SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike



Da qui all’inizio della prossima stagione la maglia della Roma sarà al centro dell’attenzione degli appassionati, per via della scadenza dell’accordo con il main sponsor Wind e soprattutto per la burrascosa rottura annunciata con il fornitore tecnico Kappa.

Quest’aria di cambiamento non ha lasciato indifferente MyRoma, il primo modello associativo di Azionariato Popolare nella Serie A italiana, derivante dalle esperienze europee di costituzione di Supporters Trust direttamente coinvolti nell’azionariato dei propri club. Obiettivo è la creazione e lo sviluppo di una responsabile e democratica rappresentanza dei sostenitori all’interno del club, che ne consenta un maggiore radicamento all’interno del suo tessuto sociale.

Presentazione maglia Roma

Una delle aree al centro del lavoro di MyRoma è quella della tradizione, che trova nella maglia la sua massima espressione. A tale proposito nel Dicembre 2011 è stata inviata una lettera all’AS Roma nella quale si esponevano le idee al riguardo, riassumibili nei seguenti punti:

  • La prima maglia della Roma e’ imprescindibilmente rossa con i bordi, sia del colletto che delle maniche di colore giallo, per cui niente maglie speciali di altri colori o un terzo colore oltre al rosso e al giallo come tra il 2003-2004 ed il 2005-2006
  • I pantaloncini della prima divisa sono storicamente bianchi, ma è apprezzato anche il completo rosso.
  • Preferenza per i calzettoni rossi con bordo giallo, in quanto i primi adottati erano di colore nero non tanto per scelta quanto per il fatto che all’epoca tutti i calzettoni erano neri viste le condizioni polverose dei campi.
  • Limitare l’uso di sottomaglia a manica lunga sotto la casacca da gioco a maniche corte.
  • Utilizzo delle maglie da trasferta solo se realmente necessario per distinguersi dagli avversari in campo.
  • La seconda divisa più apprezzata è quella interamente bianca, possibilmente con i bordi giallorossi (e non solo rossi o solo gialli), oppure con una fascia cerchiata giallorossa, se non diagonale.
  • La terza divisa può essere più particolare, purché non oscena o improponibile, vedasi i colori storicamente rivali o fogge grossolane.

In particolare i punti sui calzettoni rossi con bordo giallo e sui bordi giallorossi delle maglie da trasferta sembra siano stati ascoltati ed esauditi con generale soddisfazione. Peccato però per la presenza di banali leggerezze come il colletto a polo che copre parte dello stemma nella maglia home e l’assenza dei bordi a contrasto nelle maglie a maniche lunghe.

La prima divisa della Roma con calzettoni rossi e la maglia bianca con colletto giallorosso

Ma nella lettera c’era anche un’altra richiesta, la più importante, che è stata anch’essa in parte seguita con il rosso che rispetto alla passata stagione è tornato più scuro. E’ quella relativa ai colori sociali, che nelle ultime stagioni, con un rosso via via più chiaro e un arancione vicino al fluorescente si sono allontanati dal desiderio dei fondatori di vedere la Roma giocare con i colori di Roma.

Questa scarsa attenzione è un problema che caratterizza le maglie della Roma da molto tempo, basta confrontare le divise anni ’70, quelle ghiacciolo della Pouchain, le Playground di campionato e di Coppa delle Coppe del 1981-1982, o ancora all’interno della stessa stagione le Patrick e le Kappa del 1983-1984 fino ad arrivare alle Ennerre e al nuovo cambiamento tra le maglie Adidas del 1991-1992 e quelle della stagione seguente.

La discontinuità dei colori della maglia della Roma tra gli anni '70 ed i '90

Da tifoso apprezzo e sono legato a tutte queste maglie, o almeno a quelle che ricordo, ma è evidente che non ci sia stata grande continuità, anche negli anni precedenti e nei successivi.

La soluzione proposta da MyRoma appare semplice ma efficace: adottare i colori ufficiali della città, cioè quelli indicati nel manuale d’identità visiva ufficiale del Comune di Roma, vale a dire i seguenti:

I colori ufficiali del Comune di Roma

Con queste tonalità di rosso e di giallo si rispetterebbe in maniera univoca la volontà dei fondatori dell’AS Roma espressa nell’atto costitutivo: giocare con i colori della città.

DISEGNA LA MAGLIA DELLA ROMA

Chiediamo ai più creativi di cimentarsi nel realizzare un’ipotetica divisa della Roma rispettando alcuni criteri:

Main sponsor, fornitore tecnico e altri dettagli aggiuntivi sono tutti a scelta libera dell’autore; nel caso si scelga Volkswagen è consigliato evitare il bianco-azzurro (o tonalità simili). Chi vuole può disegnare anche calzoncini, calzettoni e divise da trasferta.

