Con un breve comunicato apparso sul suo sito ufficiale, il Milan ha ufficializzato l’interruzione anticipata del contratto con adidas che sarebbe dovuto scadere nel 2023. Termina così una partnership storica che ha portato in casa rossonera numerosi successi: 3 Scudetti, 2 Coppe dei Campioni, 1 Coppa del Mondo per Club, 2 Supercoppe Europee, 3 Supercoppe Italiane e 1 Coppa Italia.

Secondo fonti autorevoli il nuovo sponsor tecnico sarà Puma per una cifra, da verificare, di circa 15 milioni a stagione, cinque in meno rispetto a quella garantita da adidas. Come riportato da Sky Sport il brand che veste anche l’Italia ha vinto la concorrenza di Under Armour e New Balance.

Maldini, Champions League 2002-2003

Paolo Maldini alza al cielo la Champions League 2002-2003

I motivi della rottura tra Milan e adidas

Nella stagione del rinnovo decennale con adidas, firmato nell’ottobre 2013, il Milan ha partecipato per l’ultima volta alla Champions League, la competizione senza dubbio più importante del calcio mondiale. Da lì in poi i rossoneri hanno collezionato al massimo un 6° posto in Serie A e una Supercoppa Italiana, un bottino decisamente magro per un club abituato a ben altri traguardi.

È molto probabile che nel contratto con adidas vi fossero delle clausole legate alla presenza in ambito europeo e ai risultati, l’attuale partecipazione all’Europa League e il rendimento in Serie A non sono evidentemente bastate per continuare il rapporto iniziato nel 1998.

Ora arriverà Puma, un marchio importante che tornerà finalmente nel massimo campionato italiano.