SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

“NO RACISM”, la Lazio si schiera contro qualsiasi forma di razzismo.

Nel posticipo contro l’Udinese la squadra biancoceleste è scesa in campo con la prima maglia recante la scritta “No Racism”. Una scelta voluta dal presidente Lotito dopo l’aggressione ai danni dei tifosi del Tottenham, i cui responsabili sono ancora da verificare.

Formazione Lazio-Udinese 2012-2013

Peccato che durante la partita di ieri alcuni tifosi abbiano intonato il coro “AS Roma juden club”, episodio che segue quello di Europa League quando si sentì “Juden Tottenham”.

Maglia Lazio con scritta No Racism

La lotta al razzismo è importante, una frase su una divisa non basta, speriamo serva comunque a qualcosa.

  • AlbPal

    La lotta al razzismo è importante, una frase su una divisa non basta, speriamo serva comunque a qualcosa.
    PM hai detto tutto, non aggiungo altro.

  • mr enrich 12

    anche voi vi mettete a fare i moralisti adesso???…dite che una parte dello striscione della nord non è stata fatta entrare allo stadio…quella parte diceva”razzismo non ci appartiene”…dite questo.

    • passionemaglie.it

      Nessuna morale, solo il racconto di quanto è successo, si chiama cronaca.
      Sono sicuro che la maggior parte dei tifosi non sia d’accordo con questi slogan disgustosi.

      • DY

        Dal punto di vista puramente grafico, lo slogan dà un po’ di “colore” alla maglia… se non trovano uno sponsor, io la lascerei tutta la stagione (un po’ come fece il Barcellona con Unicef).

        • ale.co

          hai ragione. Graficamente la maglia nuda ha un pò stancato.
          Spero questa scritta sia lasciata tutto l’anno. Da laziale dico che c’é una parte numericamente minoritaria ma tutt’altro che marginale della Curva nord che non riesce a tagliare i ponti con un passato poco glorioso fatto di “Buhh” di croci celtiche, di bandiere della R.S.I.
          Spero che si capisca che loro non rappresentano nessuno, se non loro stessi.

  • Alessio

    Che buffonata…

    • DY

      Perché sarebbe una buffonata? Cosa ci sarebbe di ridicolo nel vedere la Lazio che vuole smarcarsi da un centinaio di teppisti?!? (tutta gente che usa la “scusa” del calcio polo per poter fare impunemente i loro comodi).
      La Lazio non è certo l’unica squadra cui gravitano intorno pseudo-tifosi interessati solo al razzismo e alla violenza… ma allo stesso tempo, la maggioranza dei tifosi laziali sono gente onesta e rispettosa: con questa mossa, Lotito si è schierato pubblicamente dalla loro parte.
      Da questo punto di vista, a Lotito non si può rimproverare nulla: è forse il primo presidente laziale che si è messo in prima persona contro questa gente (a differenza ad es. di Cragnotti che invece era pappa&ciccia con loro, permettendogli perfino di mettere le mani sugli introiti del merchandising).

    • passionemaglie.it

      No, non è una buffonata.
      Non risolve certamente il problema, ma non è una buffonata.

  • Geeno Lateeno

    Potrebbe essere una idea indossarla almeno fino alla fine della stagione, e soprattutto in campo internazionale?
    Sarebbe un bel messaggio che la società manda, soprattutto a quei deficienti che ne sporcano l’immagine

  • F093

    Io in realtà penso di essere profondamente razzista…. verso tutti quelli che sono razzisti!!!!!!
    Non riesco proprio ad accettare la stupidità di chi disprezza un altro essere umano e si permette di offenderlo per motivi legati al colore della pelle, alla religione, al partito politico….
    Via questa gente dagli stadi, mettiamo un bel cartello all’entrata: “sei razzista? allora non puoi entrare!!!”
    F093
    old style

    <> (A. Einstein)

    • passionemaglie.it

      Questo genere di razzismo mi piace molto 😉

    • Geeno Lateeno

      Anche a me
      Il fatto è che questi qua hanno il cervello talmente piccolo che dubito siano in grado di capire il significato della scritta sul cartello!!!

      • AlbPal

        E anche a me. Queste specie di esseri viventi bisogna isolarli il più possibile dalla società civile (civile intendo persone che si rispettino a vicenda a prescindere quale sia il contesto), dato che non ce nessun metodo che possa far cambiare il loro modo di pensare e di vivere.

  • Alessio

    È una buffonata lava coscienza perché se uno è talmente idiota da considerare che ebreo,cristiano,zingaro,negro siano insulti non cambierà certo idea perché Lotito (le cui idee politiche sono ben note) fa stampigliare una scritta su una maglia.
    Non si combatte così il razzismo,con una scritta una tantum.

