SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Per il Venerdì Vintage ci soffermiamo su una maglia da portiere, fulgido esempio della deriva astrattista che caratterizzava le divise degli estremi difensori negli anni ’90, di cui Umbro fu tra i principali fautori.

David Seaman a Euro 96

La maglia in questione è quella con cui si presentò in campo David Seaman a Wembley nella semifinale degli Europei del 1996 disputata contro la Germania. Di memorabile in quella partita c’era anche la divisa grigiastra (ufficialmente “Indigo blue”) indossata dai giocatori di movimento, molto criticata all’epoca principalmente per il fatto di non essere rossa, colorazione tradizionale e soprattutto benaugurante contro i tedeschi.

Formazione Inghilterra-Germania Euro 96

Dopo l’1-1 nei tempi regolamentari determinato dai gol di Shearer e Kuntz, la partita terminò tristemente per gli inglesi ai calci di rigore, dove l’errore di Southgate aprì le porte della finale alla Germania, poi vincente per 2-1 sulla Repubblica Ceca grazie al golden goal di Oliver Bierhoff.

Seamana consola Southgate dopo il rigore sbagliato Euro 96

Ma torniamo alla maglia di Seaman, che certamente spiccava in mezzo a quelle grigie dei compagni di squadra. Il colore principale era il rosso, arricchito da un “trionfo” di tonalità in vari formati. Iniziamo dalle maniche, ricoperte da un gioco di rettangoli e quadrati viola, gialli e verdi.

Sulla parte frontale si replicano due rettangoli, uno verde in verticale intersecato da uno giallo in orizzontale. Sul lato destro c’è una colata di colore viola dal bordo sfumato. Al centro in verticale compare due volte la parola England in blu ed in giallo in formato gigante, mentre sul lato destro ci sono le enigmatiche lettere E, G, ed N capovolte orizzontalmente.

Sul lato sinistro c’è un grande stemma dei tre leoni in viola.

Maglia portiere Inghilterra 1996 Umbro

Un dettaglio ai limiti del grottesco è rappresentato dai quattro rettangoli di testo sparsi per la parte frontale. Come prima impressione potrebbero far pensare a qualcosa di emozionale come il testo completo di God Save the Queen o la formazione dell’Inghilterra Campione del Mondo 1966, ma a vederli da vicino si scopre che riportano meramente la dicitura Football Association ripetuta una quarantina di volte, con la particolare attenzione di far iniziare una riga con Football ed una con Association tranne un intoppo nel mezzo… l’artista che l’ha creata deve aver fatto un distratto copia e incolla delle prime nove righe.

Scritta Football Association ripetuta

Due dettagli che invece provocano una certa nostalgia a rivederli oggi sono le imbottiture dei gomiti che ripropongono la forma dei diamanti Umbro (come del resto la trapuntatura di tutto il tessuto) e il Made in England riportato sull’etichetta.

Dettagli maglia Inghilterra portiere 1996

La divisa si completava con pantaloncini sostanzialmente sobri, rossi con il solo fianco sinistro intaccato dalle fantasie della maglia, e calzettoni di cui non si può dire la stessa cosa: rossi con hoops alternate gialle e verdi.

Seaman con la maglia dell'Inghilterra nel 1996

 A distanza di 18 anni, che ne pensate di questo stile fuori dagli schemi?

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    In questo periodo iniziò la decadenza stilistica di Umbro. Certo questa maglia “pazza” è davvero memorabile; come del resto la maglia grigia dei giocatori di movimento. Nostalgia, comunque, di quegli anni.

  • Swan

    Di norma le maglie da portiere non mi dicono niente, preferisco che ne indossino una presa dal set di divise usate dai giocatori di movimento.
    La maglia usata da Seaman nel 1996 era oscena, dopo 18 anni ancora di più.

    • Daniele Costantini

      Concordo, e consiglierei al calcio di strizzare l’occhio alla pallavolo: come il libero gioca con la seconda maglia rispetto al sestetto, lo stesso si potrebbe fare nel calcio tra portiere e giocatori di movimento.

      • antonio

        Ma non ha nessun senso, perchè se si affrontassero squadre come perugia e piacenza o juventus e udinese, i rispettivi portieri si confonderebbero con i giocatori avversari!

