Nella splendida cornice di Piazza XX settembre, il 22 agosto sono state svelate al pubblico le maglie del Pordenone 2017-2018, in occasione dell’evento “Neroverdi sotto le stelle”. Nel corso della serata sono state presentate la prima squadra, il settore giovanile e le formazioni femminili.

Neroverdi sotto le stelle, presentazione Pordenone

Il “leitmotiv” delle maglie, prodotte per il quarto anno consecutivo da Joma, è il grande senso di appartenenza verso la città.

Prima maglia Pordenone 2017-2018

Il template della maglia è lo stesso della scorsa stagione, a variare sono alcuni piccoli, ma fondamentali, dettagli. Al centro del petto troviamo il logo del comune stilizzato, con i soli contorni stampati in nero. Sparisce invece il ramarro, che trovava spazio nella parte bassa sinistra.

Dettaglio prima maglia Pordenone

La prima maglia con il logo del comune al centro del petto

Il logo Area Giovani del Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano trasla da sotto a sopra il lettering Joma, lasciando quindi salire lo sponsor Assiteca, al fine di guadagnare maggior visibilità. Sèleco, che la stagione scorsa era presente solamente nei playoff, accompagnerà la squadra per tutta la stagione. Sulla manica sinistra campeggia una patch gialla contenente lo sponsor Alea, mentre rimane invariata la posizione di Recycla nella parte bassa della schiena.

Novità assoluta è il colore delle personalizzazioni di nome e numeri, che per la prima volta nella storia sono gialli invece che bianchi. Una scelta stilistica che punta a creare qualcosa di innovativo, un azzardo mai visto prima. Cambia anche il font, più magro, moderno e slanciato.

Font Pordenone 2017-2018

Completano la divisa pantaloncini e calzettoni interamente neri. Come per tutte le squadre della nuova Serie C, sulla manica destra è applicata la patch Lega Pro Unicef e sulla sinistra quella con il logo Serie C.

 

Seconda maglia Pordenone 2017-2018

“Per la città è questa maglia”. È con questo slogan che è stata presentata la divisa da trasferta dei ramarri. A vent’anni esatti dalla loro ultima apparizione sulle maglie del Pordenone, i colori del comune bianco e rosso tornano ad essere i protagonisti per le partite lontano dal Bottecchia.

“È stata, se posso dire, una mia idea. E sembra aver riscosso molto successo”, ci ha confidato Fabio Pessotto, speaker ufficiale dei neroverdi, che ci ha accolti al centro sportivo Bruno De marchi, quartier generale della squadra dove si trovano uffici e campi di allenamento. “Vogliamo far sì che i tifosi si innamorino dei nostri colori, non solo dei giocatori. Il nostro intento è quello di sottolineare il legame con la città che per noi è molto forte”, ha poi continuato.

Collezione maglie Pordenone, il Museo dei Ramarri

Alcune maglie, dalla fondazione fino ai giorni nostri, raccolte dai tifosi e prestate alla società per allestire un piccolo museo

La maglia è molto semplice ed essenziale, interamente bianca con profili e bordi rossi. Il font di nomi e numeri è sempre di colore rosso, mentre gli sponsor sono neri. Ciò che balza di più all’occhio è lo stemma del comune stampato sul lato cuore, che va a sostituire il logo tradizionale.

Maglia Pordenone away 2017-2018

Completano la divisa pantaloncini e calzettoni bianchi. Secondo alcune indiscrezioni, la divisa ufficiale avrebbe dovuto comprendere fin dall’inizio pantaloncini bianchi bordati di rosso, ma è probabile che vengano presentati in seguito.

Maglie portieri Pordenone 2017-2018

Durante la cerimonia di presentazione non hanno sfilato sul palco le maglie dei portieri. Fino ad ora i colori utilizzati in campo sono stati l’arancione e l’azzurro. Entrambe le maglie presentano dei dettagli di tonalità più scure lungo le spalle e pantaloncini di una gradazione di colore diversa.

Per tifosi e appassionati interessati, è possibile acquistare le maglie allo stadio il giorno della partita, oppure durante la settimana al centro De Marchi o nel punto vendita autorizzato in centro città. La società non dispone di uno store online, ma per chiunque non abbia la possibilità di recarsi in zona è sufficiente mandare una mail all’area commerciale e verrà concordata la modalità di spedizione. “Negli ultimi anni abbiamo spedito addirittura una maglia a Sydney e due in Canada, quindi non ci facciamo spaventare da nessuna distanza”, ci ha detto sorridendo fieramente Fabio Pessotto.

Le nuove maglie del Pordenone 2017-2018

Certo, sia la home che la away sono maglie da catalogo, inutile girarci intorno. Personalmente, però, credo che con l’aggiunta di qualche piccolo particolare,di qualche dettaglio significativo, è possibile personalizzare e rendere unico qualsiasi tipo di divisa. E il Pordenone, secondo me, è riuscito nell’impresa.

Voi siete d’accordo? Come giudicate i lavori dei ramarri per il 2017-2018?

Andrea Introvigne