  • Alessio

    Ah,non vedo dove sia l’insulto nel coro “AS ROMA JUDEN CLUB”.
    Sono anche articoli come questo che andrebbero eliminati se si vuole eliminare il razzismo

    • Scott Walker

      Alessio, posa il fiasco…

      Pietà!

    • passionemaglie.it

      Se non fosse Alessio si potrebbe anche provare a rispondere. A lui piace provocare, l’ha ammesso candidamente tempo fa.

      Non dargli corda è una buona soluzione.

      • Geeno Lateeno

        Ottima risposta PM, e sono contento che tu abbia comunque deciso di non “censurarlo” rimuovendolo dai post.
        È il modo migliore per non nascondere che c’è in giro gente con grossi problemi e che va aiutata ad uscirne. A proposito, ciao Alessio.

      • passionemaglie.it

        Alessio non ha nessun problema, non esageriamo con giudizi personali.
        Le nostre posizioni sono discordanti nella maggior parte dei casi, ma finchè non offende nessuno o non esagera con le provocazioni può sempre dire la sua.

        • Geeno Lateeno

          Forse ho esagerato e me ne scuso

    • FDV

      Più che altro se rileggesse il suo stesso commento postato 3 minuti prima riuscirebbe ad individuare cosa c’è che non va in quel coro.

      • Alessio

        So leggere e so quel che dico.
        È evidente che quei laziali considerino che dare ai romanisti degli ebrei sia insultante e che quindi il coro sia intrinsecamente razzista.
        Trovo però che il modo migliore per neutralizzarli sia scrivere che quel coro non contiene nessuna ingiuria piuttosto che additarli come esempio di razzismo visto che così facendo si finisce solo per fomentarli e nel dopo Tottenham questo è stato evidente (as roma juden club è. un coro che mai era stato fatto e scimmiotta quello fatto contro i tifosi inglesi).
        Spero sia più chiaro il mio pensiero.

        • rudiger

          Non ho ancora ben capito se Alessio sia un provocatore o un difensore degli ultras senza se e senza ma. Di buono c’è che smuove le acque del buonismo. Personalmente quando vedo queste iniziative “morali” da una parte approvo, dall’altra le ritengo poco incisive.
          Ad esempio la scritta: “no al razzismo”. Il razzismo, come filosofia (so bene che esiste ancora), è stato sconfitto dalla storia, dalla medicina, dalla scienza, dall’evoluzione, dalla politica, dalla filosofia sociale e anche dalla realtà (conosco più coppie miste che “donne e buoi dei paesi tuoi”). Ribadire che è una str…..ta con una scritta sembra quasi rimetterlo in discussione. La scritta giusta sarebbe “No ai razzisti” cioè le persone, gli individui che ancora lo propagandano (sempre vigliaccamente in gruppo e nell’anonimato) che andrebbero anche emarginati in qualche modo. Ad esempio con l’interdizione ai pubblici uffici e a certi lavori (come l’insegnante). Sei razzista? Liberissimo, ma non puoi insegnare e rappresentare una cittadinanza che in maggioranza e fino a prova contraria non lo è.
          Inoltre la scritta è sbagliata anche perché il coro non è razzista, o meglio non solo: è antisemita, che è pure peggio.

        • Alessio

          Non sono un difensore degli ultras a prescindere (ho fatto vita di curva per anni e so come funzionano certe cose), sono un difensore della libertà d’espressione (nei limiti della legge, ovviamente) e contro il buonismo.
          Il problema è che le regole ci sono ma,ovviamente, non vengono applicate: arriva dagli spalti un coro considerato espressione di ingiuria o di discriminazione razziale? Bene, si deve interrompere la partita. Non scrivere su una maglia una scritta che,come giustamente dice rudiger, è pure “sbagliata”.
          Meglio sarebbe stato scrivere: Sei razzista? Qui non ti vogliamo.

        • Alessio

          Anzi, meglio ancora sarebbe stato scrivere:

          IO SONO EBREO

        • rudiger

          Si, “io sono ebreo” sarebbe stato più appropriato. Faccio notare una cosa che non ho letto da nessuna parte: il coro diceva “juden”, in tedesco, e non jew, in inglese, come ci si aspetterebbe per cori rivolti a tifosi inglesi. Il coro non era per loro, infatti è stato ripetuto per i romanisti. Qui non sono d’accordo con Alessio che non vede l’insulto. C’è qualcosa di più dell’insulto: c’è istigazione all’odio razziale e antisemita che si rifà esplicitamente a una dottrina politica neonazista. Se poi lo cantano perché sono stupidini o perché seguono il coro peggio per loro, imparino a pagare le conseguenze delle posizioni che prendono.

