SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Come gli appassionati hanno ormai imparato, molte volte una squadra di successo non veste delle divise degne di questo nome, vuoi per l’utilizzo di template già visti, vuoi per questioni di mero gusto estetico; inversamente, curiosando tra le formazioni minori, capita di imbattersi in maglie all’apparenza semplici e poco innovative, realizzate da marchi forse poco conosciuti al grande pubblico ma, ciò nonostante, decisamente più riuscite di altri più famosi esempi.

Le maglie del Figueirense 2013 Penalty

In quest’ultima categoria, possiamo far rientrare le nuove divise della compagine brasiliana del Figueirense Futebol Clube, che in fase di ideazione hanno visto il parziale contributo della stessa tifoseria degli Alvinegro.

La squadra di Florianópolis, partecipante quest’anno a livello nazionale al Campeonato Brasileiro Série B, disputerà la stagione 2013 con due casacche dal taglio abbastanza classico, nel solco della tradizione. Fornitore tecnico del club brasiliano è anche quest’anno Penalty, azienda brasiliana non molto famosa presso il pubblico europeo, ma che in Sudamerica vanta una lunga tradizione in campo calcistico e non.

Presentazione kit Figueirense 2013

La prima divisa abbandona la sperimentazione della stagione passata (maglia nera con sottili righe bianche), per riabbracciare le tradizionali righe verticali bianco-nere, abbinate a delle maniche completamente nere; queste ultime, presentano come motivo ricorrente – ma non “invasivo” – il logo Penalty, ripetuto per tutta la loro lunghezza. Lo stemma del club è posizionato da tradizione all’altezza del cuore, mentre il marchio dello sponsor tecnico è inserito sulla parte destra del petto, racchiuso in un piccolo rettangolo nero che – nonostante vada a “rompere” la rigatura verticale – risulta ben armonizzato nella fattura generale della maglia.

Il colletto è bianco, e termina in una particolare chiusura obliqua di colore verde che, oltre a richiamare l’identico colore presente nello stemma societario, contribuisce a dare un tocco colorato ad una casacca altrimenti un po’ piatta cromaticamente. Verdi sono anche le cuciture a vista presenti tra petto e maniche.

Prima maglia Figueirense 2013

Il retro ripropone pressoché l’identico stile già visto nella parte frontale, con l’aggiunta di un quadrato nero per l’inserimento dei numeri dei giocatori: questi sono disegnati in bianco, con un font abbastanza moderno – forse poco inerente col contesto generale della divisa – e contornati da una bordatura in oro. È interessante notare la sottile trama obliqua con cui è stato trattato il tessuto nella parte posteriore della casacca. I pantaloncini sono neri, con una sottile contornatura bianca, mentre i calzettoni sono totalmente di colore nero.

Bozzetti Figueirense Penalty 2013

Come accennato nell’incipit dell’articolo, la realizzazione della seconda divisa ha visto il club e la Penalty interpellare direttamente la torcida del Figueirense. Ai primi del dicembre scorso, attraverso la pagina Facebook della società, erano state sottoposte ai tifosi bianconeri tre differenti proposte grafiche tra cui scegliere, inerenti l’ipotetica nuova maglia da trasferta: avendo come base comune una casacca bianca, la scelta era tra una fascia orizzontale nera sul petto, una banda verticale nero-verde lungo la parte sinistra del busto, e delle pinstripes nere (quest’ultima simile a quella sfoggiata l’anno passato, con pinstripes diagonali).

Figueirense maglia trasferta 2013 Penalty

La scelta è caduta sulla seconda proposta. I tifosi degli Alvinegro vedranno quindi scendere in campo i loro beniamini con una casacca bianca, dove spicca una marcata banda nero-verde, che va ad inglobare anche lo stemma societario. Il colletto prevede stavolta un semplice scollo a “V” bordato di nero, caratteristica che ritroviamo anche nei bordini delle maniche e lungo le cuciture sulle spalle. I restanti dettagli rimangono identici a quelli della divisa casalinga, tranne per il logo del fornitore tecnico, stavolta “libero” da rettangoli.

Nella parte posteriore, ritroviamo la peculiare trama obliqua del tessuto. Rispetto alla prima maglia, è invece assente il “quadratone”, così i numeri di maglia sono semplicemente in nero, stavolta senza alcuna bordatura d’oro. Con colori differenti, i pantaloncini riprendono l’identico stile della divisa casalinga, essendo bianchi ma con una piccola contornatura verde; i calzettoni sono invece bianchi ma con risvolto nero.

