SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Da quando nel 1996 la Nike subentrò alla Lotto nella fornitura tecnica della nazionale olandese, la divisa degli Oranje ha iniziato un percorso di cambiamento, fatto anche di scelte a prima vista discutibili. Non la maglia, che è rimasta più fedele rispetto al passato ad una sostanziale monocromia, ma i dettagli e  i complementi della divisa sono variati di anno in anno. Di seguito un tentativo di ricostruire quest’evoluzione.

Questo fu il biglietto da visita della Nike. Con questa maglia l’Olanda affrontò le qualificazioni al mondiale del ’98.

A prima vista niente di particolare, ma rispetto alla maglia precendente della Lotto spariscono i riferimenti al tricolore olandese, i numeri da bianchi diventano azzurri, come il logo Nike e soprattutto cambia lo stemma della federazione: non più il leone rampante, ma solo la testa stilizzata e con sfondo azzurro. I calzoncini restano bianchi e i calzettoni arancioni.

Si arriva ai mondiali del 1998. L’azzurro dei numeri e il bianco del colletto vengono sostituiti dal nero, colore che veniva utilizzato soprattutto negli anni ’70.  Maglia accattivante, con cui gli Oranje conseguiranno il 4° posto nella competizione

Merita una citazione anche la maglia di riserva: abbandonato il bianco degli anni precedenti, si optò per un blu elettrico per le prime tre versioni del rapporto di fornitura tecnica.

Il primo grande cambiamento nella divisa avviene per gli Europei di casa, quelli del 2000, in cui l’Olanda uscì in maniera incredibile in semifinale contro l’Italia. Questa è sicuramente una delle divise più riuscite, con l’abbinamente arancio-nero che viene portato ad un livello superiore: non solo le rifiniture della maglia ma anche i pantaloncini, il tutto ispirato agli anni ’70.
Peccato che sia legata alla grandissima delusione di fallire nell’Europeo di casa uscendo ai rigori dopo averne sbagliati già 2 nei tempi regolamentari.

Nuova maglia e nuova cocente delusione: l’Olanda non si qualifica al mondiale del 2002. Il template è quello che utilizzarono tutte le nazionali targate Nike nel biennio 2002-04. Un design molto moderno reso un po’ stucchevole dalla troppa standardizzazione delle divise dello stesso kit supplier di quel periodo. Il colore secondario è ancora il nero, questa volta più invadente sulla maglia. I calzoncini utilizzati furono dapprima neri, poi si optò per quelli arancioni. La divisa di riserva era praticamente il negativo della divisa home, per cui nera con dettagli arancioni.

Per gli Europei del 2004 viene abbadonato il nero che torna a lasciare il posto al bianco. Bianco il numbering, bianchi stemma e sponsor tecnico e bianchi i pantaloncini.
E anche la divisa di trasferta torna ad essere bianca con bordi arancioni, caso unico in questi 13 anni di rapporto. Anche questa maglia a mio avviso soffre un po’  il fatto che il template utilizzato sia comune a tutte le squadre Nike di quel periodo, salvo qualche dettaglio come la forma del colletto o delle cuciture.

Ancora più grande il cambiamento nel 2006: maglia vintage, senza inserti, di un arancione meno acceso.
Lo stemma viene incorniciato da uno scudo celeste come negli anni ’60-’70.
I numeri tornano neri e con un font che sarà associato anche alle maglie del prossimo mondiale. Calzoncini bianchi e calzettoni.. azzurri!
Ispirata al passato anche la maglia da trasferta, che abbandona ogni riferimento all’arancione privilegiando il colori della bandiera nazionale

Più graduale il cambiamento per l’Europeo del 2008:
– Stemma incorniciato in uno scudo pentagonale bianco, anch’esso ispirato al passato
Tornano i colori della bandiera sulla maglia home, incorporati nella parte destra del colletto
– Stesso font per il numbering, ma si torna al bianco
– Calzettoni celesti o meglio ”Nassau blue”, colore tradizionalmente associato alla famiglia reale olandese e ripreso anche per il completo da trasferta.

E così arriviamo all’ultima divisa sfornata per i prossimi mondiali in Sudafrica.

C’è il ritorno del colletto e dei calzoncini neri, un tuffo indietro nel passato recente (2000) e in quello più lontano, degli anni ’70.

 

 

AGGIORNAMENTO APRILE 2012

Anche per l’Europeo del 2012 la Nike non si smentisce e cambia nuovamente la composizione del completo che torna tutto arancione. Due tonalità utilizzate sulla maglia e rifiniture nere.