(AVVISO: il termine per l’invio dei kit è scaduto)

Tutti i lavori saranno pubblicati in seguito sulla pagina Facebook L’angolo del Kit Design – Passione MaglieInoltre verranno valutati dai soci di MyRoma e quelli più interessanti e apprezzati potranno essere utilizzati come modelli di riferimento da mostrare alla società.

Questo non è un contest ufficiale, ma idealmente può rappresentare un punto di partenza per arrivare ad iniziative di coinvolgimento attivo dei tifosi.

Buon lavoro!

  • rudiger

    Condivido e sottoscrivo tutte le richieste di myroma, e anche le considerazioni di FDV sulle maglie delle passate stagioni. L’unica parola che non condivido è “limitare” l’uso delle sottomaglie che sbucano dalle maniche corte: io direi “vietare”.

    • giopilota

      come ti do ragione!

      • adb95

        unica cosa su cui non sono d’accordo (da laziale) è il limitare l’uso delle sottomaglie a maniche lunghe, anche se probabilmente si vuole far usare di più le maglie ufficiali con le maniche allungate, e in quel caso è ok…

    • marco

      Scusa mi sapreste dire un sito dove creare le maglie? grazie in anticipo

  • Fele

    Ci pensavo giusto ieri sera mentre mi sfogliavo il libro…
    ci proverò! 🙂

  • rudiger

    Sulla seconda maglia sono d’accordo sull’utilizzarla solo se necessario. Ad esempio non capisco perché ieri abbiamo usato la maglia nera contro il Chievo in bianco. Non sono d’accordo che la seconda debba essere necessariamente bianca. vedo il bianco per le seconde come il nero dei calzettoni: non una peculiarità ma una soluzione troppo diffusa originata dalle esigenze di risparmio e di praticità del calcio degli albori.
    Ho sempre desiderato una seconda esclusiva come la prima. Ad esempio a colori invertiti con predominanza gialla; o recuperando quella arancione con pantaloncini rossi di fine anni ’70: una maglia bella e aggressiva, col lupetto nero che, come diciamo noi di Trento, è la morte sua.
    [img]http://img183.imageshack.us/img183/6364/agosn5.jpg[/img]

    • corry_32

      grande Di Bartolomei! comunque questa divisa era bellissima! anzi avrei liberato il lupetto! 🙂

      • rudiger

        Anche io “libererei” il lupetto. Sempre.
        Con la cerchiatura si perde un po’ la profondità tridimensionale del disegno di Gratton.

    • FDV

      Questa divisa è fantastica e mi piace in generale l’idea della prima maglia a colori invertiti, tant’è che quando nel 2008/09 la Kappa realizzò per la prima volta una maglia da portiere arancione con colletto rosso anzichè nero la scelsi come maglia da acquistare per quella stagione.

      Sulla seconda necessariamente bianca, ti dico che fosse stato per me, dopo Roma-Liverpool il bianco lo avrei bandito più o meno come fanno dalle parti del Camp Nou.
      Ma dato che non è stato fatto allora, me lo tengo volentieri purchè con degli inserti giallorossi.

      • rudiger

        Per il bianco: non è mai troppo tardi. Ma chi lo rimpiangerebbe?
        Per chi non ricordasse la maglia da portiere arancione…
        http://laroma.blog.tiscali.it/files/2011/02/07-08-roma.jpg

        Altro che l’attuale verde o la triste grigia.

        • FDV

          Questa di Doni però aveva i bordi neri. Molto più bella con i bordi rossi come nelle due stagioni successive

          [img]http://img40.imageshack.us/img40/7642/donsh.jpg[/img]

        • rudiger

          Cominciamo a rimpiangere kappa 🙂

        • rudiger

          Se arrivasse Nike potrebbe toccarci una cosa del genere:
          [img]http://dc616.4shared.com/img/2QWOqUO0/s7/0.5142837058243935/roma_fantasy_nike_away.jpg[/img]

        • Siro

          @rudiger: sembra la maglia dell’Olanda!

        • rudiger

          @siro
          infatti È la maglia dell’olanda

    • Wasshasshu

      “è la morte sua” si dice dappertutto 😀

      • rudiger

        segno di civiltá 🙂

        • sgalt

          la maglia arancione alla roma ha sempre portato sfiga 😛 però è bellissima

      • Luca Bernardi

        questa maglia arancione mi piacerebbe col colletto e senza spicchi stile 3 maglia anno ’73/’74!!!

  • Torto #13

    Bell’articolo per fare chiarezza sui reali colori che dovrebbero caratterizzare le maglie della Roma.
    Non sono un tifoso della Roma, ma a mio parere i colori giusti da utilizzare sarebbero quelli proposti qui nell’articolo e che si trovano nel manuale d’identità visiva ufficiale del Comune di Roma. In particolare il giallo, che ultimamente è divenuto arancione; questo è accaduto per riprendere al meglio il colore del main sponsor, visto che ormai la tinta di colletto e scritta Wind è la stessa?

