SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

L’ambiziosa campagna del Venezia FC nella prossima Lega Pro si è aperta con la presentazione delle nuove maglie 2016-2017, avvenuta presso l’Hotel Monaco & Gran Canal di Venezia. Per il quarto anno consecutivo le divise della squadra arancioneroverde saranno firmate Nike.

Tacopina con le maglie del Venezia FC 2016-2017

Ad introdurre le nuove maglie il presidente dei lagunari Joe Tacopina: “Oggi presentiamo le maglie che i nostri giocatori indosseranno in quella che mi auguro sarà una stagione straordinaria per il nostro club. Ancora una volta i nostri ragazzi vestiranno un kit gara Nike, un brand prestigioso e forte proprio come la società che da un anno a questa parte stiamo costruendo giorno dopo giorno. I colori arancioneroverdi torneranno presto a far parte del calcio che conta; torneremo a ruggire proprio come quel leone che quest’anno abbiamo deciso di riprodurre sulle nostre maglie“.

Per descrivere i nuovi kit ha poi preso la parola il direttore sportivo Giorgio Perinetti: “Queste maglie sono bellissime, ricordo che le maglie del Venezia erano le più belle della serie A e chi la indossa deve sapere che sopra di sé, oltre ad una società importante ha anche una storia e una tradizione sportiva di tutto rispetto. Le maglie devono essere indossate dai cuori giusti perché non c’è traguardo senza passione. Non possiamo garantire che vinceremo il campionato ma garantiamo che ce la metteremo tutta”.

Venezia Nike nuove maglie

Prima maglia Venezia 2016-2017

Ancora una volta, la ricetta scelta per la maglia casalinga è la predominanza del nero con l’arancio e il verde relegati agli inserti. La maglia, infatti, si presenta interamente nera senza contrasto cromatico su bordo manica o girocollo. Sul fianco sinistro è disegnato il leone alato, simbolo di Venezia, raffigurato con le ali aperte e colorato di arancio e verde.

Maglia Venezia 2016-2017 Nike

Un’altra piccola nota di colore è presente dietro il colletto e consiste nella scritta “Arancioneroverdi”, applicata nei colori societari. I nomi dei calciatori e le numerazioni sono bianche. Lo stemma del Venezia, applicato sul petto a fianco al logo Nike, è realizzato in Lextra 4D, una speciale tecnologia che conferisce al prodotto maggiore resistenza all’usura e ai lavaggi.

Seconda maglia Venezia 2016-2017

Lo stesso modello della versione home è la base della maglia da trasferta, interamente colorata di bianco. Il kit conserva tutte le caratteristiche della prima maglia, compreso il disegno del Leone Marciano arancio-verde e contorno nero.

Seconda maglia Venezia 2016-17

La caratteristica principale della collezione è senza dubbio la figura del leone, che ricorda molto da vicino le maglie Kronos del campionato di Serie A 1998-1999, con la testa del leone arancioverde posizionata su spalla e manica. A differenziare le maglie Nike da quelle di diciotto anni fa è la raffigurazione della creatura che con le sue ali spalancate ha già attirato l’ironia dei tifosi sui social “Meso fagian” e “Colombo morto” tra le definizioni più colorite.

La scelta di puntare ancora una volta sul nero ha incassato numerose critiche da parte dei tifosi arancioneroverdi che da tempo chiedono una maglia in predominanza arancioverde per rappresentare al meglio la fusione tra le realtà calcistiche di Venezia e Mestre. L’ultima maglia che aveva dato maggior spazio ai colori tanto amati dai tifosi era stata la terza maglia della stagione 2013-2014, prodotta da HS Football.

Come giudicate le nuove maglie 2016-2017 della squadra allenata da Pippo Inzaghi?

  • Magliomane

    Come per l’Ascoli, non capisco cosa spinga squadre piccole come il Venezia ad affidarsi a giganti come Nike per poi essere trattati con cosí poca cura: in questo caso almeno gli yankees hanno avuto la decenza di stampare il leone arancioverde (deo gratias!), ma caspita, ci voleva tanto a mettere un bordino sul collo, un dettaglio sulla manica, un qualsiasi cosa che non facesse sembrare queste maglie degli avanzi di magazzino?

