SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

“Non è semplicemente un tessuto, ma è decisamente la nostra vera pelle”, così sono state presentate le nuove maglie dello Spezia 2016-2017, per il secondo anno consecutivo realizzate dal brand Acerbis.

Dal vivo le vedremo sabato 4 agosto presso lo Stand del Villaggio del Palio situato lungo la passeggiata Morin, quando alcuni calciatori della rosa spezzina battezzeranno l’inizio delle vendite.

Prima maglia Spezia 2016-2017

Maglia Spezia 2016-2017 home

Come impone la tradizione la maglia casalinga è bianca, arricchita dallo spesso scollo a ‘V’ nero che sostituisce quello a polo della passata stagione. All’interno del collo risuonano le parole dell’ex giocatore Paolo Ponzo: “Ogni calciatore che veste questa maglia deve sentirsi da una parte onorato dall’altra fortemente responsabile per ciò che rappresenta”.

Sul petto ci sono il marchio Acerbis (presente con la “A” anche sulle maniche), l’ovale tricolore dello scudetto del 1944 e lo stemma old style circolare in uso dal 2014-2015. Infine l’anno di fondazione, 1906, è stampato sul retro a rimarcare la storia ultracentenaria del club.

Seconda maglia Spezia 2016-2017

Spezia seconda e terza maglia 2016-17

In trasferta i colori si invertono, ecco quindi che il nero domina sul bianco del colletto a ‘V’. Immutati i restanti dettagli rispetto alla maglia bianca.

Terza maglia Spezia 2016-2017

Nessuna novità cromatica o di design per la terza divisa, di solito la più indicata per andare un po’ fuori dagli schemi. Come lo scorso anno il colore principale è il rosso, stavolta accompagnato dal bianco della scollatura.

Vi piacciono le nuove maglie dello Spezia per la Serie B 2016-2017?

  • Il Divino

    Una maglia abbastanza essenziale. L’anno scorso il colletto a polo ha conferito alle maglie un’eleganza unica, con quel font poi…
    Prima di dare un giudizio deciso la vorrei vedere indossata, ma posso dire che l’assenza delle A sulle spalle è già un buon segno.

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Non voglio rovinarti la sorpresa, ma le “A” sulle maniche ci saranno 😛

      • Il Divino

        Ma dove trovi tutte queste indiscrezioni?

        • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

          @il_divino:disqus
          Per scrivere l’articolo leggo il comunicato stampa, l’ho aggiunto anche qui.

        • Il Divino

          Se non erro sono uscite anche le maglie di trapani e perugia

        • Daniele Costantini

          Il pezzo sui Grifoni è già in preparazione (anche perché quest’anno c’è abbastanza da scrivere, visti i tanti spunti che offre la nuova maglia). Aspettavamo qualche foto di qualità, ma come troppo spesso accade per le maglie deii club italiani, ci arrangeremo con quelle che abbiamo trovato… 🙂

        • Il Divino

          Bene, volendo posso ricreare io un modello a definizione migliore.. come ho fatto per la maglia home del Bari aggiustate e col font applicato

        • Il Divino

          Volendo posso provare a riprodurre le divise in HD come ho fatto col Bari con Maglie aggiustate e font applicato

        • Emanuele

          Anche Reggiana ha presentato le nuove maglie (Sportika). Ho visto un video dove venivano presentate e descritte in modo molto dettagliato. (segnalo il font dei numeri).

  • Mario I/O

    Il design mi sembra un po’ Acerbis.

    • Angelo Di Bello

      Quoto e sottoscrivo (letteralmente)

  • superspook

    stesso discorso del padova…troppo troppo semplici

  • bulabula

    e a me piacciono….altro che troppo semplici….sono veramente belle e punto.

  • sergio59

    Maglie molto belle, segno che Acerbis ultimamente sta lavorando bene. Critico solo la scelta, chiaramente tutta societaria, di insistere con lo scudetto del 44, cosa comprensibile magari per un anno ma non perennemente e che poi diventa una tamarrata. Come se io dovunque vado esibisco il mio diploma di laurea o qualche altro riconoscimento.

