SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

La prima maglia della nazionale colombiana per Brasile 2014 non trova pace.

A novembre, le polemiche avevano investito adidas e la Federación Colombiana de Fútbol, per aver creato una divisa che cozza con la tradizione calcistica della Seleccion, soprattutto per l’assenza di un riferimento diretto alla bandiera nazionale. Il brand tedesco giustificò la scelta concettuale sottolineando come la maglia avesse in sé i simboli della cultura colombiana e la questione andò scemando grazie anche alle indiscrezioni sulla possibile seconda maglia rossa.

Oggi una nuova bufera coinvolge ancora una volta adidas perchè il Duhok Sport Club, club che milita nella serie A irachena, ha indossato in alcune partite del mese di gennaio una maglia uguale a quella colombiana.

Duhok-Sport-Club-maglia-2014

Il coinvolgimento di adidas nella vicenda riguarda il fatto che sulle maglie degli iracheni compare il marchio a tre strisce del fornitore tedesco. Stessa maglia, dunque, con lo scudo applicato in petto a fare da unico elemento di diversità tra la le due casacche.

I contestatori della prima ora hanno da subito gridato al plagio interno da parte di adidas, accusando il brand tedesco di aver snaturato maggiormente la maglia della Seleccion riciclandola da quelle di un’altra squadra di calcio. Tuttavia, non sappiamo se queste accuse siano gratuite e infondate e generate solo dal malcontento da parte dei tifosi colombiani più accaniti nei confronti della maglia gialla della Colombia. Quello che sappiamo sono, però, essenzialmente tre cose:

1) La smentita – adidas ha divulgato a mezzo Twitter un comunicato in cui ha annunciato che l’azienda tedesca non ha alcun legame con il Duhok Sport Club e che sta indagando sulle similitudini evidenti tra le due maglie in modo da intraprendere delle azioni in modo da proteggere meglio i proprio disegni. Con questa occasione, adidas rinnova anche l’appello ad acquistare solo prodotti originali in modo da non foraggiare la pirateria.

2) La particolarità del numbering – il font dei numeri della maglia non è di casa adidas ma si tratta del Puma Gaffer, il font utilizzato anche per la maglia della nazionale italiana di calcio. È dunque improbabile che, se realmente si trattasse di un plagio per così dire interno, adidas abbia utilizzato un font che non gli appartiene: avrebbe potuto semplicemente utilizzare lo stesso font dei numeri usato per la maglia della Colombia. Senza contare che utilizzare un font diverso avrebbe portato la casa tedesca ad affrontare una situazione ancor più imbarazzante.

Maglie 2014 Duhok Sport Club

3) Il precedente – l’anno scorso l’Al-Quwa Al-Jawiya, club della prima divisione irachena, ha deciso di prendere in prestito la maglia della Lazio della stagione ’86-’87 causando forte imbarazzo da parte di Macron costretta subito a smentire la collaborazione con gli iracheni. In quella occasione facemmo notare come il marchio dell’azienda bolognese fosse diverso rispetto a quello utilizzato canonicamente e che si trattava di una replica pirata.

A questo punto, per congetture, è possibile che sia adidas ad essere vittima di questo plagio. La redazione sportiva estera della BBC, infatti, riporta le dichiarazioni di un dirigente del club curdo, Kawa Faisal (riconducibile, probabilmente a Kaveh Faisal Hassan riportato sul sito ufficiale del club), secondo cui le divise vengono acquistate in Turchia e non direttamente da adidas. Inoltre viene sottolineato come il loro interesse è puramente pratico e che le divise vengono scelte senza prestare attenzione al modello ma badando solo al colore, cioè basta che sia giallo.

Tuttavia, la situazione è ancora tutta da chiarire e aspettiamo risvolti ufficiali che possano sedare la polemica sulla tanto contestata camisa amarilla colombiana.

  • pongolein

    mmmmhhh la questione si tinge…di giallo!!! =)

  • teo’s

    Sinceramente mi sembra veramente difficile che un colosso come Adidas rischi di screditarsi (per non usare altri verbi più ad effetto..) per un modesto club iracheno di provincia.. Magari poi uscirà fuori che è tutto vero, ma secondo me la tesi più convincente è proprio quella delle divise ordinate in prima persona dal Duhok e allestite alla carlona da fornitori locali.

    • TEO NAPLES

      speriamo sia veramente così…

  • Roberto

    maglie adidas con font puma…. più false di così!

