SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning

Dopo avervi parlato del Piacenza Calcio torniamo nella città emiliana per scoprire le nuove maglie del Pro Piacenza 2016-2017 disegnate da MAPSport. Il marchio bresciano succede ad Erreà nella fornitura tecnica della squadra rossonera.

La Pro Piacenza con la maglia casalinga 2016-17

Prima maglia Pro Piacenza 2016-2017

Il disegno della prima maglia riprende i colori sociali alternandoli in strisce verticali sottili che ricoprono anche le maniche e la parte posteriore della casacca. Il colletto a V di colore nero è coordinato con i bordi delle maniche, che interrompono la palatura rosso-nera.Maglia Pro Piacenza 2016-17 MapSport

Sul fronte della maglia il lettering di MAPS si contrappone allo stemma societario, cucito sul petto, senza nessun altro logo su spalle o maniche. L’etichetta, cucita nella parte bassa della casacca è accompagnata da una piccola fettuccia tricolore, un richiamo all’italianità del marchio MAPS.

Nessun riquadro o pannello posteriore a contenere le personalizzazioni, perfettamente visibili in bianco sulle strisce rossonere. Il font sarà familiare ai nostri lettori più attenti, poichè lo abbiamo già visto in annate diverse dietro le maglie di Barcellona, Latina, Ternana, Feralpisalò, ed altre.

Dietro al colletto, in controtendenza con la moda del momento, non ci sono scritte, inni, hashtag o motti di alcun genere. I calzoncini sono completamente neri con numerazioni, lettering MAPS e co-sponsor in bianco. Nessun inserto colorato nemmeno per i calzettoni.

Seconda maglia Pro Piacenza 2016-2017

Per le trasferte MAPS propone un completo bianco. Il template è caratterizzato da una croce rossonera che attraversa il pannello frontale contenendo lo stemma del Pro. I colori societari, alternati in sottilissime strisce, decorano anche lo scollo a V, mentre i bordi delle maniche sono completamente neri. Seconda maglia Pro Piacenza 2016-17 bianca

Il lettering dello sponsor tecnico si posiziona sopra alla croce da un lato liberandola e rendendo il disegno più pulito, ma dall’altro creando asimmetria rispetto allo stemma societario, posto all’intersezione delle due braccia. Dietro al colletto è cucito un piccolo scudo rossonero. Pantaloncini e calzettoni sono completamente bianchi, ma in caso di necessità potranno essere utilizzati quelli neri del primo kit.

Terza maglia Pro Piacenza 2016-2017

La terza maglia riprende il template della seconda con il giallo come colore principale. Il colletto, a differenza di quanto abbiamo visto in precedenza, è nero a girocollo, mentre la stessa croce rossonera attraversa il pannello frontale della casacca. Le personalizzazioni, poste sotto al piccolo scudo, sono nere. La maglia si abbina ai pantaloncini e ai calzettoni neri della divisa home.

Maglie portiere Pro Piacenza 2016-2017

Per i portieri MAPSport propone due modelli, entrambi disegnati sul medesimo template per un look molto particolare.

La prima scelta consiste in una maglia grigia, vivacizzata da una serie di linee oblique gialle. La striatura, che continua sul retro della maglia, non interessa le maniche, interamente grigie con bordi gialli. I calzoncini sono gialli con una spessa bordatura in fondo, lo stesso colore è usato per i calzettoni.Maglia portiere Pro Piacenza 2016-17

Come alternativa gli estremi difensori piacentini hanno a disposizione un kit caratterizzato dallo stesso template declinato in verde. Il bordo manica, le personalizzazioni e i loghi degli sponsor sono neri, mentre le strisce oblique sono colorate da una tonalità di verde più chiara rispetto a quella della maglia. Calzoncini e calzettoni sono in tinta con la maglia.

Entrambe le casacche presentano sul retro lo stesso scudetto rossonero cucito sui due kit da trasferta. Divisa portiere Pro Piacenza away 2016-17

Per l’esordio con la società emiliana MAPSport ha proposto una prima maglia tradizionale senza innovazioni talvolta discutibili, più moderne invece le divise da trasferta e quelle da portiere. Come giudicate la nuova collezione del Pro Piacenza 2016-2017?

Photocredit parziale: Benedetto Ivan