SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike



In J.League fervono i preparativi per la stagione 2014, dopo lo Shimizu S-Pulse analizziamo le maglie del Kawasaki Frontale, altro team della scuderia Puma.

Maglie Kawasaki Frontale 2014 Puma

Rispetto al 2013 assistiamo ad un deciso scatto in avanti per quel che riguarda la personalizzazione delle maglie, in particolare la prima, tradizionalmente celeste con collettino a polo e maniche di colore nero. La casacca è caratterizzata da un fitto pattern a scacchi tono su tono sul tronco.

All’interno dei quadretti di tonalità più scura, troviamo una serie di simboli: si tratta dei loghi dei 7 distretti che formano la città di Kawasaki. Decisamente un modo fantasioso per rappresentare il legame con il proprio territorio.

Maglia Kawasaki Frontale 2014 Puma

Pattern scacchi prima maglia Kawasaki Frontale

Niente scacchi per la divisa da trasferta, ma di certo anche qui non manca l’eccentricità. La maglia è bianca con colletto a V e rifiniture celesti. Sulla parte frontale è presente una fantasia a stelle concentriche tono su tono che partono dalla posizione dello stemma del club.

Il pensiero non può che correre immediatamente alla controversa maglia da trasferta fucsia stellata della Juventus 2011-2012. All’interno del colletto è stampato il logo della città di Kawasaki.

Seconda maglia Kawasaki Frontale 2014

Dettagli maglia away Kawasaki Frontale 2014

Lo stesso modello è stato scelto per la divisa che il Frontale utilizzerà nella Asian Champions League. I colori invece sono quelli della maglia home: celeste con maniche nere. Nera anche la parte bassa, con effetto sfumato.

Rispetto alla maglia bianca, risulta più evidente lo stacco tra le stelle scure e lo sfondo celeste. Sotto lo stemma è stata aggiunta la scritta Japan, a sottolineare la destinazione d’uso internazionale della maglia.

Maglia Kawasaki Frontale Asian Champions League 2014

Particolari kit Kawasaki Frontale ACL 2014

Nome numeri Kawasaki Frontale 2014

Entrambe le maglie celesti prevedono l’utilizzo di pantaloncini neri, calzettoni celesti e personalizzazioni bianche, mentre è tutto bianco il completo da trasferta con numerazioni nere.

Vi piace l’eccentricità delle maglie Puma per il Kawasaki Frontale 2014?

  • Mario

    Che dire, molto ”JAP”. Apprezzabile la prima, male la seconda e i colori della versione per la ”Champions” sono sbagliati. Non si riconosce lo sponsor, bastava semplicemente quella sfumatura che difficilmente si intravede per colpa delle enormi stelle orrende.

  • Musrot

    Bello lo stile “Louis Vuitton” della prima maglia, la seconda non male.

    Voto 8 alla prima e 7,5 alla seconda.

    Aspetto un articolo sulle maglie del “mio” Kashiwa Reysol (sono sempre yonex?)

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    il modello della prima maglia è quello utilizzato anche dall’Italia vero?

    • http://www.forzatoro.net AlessandroP

      …comunque chiamarsi Kawasaki e aggiungerci Frontale non è ben augurante per i motociclisti tifosi…

  • Ppr11

    Amo le maglie giapponesi per la loro particolarità.
    A me queste cose fanno impazzire

    La homo è stupenda.

  • Eug

    Spettacolo

  • FDV

    La prima maglia è il genere di maglia che adoro vedere sfornare dal campionato giapponese, di quelle modernamente estrose, esteticamente riuscite e che ti spingono a conoscere qualcosa in più di quel mondo che sembra così lontano e calcisticamente artificiale.

    Seconda e maglia di coppa mi fanno sorridere ripensando alle ironie che sollevò la fucsia della Juve.
    http://www.ptwschool.com/wp-content/uploads/2011/07/pirlo-maglia-juve-p-gold.jpg

    • andy

      Trovo più artificiale la Major League Soccer. In nordamerica prima ci sono l’hockey, il basket, il football e il baseball. In Giappone il calcio è lo sport più seguito dopo il baseball.

  • Eugenio

    HOME : La prima maglia è una cosa spettacolare, cioè la fusione tra la semplicità e l’eccentricità che per una squadra asiatica è una cosa fondamentale . Molto bella veramente, promossa a pieni voti.