    • rudiger

      No, Torto, questo è un mito da sfatare. L’arancione al posto del giallo c’è da decenni, basta guardare le foto dell’articolo di FDV (in particolare le foto di Rocca e Falcao). La maglia dello scudetto del 2001 aveva lo stesso colore e alcune di quelle degli anni ’70 anche più scuro.
      Tranne brevi periodi (anni ’90 in particolare) il giallo non si è visto molto da quando ho ricordi personali (primi anni ’80).
      Non so da dove sia uscito l’arancione, ne quando, ma di certo non è colpa di wind).

      • Torto #13

        Hai ragione, riflettendoci e guardando vecchie immagini l’arancione c’è da un po’ ma da quando c’è Wind mi pare che la tinta sia proprio la stessa. A maggior ragione, magari, non l’avranno cambiato apposta in questo anni quando Wind era main sponsor. Da una parte la cosa può anche vedersi positivamente: sponsor degli stessi colori degli inserti della maglia, quindi che prende meno l’occhio e si integra meglio. Certo a discapito dei veri colori societari.
        Questione Wind a parte, spero vivamente che la Roma torni ai propri colori originali.
        Anche lo stemma societario tende molto all’arancione, bisognerebbe modificare anche la colorazione di quest’ultimo.

  • homer

    concordo su quasi tutto, l’unica cosa e che per quanto riguarda la seconda e la terza non mi dispiacerebbe un pò più di fantasia osare non signifa andare contro la tradizione..es. mi piaceva la maglia della Champions con kappa che era gialla e rossa a metà..

  • rudiger

    Alle richieste aggiungerei:

    1) visto che abbiamo i pantaloncini bianchi, da evitare il “taglio mutandoni”;
    2) usare font sobri: il “roman” e suoi derivati non si chiamano così a caso
    3) evitare scritte inutili: la lupa e il nome della squadra si spiegano da se, non c’è bisogno di spiegare chi siamo e da dove veniamo
    4) se nelle maglie ci mettete anche un po’ di cotone noi non ci offendiamo

  • elkan

    numeri gialli non bianchi!!!

    • FDV

      Con i due colori proposti sarebbero davvero d’obbligo 😉

  • Alessandro

    Mi sembra una proposta ottima.

  • lorenzo70

    ottimo e legittimo.
    una esigenza di classicita’ e di sobrieta’, dopo – durante – queste orge di novita’ a tutti i costi che dovrebbe riguardare tutte le squadre.
    d’altra parte gli inventori del marketing a tutti i costi – gli americani – nelle divise di club dei loro sport nazionali sono estremamente classici e conservatori: non compaiono nemmeno sponsor, ne’ sponsor tecnici.

  • Simone

    “Stemma della Lupa sul petto”
    Quale sarebbe? Quello delle maglie nr, quello della away di oggi o il classico ASR?

  • squaccio

    Limitare l’uso di sottomaglia a manica lunga sotto la casacca da gioco a maniche corte.
    Utilizzo delle maglie da trasferta solo se realmente necessario per distinguersi dagli avversari in campo.
    La seconda divisa più apprezzata è quella interamente bianca, possibilmente con i bordi giallorossi (e non solo rossi o solo gialli), oppure con una fascia cerchiata giallorossa, se non diagonale.

    Quando ho letto questi punti, anche non essendo tifoso romanista, stavo per avere un orgasmo.

  • dario

    Purtroppo per le squadre monocromatiche il cambiare la tonalità dei colori sociali rappresenta un destino quasi inevitabile, come è inevitabile per le “strisciate” cambiare dimensione e collocazione delle striscie. Vuoi per esigenze di rinnovamento, restyling o semplici “capricci” degli sponsor tecnici, quasi tutte le squadre più prestigiose hanno dovuto affrontare una certa discontinuità.
    La Lazio è passata da un blu intenso a un celeste quasi impercettibile, passando per l’azzurro “confetto”; il Torino in epoche precedenti ha schiarito il suo granata fino a farlo diventare un rosso scuro; Persino la nostra nazionale ha dovuto fare i conti con questa eterogeneità.

    Una domanda ai tifosi della Roma: mi sapete indicare una divisa storica che rappresenta al meglio il giallorosso richiesto nell’articolo da Myroma? Ho intuito l’intensità del rosso (dovrebbe andare sull’amaranto se non erro), ma non riesco a percepire l’esatta gradazione del giallo richiesto. Più che il giallo-arancione dei recenti kit mi sembra un normale giallo leggermente più scuro. Sbaglio?