    • Gabriele

      Non so se conosci la storia che c’è dietro a quello “scudetto”. “Il 22 gennaio 2002 la FIGC accoglieva in parte le istanze dello Spezia Calcio 1906 di riconsiderare ufficiale la manifestazione, assegnando a quest’ultimo un titolo sportivo onorifico per la vittoria del campionato 1943-1944 (non il “tradizionale” scudetto, data la situazione eccezionale nella quale versava il paese, sotto la contemporanea presenza dei nazisti e degli alleati, nonché lo svolgimento di simili tornei nell’Italia centro-meridionale), con la possibilità comunque di apporre permanentemente sulle divise sociali un distintivo-logo tricolore in ricordo di quell’impresa.” (fonte WIKIPEDIA).
      In finale la squadra dello Spezia, per la precisione dei VV.FF. della Spezia, batté il Grande Torino, perciò sarà “brutto e tamarro” quanto vuoi, logorroico quanto vuoi, ma fidati che qua a Spezia quel titolo vale tantissimo ed è un vanto non solo a livello calcistico se pensiamo che la squadra non ha mai vinto nessun trofeo oltre la Serie C ed ha sempre militato in campionati professionistici “minori” dal dopo-guerra fino a qualche anno fa.

      • Erry

        Ho letto anch’io la documentazione che equipara l’ovale tricolore ad un “winning badge” permanente. E’ ovvio che dopo 50 anni di istanze ed esposti, lo Spezia non vorrà abbandonare l’unico risultato ottenuto (che resta comunque un classico compromesso all’italiana!).
        Vista la forma (e la bruttezza!) del disegno scelto dalla FIGC (forse per necessità di distinguerlo dallo scudetto e dalla coccarda della Coppa Italia, forse per “ritorsione” verso le battaglie spezzine), credo che la soluzione migliore per lo Spezia sarebbe quella di spostarlo su una delle maniche: troverebbe un senso (ha la stessa forma del badge ottenuto dal MIlan per le vittorie in CL) e una collocazione che preserverebbe la pulizia della maglia bianca

        • Prez

          Condivido in toto.

      • sergio59

        Massimo rispetto per il significato storico di quel titolo, ma solitamente nelle maglie di calcio si cuciono gli emblemi dei titoli vinti l’anno prima. Comunque la mia era una considerazione personale, ci mancherebbe.

      • Daniele Costantini

        @Gabriele, non mi pare sergio59 abbia messo in dubbio la liceità del risultato sportivo conseguito dagli spezzini – per quanto, personalmente, la decisione presa nel 2002 della Federcalcio si presta a più di qualche rilievo (com’è inevitabile nel caso di titoli assegnati lontano dal campo di gioco).

        Ammetto che concordo circa il discorso sull’esposizione perenne della patch celebrativa, quantomeno sul petto (è una considerazione generale, ad es. neanche il FIFA Champions Badge mi fa impazzire, tutt’altro): ritengo che una soluzione sullo stile del multiple-winner badge della UEFA Champions League, esposto sulla manica, sarebbe ben più apprezzabile, a tutto vantaggio della maglia spezzina.

        E qui mi collego, aggiungendo un’altra considerazione personale: la patch, graficamente parlando, è abbastanza brutta, agli occhi esterni priva di qualsivoglia fascino rispetto al classico scudetto o alla coccarda tricolore; e di conseguenza, la cosa va a inficiare negativamente anche sulla casacca dei liguri, sia per quanto concerne la simmetria con stemma e sponsor, sia sul semplice versante estetico (paradossalmente, da questo punto di vista, meglio la semplice divisa bianca…) Possibile non si potesse disegnare niente di meglio?

  • Renzo

    Niente male per l’essenzialità e la pulizia. Il colletto la impreziosisce ma avrei visto bene anche i bordini neri in fondo alle maniche.

  • Alberto

    Probabilmente i tifosi spezzini ne saranno orgogliosi ma questo ovale tricolore è francamente brutto. E non capisco il senso di esporlo perennemente sulle maglie.

