SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Dal Belgio arriva un altro episodio curioso da aggiungere alla saga “maglie dell’ultimo minuto“.

Siamo allo Stade du Pays de Charleroi, in campo stanno per scendere lo Standard Liegi e lo Charleroi SC, ma le divise indossate dai due club secondo l’arbitro non sono distinguibili cromaticamente. In entrambe c’è troppo bianco. Lo Standard potrebbe utilizzare il kit away nero, ma anche questo cozzerebbe con le strisce bianconere dei padroni di casa.

Maglia Standard Liegi con il nastro rosso

Lo Charleroi decide di mettere a disposizione la sua muta away, ma vuoi per motivi di sponsor, vuoi per il vivace colore fucsia, questa soluzione viene bocciata dalla dirigenza dello Standard. La disputa viene risolta grazie all’applicazione di svariate strisce di nastro rosso sui lati della casacca, in modo da coprire parzialmente il bianco. I calciatori “incerottati” possono finalmente scendere in campo e la partita inizia con 15 minuti di ritardo.

La vernice spray sulle maglie dello Standard Liegi

La geniale idea dura però troppo poco, infatti durante il primo tempo il nastro viene via facilmente, complice anche la pioggia che cade incessantemente. Nel corso dell’intervallo ecco quindi la soluzione numero due proposta dal fratello del team manager dello Standard Liegi: colorare di rosso le maglie con una bomboletta di vernice spray recuperata nelle vicinanze. L’effetto era quello di vedere sul terreno di gioco un mix di imbianchini e di feriti sanguinanti.

Una figura imbarazzante per un club professionistico che però ha portato bene, la partita è stata infatti vinta dagli ospiti grazie alla rete di De Camargo.

Fonte: whoateallthepies.tv – Photocredit: sporting-charleroi.be

  • squaccio

    …hanno portato bene le maglie pasticciate… 😀

  • Hannibal75

    Ma a questo punto non avrebbe potuto giocare in fucsia lo Charleroi?

    • dex

      mi sa che si confondevano rosso e fucsia a quel punto, ma di sicuro lo Charleroi una maglia (magari di quelle dei portieri) di un altro colore ce l’avra’ anche avuta forse

  • broscky

    secondo me non si sarebbero confuse lo stesso… una a maggioranza rossa, e l’altra a maggioranza nera… non dovevano imbrattare nessuna maglia e nessuna doveva cambiare nulla… parere personale…

  • AxxA

    Secondo me l’arbitro è stato troppo fiscale….
    Oppure il Charleroi poteva giocare in fucsia e lo Standard in nero.

    • Roberto 85

      Giusto! Questa sarebbe stata la soluzione migliore… Cioè l’unica, se si volevano evitare figure imbarazzanti come quella delle maglie imbrattate!

  • dex

    restando in tema: ricordo che qualche anno fa (forse nel 2011/12)venne giocato un Bari-Sampdoria coi pugliesi in blu scuro e i doriani in biancocerchiato, vinto da quest’ultimi 0-1, anche se ignoro il motivo di questo assetto cromatico

    • dex

      http://goo.gl/Ay5vCC

      ecco le “prove”

      • gian

        vuoi mettere Milan-Udinese di qualche settimana fa?

        http://goo.gl/xBE2fq

        • aldo

          Ma Bari e Sampdoria non si confondevano per nulla, trovo invece inutile per il Milan indossare una maglia gialla contro l’udinese che è in bianconero, anzi i due colori di tonalità chiara potrebbero sembrare anche simili se visti distrattamente. E’ sinceramente di pessimo gusto la soluzione trovata dalle squadre inglesi, potevano sicuramente scegliere qualcosa di meglio che maglie cosi pasticciate

        • dex

          quantomeno l’Udinese ha la maglia canonica …resta il fatto che in intrambi i casi con le prime maglie non ci sarebbe stato nessun problema

  • dario

    Ecco, questo articolo mi costringe a rimangiarmi la mia crociata fuffosa sull’inutilità delle terze maglie, cosa che vado sostenendo da tempo, ma adesso devo ammettere di avere torto marcio (complici anche i regolamenti moderni). 😀
    Le casuali combinazioni cromatiche tra due squadre che si affrontano, come in questo caso, rendono inutilizzabili sia la home che la away. Dunque, a meno che la squadra di casa non sia disposta a rinunciare alla sua prima maglia (e in questo caso avrebbe peggiorato la situazione: fucsia contro biancorossi è senza dubbio una combinazione peggiore di bianconeri contro biancorossi) l’esistenza di un third kit è fondamentale.
    Resta il fatto che per più di un secolo in tutto il mondo le squadre hanno sempre avuto soltanto due kit a disposizione e nemmeno si cambiavano i calzoncini e i calzettoni di uguale colore (vedi i Milan-Juve anni ’80-’90)… e non si confondeva nessuno. Questa è la modernità e bisogna accettarla.

    • LORENZO 70

      resta anche il fatto che finche’ le maglie non sono state cosi’ pasticciate dagli sponsor tecnici a causa della “novita’ ad ogni costo”, per almeno un secolo le due squadre belghe si sono sempre affrontate senza problemi cromatici.

      • Ivan

        Quoto!

