SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Il prossimo All-Star Game della Major League Soccer, in programma il 25 Luglio a Philadelphia, sarà la prima partita al mondo di “Smart football”. L’impiego del nuovo sistema di monitoraggio miCoach permetterà agli allenatori di avere dati in tempo reale su: posizione dei giocatori, power output, velocità, distanza coperta, intensità del gioco, accelerazione e GPS heat mapping.

adidas miCoach soccer tracking system

adidas è sempre stata riconosciuta nel mondo del calcio come un’azienda leader con una vocazione per l’innovazioneha detto il Commissioner della MLS Don Garber. “È un onore che abbia scelto l’AT&T MLS All-Star Game di Philadelphia per far debuttare una tecnologia così rivoluzionaria.

Testato e sviluppato in collaborazione con la MLS ed alcune nazionali e club europei a tre strisce, il sistema di monitoraggio miCoach è un passo nel futuro e segue il lancio della prima scarpa intelligente avvenuto a settembre 2011: la adizero f50 miCoach.

Le nostre innovazioni aiutano atleti ed allenatori sul campo e adesso stiamo trovando nuove strade per rivoluzionare il modo in cui guardiamo lo sport e per coinvolgere ed entusiasmare i fanha dichiarato Patrik Nilsson, presidente di adidas America.

Dopo il debutto all’MLS All-Star Game, la nuova tecnologia verrà diffusa globalmente nelle stagioni successive. adidas miCoach sta guidando la rivoluzione digitale nel mondo dello sport, cambiando il modo in cui atleti, allenatori e fan usano i dati delle loro performance.

adidas miCoach ha fissato nuovi standard per monitorare, valutare e condividere i dati delle performance raccolti durante allenamenti e gare.

  • FDV

    Affascinante esperimento, e l’MLS è il palcoscenico ideale anche se l’All Star Game lo lascerei al basket. Come strumento mi sento di dire che non tolga nulla al calcio vero, semmai aggiunge risorse agli staff tecnici delle squadre. Già immagino nuove figure professionali specializzate in questa tecnologia aggregate al Milan Lab, tanto per fare un esempio.

    Mentre da tifoso personalmente non sarei troppo interessato a conoscere tutti questi dati, grafici e statistiche dei giocatori in campo. Preferisco vedere il sudore, non il numero di scatti o la pressione del sangue.

  • William

    Concordo con FDV… affascinante esperimento! 🙂

  • ccc

    un bravo allenatore non ha bisogno della tecnologia

  • Alvise

    mah, mi pare molto fumo e poco arrosto, e per l’america va bene 🙂

  • rudiger

    Quando è nata la MLS speravo in una spinta all’innovazione tecnologica e a uno svecchiamento del calcio che partisse da li, sostenuto da un’economia applicata allo sport che non ha eguali.
    Speravo in instant replay, sensori per fuorigioco e controllo dei limiti del campo, prove televisive punitive, tempo effettivo e quant’altro per eliminare le furbate dei giocatori e limitare falli, gioco scorretto e perdite di tempo.
    Invece mi sembra che sia accaduto il contrario: la MLS ha adottato l’andazzo europeo, per esempio nelle sponsorizzazioni delle maglie… ed infatti il pubblico americano vede il calcio come noi vediamo l’hockey.
    Questa mi sembra una cosa interessante, una raccolta dati per tirar fuori quelle statistiche individuali che sono alla base delle valutazioni che da sempre si fanno negli sport usa. Un passetto avanti forse, ma non credo che aggiungerà più di tanto al “soccer”. Paradossalmente una cosa del genere potrebbe interessare di più i campionati dei paesi calciofili.

    • FERT

      rudiger ma davvero speri di vedere instant replay, sensori per fuorigioco controllo dei limiti del campo, prove televisive punitive, tempo effettivo, limitare il gioco scorretto e perdite di tempo e quant’altro ??????????
      a mio avviso è propio questo il bello del calcio, pensa se non ci fosse stato il gol di muntari alla juve (telo dice un milanista), di cosa avremmo parlato quest’estate ? e invece ora i milanisti diranno che è stato un errore fatale, gli juventini sosterranno il contrario e così via…è questo il calcio, non sai mai come finirà…
      Il calcio perfetto è quello della play-station, lì i fuorigiochi non vengono sbagliati mai.
      è sempre esistito che un giocatore perda tempo, o che l’arbitro sbagli un fuorigioco, siamo esseri umani.
      Non roviniamo lo sport più bello del mondo con la tecnologia, e poi è inutile vedere se tizio ha fatto 10 metri più dell’altro, c’è una cosa che la tecnologia non vedrà mai: Il CUORE e la TESTA dei giocatori, è con questi due elementi che si vince.
      Io almeno la penso così….tuttavia siamo pur sempre nella MLS quindi perlomeno là ci può stare…

    • passionemaglie.it

      @FERT
      Siamo nel 2012 e la tecnologia può aiutare il calcio, senza esagerare.
      Succede già in tanti altri sport e non mi pare che qualcuno si sia arrabbiato.

      Casi come quello di Muntari si possono evitare senza tante perdite di tempo. E per chiacchierare gli argomenti non mancheranno.

      • FERT

        certamente gli argomenti non mancano….vabbè diciamo che abbiamo esagerato entrambi:
        -la tecnologia può aiutare il gol/nongol quando il pallone varca la linea è giusto che una squadra abbia la giusta ricompensa ovvero il gol.
        -tuttavia non condivido e non approverò mai la tecnologia utilizzata nell’ambito di fuorigiochi o rigori tramite questi ”instant replay” c’è un arbitro ed è lui che prende le decisioni giuste o sbagliate che siano, è un essere umano.
        Poi se in panchina vogliono vedere se uno ha corso più dell’altro o se tizio è più stanco di caio facciano pure, l’allenatore/preparatore atletico prenderà le dovute decisioni., tutto qua.

  • FrankieRust

    Americanata.