    • http://www.asromashirt.it Mirko

      Per me personalmente, questa, è quella che riassume meglio per intero, i colori e lo stile:
      http://www.asromashirt.it/collezione/80_90/1986-1987.htm

    • rudiger

      La cosa non è semplice perché le gradazioni di rosso, e soprattutto di giallo, sono influenzate dalla qualità delle foto, dalle condizioni di luce originali e dall’antichità delle foto stesse.
      Io ad esempio ricordavo una maglia scudetto 2001 con bordi gialli ed invece ne ho rivista una dal vivo recentemente e ha i bordi arancioni anche quella.
      Quella postata da Mirko piace molto anche a me, ma non sono certo le gradazioni di rosso e giallo indicate da MyRoma (che comunque accetto perché ufficializzate dal Comune a suo tempo) e che vedi nei quadrati di colore dell’articolo.

      • dario

        Ok grazie lo stesso. Anche io adoro le maglie della Roma dal giallorosso più chiaro (come le Kappa del 1988 e le Adidas del 1992), ma effettivamente non hanno nulla a che fare con le tonalità richieste.
        Credo che le tonalità richieste siano quelle della Patrick dei primi anni ’80, magari con un giallo leggermente più chiaro.

    • FDV

      Diciamo un’unione tra il rosso degli anni’70 ed un giallo Nr un po’ più scuro. Sono curioso di vedere il kit design proprio perchè in effetti non c’è una maglia della Roma che rappresenti al 100% questa selezione cromatica.

      • dario

        @ FDV: infatti è proprio questo che ho notato. Ho appena trovato un sito che mostra le evoluzioni della Maglia della Roma negli anni, e quello che salta subito agli occhi è che quando in un kit veniva utilizzato il rosso scuro “amaranto”, automaticamente il giallo utilizzato è quello che dà sull’arancione; viceversa nei kit dal rosso “normale” (le Kappa anni ’80, le NR e le prime Adidas) il giallo utilizzato è quello chiaro.
        Qui, a meno che l’effetto “schermo piegato” non mi stia giocando brutti scherzi, sembra proprio che la combinazione richiesta sia un rosso scuro e un giallo un po’ scuro, ma non di certo arancione. Combinazione mai vista su una maglia della Roma.

  • Stavrogin

    Bella iniziativa.
    Scopro adesso, peraltro, che il rosso Roma è molto più scuro di come lo immaginassi; anzi, azzardo l’ipotesi che l'”eretico” arancione sia nato per “eucromia” (se esiste questa parola) ovvero scegliendo, per una più gradevole percezione visiva, di accostare a un rosso molto scuro (in pratica granata) un giallo molto scuro (in pratica arancione).

    PS In tutto questo profluvio di tradizionalismo, che il nome del proponente sia “MyRoma” un po’ fa sorridere 🙂

    • rudiger

      L’origine dell’arancione è un mistero su cui mi arrovello da anni. Tra l’altro persino molte bandiere ufficiali del Comune sono decisamente arancioni. Non riesco a capire come (e soprattutto quando) l’indicazione rosso (per tradizione porpora) e giallo (oro) abbia originato l’arancione. La mia ipotesi semi seria è che semplicemente le bandiere abbiano stinto e poi per pigrizia ci siamo tenute quelle. Al momento di sostituirle il fenomeno incaricato ha copiato i colori che vedeva sulle vecchie bandiere.

  • fly

    il disegno riguarda solo la prima maglia giusto?

  • http://www.asromashirt.it Mirko

    Sembra assurdo tutto questo, nel senso che stanno trattando dei punti che dovrebbero essere legittimi. Con un minimo di buonsenso ogni anno potrerro fare delle maglie ottime, ma cosi non è purtroppo. Ognuno tira l’acqua al suo mulino…

    Sono d’accordo su tutti i punti, sui colori ufficiali in primis e specialmente sul fatto di utilizzare sempre la prima maglia (ovviamente quando è possibile), specialmente quando si dovranno affrontare tornei europei.

    Personalmente sono molto attaccato ai dettagli della maglia, cosa che purtroppo sembra non appartenerci… vedi stemmi, ricami, bordi, numeri. Speriamo bene 🙂

  • MARCOPANTERONE

    Immagino questa scena: la società As Roma va dal nuovo sponsor tecnico con in mano il foglio delle proposte di myRoma (decisamente legittime, romantiche, no al calcio moderno e bla bla bla), il nuovo sponsor legge il foglio con un principio di interese… poi lo accortoccia e lo archivia nel cestino. Morale: myMarketing batte myRoma 1-0 (con un certo rammarico del sottoscritto tifoso giallorosso)

  • mario_sbardella

    potrei avere dei chiarimenti riguardo allo stemma da dover appliare sulla maglia?
    cioè, dobbiamo usare l’attuale stemma ustao nella prima maglia oppure quello usato per la attuale seconda?

