SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

La Serie D, il massimo campionato dilettantistico, è territorio fertile per riscoprire realtà calcistiche prestigiose e blasonate, sprofondate a causa di diverse vicissitudini dopo aver scritto pagine importanti della storia del calcio italiano.

Nei mesi scorsi ci siamo occupati dell’Ascoli Picchio 1898 che ha ereditato il bagaglio di storia e tradizione dell’Ascoli Calcio, e dei Biancoscudati Padova 1910 che raccolgono il testimone dell’ultracentenario Padova Calcio. Oggi tocca alla Robur Siena, la società sportiva dilettantistica che mantiene accesa la fiamma del calcio senese.

Formazione Robur Siena 2014-2015

La nuova società

Il nuovo sodalizio, nato lo scorso luglio, eredita la tradizione calcistica dell’A.C. Siena. La squadra bianconera, sorta nel 1904, riesce ad approdare per la prima volta in Serie A nella stagione 2002-03, dopo quasi cento anni dalla fondazione. Nella massima serie il Siena disputa in tutto nove campionati non consecutivi fino alla retrocessione in Serie B, avvenuta al termine della stagione 2012-13. Nel campionato seguente il Siena cerca subito di riconquistare la promozione, mancando il piazzamento ai play off per una sola posizione a causa degli otto punti di penalizzazione inflitti per irregolarità amministrative. Nonostante il buon campionato disputato, al termine della stagione arriva il fallimento che porterà al cambio di denominazione e alla contestuale caduta in Serie D.

Maglia Robur Siena 2014-15 Lotto

L’attuale società si ispira alla vecchia S.S. Robur, istituita nel 1908 e discendente a sua volta della S.S. Mens Sana in Corpore Sano fondata quattro anni prima. Fin dalle origini, quando la squadra iniziò a calciare i primi palloni in Piazza delle Armi, i colori del Siena sono stati il bianco e il nero, gli stessi colori della città. Secondo la tradizione queste tinte rappresentano il fumo della pira augurale accesa da Senio e Ascanio, i leggendari fondatori di Siena che vollero con questo gesto ringraziare gli Dei per la costituzione delle nuova città.

Oltre ai colori e alla denominazione, la nuova società eredita dalla vecchia S.S. Robur anche la spettacolare divisa a scacchi grandi, già indossata dai senesi nel corso degli anni Venti.

Formazione Robur Siena 1928-1929

Una formazione della S.S. Robur durante la stagione 1928-29.

 

Questo particolare modello fu utilizzato fin dalle origini della società, alternandosi alla divisa a strisce verticali a cui siamo abituati. La casacca a scacchi fu adottata in pianta stabile nel corso degli anni Venti per poi essere definitivamente accantonata a favore della maglia a strisce, indossata quasi ininterrottamente fino alla stagione scorsa. Da ricordare infine la divisa rossa con bavero bianco, indossata dal Siena nel campionato di Promozione 1921-22, il primo torneo ufficiale disputato dalla società.

Il nuovo stemma

Il nome e la divisa non sono le uniche novità per i tifosi senesi. Come sempre accade in questi casi infatti, la nuova società è stata costretta ad abbandonare il vecchio stemma per inventarne e disegnarne uno nuovo. In circostanze simili di cui ci siamo occupati in passato, come Foggia e Ascoli, il nuovo stemma ha attirato le critiche più feroci dei tifosi che imputavano alla società uno stile maldestramente dilettantistico ed improvvisato. Scopriamo insieme quello della Robur rimettendo ogni giudizio e considerazione ai nostri appassionati e, soprattutto, ai tifosi senesi.

Stemma Robur Siena 2014-2015

La nuova versione è rappresentata da un ovale contornato di grigio, colore che soppianta il giallo utilizzato nello stemma precedente. Ben visibile al centro dello stemma appare la figura della lupa. L’animale, raffigurato con le fauci spalancate, si presenta più aggressivo rispetto a quello rappresentato di profilo nella versione precedente. Ulteriori differenze consistono nel suo colore nero e dal pallone da calcio raffigurato tra le sue zampe.