  • Moa

    Ahhhhh gli anni ’90!

  • amedeo

    Le attuali maglie da portiere nike e Adidas (monotonissime e tutte uguali) saranno anche brutte. Ma questa è inguardabile!!!!! Come del resto tutte le maglie da calcio in generale negli anna tra il ’95 e il 2000

    • Giovanni

      Più che dal ’95 al 2000, io sposterei il periodo degli orrori tra il ’91 e il ’96.

      • cisky

        Confermo, con picchi notevoli nel 91 e 92

  • squaccio

    Potevo comprarla comodamente in un negozio a Foggia e ai tempi non lo feci.
    Me ne pento.

    • collezionista_34

      Ci credo. vado controcorrente, e dico: FANTASTICA. Considerando l’epoca e gli stili del tempo, con gli occhi di oggi.

  • ciobi1984

    Pagherei oro per rivederle oggi… grandi maglie, grandi fantasie, grandi storie… era un altro calcio e se pure il tempio di Wembley (quello vero, no lo scempio attuale!) veniva violato da questa divisa, beh, allora Umbro era davvero d’un altro passo… e cmq sarà pure stata esagerata, ma è una delle più belle maglie da portiere che ho visto (assieme a quella di Seba Rossi nella finale di Champions del 1994 contro il Barcellona: a quando un vintage sulle favolose maglie da portiere Ulhsport?)

    • alex 85

      concordo

  • alecasy

    io da portiere dico che la maglia rispecchiava la moda del tempo…certo è che è da qualche anno che, non so se per regolamento, le maglie dedicate a noi portieri sono abbastanza anonime…l’ultima marca che si era un po sbizzarrita è stata la ERREA ma oggi anche lei si è adeguata agli altri brand…

  • mosca

    Io credo che questa maglia fosse lo specchio di uno stile o di un tentativo di stile assolutamente in linea e coerente col periodo.

    La scritta England è una sostanziale continuazione delle scritte che umbro aveva prposo oltre che per i giocatori di movimento( di un paio d’anni prima ricordo un template degli spurs a Tottenham) già in Italia con le divise con la scritta Inter, ad esempio.

    A distanza di anni continuano ad apparirmi delle vere icone integrate ed esplicative di un periodo comunque di forte connotazione.

    Indubbiamente erano eccessive, personalmente da amante folgorato da umbro penso che questi sonoo passaggi che si sono dimostrate avanguardie; belle o brutte oggi importa molto meno, per me comunque, avendo visto da ” vicino” gli esiti di Zenga Marchegiani Taffarel… non posso che amarle.

    Non solo ma stravolgimento per stravolgimento mi paiono, ancora oggi, esiti più autentici e creativi quelli sviluppati in quegli anni( che sono poi quelli che mi pare abbiano shockato molti noi..) piuttosto che gli imbarazzanti di oggi.

    Era ancora umbro prima dell’eclissi degli anni 2000.

    Lunga vita a questa, allo sponsor sghembo di Pagliuca a quella col “template Aston Villa” data a Walter Zenga col suo nome incastonato nel modello ( a proposito, una vera rarità..) o a quella folle del portiere del Messico ecc…

  • riky nova

    Nella mia collezione posseggo questo esemplare nella versione da catalogo…maglia indossata dal portiere del Santarcangelo Calcio (provincia di Rimini) ai tempi della D o dell’Eccellenza (ora i gialloblu militano nel girone B della Lega Pro). Ovviamente non c’è la scritta England…

    Anche per me è fantastica.

  • Roberto 85

    I calzettoni secondo me sono fantastici… Sarà che adoro quell’accostamento di colori, ma le righe orizzontali giallo-rosso-verdi le trovo favolose! 😀 A parte tutto, condivido la nostalgia di quegli anni, in cui le maglie super-attillate di oggi erano ben di là dal venire…

    • Roberto 85

      * ben al di là dal venire…

  • Lee

    Che dire delle maglie della umbro di pagliuca quando giocava nell’Inter?…

    • iac88
      • FDV

        Bellissima, Pirelli ondulato era strepitoso. C’era anche in versione nerazzurra, ne ho anche un vago ricordo in celeste-bordeaux, ma non ne sono sicuro.
        http://scuole.provincia.so.it/DeSimoni/hyx1/as978/iv/16/pagliuca.jpg

        • mosca

          Grande.
          Verissimo, quella con lo sponsor ondulato lo citata anch’io.
          Posso chiederti, visto che sei un attentissimo culture, nel mio post ho scritto anche della maglia col template Aston villa ( parma, napoli..) che venne data a Zenga e nella quale era inserito il suo nome.