    • rudiger

      Lo stemma dell’attuale prima maglia è appunto quello della prima maglia. Trattasi di lupa capitolina, simbolo del Comune di Roma (che in verità ha cambiato nome in “Roma Capittale”).
      Quello sull’attuale seconda maglia è noto come lupetto di Gratton (dal nome del grafico che lo ha disegnato a fine anni ’70) o semplicemente “lupetto”. Per alcuni anni ha sostituito lo stemma principale fino a quando un movimento di tifosi ha rivoluto la lupa. E’ comunque molto amato e guai a chi ce lo tocca.
      A questo proposito mi sembra il momento di ri-postare il link a una succosa intervista a Gratton: http://bit.ly/Mz7Uf9
      Lettura vivamente consigliata a tifosi e curiosi delle dinamiche del marketing.

    • FDV

      Lo scudo ufficiale, della prima maglia, cioè lo scudo con la Lupa ed il monogramma ASR. Insomma NON il Lupetto 🙂

  • rudiger

    Vorrei sapere come, i tifosi di myRoma, giudicherebbero la maglia se i “bordi gialli” diventassero tre strisce gialle.

    • Simone

      Credo che se fosse qualcosa come questa

      [img]http://www.toroshirts.it/common/img/shirts/8990_numero_2.jpg[/img]

      apprezzerebbero di sicuro. 😀

    • http://www.asromashirt.it Mirko

      Beh, l’Adidas con la Roma fece delle belle maglie: si con le 3 strisce, ma le maglie erano bordate sul collo e sulle maniche, ed erano molto bene fatte. Ed erano altri tempi (20 anni fa!!!!)

  • AlbPal

    A me piacerebbe che la maglia home della Roma rispettasse i requisiti di MyRoma, e metterei lo stupendo lupetto stilizzato anzichè l’attuale logo societario, che cmq non è male, ma meglio il lupetto. Se il nuovo sponsor sarà adidas non voglio che le maglie vengano “sporcate” dalle tre strisce, non ci stanno alla Roma.

    • DY

      Non so voi tifosi romanisti, ma personlamente il ‘Lupetto’ non mi è mai piaciuto più di tanto… cioè, l’ho sempre trovato più adatto ad un uso come mascotte giallorossa, piuttosto che come stemma societario.
      Graficamente parlando, addirittura preferirei il solo monogramma ASR.

      • http://www.asromashirt.it Mirko

        Il vecchio monogramma ASR è bellissimo, a me piace molto!!! Per quanto riguarda il lupetto la penso come te, non mi è mai piacituo piu di tanto. Mentre lo stessa attuale, rispecchia perfettamente la società e la città, tutto in uno!

        • DY

          Io preferisco il monogramma attuale, che trovo molto + “unico” ed “identificativo” (tant’è che infatti viene utilizzato anche da solo – scisso dallo stemma – come ad es. sulle tute e sull’abbigliamento casual), però anche il monogramma storico (quello rispolverato per il marchio della ‘Hall of Fame’) mi piace molto lo stesso 😉
          Sicuramente li preferisco entrambi (e di gran lunga!) al Lupetto…
          Invece nello stemma attuale della Roma, io avrei solo stilizzato di più la Lupa Capitolina… ma la mia è solo una minuzia grafica! 😀

      • AlbPal

        Da tifoso del Palermo ma soprattutto appassionato di maglie dico che il monogramma ASR potrebbe essere davvero una bellissima proposta 😉

  • marbur

    beh ma l’ As Roma paga i diritti a Roma Capitale per l’utilizzo della lupa capitolina?

    • rudiger

      No. L’utilizzo del simbolo di Roma, non commercializzabile da parte del Comune, fu concesso dal sindaco Veltroni all’As Roma di Sensi. Prima nessuno si era posto il problema.

  • renato

    IO LO SO GIà LO SPONSOR TECNICO DELLA ROMA,PURTROPPO NON SARà NE LA NIKE,NE LA ADIDAS,SARà L’ITALIANA LOTTO

    • Francis

      Fonti, grazie.

    • davide

      la fonte??….altrimenti sono capaci tutti

  • Lino

    Bella iniziativa e richieste legittime, ma gran parte del fascino della storia delle maglie della Roma (e anche di tante altre squadre) sta proprio nella successione di diverse tonalità nel corso degli anni.