La lupa è sormontata da due righe spezzate rosse che contornano lo stemma cittadino e che sottolineano la nuova denominazione, inserita nella sezione superiore dell’ovale. Osservando la parte inferiore notiamo l’importante sostituzione delle strisce bianconere con il disegno a scacchi, una scelta che rimarca il ritrovato stile della maglia.

Le divise 2014-2015

Dopo questa lunga introduzione è il momento di parlare delle nuove maglie della Robur prodotte da Lotto. Curiosamente il brand trevigiano torna a fianco dei bianconeri dopo aver realizzato le divise indossate dal Siena nel suo primo campionato di Serie A.

Divisa Siena 2014-2015 Lotto

Il disegno della prima maglia, come anticipato, è a scacchi bianconeri. Il nero occupa la posizione in alto a destra ed in basso a sinistra sia sul fronte della casacca che sul retro; una continuità che contribuisce a creare un effetto più ordinato su una maglia già di per sè molto particolare. Il colletto bianconero, formato da un orlo ricurvo, inverte la partitura della maglia, creando un vivace contrasto. Una sottile striatura bianconera cinge la parte finale delle maniche mentre la parte posteriore del colletto ospita la scritta “Robur Siena”.

Numeri rossi maglia Siena 2014-15

Campeggia al centro della maglia la scritta “Siena” a caratteri cubitali. Le prime tre lettere sono bianche, mentre le ultime due sono nere, una scelta che rende il tutto poco invasivo e molto armonioso. Il rosso delle numerazioni, contornate di bianco, riprende quello delle losanghe Lotto applicate sulle spalle e sul petto. Spettacolari i pantaloncini bipartiti che completano il disegno a scacchi della maglia. I calzettoni abbinati sono neri o bianchi a seconda dell’occorrenza.

Affiora dalla storia anche la seconda maglia, rossa come quella utilizzata dal Siena nella stagione 1921-22. La divisa si caratterizza per una semplicità estrema e per la totale assenza di dettagli e di inserti grafici.

Robur Siena divisa away 2014-2015 rossa

Il pannello frontale della maglia ospita la grossa scritta “Siena” in bianco, mentre è assente il logo dello sponsor tecnico, confinato sulle spalle in nero e senza il solito riquadro. Dietro il colletto ritroviamo la scritta “Robur Siena” che sovrasta le numerazioni bianche. Il kit da trasferta si completa con pantaloncini e calzettoni rossi o bianchi a seconda della necessità.

Seconda maglia Siena 2014-2015

Tre maglie storiche: strisce, scacchi e…

Facciamo un salto indietro nel tempo per riscoprire tre divise che hanno fatto la storia del club bianconero.

Iniziamo dalla maglia utilizzata dal Siena nella stagione 2003-04: quella dell’esordio in Serie A. La maglia palata presentava sette strisce verticali nel pannello frontale, tre nere e quattro bianche, interrotte in prossimità delle spalle da un inserto nero che cingeva le maniche anch’esse striate. Il template, molto pasticciato e confuso dava il meglio di sè nel retro: le numerazioni nere erano contenute in un tondo bianco, sormontato a sua volta da una striscia orizzontale nera che si allargava verso le spalle e che faceva da sfondo ai nomi dei calciatori scritti in bianco.

Una curiosità legata a questa maglia è il suo utilizzo in una finale di Champions League. La stessa casacca della piccola squadra di provincia, al suo esordio nella massima serie, è stata infatti sfoggiata dalla Juventus allo stadio Old Trafford di Manchester nella finale tutta italiana persa ai rigori contro il Milan.

Maglia Siena 2003-2004 Lotto

Molto più convincenti le divise della stagione successiva, quella del centenario. La maglia del 2004-05, prodotta ancora da Lotto, è stata l’ultima versione a scacchi utilizzata dal Siena fino al suo fallimento. Da segnalare l’ottima integrazione del main sponsor, applicato con orientamento verticale. Meno elegante la posizione dello stemma speciale per il centenario della squadra, cucito pochi centimetri più in alto rispetto a quello societario. Vista la somiglianza dei due emblemi era sicuramente più appropriato l’utilizzo del solo stemma celebrativo.