Maglia Figueirense 2013 con gli sponsor

Come purtroppo accade di frequente nel calcio sudamericano, la semplicità di queste divise viene stravolta dall’inserimento degli sponsor pubblicitari, molto invasivi (sono presenti sia sulla maglia che sui pantaloncini), andando a discapito delle idee originali dei designer. Non bastassero le varie etichette presenti su maglia e pantaloncini (Caixa, Taschibra, Unimed, Ja…), da tempo in Brasile si è arrivati ad inserire marchi commerciali perfino all’interno dei numeri di maglia (Liderança), assieme al logo del fornitore tecnico; personalmente, mi permetto di dubitare circa l’effettiva efficacia di una sponsorizzazione simile…

Il Figueirense, nella sua realtà minore, vanta a livello statale il conseguimento di 15 Campeonato Catarinense e 2 Copa Santa Catarina, mentre il suo successo più prestigioso rimane il Torneio Mercosul del 1995 (pur se mai riconosciuto ufficialmente dalla CONMEBOL). Attualmente inpegnata nella Série B, con le nuove divise la squadra cercherà in questa stagione l’immediato ritorno nella massima serie brasiliana.

Vi piacciono le nuove maglie del Figueirense? Siete d’accordo con le scelte dei tifosi?

  • Daniele

    Inutile vedere la presentazione delle maglie brasiliane, tanto poi le imbrattano di sponsor..

    • TITO

      esatto. perciò io non mi esprimo neanche.

  • MMarans

    Tralasciando gli sponsor sono molto belle.
    Per seconda preferivo la prima tra le 3 tra cui scegliere.

    Peccato poi che non si veda la maglia perchè coperta da toppe.

    • adb95

      cacchio però ci si stanca a scrivere sempre le stesse cose. ottima maglia, ma senza sponsor

  • caggiamilan

    fatta esclusione per i font (e per la mascotte più brutta della storia, che però non ha alcuna incidenza sulle maglie) non sono tanto male, mi piace soprattutto la seconda maglia

  • Niccolò Nottingham Forest

    I tifosi del Figueirense hanno buon gusto, e hanno scelto l’alternativa secondo me migliore.
    Mi piace moltissimo anche la Home, in particolare l’idea del colltetto verde che riprende il logo societario. Devo dire che non mi dispiacerebbe vedere una divisa così per l’Ascoli (ovviamente maniche a strisce) con un colletto simile a questo ma in rosso.
    Le uniche pecche: avrei mantenuto la caratteristica del colletto anche sulla Away per caratterizzare l’intero Kit; mentre per quanto riguarda la Home.. e se avessimo osato un numero in verde???

    HOME 7 1/2 (Ascoli facci un pensierino)
    AWAY 7 (Sassuolo facci un pensierino)
    SOCIETA’ 10 bravissimi a coinvolgere i tifosi (OGNI società, facci un pensierino)

    • Daniele Costantini

      Quando ho visto la maglia away, anche io ho subito pensato al Sassuolo 😉 . Pur se la semplice maglietta bianca sfoggiata dai neroverdi nelle ultime stagioni, non mi è dispiaciuta: http://static.fanpage.it/calciofanpage/wp-content/uploads/gallery/le-immagini-della-35a-giornata-di-serie-b/novara_sassuolo_.jpg

      • ste2479

        maglia del sassuolo toccata con mano sabato scorso in centro commerciale di sassuolo.
        il materiale delle maglie (paragonabile a quello delle maglie da bancarella)di fronte ai 75 euro richiesti fa gridare allo scandalo…
        per fortuna il contratto scade a giugno 2013….e spero che non venga rinnovato…

        • Daniele Costantini

          Non ho avuto modo di toccare con mano la qualità della maglia realizzata da Sportika, quindi non mi esprimo in questo senso. Il mio giudizio riguarda prettamente il lato ‘estetico’ della casacca, non la sua realizzazione 🙂