    • FDV

      E questa in fin dei conti ne sarebbe un’altra 😉

  • Gluko

    Anche se la domanda è forse un po fuori tema, ma si è capito quale sarà il nuovo sponsor tecnico della Roma?…perchè qualche settimana fa leggevo anche di un possibile nike….si brancola ancora nel buio vero?

    tornando sul tema dell’articolo, penso che i colori più belli della maglia della Roma siano, a parere personalissimo, quelli delle foto di Mirko

  • DY

    In effetti, per risolvere lo “storico” problema dei colori sociali dell’AS Roma, basterebbe prendere in mano una mazzetta Pantone 🙂 Tra l’altro i colori del Comune di Roma (ops, Roma Capitale…) sono anche tra i miei preferiti per una maglia giallorossa… simili alle divise indossate a metà anni ’70: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/1/17/Prati-DeSisti.jpg 😉

    E’ davvero bizzarro come nel club romanista – caso mi pare unico nel panorama nazionale – da quasi quarant’anni sussista questa sorta di “schizofrenia” per i colori sociali, che invece dovrebbero essere una delle poche cose “sacre” in una squadra di calcio! Ancor di più, se si pensa che la AS Roma è stata una della prime società calcistiche italiane a creare e definire, alla fine degli anni ’70, una propria e rigorosa immagine coordinata: http://www.magliarossonera.it/img197980/alb19_1980.jpg

    Pur non essendo un tifoso romanista, spero che la proposta di MyRoma vada in porto, e che possa portare alla creazione (finalmente) di un preciso manuale d’identità per i colori giallorossi 😉

    • rudiger

      Articolo gustosissimo. Ma il toro laziale e il grillo fiorentino???

      • DY

        Non ne ho la + pallida idea, sarebbe da chiedere direttamente al Guerin, magari ci rispondono pure… 🙂

        Invece è abbastanza singolare notare come all’epoca all’Hellas era stato affibbiato come simbolo il Cangrande, oggi sullo stemma del Chievo… 😀 …questo per sottolineare come la questione-simboli a Verona, probabilmente, non avrà mai fine!

        • Simone

          Nel 1928 però il Chievo non esisteva ancora! 😀

        • DY

          …però la Diga c’era già :-D:-D:-D

      • O’Animal

        a Firenze esiste la festa del grillo. http://it.wikipedia.org/wiki/Festa_del_grillo

    • Stavrogin

      Giusto per capirci… Quello indossato da De Sisti è arancione, giusto?

      • FDV

      • DY

        Possono anche sostituire l’arancione col giallo (anzi, forse è perfino meglio!), ma per me il ‘Rosso Roma’ è solo quello dei tempi di Prati e DeSisti 😉

        • rudiger

          C’è chi lo definisce “vinaccia” e decisamente non mi piace. In generale è un bel colore ma per Roma, e la Roma, lo trovo decadente: troppo anni ’70, periodo non proprio esaltante per la squadra.

  • hangingjudge

    Trovo le richieste apprezzabili ma anche molto vincolanti. Secondo me, ovviamente entro certi limiti, è giusto avere un “range” di tonalità comunque associabili ad una squadra. Penso all’azzurro chiaro del’inter anni ’90 o alle varie tonalità delle maglie della Nazionale. Un pantone unico da usare SEMPRE limiterebbe troppo la libertà dei designers secondo me. Detto questo, credo che il giallo Roma qua indicato sia bellissimo e che sia uno “spreco” sostituirlo con l’arancione (non essendo di Roma ho sempre pensato che la tonalità Ufficiale fosse quella della parte bassa dello stemma)

  • mosca

    Tanto lo “sviluppo”di templates negli anni, ha portato così lontana l’essenza vera delle maglie da dover necessariamente aver bisogno che qualcuno richiami all’ordine, per riavere nuovamente una maglia che abbia la stessa identità di quando è stata pensata in coerenza alla propria città.

    Uno statuto.

    spero vada tutto in porto

  • luca10

    d’accordissimo sui colori per la prima e l’arancione (con pantaloncini e calzettoni rossi) per la seconda
    mi piacerebbero i numeri gialli sulla prima in stile anni novanta e magari il lupetto (come nella divisa adidas 1993-94)

  • William

    Grandiosa iniziativa!!

  • Swan

    Per me la giusta definizione colori sociali della Roma è amaranto e ambra.
    Detto questo concordo con le considerazioni fatte da myroma, in particolare sul crest Asr con la lupa da usare su tutte le maglie da gioco e la presenza dei panta bianchi nel kit home. Riguardo la maglia away non ho mai amato le maglie bianche, anche se non sarebbe malaccio quella bianca cerchiata o la variante verde cerchiata. Concordo con chi ha detto che la maglia arancio fine anni 70 era ottima, ma la vedo difficile da riproporre.

    • FDV

      In questo articolo non è specificato, ma lo scudetto con Lupa e ASR è stato richiesto espressamente sulla prima maglia, mentre su quelle da trasferta è gradito anche il Lupetto anni ’80, comunque un simbolo a tutti gli effetti parte della storia della Roma.

