SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Dopo l’annuncio del mancato rinnovo di adidas e molti rumors, la NBA ha ufficializzato l’accordo con lo sponsor tecnico Nike a partire dal 2017-2018. Il contratto è di 8 anni.

La notizia è già una bomba, ma un dettaglio la rende clamorosa. Per la prima volta il marchio di Nike comparirà sulle canotte durante le partite. Un segno di rottura importante che comunque era nell’aria, basti pensare all’ipotesi di far comparire anche gli sponsor commerciali.

Nike sponsor NBA 2017-2018

Con il nuovo accordo Nike fornirà le maglie Authentic e Swingman nonchè quelle da riscaldamento e shooting. Prevista anche un’espansione dell’accordo con la WNBA e una partnership con la D-League.

Non è la prima volta che Nike sponsorizza la NBA, era già successo negli anni ’90 quando vestì le franchigie di Boston, Chicago, Dallas, Detroit, Los Angeles Lakers, Miami, Portland, San Antonio, Toronto e Washington. Le restanti erano divise fra Champion e Starter.

  • gabbo

    BOOOOOOOOOOOOM
    SI COMPRENDE FINALMENTE QUEL CHE GIà ERA NELL’ARIA,
    OSSIA IL PROGRESSIVO DISIMPEGNO (ECONOMICO) DI NIKE NEI CONFRONTI DELLE REALTA’ (ECONOMICHE) CALCISTICHE PIù IMPEGNATIVE:
    ARSENAL, MAN UTD, JUVENTUS, E A SEGUIRE CELTIC PSV E QUANT’ALTRE.
    IL MERCATO NBA COSTRINGE AD UN IMPEGNO MAGGIORE, MA IL RITORNO è GARANTITO.
    SE UNA FRANCHIGIA NON DISPUTA UNA STAGIONE BRILLANTE GARANTISCE COMUNQUE UNA VENDITA DI MERCHANDISE CONSIDEREVOLE (LEGGASI LA LAKERS 2015),COSA CHE NEL CALCIO NON è SEMPRE RISCONTRABILE.
    LA VISIONE DEI TIFOSI, LEGATA AI RISULTATI, è TOTALMENTE DIVERSA IN NORDAMERICA.

    VI CHIEDO, CHI HA “RAGIONE” SECONDO VOI????

    • Stefano Pede

      C’era davvero bisogno di gridare?

      • gabbo

        perdonami se ho urtato le tue orecchie digitali, dal luogo dove scrivo il carattere maiuscolo è preimpostato… ho scordato di escluderlo.

        • elia

          ahahahahahahahah! concordo in toto con te sia per il tuo pensiero che per la risposta ironica!

  • Tafazzi

    Notizia bomba! Sono proprio curioso di come lavorerà Nike. Non sapevo del mancato rinnovo Adidas, ormai la consideravo parte integrante della NBA, un binomio indissolubile. Chi vivrà vedrà!

  • ciobi1984

    Era inevitabile… davvero qualcuno pensava che la Warrior o l’Under Armour l’avrebbero spuntata? Inevitabile e scontata come la progressiva “colonizzazione” delle maglie. E pensare che quest’anno il marchio delle Finals è stato messo addirittura sulla schiena, sopra il nome, anziché sulla parte anteriore della canotta… sarà un piccolo trauma, anche se in fondo sarà come vedere le maglie dei tornei NCAA spostarsi in NBA. Ma gli sponsor commerciali spero restino al loro posto… cioè in sovraimpressione sulla tv o a bordocampo sui led…
    Quanto al disimpegno di Nike sul calcio, visti i recenti lavori sarebbe solo un gran sollievo…

  • Matteo

    La Nike ha perso tante squadre di calcio blasonate, ma diventando sponsor NBA avrà un’enorme visibilità soprattutto nel mercato americano che è fondamentale.

    • giuseppe

      buongionro

      Nike ha perso anche molto nel rugby e sopra tutto nel basket europeeo ad esempio la nazionale francese che oggi é la squadra piu forte al mondo dopo gli states

  • squaccio

    La legea non ha presentato offerte ? 😀

  • Andrea Pozz

    Under armour era una bella alternativa, avrebbe fatto conoscere il marchio ad una platea molto più vasta, ma tant’è… Sono sollevato che i rumori che vedevano Jordan brand in vantaggio sulla casa madre si sono rivelati infondati: avrebbero “inflazionato” il marchio del jumpman, che è e deve restare una nicchia d’élite!
    Quando si era ufficializzato che adidas lasciava mi sono rattristato, sia perché la casa tedesca ha fatto un grandissimo lavoro a livello di tessuti, e con le nuove collezioni anche tagli e dettagli hanno avuto un ulteriore giro di chiave nel segno della qualità, ma la principale preoccupazione derivava dal TERRORE che potesse tornare champion con i suoi tessuti abrasivi!!! Nike ovviamente è una superpotenza, e totalmente a suo agio nel basket, sono curioso di vedere i nuovi lavori della casa del Oregon. In quanto a estro sarà sicuramente limitata, le divise in NBA cambiano poco di anno in anno (se non rimangono addirittura invariate) ma tutto il merchandising attorno… Mamma mia…

  • pongolein

    Svolta epocale, si poteva prevedere che nike fosse l’unica pretendente in grado di sobbarcarsi il carico, non solo economico, ma anche di veicolo mondiale di trasmissione della palla a spicchi a stelle e strisce, compito che l’adidas ha assolto a mio avviso alla grandissima negli anni, e l’ha fatto con sobrietà rinunciando a “opprimere” le collezioni con l’ingombrante presenza che solitamente troviamo nel mondo del pallone.
    Sono sicuro che nike farà altrettanto, e non mi lascio ingannare dalla presenza del baffo nelle canotte da gara, inevitabile segno dei tempi, compromesso giusto a mio avviso. Sono sicuro che nike saprà essere all’altezza, essere rispettosa delle tradizioni ma garantire anche innovazione e particolarità uniche.