      • Niccolò Nottingham Forest

        Anche secondo me Sportika ha fatto un buon lavoiro per la Away del Sassuolo, ma non posso ignorare quello che ha detto Ste2479, la qualità dei materiali dovrebbe sempre essere al primo posto, anche se confesso che mai avrei pensato a tessuti scadenti vedendo le divise in televisione.
        Detto questo ciò che mi piace della Away degli emiliani è proprio la semplicità, in particolare apprezzo il fatto che Sportika non abbia seguito la moda del momento delle squadre “bicolore” e cioè di proporre una Away in bianco sbarrata con i due colori societari:

        ecco il Palermo:
        http://palermocalcio.it/upload/assets/files/976,-1,28219/8875-3.jpg
        il Virtus Lanciano:
        http://images.scribblelive.com/2013/3/24/a5e31865-0fe5-4ad0-af58-f6821d9dcd5a_500.jpg
        l’Inter (leggittimo l’uso dovuto alla tradizione):
        http://images2.gazzettaobjects.it/Hermes%20Foto/2013/03/03/0MJ3DQQP–473×264.jpg?v=20130303171156
        Juve Stabia anche se non proprio la tipica sbarrata l’effetto è quello:
        http://static.fanpage.it/calciofanpage/wp-content/uploads/gallery/le-immagini-della-18a-giornata-di-serie-b/ternana_juve_stabia.jpg
        Vicenza:
        http://sphotos-a.xx.fbcdn.net/hphotos-prn1/p480x480/397462_329012243792918_1024362577_n.jpg
        e Juventus:
        http://img835.imageshack.us/img835/6440/acsienavjuventusfcserie.jpg

        E vi assicuro che la cosa sta prendendo piede anche tra i dilettanti… Penso che la sbarrata (mia maglia preferita) sia una divisa iconica come poche altre (la V del Brescia, la blucerchiata della Sampdoria, la strisciata del Celtic, e pochissime altre) e dovrebbe quindi essere indossata SOLO dalle squadre la cui tradizione lo consente:
        per quanto riguarda la Home non abbiano esempi in Italia, il Grosseto l’ha adottata solo nella storia recente, ma la sbarrata Home per eccellenza è senza dubbio la maglia del Perù: http://www.maglieinrete.it/Foto/pru_1982_4_a.jpg ; mentre per quanto riguarda le Away, se la possono permettere Inter http://www.mimmorapisarda.it/inter/inter1965.jpg ; e bologna http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/a/a1/Bologna_Football_Club_1976-1977.jpg/800px-Bologna_Football_Club_1976-1977.jpg

        • ferro

          ti sei dimenticato di river e vasco (in brasile ci sarebbe poianche la pontepreta di campinas)

        • Niccolò Nottingham Forest

          Non proprio Ferro, nel mio intervento più che di sbarrate classiche parlo di maglie AWAY bianche o nere con la sbarratura dei colori sociali, in effetti ho parlato impropriamente del Perù in questo senso ma non si poteva non citare la nazionale sudamericana parlando di maglie sbarrate! Hanno il copyright!!

          Comunque River assolutamente mentre sulle altre che hai detto confesso che non lo spaevo!

        • Daniele

          Da quello che mi è stato raccontato da miei congiunti più anziani di me, anche il Napoli degli anni fine ’60 metà ’70 (le formazioni con pesaola,vinicio e sergio clerici per intenderci) ha giocato con away bianca sbarrata di azzurro, sapreste confermarmi? io qualche immagine me la ricordo di clerici che giocava col cappellino…Grazie a tutti.

        • Niccolò Nottingham Forest

          Ecco qui Daniele ma parlavo di sqaudre bicolori che propongono nella away i due colori societari sbarrati. Comunque hai ragione!

          http://3.bp.blogspot.com/–0NP_7YxJGY/T-r3DSl1AEI/AAAAAAAACRk/maaogjFB5E8/s1600/1961-1962.jpg

          Ecco in questo caso sarebbe bello se Macron riproponesse questa divisa per i partenopei.. sarebbe proprio bella e ci sarebbe il “permesso storico” di utilizzarla.

        • Daniele Costantini

          @Daniele e Niccolò: riguardo la maglia napoletana che avete citato, per un certo periodo fu utilizzata pefino come prima divisa!

          Nella stagione 1964-65, in Serie B, il Napoli stava disputando un’ottima stagione, e molte buone prestazioni maturarono indossando la seconda maglia, bianca con sbarra diagonale azzurra: l’allora presidente Roberto Fiore – per scaramanzia – decise quindi di terminare il campionato con quella divisa, con cui venne conquistata la promozione in Serie A. Sempre per scaramanzia, questa diventò l’uniforme casalinga per la stagione 1965-66. La tradizionale maglia azzurra ritornò ad essere la prima divisa dalla stagione 1966-67 😉

          Qui c’è una bella panoramica sull’evoluzione della divisa del Napoli, dal ‘Naples Foot-Ball & Cricket Club’ del 1904 fino ai giorni nostri: http://www.riccardocassero.it/icolori.htm#2

        • Niccolò Nottingham Forest

          Bellissimo! Quindi nella stagione 2013/14 sarebbe bello se Macron facesse una terza divisa a righe verticali bianco-blu navy per i 100 anni di quella divisa, o da utilizzare magari per una sola partita.