      • Swan

        Lo stemma di un club dovrebbe essere uno soltanto, unico su maglia home, away, third e qualsiasi altro capo di vestiario ufficiale, in questo caso quello con lupa e ASR. Considero il lupetto fine 70/primi 80 una semplificazione dello stemma che ha accomunato molti club italiani in quei tempi( es. zebra stilizzata per la Juve, fiamma stilizzata per il Milan e un anonimo biscione per l’Inter). Tralaltro, tornando alla Roma, molto più bello lo stemma ASR del lupetto.

        • FDV

          Non sono d’accordo con questa visione così stretta. E’ vero che idealmente il simbolo dovrebbe essere unico, ma una volta constatato che nella storia se ne sono alternati più di uno, cercare di valorizzarne più di uno non è una cosa negativa.

          Riconosco la “superiorità” gerarchica dello scudo con lupa e ASR, ma anche il lupetto fa parte a pieno titolo della storia della Roma, più precisamente del periodo migliore, con il punto più alto raggiunto dalla Roma, la finale di Coppa Campioni, giocata proprio con il lupetto sul petto rinunciando espressamente al tricolore.

          Per questo, ma anche per motivi personali ritengo che sia giusto mantenerlo almeno in una delle maglie da trasferta. E personalmente mi piacerebbe rivederlo in questo formato

          [img]http://img5.imageshack.us/img5/1117/lupetto.jpg[/img]

        • rudiger

          Sottoscrivo tutto, anche il desideri del lupetto “in negativo” o comunque armonizzato a seconda della maglia (magari senza s.p.a.).
          i simboli di una squadra possono essere più di uno, se apprezzati e amati dai tifosi, e tutti possono trovare spazio sulle maglie, visto che lo trovano senza problemi sponsor, doppi sponsor, marchi tecnici, scritte piú o meno inutili, dediche e campagne varie.

        • Swan

          La vedo in maniera diversa: un club, uno stemma. Capisco che per chi tifa Roma il lupetto è stato il simbolo del periodo d’oro di questo club ma lo stemma del club è lo scudo Asr/lupa e tale dovrebbe essere sempre utilizzato. Magari il lupetto sarebbe da utilizzare saltuariamente in qualche occasione speciale e, personalmente lo vedrei bene libero fuori dal cerchio, magari in versione giallo ambra.

        • rudiger

          Sulla questione dello stemma va detta una cosa. E’ vero che lo scudo con dentro la lupa e il monogramma ASR è il simbolo originale, ma sulle maglie non ci era mai finito prima del 1997. Quindi il lupetto di Gratton, che debuttò sulle maglie nel 1978, paradossalmente è più tradizionale della lupa capitolina (limitatamente alle divise da gioco). Nei decenni precedenti la maglia era senza stemma o, in perdiodi diversi, col solo monogramma ASR (intrecciato o meno) o con la scritta A.S. Roma.
          Tutto questo OVVIAMENTE lo so GRAZIE ALL’INCREDIBILE “LA MAGLIA CHE CI UNICSCE”, BIBBIA dell’appassionato giallorosso che IERI MI E’ ARRIVATA PER POSTA E MI HA TOLTO IL SONNO 🙂

  • Chris734

    E la maglia color bronzo?

  • Stavrogin

    Alla fine a me pare che la maglia più vicina, dal punto di vista dei colori, agli auspici della tradizione sia questa di Adidas (inizio anni ’90 immagino):
    [img]http://www.asromaultras.org/9192Maglkiaroma.jpeg[/img]

    • rudiger

      La più simile dovrebbe essere questa postata più su da Mirko. Sponsor a parte per me è sul podio delle più belle della storia.
      [img]http://www.asromashirt.it/images/1980_1990/pruzzo_costine.jpg[/img]

      Il retro mi da ancora i brividi, con il numero giallo, cucito con i punti a vista.
      [img]http://www.asromashirt.it/images/1980_1990/pruzzo_costine1.jpg[/img]

    • Luca Bernardi

      le maglie adidas a me non piacciono un granchè,preferirei una bella nike!!!

  • Junglefever

    tempo fa lessi che la Roma aveva come colori Rosso pompeiano e Giallo ocra.
    Non mi intendo di grafica e colori, ma credo che si avvicinino proprio alla straordinaria maglia ENNERRE

  • tommaso

    ma come si fa a creare magliette!?!?!!