    • Fly

      “Le casuali combinazioni cromatiche tra due squadre che si affrontano, come in questo caso, rendono inutilizzabili sia la home che la away”

      Per me sono distinguibilissime. Charleroi e Standard hanno praticamente le stesse divise di Heracles e Ajax (il “derby greco” dell’Eredivisie), e quando i Lancieri vanno in trasferta ad Almelo giocano con la consueta divisa biancorossa. E si distinguono.

      Anche in Argentina, ho visto dei River Plate – Estudiantes con entrambe le squadre che indossavano la prima divisa.

      Quindi penso il fattore sia solamente la sensibilità dell’arbitro: forse non si sentiva al sicuro da sviste con certe divise, e ha preferito far cambiare.

  • mosca

    a petto nudo, e buonanotte.

  • Tux

    solitamente bianconeri contro biancorossi fa abbastanza contrasto da potersi giocare tranquillamente (credo che abbiamo notato tutti come spesso i bianconeri della Juve giochino contro i bianchi del Real con entrambe le squadre che indossano le prime mute, magari solo gli juventini mettono pantaloncini e calzettoni neri) credo che il problema si comprenda guardando l’ultima foto: il retro dei bianconeri è totalmente bianco, non strisciato.

    può darsi che avesse ragione l’arbitro. la soluzione migliore, visto che per motivi di sponsor lo standard non poteva indossare l’away del charleroi, era tutti neri contro tutti fucsia, raro caso di squadre che indossano entrambe maglie away ma in questa circostanza giustificabile.
    La soluzione trovata è decisamente più rustica, ma volete mettere avere l’occasione di aggiungere una perla all’aneddotica delle maglie dell’ultimo minuto?
    però la bomboletta spray del secondo tempo è un effetto veramente splatter 😀

    • Cristian

      finalmente qualcuno che lo scrive.. il problema è solo il retro bianco della maglia, davanti prevalentemente scuro, dietro prevalentemente chiaro. ecco perche tutte le maglie come quella del charleroi andrebbero “abolite”

  • Geeno Lateeno

    …. solo in Belgio …..
    🙂

  • rudiger

    Come hanno fatto a vincere con i microfori tappati da vernice e nastro? Avrebbero dovuto soffocare, o annegare nel sudore. Per non parlare dell’eccesso di peso aggiunto alle maglie…

    • dex

      caro rudiger sei un idolo, non deludi mai

      • rudiger

        Non esageriamo. E poi sono loro (club, federazioni e sponsor) che forniscono materiale da gag.

  • Coso

    epic

  • Swan

    Per me potevano tranquillamente giocare con le loro maglie canoniche senza rischio di confondersi.
    Osceno lo sponsor ai lati dei pantaloncini dello Charleroi.

    • Ste79

      anche per me non c’era rischio di confondersi….. l’arbitro ha creato un casino

  • squaccio

    Io non conosco bene l’iter attraverso il quale la lega del relativo campionato approva le maglie…

    diciamo che la colpa è sia di chi produce certe maglie con amenità tipiche di questi anni, tipo bianconero frontale e retro bianco e maniche bianche su una maglia palata (che produce l’effetto di “doppia maglia”),

    ma anche di chi le approva perchè per esempio ditemi a cosa serve la maglia bianca dell’Udinese o la maglia grigia dell’Atletico che credo non sia mai stata usata ed infatti usano la gialla dell’anno scorso.

    Così come la maglia bianca della Juve di qualche stagione fa…eccetera eccetera…

  • F093

    Per chiudere al meglio questa simpatico aneddoto che mostra il lato ancora umano di questa passione, proporrei alla dirigenza dello Charleroi di mettere all’asta queste maglie “modificate” destinando il ricavato in beneficienza.

    Allora questo buffo episodio potrebbe trasformarsi in una piacevole e bella storia di Natale per tutti tifosi di calcio. 🙂 🙂

    Alla faccia delle numerose maglie “uniche” con patch e scritte varie che strizzano continuamente l’occhio al merchandaising…

    F093
    old style

    • F093

      * Standard Liegi, non Charleroi.

  • Mr.74

    Ai limiti del surreale….ma la cosa più divertente è che si vedono partite molto più importanti, in cui il livello di possiblile confusione cromatica è decisamente più elevato. Valeva davvero la pena questa carnevalata fuori stagione?

  • Mr.74

    Pastrocchio surreale…..La cosa più divertente è che nel 2014 ci sono partite molto più importanti, con difficoltà cromatiche ben più evidenti…..eppure non si ricorre a queste cretinerie(davvero non saprei come altro definirle).

  • AxxA
    • rudiger

      Attenzione! La visione di quest’immagine può causare attacchi epilettici in soggetti particolarmente a rischio.

    • F093

      … e l’arbitro per distiguersi aveva un completo “total red”. 🙂 🙂

      F093
      old style

  • Mirco

    Sbaglio o nella partita tra Torino e il Brugge (non so se si scrive così) alcuni giocatori del Toro hanno indossato modelli di maglie diverse tra loro nella zona sul petto dove c’è scritto Kappa?

    • Matteo Perri

      Non sbagli, alcuni avevano la pecetta granata e altri no.

      • Mirco

        Infatti mi sembrava. Ma per quale motivo?

        • http://www.liberopensiero.eu Simone

          Dalla curva non me ne sono accorto, ma penso (spero) che alla Kappa si siano accorti che l’asimmetricità rovina quella maglia.