    • stefano

      IL NUMERO GIALLO /ORO NON C’ENTRA NULLA, ERA MEGLIO VERDE…..POI SONO ARRIVATI GLI SPONSOR……sono d’accordo con PM, la visibilità degli sponsor è praticamnete nulla , servono ad imbrattare la maglia e basta, personalmente non comprerei MAI la maglia della mia squadra con tutti quegli sponsor……Già non compro le ultime della Juventus per i patacconi…..spero che la prossima sia quella giusta…..almeno spero!

  • ste2479

    lo sponsor che stona maggiormente cmq è quello verde della Taschibra

    • Niccolò Nottingham Forest

      Non sono d’accordo, se fosse stato nella posizione solita (e ovviamente da solo) si sarebbe integrato molto bene con il colletto e il logo societario. Sono le due figure ovali arancioni sulle scapole i peggiori!

      • ferro

        tra l´altro Taschibra e´ lo sponsor tradizionale della figuerense e il verde un colore societario…

  • mimmo20

    La maglia è bellissima,peccato che è diventata un porta francobolli e stickers

    Senza Sponsor la prima è un 8
    La seoonda pure

    Penalty ha fatto un ottimo lavoro

  • Wasshasshu

    il logo Penalty ripetuto sulle maniche ricorda alcune maglie umbro di un po’ di tempo fa, penso che sia uno dei modi migliori di inserire un logo sulle maniche (anche se per Kappa, ad esempio, lo stesso effetto non rende).

    Apprezzo l’azienda in generale, e le maglie al netto degli sponsor mi piacciono molto. Non soffrono particolarmente l’assenza di strisce sulle maniche anche per l’abbinamento cromatico, così forte che a volte ha bisogno di qualche rottura (la maglia dell’Udinese 2008/2009 ad esempio creava un brutto effetto per la sottigliezza e continuità delle righe, era troppo forte), ed il verde trovo stia molto bene come contrasto.

    La seconda è molto ben fatta, classica ma resa benissimo. Sono sempre contro la maglia away bianca (o nera) quando la home è bianconera, ed in Brasile tra l’altro non sono certo i primi a fare un kit del genere, però in assoluto lo trovo molto riuscito.

    Bisognerà valutare l’impatto degli sponsor ma il lavoro è comunque positivo.

    • Wasshasshu

      Ah, non avevo visto la foto con gli sponsor a fine articolo xD
      Che dire? Come al solito. A me piace comunque, però è molto danneggiata chiaramente.

  • mosca

    Si commenta una maglia che non c’è, gli sponsor invalidano tutto. Peccato i templates non erano affatto male

  • ferro

    le maglie sono molto belle a mio avviso, al netto degli sponsor e´chiaro, per i materiali posso assicurare che penalty lavora con linea di prima fascia, io possiedo una maglia del vasco con percentuali di cotone sullo stile template by umbro, un velo pietoso per font e…mascotte…

    • ferro

      a mio avviso la bianca rende meglio con gli short neri e trovo che i calzettoni bianchi dovrebbero per logica e armonia del completo avere la banda neroverde e non semplicemente nera

  • elkunazzurro

    Un apprezzamento speciale per le modelle con fuseaux e maglia “rigorosamente” corta 😀

    • Daniele Costantini

      Il Brasile è forse l’unico Paese dove donne e pallone vanno d’amore e d’accordo 😉

      • elkunazzurro

        “Il Brasile è forse l’unico Paese dove donne e pallone vanno d’amore e d’accordo”

        Vangelo 😀

  • 19davide99

    la maglia away mi ricorda quella di qualche anno fa del borussia moenchengladbach

  • Maurizio Felci

    Tutte molto brutto. A partire dal disegno per finire con il font dei numeri.

    • Alessio

      Mi trovi concorde.

  • Eugenio

    Maglie classiche brasiliane : carine alla presentazione, ma successivamente imbottite di sponsor …

    Voti 7 – 7

  • Torto #13

    Molto belle secondo me, ovviamente al netto degli sponsor, perché con la presenza di questi ultimi cambiano totalmente aspetto e perdono moltissimo.
    Il lavoro di Penalty comunque è molto buono. Bene anche il fatto che siano stati interpellati i tifosi.

  • LM

    Bellissime divise, Penalty mi piace per le maglie che produce.