confermano che ripeteranno l’esperimento quest’anno, ma addirittura raddoppiano: infatti è stata prevista una maglia con le maniche in versione total white che sarà indossata in alcune gare casalinghe che si disputeranno di sabato. A far compagnia a Steph Curry e compagni, ci saranno i Los Angeles Clippers e i Phoenix Suns che hanno preparato due maglie alternate a mezze maniche, sulla falsariga di quanto già visto alla Oracle Arena.

Altre tre franchigie, al momento sconosciute, dovrebbero seguire l’esempio di Clippers e Suns, indossando questa nuova divisa per almeno dodici partite stagionali. Inoltre, circa venti squadre la useranno quest’anno per almeno una volta nell’arco del campionato, e dieci di queste squadre sono quelle che scenderanno in campo il giorno di Natale.

Ciò detto, passiamo in rassegna le varie franchigie NBA che hanno approntato le novità più interessanti, in fatto di maglie, per la lunga stagione alle porte.

  • I Bobcats non avranno a disposizione divise rinnovate nel look, anche perché dall’anno prossimo torneranno a chiamarsi Hornets come ai tempi di Bogues e Larry Johnson. In mancanza, hanno sottoscritto un accordo biennale di sponsorizzazione con la Blue Cross & Blue Shield del North Carolina, una compagnia di assicurazioni, per porre una patch sulle canotte di allenamento.

Patch sponsor Charlotte Bobcats

  • I Cavs ritireranno il prossimo 8 marzo la jersey n.11 appartenuta al lituano Ilgauskas. In più, apporranno i nomi di tutti gli abbonati appartenenti al Wine & Gold United, il fan club ufficiale dei tifosi di Kyrie Irving e soci, direttamente sul parquet. Dove? All’interno del lettering del motto “All for one. One for all”, che sarà posto a metà campo dalla parte opposta alle panchine.
  • I Clippers, come già anticipato, si esibiranno con una nuova maglia alternate a mezze maniche, e sui calzoncini abbinati saranno apposte lungo la coscia destra tre bandiere nautiche che stanno per “LAC” (Los Angeles Clippers appunto), rendendo omaggio ai vecchi tempi in cui, quando i Clippers rappresentavano la città di San Diego, una delle divise era degli stessi colori di questa inedita e recava proprio delle bandiere nautiche lungo il profilo del pantaloncini che stavano a significare “Clippers”.

Maglia LA Clippers maniche

  • Gli Heat, oltre alla divisa celebrativa per il titolo con cui hanno esordito contro i Bulls, hanno in serbo ben due varianti della maglia da trasferta: una nera, con font e numeri “old style” come negli anni ’80-’90 (peraltro già vista), e l’altra rossa, molto simile a quella indossata durante le partite dello scorso Natale se non per l’utilizzo del bianco per i contorni. Una particolarità ancora non confermata prevederebbe l’utilizzo dei nicknames dei giocatori al posto del cognome durante una partita contro i Nets.

Miami Heat Jerseys

  • I Knicks hanno preparato una nuova maglia alternate che altro non è che la versione speculare della classica blu-arancio-bianco: l’arancione diventa il colore predominante, mentre il blu la fa da padrone in dettagli, lettering e numeri. In più Tim Hardaway ha voluto aggiungere il suffisso “Jr.” al suo nome sulla canotta.

Maglia arancione New York Knicks

  • I Lakers di Kobe Bryant hanno svelato la nuova uniforme total black, indossata dal n.24 in persona durante il photoshooting per Sports Illustrated. Non ancora annunciata, sebbene molto attesa, è la variante bianca con le maniche corte.

Maglia Los Angeles Lakers Hollywood Nights

  • I Nets, qualora venisse confermato come per gli Heat, avranno anche sulle loro canotte i nicknames contro Lebron e soci, mentre la versione con le maniche per le partite in trasferta ancora non è stata annunciata ufficialmente, sebbene i rumors in merito circolino già dalla passata stagione.
  • I Pacers hanno seguito l’esempio dei Bobcats: niente novità per le canotte, ma sponsorizzazione addirittura sul campo da gioco grazie all’accordo con l’Indiana Economic Development Corporation.
  • I neonati Pelicans, fino all’anno scorso conosciuti come Hornets, hanno deciso di non far comparire la nuova denominazione della franchigia sulle canotte, optando sia per le gare casalinghe che per quelle in trasferta per la semplice scritta “New Orleans”. La novità è però data dalle dimensioni di quest’ultima: il font risulta infatti di dimensioni più piccole, persino rispetto a quello utilizzato sul retro per i cognomi dei giocatori.