Maglia Siena 2004-2005

Strisce verticali o scacchi? Mass mette tutti d’accordo con una maglia unica (per fortuna). La casacca indossata dal Siena nella stagione 2005-06 sembra infatti un compromesso tra i due modelli utilizzati dalla squadra bianconera nel corso della sua storia. Il disegno a scacchi bianconeri è disturbato dall’inserimento di strisce verticali bianche di diverso spessore che attraversano le sezioni nere creando un effetto a dir poco particolare.

Maglia Siena 2005-2006

Termina qui la nostra panoramica sulla Robur Siena una società che attingendo dalla lunga storia calcistica della sua città dimostra di voler partire col piede giusto, rispolverando l’antica denominazione e le divise di tanto tempo fa.

Quali sono le vostre impressioni sulle nuove maglie della Robur? Promuovete o bocciate il nuovo stemma?

Da appassionati preferireste il mantenimento del modello a scacchi oppure siete favorevoli al ritorno della maglia a strisce o di altre soluzioni?

Photocredit parziale: Andrea Bargi – Photo Nicnat
Fonte informazioni storiche: Dalla Robur al Siena, novant’anni di calcio bianconero (Fontanelli C., Natili N.)

  • dani

    Belle, maglie semplici e riportate alla pulizia che dovrebbe caratterizzare tutte le maglie sportive. Unica pecca i numeri in rosso, ma sempre meglio che gialli…

  • Alessio

    Il nuovo stemma è bruttino.
    Le due maglia mi paiono davvero fantastiche (a parte la scritta “Siena” che è brutta e inutile). Originalissime e iconiche. Spero che il Siena le conservi anche in futuro.

    • Geeno Lateeno

      Molto belle, a parte i topponi sulle spalle sui quali ormai non vale più la pena di spendere lagne.
      La scritta “SIENA”…. mah…. mi ricorda molto le felpe di un noto uomo politico che ovviamente non cito ma che Crozza imita molto bene. A parer mio, un dettaglio abbastanza inutile.

      • Daniele Costantini

        Più che certe felpe – peraltro già sdoganate da Lapo una decina d’anni fa, quando quel noto uomo politico aveva nell’armadio solo camicie 😀 -, la scritta “SIENA” a fasciare il petto mi ricorda più le squadre tedesche e francesi di metà anni ’70.

        Queste furono le prime a sdoganare gli sponsor di maglia nei campionati ma, non potendoli ancora sfoggiare nelle coppe europee, andavano a “riempire” le loro casacche con la denominazione societaria ( http://www.uefa.com/MultimediaFiles/Photo/competitions/Comp_Matches/02/01/71/45/2017145_w2.jpg ) o con uno stemma in versione extralarge ( http://i.imgur.com/kUBs6Jt.jpg ).

        • Alessio

          Vero!
          In ogni caso, tornando alle belle divise del Siena, noto che sono stati utilizzati diversi pantaloncini.
          Ebbene, a mio avviso la maglie a scacchi si abbina deliziosamente con i pantaloncini a scacchi, mentre la maglia rossa è assai più valorizzata dai pantaloncini del medesimo colore. 🙂

  • Cris

    Bellissime

  • Mr.74

    Mi sembra un ottimo lavoro da parte di Lotto. Sinceramente preferisco per il Siena questo motivo a scacchi, che è molto più caratterizzante, rispetto alle inflazionatissime strisce verticali. Unico rammarico è lo sprofondamento in serie D, di una società gloriosa e simpatica, rappresentante una meravigliosa città, ma questa ahimè è un’altra storia.

  • sergius

    Splendide maglie che potrebbero essere ripristinate anche in caso di promozione in Lega Pro dei senesi. Detto questo chiederei a chi le ha ideate cosa cacchio c’entrava la scritta Siena al centro della maglia, forse temeva che qualcuno avrebbe creduto di vedere in campo l’Udinese? Davvero certe cose proprio non le digerisco, così come anche i numeri rossi nella home che sono davvero brutti.