    Sinceramente fatico a pensare che un azienda che fattura miliardi per raggiungere un obiettivo debba sacrificarne altri (man utd e juve su tutti), quindi non leggo questo futuro monopolio nell’nba come un ridimensionamento nell’ambito football. La crescita può avvenire parallelamente in ambedue i settori.

  • 97geo

    Sinceramente non pensa che l’adidas abbia fatto un gran lavoro con la NBA. Certo, nessun disastro, ma i modelli di colletto limitati e il disastro dei numeri di Memphis e Atlanta con il template Rev30, non mi sono mai andate giù. E le maniche sulle canotte sono state un flop colossale.
    Neanche Nike mi esalta, i suoi colletti tutti uguali a inizio 2000 sono sempre brutti (Lakers, Heat, Raptors, Mavs).a livello NCAA ha fatto buoni lavori, quindi speriamo bene.

    • Mro

      Hai ragione, Adidas ha fatto anche cose bruttine nella NBA e le magliette stile calcio sono l’aspetto peggiore. a basket si gioca in canottiera e deve rimanere così. tuttavia ha svolto anche un lavoro egregio. i materiali sono ottimi. ho dei pantaloncini Adidas dallas mavs che sono un piacere solo da toccare. ne ho anche 2 champion e ti assicuro che in quelli Adidas pare di toccare seta. la nike basket fa sempre piuttosto bene, per quanto ogni tanto tenda a strafare e caricare su colori o abbinamenti non troppo al centro. sono fiducioso e ad ogni modo vedere come sono curate i prodotti marcati NBA in tutto è sempre un bel guardare.

  • MM531

    Che colpo di Nike! E non perché la notizia non fosse scontata, dato che, una volta fuori adidas e con le altre europee non interessate, era inevitabile, ma dal punto di vista del merchandising.

    Nike ha un appeal sul mercato che adidas non ha, poiché Nike è vista come marchio americano per antonomasia, e ciò significa fascino agli occhi di noi europei (io parlo per mia fascia d’età, che poi è quella che più è coinvolta nelle logiche di marketing, in quanto portata a comprare il prodotto più cool). Anche il mercato del basket probabilmente predilige lo swoosh, e per questo l’inserimento di quest’ultimo non causerà, per me, grandi problemi. Mi immagino cosa sarebbe successo se avessero inserito il marchio sul fronte, oppure addirittura le three stripes…

    Questo successone oltreoceano avrà delle ripercussioni fortissime anche nel vecchio continente, nonostante ormai Nike abbia solo 1 vero Top club nel calcio (sperando che rinnovi, anzi no, vista l’ultima maglia).

  • Daniele Costantini

    Notizia “bomba” fino a un certo punto. Alcuni recenti disimpegni di Nike nel mondo del calcio, Manchester United e Juventus su tutti, avevano fatto capire che lo swoosh stava forse dirottando altrove parte dei suoi investimenti… fare 2+2 non era così difficile 🙂

    Sinceramente, la recente epoca adidas in NBA mi ha più deluso che esaltato; soprattutto, l’introduzione delle maniche corte è stata per me qualcosa al pari di un sacrilegio! 😀 Se ripenso a quelle t-shirt, il fatto che ora sulle canotte comparirà lo swoosh è quasi uno zuccherino…

    Adesso Nike gioca in casa, ed è nella difficile posizione di non pover sbagliare di fronte al proprio pubblico (se non dinanzi a un’intera nazione)… ma è anche vero che la palla da tre punti, a tre secondi dalla sirena, la dai in mano non al più bravo, ma a chi ha il sangue più freddo.

    Anche alla luce dell’eccellente lavoro svolto con il marchio d’elite Jordan – e qui mi aspetto dei prodotti ad hoc degni di tal nome -, non nego che ho grandi attese per questo nuovo corso.

    • olè

      sinceramente la storia delle mezzemaniche è un po’ contorta, assolutamente d’accordo che facciano schifo in NBA, però da quello che ho capito è stata una scelta della lega e non di adidas

      • Mro

        Non lo sapevo. Però non sarebbe strano. la NBA punta sempre alla novità ed è attenta a tutto quello che può stuzzicare il pubblico; tuttavia le t-shirt elasticizzate al posto delle canotte è come dici un sacrilegio e un buco nell’acqua che spero sia destinato a non ripetersi.

  • FERT

    Notizia veramente bomba ! Nel calcio ora come ora è forse un po più avanti Adidas ( Man.U Bayern Real Chelsea Milan Juve contro PSG Barça Inter Atl.M) ma Considerando che ha NBA e NFL….Che si stia instaurando un leggero predominio mondiale Nike ?

  • Filippo

    Non capisco che senso abbia annunciare il tutto con 2 anni di anticipo…