  • Antonio

    Maglie false. Basta vedere come nell’ultima foto non ci sia la striscia rossa orizzontale all’interno del colletto e che le tre strisce sulle spalle arrivino fino ai bordi delle maniche (in quelle originali c’e’ lo spazio monocolore giallo per le patches)

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Che brutte cose…

  • Simone

    Considerando che molte maglie non replica vengono prodotte in Turchia, è facile che se le siano fatte dare da qualche contatto in fabbrica.

  • Simone

    Riporto questo commento dall’articolo sulle maglie tarocche della Lazio.

    —–

    Hello guys,

    I am sorry to read this and to come to know that the club has copied your shirts. I really thought Al-Jawiya has come up with the idea themselves to put the eagle on the shirt and that Macron supported them(The eagle/falcon is also the symbol of Al-Jawiya like it is of Lazio).
    But some of you have commented on the FB page saying Lazio were using these shirts already in the 80s, so I did some research and I found out that Al-Jawiya just copied the whole idea. I should have know… They did this already tons of times. Every club in Iraq does, everything is fake, every two or three months they get new shirts and even new ‘sponsors’.

    Anyway, I have to say, these are by far the most beautiful shirts ever worn by the club, really. Never seen such a nice dress.

    Greetings,
    Ali

    • bykers

      ?????????????????????????????????????????
      T R A N S L E T E

      • Simone

        Il punto centrale è che dice che ogni club in Iraq fa tutto tarocco e ogni 2-3 mesi hanno nuove maglie e anche nuovi sponsor.

  • mosca

    maglia identica o smentita a parte, il lavoro di adidas per le nazionali che sto osservando su pm sono di una noia mortale.

  • dario p.

    La maglia della Colombia è davvero di pessimo gusto. Come è di pessimo gusto questo clone iracheno.
    Sembra che Adidas stia complottando contro se stessa: è incredibile come in questo 2014 non riesca ad azzeccarne una. La home del Milan, le away di Spagna e Germania sono le prime mostruosità che mi vengono in mente.
    Ciò che mi fa tremare è che siamo ancora a febbraio: devono ancora essere presentati la maggior parte di kit delle squadre europee. Ne vedremo delle belle.

    • teo’s

      Come ho già scritto a commento dell’articolo della away della Russia, maglie rivedibili queste dei Mondiali lo sono senza dubbio, per il colosso tedesco, ma non facciamo di tutta l’erba un fascio per piacere perché ad esempio le home di Bayern, Chelsea, Leverkusen, Ajax, Amburgo, Marsiglia, Dinamo Kiev, Osasuna.. le away di Bayern, Chelsea, Real Madrid, West Ham, Norimberga etc.. sono tutte eccezionali. Che qualcuna l’abbia sbagliata è vero (come pure gli altri brand lo hanno fatto..) ma non denigriamo “tanto per” quando pure il brand tedesco ottimi lavori li ha anche fatti..

  • LM

    Davvero imbarazzante, manco ai livelli più bassi si trovano divise contraffatte, invece in Asia tutto è possibile. Imbarazzante l’uso del font Puma, per lo più su un modello Adidas. Brutto pure che il modello sia un’esatta copia di quello della Colombia, accrescendo ancor di più il sospetto. Davvero una triste storia, contraffare è reato, in alcune parti del mondo non lo hanno ancora capito.

  • Mat27

    Ahahahaha geni!
    Per una squadra irachena direi che è una signora maglia!! Finalmente qualcuno che la apprezza e non la critica!! Adidas dovrebbe essere orgogliosa di questo club..

  • Luca

    A suo modo, nel mondo superprofessionalizzato del calcio moderno, l’idea di un club della serie A irachena che si procura per vie traverse delle maglie Adidas di una squadra, ci appiccica sopra il proprio stemma, e usa i numeri della Puma e’ davvero geniale e davvero anarchica!

  • Lord Balod

    Il lavoro finale è davvero bello però…chi se ne importa delle polemiche,è il risultato che conta

  • ste2479

    le accuse dei tifosi colombiani sono ridicole..
    non ci vuole un genio per capire che queste maglie sono tarocche…

  • nickfoto

    Basta soltanto guardare il calzettone completamente giallo per capire che non si tratta di un vero e proprio “kit” tecnico.

  • elkan

    “…viene sottolineato come il loro interesse è puramente pratico e che le divise vengono scelte senza prestare attenzione al modello ma badando solo al colore, cioè basta che sia giallo.”

    come distruggere la nostra passione per le maglie con una frase 😉

  • Arfonso

    Li vorrei come kit per la Colombia, mettendo ovviamente i calzini rossi per la home e sostituendo il bianco col rosso