    • Niccolò Mailli

      Per quel che riguarda le numerazioni va detto che era oggettivamente impossibile mantenere la scaccatura sul pannello posteriore della maglia senza utilizzare il terzo colore per i numeri. Dovendo scegliere un terzo colore trovo appropriato l’utilizzo del rosso, richiamato nello stemma societario.

  • squaccio

    Riprendo le osservazioni fatte da altri:
    bella la maglia, belli i pantaloncini metà neri e metà rossi, bruttina ma inevitabile la numerazione rossa, bello il nuovo stemma (il secondo era troppo simile a quello della Juve).

    Boccio la scritta Siena ed il font dei numeri, troppo moderno per una maglia che ha il sapore antico.

    Spero che il motivo a scacchi resti nel corso degli anni.

  • Arfonso

    Maglie dal sapore pionieristico; pur comprendendo l’utilizzo del rosso, nella prima lo trovo male impiegato.Seconda divisa ottima, ma rende di più abbinando i pantaloncini

  • iac88

    La prima stagione in serie A del Siena fu il 2003-2004 e il template era lo stesso usato dalla Juve la stagione precedente, nel 2002-2003; template che Lotto ripropose per la maglia dell’Ascoli nel 2005-2006.

    • Matteo Perri

      Refuso corretto, grazie.

    • Roberto 85

      Aggiungerei che lo stesso template Lotto venne utilizzato in quegli anni anche per una insolita third del Cesena a strisce verticali, non ricordo se nel 2004/05 o nel 2005/06…

      • Roberto 85

        Eccola qui! Era della stagione 2004/2005…
        http://goo.gl/qgbH0e

        • iac88

          Il Cesena mi mancava!!

      • GIGIO

        E pure per il Pescara, sempre nel 2005-2006

  • mapu1739

    Il logo prima del fallimento non era quello che avete messo in foto ma questo:
    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/archive/f/f6/20120616100557!Sienastemma.png

    Comunque quello attuale è carino. La maglia, invece, mi piace più a scacchi che a righe.

    • Matteo Perri

      Vero, logo corretto 😉

  • Marco

    Aspetto con ansia un articolo sul Rimini calcio visto che si parla di “nobili decadute”!comunque siete grandi!

  • Marco

    Tornando al Siena maglie belle belle e mi piace la scritta Siena al posto dello sponsor!viva le maglie a scacchi

  • http://www.liberopensiero.eu Simone

    Molto meglio lo stemma attuale che quello “juventino” precedente al fallimento (compreso il restyling più recente).

    Il rosso è un colore adatto a staccare, fa parte della tradizione della squadra, mi sembra giusto includerlo.

    Peccato per il font barcellonista, non si abbina bene alle divise.
    Plaudo invece al fatto di mettere il nome della città sul petto, caratterizza maglie dilettantistiche (soprattutto quelle rosse) e le rende più uniche rispetto alle tante squadre rosse.

  • FDV

    Divisa perfetta.

    Spiace che ci sia voluto il fallimento per restaurarla. Spero rimanga stabilmente questo formato, anche con pantaloncini a tinta unita.

    Mi piace il rosso come terzo colore e mi piace la seconda divisa completamente rossa.

    Riguardo lo stemma, qualsiasi cosa sarebbe stata migliore dello stemma della Juventus con una lupa al posto del toro. Non è il massimo, ma trattandosi di uno stemma moderno si più dire che sia andata piuttosto bene.

    L’unico dettaglio che per me stona è lo scudettino bianconero in alto, la cui forma, associata tra l’altro alla lupa rimanda immediatamente alla Roma. Più che altro, dato che lo stemma di Siena è in formato di scudo gotico, avrei utilizzato quella stessa forma.
    http://www.comuniweb.it/siena/siena/Siena.gif

  • Luca_M

    ottime maglia, adoro la prima, peccato per i dettagli in rosso, non mi piacciono molto (voto: 9), la seconda è un po’ anonima ma comunque meglio questa che molte altre divise stile anni ’90 (voto: 7). Anche il nuovo stemma è carino, peccato per il solito rosso (voto: 8)…

  • F093

    Avete notato come nella prima foto il 4° giocatore da destra abbia la scritta SIENA molto spostata verso il basso pur essendo alto come gli altri?
    Indossa forse una taglia XXL oppure trattasi di capo difettoso nelle proporzioni?