  • riccardo morgigno

    Il polsino giallo ocra deve esserci anche sulla divisa a maniche lunghe, anche se nella divisa dell’ultimo scudetto era assente, come oggi. Il completo rosso è imbattibile e spezza meglio quando si gioca contro le acerrime nemiche: Lazio, Juventus e Napoli. Anche il pantaloncino bianco è molto bello ma deve essere corto, per esaltare la maglia, da abbianre alla maglia e non mutandone stile basket, dalla sud l’occhio va subito sulla macchia bianca, i calciatori sembrano tutti nani come giuly, non si vede la coscia lunga alla falcao. Tra l’altro, il calzoncino corto facilita la corsa e i movimenti. Dunque non da pallavolo attillato (si deve vedere lo stemma, il numerino e altri dettagli, ma gli anni 80 erano fichissimi e vivono dentro di noi sempre). I colori dello stemma sono un problema come gia segnalato, non possono essere di colore diverso dalla maglia. Le più belle e vere romaniste sono 80/81 playground e 1991/92 adidas, proprio come il Galatasaray. La squadra di Costantinopoli, curiosamente, ha vestito più volte di noi i colori dell’impero romano. Tutto ciò è paradossale. I numeri sulla schiena li preferirei gialli. La fascia di capitano deve essere bianca, il lupetto lo adoro e deve esserci almeno sulla maglia bianca! da trasferta. Il taglio delle maniche vorrei fosse alla bruno conti, attillate come negli anni 70/80 o come la macron oggi con Bologna, Napoli e lazio. La kappa ha deciso per queste mezze maniche sotto il gomito e diversi giocatori della roma (totti,osvaldo e burdisso) se le arrotolano per non aver fastidio nella corsa e spesso sparisce il giallo e resta il rosso. Quindi in trasferta a volte sembriamo il bari.
    Complimenti a chi si è sbattuto per ripristinare i calzettoni rossi con la fascia gialla e per tutte le prossime iniziative che seguiranno. Ah, dimenticavo, l’arancione lasciamolo alla Pistoiese. bravo FDV e mirko Serini.

    sempre forza magica ROMA!

  • sergius

    Per me i colori della Roma sono e devono restare rosso-porpora e giallo-arancio con lo stemma municipale della lupa capitolina. Questa è la Roma, il giallorosso in senso stretto appartiene ad altre squadre.

  • Pingback: Supporters Direct, trust e dintorni: #5 notizie dal pianeta Italia()

  • Danys

    La società, intanto, lavora sullo sponsor tecnico. Prende corpo l’ipotesi di un accordo con Nike che però sarebbe disponibile a fornire il materiale e distribuirlo solo dalla stagione 2014/15. Durante l’anno di «buco» la Roma produrrebbe il materiale , coinvolgendo i tifosi nell’ideazione della maglia. Ma le ipotesi Adidas (da subito) e Warrior non sono ancora sfumate. (LaRoma24)

  • salvatore

    sono d’accordo su tutti i punti anzi il quarto punto lo porterei a tutte le squadre…è orrendo vedere i giocatori che giocano con la divisa a mezze maniche e poi vedere quelle magliette orrende che coprono le braccia e che spesso non sono della stessa tonalità…ma perchè non vestono la versione a maniche lunghe??? mah!

  • biuck

    a quanto pare è corsa a due nike-adidas, con la prima favorita, speriamo bene!

  • Wario

    Passione, come mai nella creaazione del nuovo logo, la roma non ha tenuto conto di questi colori che propone my roma?? che poi sono i colori originali della città?? quindi viene da pensare che non ne terranno in consideraione nemmeno per le nuove maglie… giusto?

  • rudiger

    A parte tutti i casini di ieri, hanno cominciato a girare le prime foto del materiale tecnico: http://bit.ly/13LKFqM
    Se i colori della nuova maglia sono quelli che si vedono sulle strisce pettorali e sui colletti la cosa si fa moooolto interessante: forse abbiamo finalmente abbandonato l’arancione.

  • Gianmaria Framarin

    Mah… secondo me regna un po’ di daltonismo…
    La Roma ha SEMPRE avuto il giallo MOLTO VICINO ALL’ARANCIONE, a parte che nel periodo “Ennerre”/”Adidas”, dove c’era un orribile giallo canarino… per il resto, il nostro giallo è SEMPRE STATO UN ARANCIONE CHIARO.
    Il rosso è SEMPRE STATO UNA SORTA DI GRANATA… a parte i periodi Kappa-Ennerre-Adidas-Asics, dove regnava un rosso scuro ma niente più…
    Per me, i colori della Roma DEVONO rimanere quelli della Playground e della Patrick: GRANATA E ARANCIONE. Se poi voi li vedete rosso scuro e giallo, mah, allora diamo nomi diversi a stesse cose… riguardate quelle maglie stupende: il rosso è talmente granata da essere quasi = a quello del Toro, e il giallo è un arancione chiaro, luccicante, stupendo…
    Inoltre: guardate che il Comune di Roma scrive certe cose, poi però, nelle coccarde comunali, ecco che rispuntano granata e arancione……………..
    Io ho difficoltà ad accettare maglie più chiare… e questa di adesso per me è proprio “granata-arancione”, altro che “rosso scuro e giallo”! E mi piace così…