SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning

Alla carrellata di maglie delle nazionali adidas di Euro 2016 si unisce il Giappone, che ha presentato le nuove maglie con le quali si appresta ad affrontare il cammino di qualificazione verso i mondiali russi del 2018.

Giappone presentazione kit home 2016-2017

Anche stavolta adidas ha confezionato dei kit su misura per la nazionale del Sol Levante, come al solito molto moderni e personalizzati. Negli ultimi anni adidas ha abituato il pubblico nipponico ad abbinare un concetto chiave alle maglie dei Samurai Blue e quest’anno non fa eccezione: il concetto espresso dalle nuove maglie è “11の個性”, traducibile con 11 individualità oppure 11 personalità.

Maglia Giappone home 2016-2017

La maglia home si presenta con un blu più scuro rispetto a quello tradizionalmente usato dalla nazionale giapponese, simile a quello utilizzato per la maglia del 2012.

Verso il centro della maglia il blu sfuma in dieci tonalità più chiare, che, con il blu navy dello sfondo a fare da undicesimo colore, rappresentano gli undici giocatori sul campo. Al centro delle 10 barre blu, all’altezza del cuore, c’è una sottile linea rossa, che vuole rappresentare il dodicesimo uomo in campo: i tifosi e la loro passione, un concetto espresso in modo simile su alcune maglie del recente passato.

Piuma di corvo, colletto maglia Giappone

Il colletto presenta uno scollo a V e un rettangolino rosso sul retro, che richiama la riga al centro della maglia. Le tre strisce adidas sono collocate sui fianchi, come per altre maglie della collezione 2016 del marchio tedesco.

Un particolare interessante è la piuma di corvo all’interno del colletto. Questa rappresenta il Yatagarasu, il corvo a tre zampe che appare anche nello stemma della JFA, la federazione calcistica giapponese. Si tratta di una figura mitologica legata alla divinità solare Amaterasu, che in questo caso dovrebbe guidare il cammino del Giappone verso i mondiali del 2018.

Giappone pantaloncini calzettoni home 2016

I pantaloncini sono anch’essi blu navy, mentre le strisce, che proseguono dalla maglia, sono bianche. I calzettoni sono sempre blu con un risvolto azzurro. Le tre strisce bianche in verticale appaiono solo sul bordo superiore, mentre la parte frontale reca la scritta Japan in bianco.

Il completo away, invece, ritorna al bianco tradizionale, dopo il giallo fluo del mondiale brasiliano. Sul petto e sulle maniche si estende una spettacolare grafica formata da triangoli di varie forme e dimensioni, di colore celeste e blu ghiaccio.

Seconda maglia Giappone 2016-2016 bianca

Colletto maglia Giappone away 2016-2017 Trama divisa Giappone away 2016-17 Dettaglio manica maglia Giappone

Secondo il comunicato della JFA il disegno è ispirato dalla brillantezza di un diamante e vuole rappresentare le diverse individualità degli 11 giocatori che risplendono in campo. All’interno del colletto ritroviamo il Yatagarasu, questa volta con un disegno che lo ritrae completamente. Il colletto è un semplice girocollo blu scuro.

Calzoncini calzettoni Giappone away 2016-2017

Blu navy sono anche il bordino a fine manica e le tre strisce adidas che percorrono il fianco della maglia per proseguire sui pantaloncini, sempre bianchi. Bianchi sono anche i calzettoni, mentre ritroviamo il blu nel bordo superiore, nelle tre strisce e nella scritta Japan sulla parte frontale.

Una particolarità costante delle maglie del Giappone firmate adidas è che vengono prodotte in tre versioni leggermente diverse per la nazionale maschile, quella femminile e quella di futsal. Come negli anni scorsi l’unica differenza sta nei dettagli rossi, che si trasformano in rosa per la “Nadeshiko”, la nazionale femminile, e in giallo per quella di futsal.

Le maglie del Giappone 2016-17 femminile e futsal

Le versioni per la nazionale femminile e futsal

 

La maglia home ha debuttato nel match contro Singapore vinto nettamente per 0-3 grazie alle reti di Kanazaki, Honda e Yoshida.

Ancora una volta adidas ha sfornato per il Giappone una collezione ricca di dettagli e ispirazioni, voi cosa ne pensate?

Articolo di Matthias Crepaz per Passione Maglie