    F093
    old style

    PS Questa curiosa anomalia mi riporta alla mente le maglie di Conti e Ancelotti (e forse Nela) ritratte nella storica foto della Roma del 1982-83….

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/1/1f/Roma1983.jpg

  • FERT

    Molto belle le maglie della ROBUR. Dispiace aver dovuto attendere la serie D per tornare a vedere la famosa e bellissima maglia a scacchi. Personalmente preferisco l’accostamento con i pantaloncini anch’essi a scacchi. Ottimo l’inserimento del numero, molto meglio il rosso bordato di bianco che un riquadro. Non mi piace la scritta Siena, brutta e poco utile.

    Per la seconda divisa il colore rosso è un abituee, anche se abbiamo visto praticamente tutti i colori sulle seconde divise della Robur (Giallo,Rosso,Celeste,Fucsia,Blu,Verde,Nera,Bianca,Arancio).

    Brutti i soliti patacconi Lotto.

    Per quanto riguarda il logo, apparte il fatto che non mi piace quello nuovo, posso dire,a difesa della Robur 😀 che il vecchio logo dell’Associazione Calcio Siena (dato che in molti hanno visto l’accostamento con quello la Juve, ed effettivamente è vero) ha tuttavia da sempre avuto quello stile. I due scudetti sono diventati simili negli anni 2000, tuttavia erano molto distanti negli anni 70.
    http://img4.wikia.nocookie.net/__cb20120404123437/logopedia/images/9/9d/Ac-siena-a.jpg
    http://goo.gl/PR27fC

  • Eugenio

    Bellissima. Davvero molto bella, spero che rimanga come maglia fissa con i pantaloncini a metà. Del resto è bellissima, molto curata in tutti i particolari. Orrido però il carattere della scritta SIENA, che non è adatto allo stile della maglia, così come i numeri.
    Il rosso lo trovo un ottimo terzo colore per il Siena, che trova spazio in una divisa un po’ scialba secondo me, la preferisco abbinata ai pantaloncini bianchi per rendere la maglia meno monotona.
    Comunque veramente ottimi lavori.
    Per quanto riguarda il stemma, sarà anche un po dilettantistico, ma è abbastanza carino, magari avrei sostituito la forma ovale; Finalmente però abbandonato lo stemma della juve.
    Non esordì benissimo il Siena in serie A : maglia riciclata, maglia carina e storica, e maglia orribile.

  • Daniele Costantini

    Una maglia, la home, che non sfigurerebbero affatto in A! 😉

    Pur se indossata in passato per un solo decennio, ai miei occhi è questa “LA” maglia del Siena: spero che possa essere confermata in pianta stabile per i decenni a venire, ritenendo quento template fortemente ‘senese’ – impossibile non pensare alle contrade del Palio – nonché perfetto per differenziare la squadra toscana dagli altri bianconeri sparsi in giro per la penisola.

    Una divisa che, nel suo insieme, apprezzo ancor più coi pantaloni a loro volta scaccati. Le semplici braghe bianche, a mio avviso, fanno perdere molto del fascino insito in questa uniforme.

    Nulla da dire sulla away. E’ rossa.

  • eloy. f

    bellissime la maglia e il logo..bell’idea tornare all’origini. qielle di prima erano troppo classiche secondo me..

  • Joel

    Ma sbaglio o il font utilizzato dal Siena è lo stesso utilizzato dal Barcellona la scorsa stagione?

    • Niccolò Mailli

      Si, è proprio quello!

  • Magliomane

    Maglie belle (ma era proprio necessario sporcarle con quella scritta SIENA?)