    • Nick 88

      Anche per l’Ascoli hanno stampato il picchio… Ma per me ci vuole ben altro!

      • Paolo Mandelli

        Sì, ma è un picchio minuscolo… Quasi non si vede… Non mi sembra sta grande personalizzazione 😉

    • Nick 88

      Comunque sono le societa a scegliere come personalizzarle, non Nike.

      • Lorenzo Spinetti

        Le società possono scegliere solo i colori, ma i modelli sono imposti da Nike, almeno il Venezia e l’Ascoli hanno messo gli inserti con Leone e Picchio, ma l’Atalanta, di cui sono tifoso, che milita in Serie A nemmeno quelli, ha avuto due maglie una peggio dell’altra, con nulla che rimandi alla tradizione neroazzurra.

        • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

          “Colpa” del club, le personalizzazioni di Venezia o Ascoli sono opera delle società. E’ lo scotto di avere Nike, sarebbe interessante capire se alla fine in cassa è entrata qualcosa o meno.

  • Faretra

    L’idea del leone è ottima ma avrei preferito qualche inserto arancio-verde in più, così è troppo spoglia. Secondo me, guardando il catalogo, l’ideale sarebbe stato in modello a strisce orizzontali tipo quello del verona: strisce arancioni-verdi e pantaloncini neri.

    • giangio87

      Ma non hanno quella colorazione nel catalogo Nike. Unica mossa logica sarebbe stato per nike creare un sito di personalizzazione tipo my team di adidas

  • rudiger

    Ma ai veneziani piace questo leone gaudente? A me ricorda quello di Madagascar.
    Non apprezzo le stampe ingrandite dello stemma piazzate qua e la sulle maglie in generale. Qui poi il disegno è anche troncato a metà visto che il retro della maglia è monocromatico.

    • Erry

      Propongo di cambiare il titolo all’articolo: Il leone alato RIDACCHIA sulle nuove maglie del Venezia 2016-2017

    • Geeno Lateeno

      Sbaglio o sembra anche un po’ sdentato? Vecchio leone da circo…..

    • Vega

      esatto, questo logo è una cosa indecente, da veneziano sono indignato

  • Angelo Di Bello

    Leone a metà? Ma dai…

  • Guardiano

    Continuo a trovare la soluzione salomonica di usare il nero come colore predominante e l’arancioverde come dettaglio, per non rischiare di urtare la sensibilità dei tifosi sull’esatto bilanciamento degli altri due colori, assai poco coraggiosa.

  • bulabula

    Ma l’arancio e il verde????
    Per fortuna del leone sul fianco ma Bho….

  • squaccio

    …diciamo che la scritta sul petto “Venezia f. c.” le avvicina ancor di più ad una tshirt da allenamento o di rappresentanza.
    A mio modesto parere questo tipo di maglia ci puo’ stare sulla seconda, ma la prima troppo “triste”.
    Poi la scritta arancionervorde sulla prima con la scritta “nero” in bianco…bah…..
    Bocciata la prima, promossa la seconda se la scritta Venezia f.c. è provvisoria.

    • bulabula

      la bandiera della costa d’avorio è proprio bella

  • Angus

    Io la scelta di Nike l’approvo, ma non in certi casi. Il Venezia FC è una società giovane, che deve crearsi una propria identità, e per farlo decide di affidarsi a un brand che facilmente venerà, ma che altrettanto non le darà valore. Pare abbiano provato a dare importanza alla società con la dicitura VENEZIA FC sul petto, e con il logo grande sul fianco, ma questo non caratterizza affatto le maglie, che rimangono una bianca e una nera. se Tacopina avesse scelto un brand locale (inteso come italiano) avrebbe potuto trovare una maggiore caratterizzazione della propria società, penso a Macron che nel tempo con Bologna e Lazio in particolare ha presentato ottimi prodotti e che mi pare l’abbia fatto anche quest’anno con il Cagliari oltre che con l’Albania agli Europei. Poi io odio il nuovo crest del Venezia, e i loghi sui fianchi, quindi devo bocciare questa maglia, ma faccio un grosso in bocca al lupo al Venezia e a Pippo Inzaghi.