New Orleans Pelicans divise

  • I Pistons del rookie nostrano Gigi Datome aggiungono una nuova canotta da trasferta recante non più il nickname della squadra, bensì quello della città di Detroit: da Pistons si passa a Motor City.

Divisa Detroit Motor City 2013-14

  • I 76ers mantengono le divise della passata stagione, ma la blu da trasferta diviene la prima scelta quando la squadra giocherà lontano da Philadelphia.
  • Gli Spurs hanno presentato una nuova divisa in stile militare che abbiamo analizzato qualche giorno fa.
  • I Raptors sono l’unica franchigia a non apportare modifiche degne di nota.
  • I Suns tornano all’antico rispolverando le stile delle canotte dell’era-Barkley, rivisitandolo in chiave moderna. La “third” è la vera novità: maniche corte e full orange per la banda capitanata dallo sloveno Goran Dragic.

Maglie Phoenix Suns 2013-2014

  • I Timberwolves applicheranno semplicemente una patch celebrativa per festeggiare il venticinquesimo anno della squadra.

Patch 25 anni Minnesota Timberwolves

  • I Trail Blazers cambiano il colore dei numeri da nero a bianco nella terza canotta, mentre la novità più succosa riguarda l’arena di gioco: un nuovo logo dello sponsor Moda prevede una rosa stilizzata, un chiaro omaggio al soprannome della città, “Rose City”, che dà anche l’ispirazione al Moda Center (questa la nuova denominazione del campo da gioco di Portland) il cui nome originario è “Rose Garden”.

Alternate jersey Portland 2013-14

  • I Warriors, oltre alla alternate bianca con le maniche, stanno lavorando ad una speciale maglia celebrativa del Capodanno cinese. Non si sa ancora molto in merito, però già si fantastica sulla data eventuale di debutto, poiché è vero che i Warriors giocheranno il 31 gennaio, giorno della ricorrenza secondo il calendario cinese, ma lo faranno in trasferta; tuttavia, è anche altrettanto vero che la sera del 30 saranno impegnati in un match casalingo: vedremo come andrà a finire.
  • I Wizards, infine, hanno compiuto una mossa piuttosto intelligente, eliminando la banda orizzontale blu dalla parte posteriore della canotta, rendendo molto più leggibili i numeri.

Altre curiosità degne di nota:

  • le maglie con le maniche che saranno indossate durante i match di Natale, prevederanno il numero sulla manica sinistra e non più sul busto;
  • anche le canotte del prossimo All Star Game saranno con le maniche;
  • saranno presumibilmente confermate le iniziative degli ultimi anni di Noche Latina, in cui i nomi delle franchigie sulle maglie saranno in spagnolo, e “full slate throwback”, ossia un ritorno al passato con le squadre che indosseranno completi da gioco iconici del passato.

Di seguito le divise Home, Road e Alternative realizzate da adidas per tutte le franchigie della NBA 2013-2014.

Maglie NBA 2013-14 Atlanta, Boston, Brooklyn, Charlotte
Divise NBA Bulls, Cavs, Mavericks, Nuggets
Maglie NBA Pistons, Warriors, Rockets, Pacers
Divise NBA Clippers, Los Angeles Lakers, Grizzlies, Heat
Maglie NBA Bucks, Timberwolves, Pelicans, Knicks
Maglie NBA Thunder, Magic, 76ers, Suns
Divise NBA Portland, Sacramento, San Antonio, Toronto
Maglie NBA 2013-2014 Jazz, Wizards

Photocredit: store.nba.com

Questo è tutto, in attesa di scoprire se i Miami Heat conquisteranno il terzo titolo consecutivo o se qualcuno riuscirà a porre termine al dominio di LeBron James e compagni. Voi per chi tiferete?