    Stemma capolavoro!!! (se confrontato con quello del foggia)
    No scherzi a parte, è orrendo, ma davvero in italia c’è così carenza di designer? 🙂

  • 97geo

    Bellissima maglia, come già scritto da Daniele Costantini la maglia a scacchi ha un carattere incredibilmente senese, una “maglia rosa” per il palio io me la immaginerei così. Peccato per la scritta sul petto, a me ricorda la MLS all’inizi quando quasi tutte le maglie utilizzavano il nome en lieu dello sponsor (http://www.sportingkc.com/sites/kansascity/files/better_3.jpg mamma mia che foto)

    Il nuovo stemma è un passo avanti da quello simil-Juventus, ma ha delle pecche notevoli, l’inutile scudo, un colore di troppo tra grigio e rosso, la lupa è abbastanza aggressiva ma la faccia è un pastrocchio assurdo e non si capisce se romolo ( o è Remo?) stia bevendo o giocando col pallone. Personalmente avrei cambiato forma allo stemma, uno scudo sannitico forse sarebbe stato più adeguato.

    La maglia rossa è una maglia rossa, colore che non mi dispiace come terzo per il Siena

    Le maglie del 2004-05 era stupenda (sopratutto per lo sponsor), e anche la 2005-06 seconda me è bellissima e innovativa, sullo stesso livello della barcode short del Newcastle o dell’attuale del Milan. Risaltava ancora di più in un anno con ben 5 squadre bianconere in Serie A

    • Roberto 85

      Aspetta… A me di bianconere in serie A quell’anno vengono in mente Juve, Udinese, Siena ed Ascoli: qual era la quinta?

      • http://www.forzatoro.net AlessandroP

        nel 2004/2005 erano tre Siena, Udinese e Juventus

        • Roberto 85

          Credo parlasse del 2005/2006… Ma al massimo mi viene in mente il Messina, che a volte giocava in maglia bianca (con strisce giallorosse sulle spalle) e calzoncini neri. Molto più bella l’altra casacca di quella stagione dei siciliani, quella divisa diagonalmente per metà gialla e per metà rossa sul modello dello stemma della regione!

        • http://www.forzatoro.net AlessandroP

          quattro con il Parma

        • Roberto 85

          Ah giusto! Credo che 97geo come quinta intendesse il Parma allora 🙂

      • Daniele Costantini

        I “danni” della Parmalat nel calcio… purtroppo, c’è una generazione di appassionati – e io ne faccio parte – per cui il Parma, inconsciamente, al primo pensiero sarà sempre o bianco, o gialloblù 😀

  • albejuve

    il nuovo stemma mi piace molto!!! Le maglie si cambiano ad ogni stagione 😉

  • Swan

    Mi associo al coro di chi vorrebbe che il Siena mantenesse la maglia a scacchi negli anni a venire, sarebbe un delitto non farlo.
    Maglia molto bella, template affascinante da calcio antico; la scritta Siena sul petto non mi fa impazzire ma è ben integrata.
    Ottima la scelta dei numeri rossi bordati di bianco, pessima invece la scelta del font strariciclato del Barcellona.
    Riguardo i panta, stratosferici quelli bipartiti, giusto alternare le calze a seconda dei casi.
    Al contrario del kit home quello away è superanonimo.
    Capitolo stemma: finalmente il Siena ha uno stemma che non è scopiazzato da quello della Juve, il risultato finale però è mediocre.
    In generale, a parte la maglia a scacchi del centenario, le maglie utilizzate dal Siena in serie A sono state piuttosto scialbe. La maglia Lotto 2002/03 fu la peggiore della storia della Juve, assurdo riciclata negli anni a seguire per Siena ed Ascoli.

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    ottima la scelta della maglia a scacchi per distinguersi dalla massa [così come per l’Udinese dovrebbe avere il palo nero stile Ajax] e non apparire come tutte le altre, ce ne basta una con le strisce, potrebbe adottare anche un template che ricalchi fedelmente lo stemma cittadino, metà superiore bianco e metà inferiore nero.

    Niente male anche la rossa.

    Personalmente, io trovo affascinante la scritta SIENA sul petto.

  • MOSCA

    Maglie potenti, d’impatto. Forte personalità e richiamo storico.
    Sono perfette.