  • Erry

    Ricordo che un paio di anni fa ci fu una lunga campagna con tanto di restyling del logo e coinvolgimento dei tifosi per definire una maglia e uno stemma identitari, con uno stile e una presenza armonica di arancio nero e verde che valorizzasse la storia del club. Immagino che sia tutto finito in una bolla di sapone!

    • Erry

      Non parliamo della scritta “Venezia F.C.” che deve equilibrare il vuoto immenso a centro maglia!
      Non ci resta che sperare nella sponsorizzazione di una marca di ARANCIATA, che abbia possibilmente qualche foglia VERDE nel logo per cominciare a intravedere una maglia del Venezia! 😉

  • Sassà93

    idem con patate, non sono maglie del club, di che parliamo?

  • Superfity

    stupende

  • Eugenio

    Per essere una squadra di lega pro devo dire che Nike si è comportata piuttosto bene. Qualche bordino colorato non avrebbe guastato però. Nel complesso trovo più riuscita la prima maglia che la seconda. Spero in futuro di vedere qualcosa di diverso, il Venezia ha dei colori societari con i quali ci si potrebbe sbizzarrire parecchio, peccato veder ridotto tutto a semplici t-shirt bianco e nere con la miracolosa aggiunta del leone alato che comunque le salva dall’anonimato.

    • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

      Eugenio sei qui da troppo tempo per non aver compreso che su queste maglie Nike non fa nulla a parte la spedizione, tutte le personalizzazioni sono a carico delle società 🙂

      Ovviamente sono realizzate a maglia finita, per cui possono solo fare delle stampe (come il leone alato)

      • Eugenio

        Ti giuro che questa cosa che le stampe fossero a carico della società non l’avevo mai capita, pardon (effettivamente sono 4 anni ahah :))

      • squaccio

        Matteo hai visto la prima maglia del Foggia ?
        Mi piacerebbe capire se è vera la voce che, diciamo così, la precentuale personalizzazione società/magazzino è maggiore nella prima voce.
        Perchè nel catalogo non trovo una maglia simile.

        Diciamo che sarebbe una svolta epocale che una piccola società si fà realizzare la 1a maglia (quasi) su misura…

        • http://www.soccerstyle24.it Matteo Perri

          Ho visto una foto poco chiara, ma dovrebbe essere il modello a righe del catalogo 2015-16. Così come i calzettoni credo siano neri senza le personalizzazioni dei render presentati.

  • Miro

    Queste non sono maglie, queste sono T-Shirt che di solito si portano a casa dopo un viaggio come souvenir

  • Alex76

    Malinconia immensa delle vecchie mute Kronos..Diadora..Biemme..

  • The Italian Job

    Le maglie da gioco più simili a maglie da allenamento mai viste.
    La costruzione dell’identità visuale del “nuovo” Venezia è ancora un work in progress.

  • superspook

    pensavo i tipi in foto fossero dei turisti in t-shirt…

  • Prez

    Terribili. Viene difficile fare un’analisi delle divise in quanto non lo sembrano affatto.
    L’una è il negativo dell’altra, maglie comprabili in un qualsiasi negozio sportivo se non fosse per la stampa del leone alato, che sì dona colore, ma il suo più che un ruggito, sembra una risata. Imbarazzante se lo si confronta con quello 98/99. 3 1/2.
    Penso che vedere il Venezia nuovamente a striscie verticali arancioneroverdi sia improbabile, almeno nel prossimo futuro. Peccato, sarebbe un unicum nel panorama calcistico italiano.