    AWAY : Fra le due è ovviamente quella più eccentrica, però la tonalità dello stemma la rende più elegante.

    VERSIONE CL : Quella per la Champions l’avrei vista meglio senza l’effetto sfumatura, ma è piuttosto bella.

    RISPETTO ALL’ANNO SCORSO : Sono molto migliori, tutt’e due, soprattutto la prima. LA seconda dell’ anno scorso era piuttosto carina.

    Voti 9 – 8 – 8

  • Fakkio

    Cose belle: Bello il colletto della prima maglia e le maniche tinta unica,spezzano l’intricato tema a scacchi della divisa. Mi piacciono i simboli inseriti nei quadratini e il bordo nero a fine maglia. La seconda è ben realizzata,la stella che sembra ingrandirsi tono su tono crea un bell’effetto,rendendo particolare una altrimenti semplice divisa bianca.ùanche qui mi piace il bordino azzurro a fondo maglia. La divisa da champion è un buon connubio tra il modello away con i colori del club.

    Cose brutte: La prima se vista da lontano fa un pò pigiama e anche la seconda non credo si riesca ad apprezzare molto l’effetto stella in lontananza. La seconda ha l’orribile colletto che
    puma sembra metterà quest’anno su molte delle sue maglie come brutti sono u bordi manica con gli inserti a semi luna. Nella maglia champions non mi piace l’effetto sfumao del nero e le spalle che tagliano troppo nettamente sia la stella sia la fusione cromatica.

    In conclusione sono magliette molto carine tranne la terza,le spalle e il colletto rovina troppo la divisa. Voti 7++ per la prima,7+ per la seconda (peccato il colletto) 5 la terza.

  • Niccolò Nottingham Forest

    Bellissime ! La trama della prima mi ricorda la maglia della Oktober Fest del Monaco 1860.

    Questo grande utilizzo di personalizzazioni da parte di Puma che stimao vedendo nel campionato giapponese accresce il mio dispiacere per la fine del rapporto Puma-Lazio, e mi chiedo perchè per i bianco celesti i modelli erano sempre da catalogo senza un minimo di carattere…

    Per esempio non potevano arricchire il modello nazionale africana con una serigrafia aggressiva dell’aquila sulla spalla come fatto per tutte le rappresentative africane e per lo Sporting Lisbona??? Mi ha sempre lasciato perplesso un atteggiamento così “rinunciatario” da parte di Puma nei confronti di una piazza come quella della Lazio.

    http://goo.gl/l6Ay0n
    http://www.footballkitnews.com/wp-content/uploads/2010/07/Sporting-Lisbon-Away-Jersey.jpeg
    http://www.aek-live.gr/wp-content/uploads/2013/07/puma-kits-1024×380.jpg

    • Lord Balod

      Secondo me è perché i club nostrani sono storicamente poco inclini alle innovazioni,siamo un paese molto conservatore.Per questo penso che i marchi anche di un certo rilievo sfornano divise che non brillano per originalità,tanto sanno che società e tifoseria apprezzeranno di più così

    • Eugenio

      Per me la PUMA cura molto le maglie africane perché è lo sponsor tecnico ufficiale di tutta l’ Africa. Per me, poi, le maglie africane DEVONO avere questo stile , perché queste maglie particolari le differenziano dalle ” tribù ” nemiche : non credo che la costa d’ Avorio accetterebbe nelle loro maglie un leone, il loro simbolo è l’elefante e nessun altro animale sarà mai accettato nella maglia degli ivoriani perché l’elefante è il simbolo della loro “tribù”.. E credo che alla Puma piaccia molto questa cosa.
      Poi ci mettiamo il fatto che in Italia si è così superficiali in questo campo , ovvio …

    • FDV

      Per me le maglie che Puma riserva alle nazionali africane sia per stile che per vestibilità stanno benissimo alle nazionali africane, così come lo stile estroso e moderno è perfetto per il campionato giapponese.

      In sostanza “stanno bene là”, letteralmente. Però è vero che al cospetto di queste due “correnti” più esotiche, quella dei club europei Puma risulta anonima.

  • Renato

    Considerando che sono giapponesi le trovo pulite e non appesantite rispetto ad altre maglie nipponiche .