    Anche la scritta “Siena” a un che di poetico soprattutto perchè non appena la squadra tornerà a livelli più alti scomparirà per lasciare il posto alla consueta invasione di patacche…e allora verrà rimpianta.

    Patacche Lotto sempre disgustose.

    Sullo stemma, condivido con i tanti che togliere lo “stemma Juventus” è già un passo avanti, tuttavia potevano decisamente fare meglio.

    Questo nuovo, a momenti, potrebbe andare bene per una casa automobilistica.

    …magari lo rivisiteranno…

  • Classick

    Maglie bellissime!
    Il Siena deve rimanere così: A SCACCHI!
    La maglia è molto più identificativa così, distinguendola dalla moltitudine di maglie bianconere.
    Del nuovo stemma mi piace la lupa, quella vecchia aveva un design troppo antiquato, e l’inserimento degli scacchi anche qui al posto delle strisce.

  • adb95

    Perché tutti usano quel font? Bruttarello poi… Siena a scacchi intrigante comunque

    • adb95

      Scusate ma i pantaloncini a metà non sono vietati in teoria? Sono bellissimi per carità ma ho sempre creduto non si potesse fare (senza averlo letto da nessuna parte comunque)

  • Renzo

    Le maglie non sono niente male. Brutto il font dei numeri e sono combattuto sulla scritta “Siena” sul petto. Bruttino lo stemma. Non mi picciono i calzoncini bicolore

  • Baracca

    Trovo stupenda la divisa, in particolare la scritta SIENA sul petto, ha un qualcosa che riporta agli albori del calcio (la “mia” Lazio giocò i primi anni con un bel “LAZIO” cucito a mano sul petto…), il tutto ben ripartito e opportunamente accordato col bianco e nero, e risultano in questo caso meno invadenti anche le toppe rosse della Lotto che spezzano la bicromia e riprendono i numeri.
    Trovo agghiacciante knvece lo stemma nuovo, anche se non saprei dire bene perché.

  • elcigo

    La scritta SIENA sul petto rappresenta il contributo popolare alla rinascita della squadra (offerta libera minimo 200 euro): Si può dire che lo sponsor del Siena è la città stessa.

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Divisa spettacolare secondo me, con i calzoncini bipartiti poi risulta ancor più bella.
    Ottimo i rosso come terzo colore, stacca benissimo sul bianco-nero.
    Avrei evitato la scritta Siena sul petto, oltretutto con una font molto discutibile (font Barcellona)… rovina la maglietta. Nonostante ciò il lavoro di Lotto e Siena è ottimo, da Serie A.
    Apprezzo la divisa away rossa, ma qualche dettaglio bianco e nero l’avrei messo. Se il kit home è da Serie A non si può dire altrettanto per quello da trasferta.
    Bello il nuovo stemma societario.

  • Francesco

    personale parere: quando non si sa più che pesci pigliare si ripropone pari pari una maglia di 30, 50, 80 addietro.

    • Roberto 85

      Può anche darsi che sia così… Ma non è detto che sia un male! 😉

      • Francesco

        Infatti ho scritto “pari pari”…una rivisitazione in chiave moderna sarebbe maggiormente gradita 🙂

  • HV1903

    Mi piace sempre quando una squadra rispetta le proprie tradizioni.
    In questo caso ancora di più perché quei quadratoni erano belli.
    Mi convincono anche i numeri rossi perché hanno qualche altro richiamo (nella toppa Lotto, nei numeri sui calzoncini e anche nello stemma) e tanto più se consideriamo che il rosso non è un colore a caso, ma richiama il rosso di un’altra maglia storica del Siena.
    Ottimo lavoro quindi, sia dal lato estetico che dal lato filologico.

    P.S. I pantaloncini li vedrei meglio in tinta unita (uguale ai calzettoni)… se fossero metà bianchi e metà neri il motivo della scacchiera mi sembra diventare un po’ esagerato.

  • Fabrizio

    Stupende.

  • Gianfranco Lodovico

    Davvero belle, complimenti alla LOTTO