  • Swan

    Che tristezza vedere il Venezia indossare due t-shirts, una bianca ed una nera, con la stampa bicolore del leone alato che sembra presa da un libro per bambini.
    Con i propri colori sociali il Venezia potrebbe avere delle maglie e kit stupendi, ma ancora una volta si sceglie di non scegliere.
    Come per l’Ascoli, kit pessimi per volontà del club stesso, una cosa per me inconcepibile.

  • http://www.liberopensiero.eu Simone

    Li chiamate arancioneroverdi ma qui è rimasto solo il nero, e come quarto colore si è imposto il bianco.
    Tacopina, you’re fired!

  • Paolo Pòl La Bella

    La domanda è: c’era bisogno di Nike?
    Una maglia bianca e una maglia nera la trovavi anche alla merceria sotto casa, spero che Nike molli almeno qualche soldino al giovane Venezia.
    Sul logo vado controcorrente, a me non dispiace: non sarà così marziale, non avrà una spiccata aria vintage, ma da non-tifoso lo trovo gradevole. Quello che non capisco è perchè farne un copia-incolla a metà separando i colori col righello.
    Maglie bocciatissime.

  • LucaM

    niente di che, lo ribadisco anche se sarò venuto a noia: sotto l’apspetto estetico per squadre che nike/adidas/puma non considerano come “top club” meglio una macron (la macron è meglio anche per i top ma lasciamo stare), una lotto ecc.

  • Boško Boki Habuš

    Maglie da bancarella, prive di spunto e personalita’. E soprattutto, quello non e’ il leone di San Marco.

  • Renzo

    A prescindere dal solito discorso “da catalogo” quello che mi fa specie è che la combinazione arancioneroverde meriterebbe uno sforzo maggiore invece di limitarsi a una anonima maglietta nera con uno pseudo leone tanto per far finta di personalizzarla.

  • Mimesis

    Bisogna comunque dire che non è sempre vera l’equazione “club di bassa lega + brand importante = maglia da catalogo e/o con personalizzazione a posteriori”. Infatti cinque anni fa mi capitò tra le mani la divisa Adidas del Bassano Virtus (terza serie)… giuro che stavo per piangere di gioia: design esclusivo e materiali eccellenti, manco fosse il Milan. Certo, quando sai di chi è quella squadra l’arcano si svela… ma siamo sicuri che questi americani non possano permettersi di fare qualcosa di simile?

  • Daniele Costantini

    Guardando alla home, la mente non può che tornare alle maglie veneziane di fine anni 90, in particolare all’iconica proposta della stagione 98//99, quella che contrassegnò le forse uniche, vere magie di Alvaro Recoba. La sto evidentemente prendendo alla larga… perché, obiettivamente, non c’è molto da dire circa le casacche 16/17! 😀

    Diciamo solo che la home, aiutata dalla base nera, ha dalla sua un’innegabile eleganza. Per me, dalla fusione del 1987 – piaccia o non piaccia, ormai son passati trent’anni da quell’evento che ha mandato in soffitta la vecchia casacca neroverde dei lagunari -, la divisa nera con dettagli arancioverdi rimane la soluzione migliore per i veneti (in secondo luogo, una vera divisa arancioverde, come quella Sportika del 04/05: http://magliamatchworn.altervista.org/shirt-venezia-20042005/ ); pertanto, questa di Nike la trovo comunque sufficiente. La away, invece, pur seguendo la medesima filosofia… fa solo tanto maglia della salute! 🙁

    In ultima analisi, trovo interessante l’inserimento della denominazione societaria al centro del petto: un dettaglio abbastanza vintage, se vogliamo, che trovavamo tra gli anni 70 e 80 sopra le maglie delle squadre tedesche e francesi impegnate nelle coppe europee. E un’ultima postilla (scusate, non resisto!): tantopiù con Venezia sullo sfondo, Tacopina sembra davvero un tirapiedi dei cattivi di 007, manca solo Bond con la gondola-hovercraft… 😀

  • Vega

    ma lasciando stare le maglie…vogliamo parlare dello stemma? ma chi ha partorito una simile indecenza?