  • GianGio87

    da discreto amante del basket, apprezzo la pulizia delle divise nba, ma non digerisco la totalità delle divise home tutte bianche…

    • Lord Balod

      Vero,solo i Lakers fanno eccezione

  • giglio66

    bellissimo articolo !!!!!!!! i miei complimenti !!!!!

  • Cris

    Articolo fantastico, bravissimi.
    Da giocatore di basket continuo a preferire le canottiere alle maglie con maniche.

  • marco

    peraltro in nba ci sono delle belle tradizioni con magliette celebrative per cose come “san patrizio”, “latino nights” “xmas”.

    Alla fine una squadra come gli heat si ritrova con una decina di magliette.

  • http://www.unoxuno.it paKi3946

    in un campionato dove gli “sponsor by” e i “presented by” sono ovunque, persino nei replay, l’idea degli sponsors sulle canotte è un tabù che prima o poi cadrà anche nel NBA.

    • sergioXVII

      guarda che secondo me è il contrario…

  • MARCO0890

    Articolo fantastico!!!! le maglie da basket sono una mia grande passione

  • Fabrizio

    Complimenti, articolo esaustivo e attentissimo ad ogni dettaglio, capace di “snocciolare” novità anche per i più patiti di maglie NBA. Well done!!

    Preferirei vedere più canotte ispirate al passato (le c.d. Vintage) e meno maglie a maniche corte che nulla hanno a che vedere con il basket in generale e la sua storia. Nonostante sia un amante delle novità e nonostante non acquisti mai le canotte perchè le trovo poco utilizzabili nella vita di tutti i giorni, al contrario di quanto si può fare con le maglie a maniche corte, devo ammettere che non sia accettabile sostituire le canotte con queste ultime. Se si vuole acquistare una maglietta con i colori della proprio squadra preferita, lo store NBA offre un’ampia gamma di t-shirt di ogni genere.

  • Daniele Costantini

    Nel mondo della NBA, ho sempre avuto fin da piccolo una netta preferenza per i Lakers… più che altro, credo, perché sono l’unica franchigia a non utilizzare una canotta bianca in casa 🙂 (la nuova divisa total-black disegnata quest’anno, però, non mi piace per niente). Devo altresì ammettere che, da quando sono nati i Brooklyn Nets, le loro semplici e minimaliste canotte bianconere mi stanno affascinando non poco…

    Tra le novità, promuovo i colori (ma non le maniche!) della nuova alternate dei Clippers, e – soprattutto – la divisa ‘Motown’ dei Pistons 😉 . Molto nostalgico lo stile dei Suns, mentre la nuova canotta arancio dei Knicks mi fa venire in mente… il Generale Lee! ( http://www.vicinidibanco.it/images/ricordi/20130226192750.jpg ) 😀

    • pongolein

      d’accordo su tutto, anche sulla simpatia gialloviola (anzi, per me è un vero tifo) =)
      Però ti dirò, queste maglie a mezze maniche stanno solleticando la mia fantasia, sono imbarazzanti ma al contempo hanno qualcosa di magnetico! Chissà come saranno quelle dell’ASG.

      • ciobi1984

        Io invece odio totalmente i Lakers, pacchiani rappresentanti del mondo NBA. Stravedo per LeBron e finché resterà a Miami tiferò per gli Heat, poi quando (e se) tornerà ai Cavs tiferò per i Cavs (se dovesse vincere un anello in Ohio diventerebbe immortale… ripensando anche al “tradimento” del 2010…). Cmq, parlando di maglie, niente di speciale quelle dei Lakers. Bello il celeste dei Clippers (ma quelle maniche lunghe… mmmh…), belle quelle di Portland. I Suns forse hanno esagerato con il vintage, mentre è bellissima la terza rossa dei Rockets (la mia vera squadra del cuore dai tempi di Olajuwon). Essenziali ma convincenti quelle di New Orleans. per l’originalità però la gialla dei Nuggets le batte tutte… I LOVE THIS GAME!

        • Daniele Costantini

          LeBron era il mio mito.. prima che vendesse l’anima per 125 milioni di dollari in 6 anni! 😀 . Scherzi a parte, credo che portare in futuro un anello in Ohio, sarebbe l’unico gesto che permetterebbe di cicatrizzare quella ferita ancora aperta nei cuori di molti…

          Totalmente in disaccordo, invece, sullo stile-Lakers: adoro Kobe, ma ancor di più adoro l’accostamento tra giallo e viola, unico e – ai miei occhi – assolutamente affascinante (guardando al calcio, ritengo un peccato che la Fiorentina – a mio aviso – non abbia mai sfruttato appieno le possibilità di questo abbinamento per le sue third).