Di certo alla Nike non è mancato lo spirito di iniziativa in questi 16 anni.
Un approccio volto a sfruttare tutte le potenzialità del fascino della maglia e dalla nazionale Oranje.

Come giudicate l’evoluzione di questo rapporto?
Gradireste un percorso simile anche per la divisa degli Azzurri?

Photocredit: classicfootballshirts.co.uknederlandselftalshirt.nl

  • Marco

    le più belle secondo me sono le maglie del 2008 e del 2004

  • http://todosobrecamisetas.blogspot.com Eleté

    Excellent article… I miss the Total 90 kits :/

  • Torto

    A mio avviso le migliori sono quella del ’98 e quella del ’08.

  • joachim8one

    Bellissimo articolo, ma se possibile farei delle correzioni.
    Il colore associato alla famiglia reale olandese e` l`arancione derivante proprio dal cognome della casa reale Orange-Nassau, e i calzettoni azzurri del kit del 2008 e` un riferimento alla prima bandiera dei Paesi Bassi cio` quella che ora viene chiamata la Bandiera del Principe (Orange-Nassau di Francia) cioe` arancione-bianco-azzurro

  • MarioBros

    quella del 2006 è fantastica per la sua semplicità!! infatti l’ho anche comprata…anche se non capisco i calzettoni azzurri

  • the_pickwick_pub

    Nel suo sperimentare la nike è riuscita a proporre soluzioni interessanti, giocando principalmente sulle finiture senza sconvolgere l’essenza della maglia.
    Quando sono state introdotte delle novità si è sempre tenuto conto della tradizione, il che depone a favore del produttore secondo me.

    La standardizzazione del periodo 2002-2005 rappresenta forse la nota dolente, il periodo meno fulgido della collaborazione, ma nell’arco di 14 anni cose del genere sono fisiologiche.

    Magari poter dire altrettanto dell’evoluzione della maglia azzurra.

    • squaccio

      Scorrendo queste maglie penso a quelle azzurre: queste a parte quella standardizzata del ’02-’04 sono tutte ben oltre la sufficienza (forse a parte il font dei numeri specie quello squadrato); le nostre targate puma ???
      La primissima ???

      • FDV

        La prima della Puma del 2003 fu questa
        http://www.lazioultras.it/Almanacco/corradi_nazionale.jpg
        Aveva lo stesso template della maglia della Lazio del 2002/03

        • squaccio

          A parte il maledetto color oro quella da te linkata per me resta a memoria la migliore

        • FDV

          Per me la Puma non si è mai avvicinata ai livelli delle Kombat, quelle del 2000 in particolare

        • giorgio

          quella e stata la maglia piu bella fatta dalla puma da quando veste l’italia

  • Walter

    Per me senza dubbio la migliore è quella del 2006, la peggiore quella del 2002.

  • salvatore

    2006 su tutte

  • gabbo_ASR

    veramente un bellissimo articolo… guardando tutte le maglie di questi anni si può promuovere la nike sicuramente!!

  • udb

    bell’articolo…

    se devo sceglierne una…voto l’ultima…
    mi capita spesso…come esce una maglia nuova dopo qualche occhiata per abituarmi la preferisco di gran lunga alle vecchie…mi piace l’innovazione 🙂

  • FDV

    Per me la più bella è quella del 2008. L’idea della bandiera lungo il colletto la trovo splendida.

    La peggiore: quella del 2004, quella col cerchio attorno al numero.

    E in quanto a divisa, preferisco i calzoncini neri o al massimo il completo arancione

  • giorgio

    l’unica maglia che mi e piaciuta finora e quella dell’europeo 2000

  • Luigi

    Le piu’ belle per me sono quelle del 2002 e del 2004,nonostante in entrambi i casi la nike abbia usato lo stesso template per tutte le nazionali e i club (vedi juve, inter e arsenal). Ma anke questa che andrà in Sudafrica non mi dispiace affatto.
    CIAO SIETE I MIGLIORI.

  • porce90

    quella del ’98 è una delle maglie più belle prodotte dalla nike per le nazionali, non male anche quella del 2000.
    suggestiva quella per i mondiali 2006.

  • lucas

    io preferivo quelle adidas e quelle lotto
    pero quella dell’olanda nel 98 non era male

  • Pingback: Nike sponsor tecnico dell'Olanda, contratto rinnovato al 2026()