  • squaccio

    Il problema è molto lungo da dibattere: ma qui si parla della scritta su di una maglia che per quanto possa essere riduttiva, ha dato un discreto segnale.

    Se proprio devo dire la mia sulla questione razzismo, innanzitutto io punirei con le porte chiuse i sostenitori della squadra con atteggiamenti razzisti;
    certo il caso dell’aggressione ai tifosi inglesi è un po’ difficile da catalogare perchè avvenuta fuori dallo stadio ed ad oggi non si capisce ancora chi ci ha partecipato (laziali ? romanisti ? tifosi inglesi rivali del Tottenham ? Matrice Politica ?) quindi in questo caso le porte chiuse non le applicherei.

    Mi scuso se ho parlato di tutt’altro.

  • Antonio

    Quando decidete di parlare delle magliette fatemi un fischio. Una bella iniziativa da parte della mia squadra, la Lazio, buttata in caciara.

    Ancóra una volta ne usciamo umiliati noi laziali che il razzismo lo combattiamo dall’interno, che col razzismo non abbiamo niente a che fare e che ogni volta, per un grappolo di stupidi, paghiamo uscendone con le etichette di sporchi, brutti e cattivi addosso.

    Insomma, io sintetizzerei l’affissione della scritta antirazzista sulla maglia con: “Come fai, fai male”.

    • passionemaglie.it

      Della maglia non c’è molto da dire, la discussione è comunque interessante e non è affatto finita in caciara.

      Ogni iniziativa si presta ai commenti degli altri, positivi o negativi che siano.

  • AlbPal

    @Alessio. Le regole ci sono e vengono applicate, l’arbitro della gara Lazio-Tottenham ha consegnato il referto della partita alla UEFA, penso l’abbia fatto anche il delegato UEFA presente allo Stadio Olimpico. Si aspetta una decisione formale della disciplenare UEFA, sicuramente arriveranno delle sanzioni. Se arriveranno non è una bella cosa dal punto di vista dei risultato sportivo (non tifo Lazio tranne che in Europa, come tutte le italiane) ma dal punto di vista etico e morale è una bella cosa. Cmq mi chiedo come l’arbitro non abbia sospeso il match.

    • Alessio

      L’articolo diceva che i cori sono stati fatti nella partita con l’Udinese,non in europa.
      E le regole italiane parlano chiaramente di sospensione della partita.

      • AlbPal

        Lo so, ho preso in ballo l’Europa League solo per ricordare che un club calcistico può rischiare una sanzione per colpa di un gruppo di deficienti e rischiare di far scivolare l’Italia nel ranking UEFA (questi “tifosi” non sanno che possono rovinare il destino del proprio club in quell’annata, le regole UEFA sono dure). Se l’UEFA prenda una decisione dura, che lo faccia anche la disciplinare federale italiana. Ma non con delle multe, ma con ben altro.

        • AlbPal

          P.S. I cori antisemiti da parte della Curva Nord sono stati anche in Lazio-Tottenham.

        • Alessio

          Io spero sempre che le squadre italiane (Milan a parte ovviamente) perdano sempre proprio per perdere altre posizioni nel ranking.
          Ma questo è un altro discorso.

  • FDV

    Comunque il succo di tutto è che questa maglia non risolve il problema razzismo nè nella parte di curva nord che lo ostenta, nè nel mondo, però è un tentativo da parte della SS Lazio di recuperare i danni di immagine dopo quanto successo intorno alla partita con il Tottenham.

  • biancoscudo

    cosa vista e rivista, fatta solo perchè la lazio è senza sponsor. sull’utilità ho molti dubbi

  • Consy

    Salve a tutti, essendo stato presente in curva nord durante Lazio-Udinese, vorrei riportare anche il mio punto di vista a riguardo. Innanzi tutto vorrei sottolineare come “as roma juden club” sia un coro cantato da almeno 10 anni dalla curva laziale e come gli altri se ne siano accorti solo oggi; tra l’altro, spesso, questo coro viene cantato da più persone, mentre durante Lazio-Udinese una parte veramente molto ristretta della curva ha iniziato ad intonare il coro che è stato poi sommerso dai fischi del resto dello stadio. Questo mi fa pensare che i media, le tv ecc non aspettassero altro che qualcuno, all’interno della tifoseria, che iniziasse a fare l’idiota per poter additare i responsabii sotto il nome di “tifoseria laziale”, generalizzando un problema dal quale la società e la maggioranza di noi tifosi vuole prendere le distanze.

  • William

    Iniziativa che può sensibilizzare e con la quale Lotito e la Lazio prendono le distanze da chiunque sia razzista.

    Ma il font è davvero terribile!!

  • Biagio

    Bella iniziativa 🙂