  • squaccio

    Boston e Chicago (non le bianche) le migliori.

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Grande articolo. Complimenti.

    Relativamente alle magliette sono contrario, a basket si gioca in canottiera.
    Tra le mie preferite: Raptors (per i quali tifo fin da bambino), Knicks, Celtics, Lakers, Nets, Pacers e Warriors. Le peggiori quelle dei Kings.

  • ngb

    canotte (e magliette) tutte belle, ma lakers gialla e la new york arancio hanno un fascino particolare. fantastiche

  • frenz

    Complimenti per l’articolo. Essendo stato ragazzino negli anni 90 sento una forte nostalgia per le vecchie divise dei suns e dei bulls. Complimenti ancora!

  • pongolein

    Questo è, come ogni anno, uno dei miei articoli preferiti.

    Voglio dire talmente tante cose che non so da dove cominciare! =)
    Inizierei dalla grande considerazioni e rispetto che chi realizza le maglie ha per la tradizione, alcune maglie profumano veramente di storia, e non alludo solo alle rivisitazioni di alcune canotte prestigiose in chiave vintage, parlo proprio del gialloviola dei miei lakers, del verde dei celtics, il rosso dei chicago, e le tante altre sfumature che da più di mezzo secolo colorano il mondo nba. Nel mantenere quasi inalterati certi motivi cromatici gli usa ci insegnano che la novità da proporre al tifoso può trovare spazio anche in maglie speciali, in 4° divise, in eventi particolari e in ricorrenze speciali. L’nba non sarà più quella dei nostri padri, ma io continuo a vederci un romanticismo che non invecchia mai.

    Perdonatemi questo momento di poesia un po’ inutile, passo direttamente ad alcune menzioni speciali:

    PHOENIX:c’è stato un restyling pazzesco!! Il bellissimo simbolo phx della fenice torna al passato “glorioso” ma lo fa con una rivisitazione in chiave moderna che non può lasciare indifferente nessun appassionato. In alcune riproposizioni l’ho visto totalmente arancione e nero, sparisce addirittura il viola in alcuni modelli, devo abituarmici.

    DETROIT: la città è fallita, l’umore della gente sotto i piedi, le prospettive nebulose…la voglia di rivincita non può non passare attraverso l’orgoglio di una città e di una squadra che si compenetrano fra loro più di tutte le altre franchigie nba, il carattere di detroit è marchio di fabbrica di questa squadra, che quando ha vinto l’ha fatto lottando, imponendosi in maniera dura, e negli anni di thomas così come negli anni dei wallace. La scritta motor town verrà sicuramente apprezzata da tutti.

    PELICANS: squadra ambiziosa, ha forse scelto il peggior nome della storia, che ha però fatto si che i vecchi charlotte potessero tornare a essere gli hornets…eheh! Il nuovo stemma non è male (avendo un pellicano come simbolo di più non si poteva fare), mi piacciono anche i colori e l’eleganza del font.

    Questione maglia con le maniche: La sensazione è che gli sponsor tecnici vogliano conquistare una fetta di mercato molto ampia grazie a questo fenomeno. E sono sicuro che ci riusciranno. Ormai le maglie aderenti hi tec che sagomano la muscolatura in maniera perfetta non influenzano la mobilità che storicamente nel basket garantiscono le canotte. E’ come non indossarle. Inoltre accrescono l’ego dei giocatori più palestrati e scolpiti che purtroppo abbondano (purtroppo non tanto per il fisico, ma per l’ego) =).

    Inoltre un ultima menzione speciale va a tutte le terze maglie vintage che profumano di storia e sono dei veri e propri pezzi da collezione.

    La mia top 3:

    3- lakers third
    2- dallas third
    1- cleveland away

    Tra i veri flop metto solo la terza degli spurs, non mi piace il grigio, ne il mettere solo lo sperone, è molto povera.