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Per i miei gusti sono troppo eccentriche e fantasiose, certo non si può dire che non siano personalizzate e create ad hoc per il Kawasaki Frontale.
    La home senza i simbolini dei vari distretti cittadini non sarebbe stata così male, certo con quei disegni a mio parere perde molto.
    La maglia away più ricordarmi la rosa stellata della Juventus, mi fa molto Zenith di S.Pietroburgo.
    La divisa per la Champions asiatica è veramente troppo.
    Non so se avete notato il cambio di font tra la maglia home e quella da Champions, non mi spiego il motivo. E sempre restando in tema di sponsor non capisco perché non l’abbiano scritto in nero, sarebbe stato molto più visibile e si sarebbe integrato molto meglio con le divise.

    • andy

      anche le squadre inglesi nelle coppe europee cambiano font…

  • Lord Balod

    Belle maglie,originali e gradevoli!

  • Swan

    Del Kawasaki Frontale apprezzo la maglia home. Bella la foggia del colletto, le maniche e la trama a scacchi, peccato per l’inserimento dei simboli dei distretti della città che ne rovinano la linearità.
    Riguardo alle altre due maglie non mi sono mai piaciuti i templates con stelle, classiche o stilizzate, sulle maglie da calcio ed anche sulle divise di altre discipline sportive, quindi va da se che sono due maglie che non gradisco affatto.

  • LM

    Belle mi piacciono, almeno non si può dire che siano riciclate, visto che sono uniche, sia per le grafiche che per colletto, vestibilità e dettagli. Bella la prima, che ha la trama complessa, che da vicino colpisce per la minuzia dei particolari, e per la cura, bello anche il colletto e le maniche, che si adattano davvero bene. Bello anche lo sponsor. pure la seconda mi piace, anche se la trama, seppur particolare, mi sa di, come ha detto l’articolo, seconda maglia juventina di due stagioni fa, anche se questo effetto stella, va detto, è pienamente più riuscito. Bello anche lo sponsor, molto aggressivo. Infine la terza, curata ma che non mi convince per i colori usati, che con l’effetto stella non stanno molto bene insieme, poi è brutta pure l’attaccatura con il retro, con la trama che si interrompe bruscamente, infine lo sponsor, quasi illeggibile fra quei colori, e che quindi crea l’effetto di qualcosa di sovrapposto, e quindi di disordine, infatti l’avrei preferito nero. Font bello, lo stesso vale per gli sponsor, puliti e ben amalgamati, tranne ovviamente la terza, peccato per il numero davanti, per di più spostato, una cosa che proprio non sopporto, specialmente se senza senso come in questo caso. Comunque, detto in generale, davvero tre bei modelli, fantasiosi, come devono essere le maglie della J-League, e curati.

  • frenz

    Bellissime! Da far invidia a tamarreide e jersey shore

  • frenz

    Rimangio tutto il male che ho detto di Puma…

  • Daniele Costantini

    Lo stile ‘jap’, nel calcio, non mi è mai piaciuto: troppa carne al fuoco. In generale, queste divise mostrano in maniera lampante la ‘differenza’ – sia geografica che culturale – che ci separa dall’Oriente, e rappresentano esattamente l’opposto di quel che vorrei vedere su di una casacca calcistica. Della terna salvo solo la away bianca, unicamente perché la più ‘pulita’ del lotto.

    Riguardo la fantasia a stelle concentriche proposta da Puma, più che la away della Juventus 2011-12 citata dallo stesso FDV, a me ricorda molto più da vicino quanto visto sulle canotte 2012-13 della Pallacanestro Varese ( http://www.dailybasket.it/wp-content/uploads/2012/12/Ere-Ebi-orizz-1024×768.jpg ) 😉

  • Simone

    La trama a quadretti, invece, è di derivazione Palermo 2012-13.

    http://dreamsoccerjerseys.com/images/category/soccer_aaa/palermo/12home/a.jpg

  • adb95

    a me piacerebbe la prima se il motivo fosse meno visibile. (infatti per questo motivo mi piace la bianca e reputo astrusa quella per la ACL

  • albertojuve

    Tutte bellissime e originali, voto 10!!!

  • Riccardo

    Davvero belle tutte e tre
    Voti ;
    Prima 7,5
    Seconda 6,5
    Terza 8

  • A.D.L

    La Home mi piace moltissimo. L’away anche.
    L’unica “pecca” della home, che qui si parla di modelleria e non di grafica, è che il collo (almeno al giocatore nella foto) risulta troppo largo.