  • Daniele Costantini

    Anche su delle semplici, semplicissime magliette con bordini a contrasto, Acerbis mostra dei buoni passi avanti. maglie forse non memorabili, ma – quantomeno per home e away – assolutamente rispettose della tradizione spezzina, nonostante un taglio abbastanza moderno.

    Unica, vera remora è nella third: non che sia disprezzabile, ma personalmente ho sempre mal digerito il vedere un medesimo template su tre kit differenti… almeno per la terza divisa, qualcosa di diverso e originale, qualche sperimentazione o azzardo, è sempre preferibile dal mio punto di vista.

  • can-to-na

    Maglie troppo semplici che ricordano modelli Kappa (certo vanno viste indossate). Già non amo le third, poi lo stesso template ripetuto 3 volte… tutta vita!

  • The Italian Job

    Argomento già sfiorato sotto, ma… Qualcuno sa se lo Spezia esporrà vita natural durante l’ovale dello “scudetto dei pompieri”? Esistono norme federali a riguardo? O è una libera scelta del club continuare a fregiarsene?

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Lo Spezia è stato autorizzato, poi è la società a decidere se apporre o meno il tricolore sulla maglia.

    • Grumbler

      Sì, può esporlo in base alla deliberazione FIGC del 22/01/2002.
      E visto il dispetto che provoca a taluni, mi auguro per sempre.

      • The Italian Job

        Non so perché a qualcuno dovrebbe provocare dispetto. È stato giusto riconoscere quel titolo conquistato sul campo. Solo non mi sembra di buon gusto mantenere l’emblema sulla maglia in perpetuo.

  • Swan

    Praticamente la home dello Spezia è la maglia della Germania Ovest ai mondiali del 1970.
    Dovrebbero organizzare un match contro l’Empoli, se ai toscani riuscisse di giocare senza sponsor rivivremmo un remake di Italia-Germania 4-3.

  • Gabriele

    Aspettando di vedere il se verrà utilizzato il font della passata stagione, penso che sia la maglia più bella dello Spezia degli ultimi dieci anni.

  • Grumbler

    La terza è amaranto, non rossa.

    • Sassà93

      Amaranto quello?

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      @ivanfancelli:disqus
      Ho scritto io l’articolo per cui mi prendo la responsabilità dell’errore, sul sito il colore non è menzionato e la foto a me sembra rossa. Nella scheda tecnica di Acerbis è addirittura denominata Bordeaux.

      Se le presentassero con meno superficialità sarei il primo ad essere felice!

  • Sassà93

    Cambiassero fotografo o mettessero altre foto allora, quello nell’articolo non è amaranto

  • Paolo D

    A me questa maglia piace, ma lo sponsor tecnico al centro sotto il collo mi disturba.
    Badge tricolore sulla manica e fornitore tecnico a lato

  • Magliomane

    Ma solo a me infastidisce sto ovale con lo “scudetto” del 44?
    Mi pare il milan con il suo “club più titolato al mondo” e la juve coi suoi conteggi “creativi” di scudetti.
    Ma ammetto che forse è una fissa mia quella di non voler sporcare le maglie con inutili suppellettili. Per il resto promuovo alla grande.

  • IlFamosoAnonimo

    Esempio di maglie belle per quanto essenziali ma vorrei vederle indossate

  • Antonio

    Me le ero perse, leggo solo adesso l’articolo. Ripeto, sono amante del minimalismo e devo dire che in questo caso Acerbis (di cui qui a Córdoba ho ripetutamente visto gli obbrobri l’anno scorso) mi sorprende positivamente. Il logo societario è di quelli vintage è intersecati che piacciono a me. Sarò poi un’eccezione ma l’ovale tricolore mi piace sia in sé sia per il suo romanticismo. A mio avviso, il fatto che rappresenti la vittoria di una squadra non blasonata di una piccola città in un momento storico travagliato, impresa riconosciuta peraltro tardivamente, merita che gli spezzini lo ripropongano a vita.