  • Niccolò Nottingham Forest

    La maglia degli Atlanta Hawks con le linee appuntite che ricordano il disegno dell’aquila è fantastica in tutte e tre le versioni. Sempre bellissime quelle dei Chicago Bulls, Toronto Raptors, Boston Celtics, LA Lakers e Orlando Magic.
    Molto male Utha e la third di OKC, forse la peggiore in assoluto. Belle anche quelle dei sixers, molto ameicane.

    Complimenti per l’articolo! Ci si perde a leggerlo!!!!!
    Bellissima rassegna!!

    • Niccolò Nottingham Forest

      Ovviamente falco, non aquila.

      • frenz

        Sei perdonato. A me manca la divisa giallo verde dei Seattle Sonics…

        • pongolein

          a me mancano i seattle supersonics…ormai sono già qualche anno che tutto sembra pronto per il grande rientro, ma poi manca sempre l’ultimo passo.

          Una città importante e affamata di basket come seattle non può restare senza squadra.

  • LM

    Io spero che questa moda delle maniche sulle maglie da basket, in particolare su campionato più importante al mondo, sparisca in fretta dato che non si possono proprio vedere. Belli invece i kit particolari delle altre squadre, come quello dei Lakers, quelli di Miami, di New Orleans, dei Pistons giusto per citare i più importanti. Ma ribadisco che nel basket le maniche corte, in qualsiasi campionato, in particolare la NBA, le maniche vanno abolite,lasciamo al basket le loro divise caratteristiche, ovvero le canotte.

  • SimoPunisher

    Siete sicuri che nelle maglie dei Blazers cambi solo il numero da bianco a nero? A me pare che la maglia sia completamente diversa. Il font, le strisce sul davanti e soprattutto la presenza del simbolo di Portland al centro sopra la scritta. Tutte cose mai viste prima. Anche dalle foto delle varie maglie che mettete successivamente si nota che sono completamente diverse rispetto alla foto col giocatore…

    • SimoPunisher

      Oltretutto non è il numero che cambia da nero a bianco (avevo invertito nel messaggio precedente), è la scritta che cambia da bianca a nera…

    • iac88

      vedendo lo shop dei blazers direi che è cambiata solo la rossa, però oltre a quella della foto ce n’è un’altra versione senza lo stemma al centro e con il colletto un po’ diverso, entrambe nella versione replica

  • iac88

    la maglia più bella resta quella gialla dei Nuggets secondo me; fra le novità mi piacciono la nera dei Lakers e l’arancione dei Knics; carina la rossa dei Blazers; male i Pelicans, quelle dei Suns migliori delle precedenti ma niente a che vedere con quelle degli anni 90 a cui si ispira il restyling dello stile.
    Le maglie con le maniche non che non mi piacciono in sé ma faccio fatica a vederle su un campo da basket, canotte forever!!

  • out of mind

    È inutile che ogni squadra abbia tre o più maglie se poi si vedono cose come New York in arancione contro Atlanta in rosso.
    http://images2.gazzettaobjects.it/methode_image/2013/11/17/Varie/Foto%20Varie%20-%20Trattate/20131116_kkt_ag9_270-003–473×264.jpg?v=20131117102455

  • maglie nba online

    Grande articolo. Complimenti.

    Relativamente alle magliette sono contrario, a basket si gioca in canottiera.
    Tra le mie preferite: Raptors (per i quali tifo fin da bambino), Knicks, Celtics, Lakers, Nets, Pacers e Warriors. Le peggiori quelle dei Kings.

  • gian

    le mie tre preferite (sono come ogni anno) celtis, lakers e pacers ( e maritano di aggiungersi al mio quarto posto i kings)

    aggiungo che anche se mi attraggono molto le mezze maniche preferisco rimanere con le normali canotte (quoto i warriors e i clippers che la usano solo come terza)

    ultima cosa, non capisco perché ogni anno gli heat debbano tenere 5/6 maglie con magari due dello stesso colore

    • gian

      e invito passione maglie a fare un articolo con le maglie della lega 1 italiana dove i prossimo anno ci sarà la mia aquila trento

  • Libero

    Attenzione le cannottiere authentic non sono quelle che indossano i giocatori sono vendute dal nbastore a prezzi scandalosi e non hanno i mesh number informatevi e non fatevi fregare ….