          Io ne ho un ricordo, ma non riesco a trovarla in nessuna immagine.

          tu la ricordi?

        • FDV
    • MKKKX

      Pagliuca ha spesso avuto maglie “particolari”, anche ai tempi della Samp

  • hernam

    la maglia di seaman è pittoresca e originale rispetto ad alcune tristissime maglie da portiere di oggi ben vengano.

    di davvero brutto ci sono le maglie dei giocatori di movimento invece

  • rudiger

    La moda delle maglie folli anni ’90 è esattamente il contrario di quello che vorrei vedere in campo, tra i pali. Devo però ammettere che mi risultano più simpatiche queste pazzie, e le altre citate nei commenti, piuttosto che il piattume che si vedo oggi indosso ai portieri.
    “EGN” scritto al contrario è vagamente inquietante.

  • LORENZO 70

    Quando non ho nostalgia per le maglie degli anni ’90 penso a maglie come queste, da gioco e da movimento…
    Ottimo invece, al contrario, l’articolo.

  • Magliomane

    Anche io penso che dare ai portieri le maglie dei giocatori di movimento sia triste.
    In ogni caso, parlando di maglie strambe, seaman e’ un dilettante a confronto di jorge campos!

  • Gluko

    Noooooo!!!
    Io ne avevo una simile, ma senza i riferimenti alla nazionale inglese….com’ero pacchiano!!!
    (se proprio devo dirla tutta..avevo anche le mirabolanti e pacchiane maglie reusch dello stesso periodo….).
    Di certo in campo mi si notava….

  • Luca

    Almeno era made in England…

  • Vittorio

    Bellissimo articolo. All’epoca impazzivo per umbro. Ricordo che il tessuto non era imbottito ma aveva un effetto 3d molto accattivante e comodo. Il fatto che fosse prodotto in inghilterra ne esaltava maggiormente la qualità. La cura di certi dettagli come appunto le imbottiture a diamante impreziosivano il prodotto finale. La grafica era molto libera. Era consentito quasi tutto e ogni portiere aveva il suo stile. Tornerá presto di moda secondo me. Al primo accenno di crescita economica si tornerà al buon umore.

  • Riky-Nova

    Non so se posso postare il link…

    http://i61.tinypic.com/xf27v7.jpg

    Ecco la maglia 😀

    • Gluko

      Bravissimo Riky…io avevo questa maglia.

  • Mr74

    Reminiscenze del segmento folle di umbro, che tra inizio e metà anni 90, dette il peggio di se. A margine due considerazioni. 1-Trattandosi del portiere, per me bene o male, va bene questo e altro(qualcuno credo che ricorderà i completini terribili di Campos, portiere messicano). 2-la cosa curiosa e’ che la maglia home di quell’Inghilterra, era di una sobrietà quasi assoluta.

  • MKKKX

    non si può certo definire bella, ma cmq aveva il suo fascino!

  • MattiaBG

    A me queste maglie da portiere anni ’90 facevano impazzire! Se non ce l’ha il portiere una maglia un po’ fantasiosa, chi?
    Di quel periodo amavo da morire anche questo modello (http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/a/a5/Davide_Pinato.jpg/159px-Davide_Pinato.jpg) quando i portieri avevano quasi tutti maglie della uhlsport. ma non ho mai capito a cosa servisse quella specie di imbottitura grigia all’altezza del petto…

  • mosca

    Grazie FDV per la rara chicca della maglia di Zenga!!

  • Sepp Pelligra

    gli anni 90, psichedelia pura…

  • Fakkio

    Perfetta per un portiere, cosi ti ci tiravano sicuro il pallone addosso 🙂