SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning

È uno dei più celebri club europei, ma è anche la squadra di proprietà di una delle più importanti aziende tecnologiche del mondo. Il PSV Eindhoven ha appena presentato i nuovi kit per la stagione 2014-2015: naturalmente, all’insegna delle celebri righe biancorosse. A cosa è dovuta la loro presenza sul petto degli olandesi?

Il logo e il nome della squadra sono fortemente legati a Philips, brand ormai ultra centenario: venne creato nel 1891, naturalmente ad Eindhoven, diventando presto il motore dell’economia della città. Nonostante i sospetti, non ci sono conferme di una collaborazione con i nazisti durante l’occupazione dei Paesi Bassi: perciò, complottisti di tutto il mondo, mettetevi l’animo in pace.

Maglia PSV Eindhoven 2014-15

Il Philips Sport Vereniging (Unione Sportiva Philips), vincitore di due trofei continentali – la Coppa UEFA nel 1978 e la Coppa dei Campioni un decennio dopo – è dunque una sorta di Juventus d’Olanda, con Philips al post di FIAT in ambito industriale e il rosso al posto del nero in ambito calcistico. Anche quest’anno, le nuove  divise ufficiali rispecchiano la tradizione del club.

La città si trova all’interno del Brabante Settentrionale, una provincia così meridionale da confinare con il Belgio. Apparentemente, si potrebbe credere che i due colori dominanti della squadra di calcio, il bianco e il rosso, derivino dal gonfalone provinciale, una scacchiera bicolore che sembra arrivare direttamente dalla Croazia. Tuttavia, la storia è ben diversa.

Dopo averlo fondato il 31 agosto 1913 (l’anno scorso, il centenario è stato celebrato con un kit dedicato), il primo presidente della società Jan Willem Hofkes avrebbe scelto la foggia delle maglie a causa di un colpo di fulmine: si innamorò improvvisamente dell’accostamento tra il rosso del suo punch al lampone e il bianco del suo taccuino personale.

Sede Philips a Eindhoven

Leggenda o verità, questa origine poetica non è riuscita a impedire il cambiamento nel corso degli anni. Le prime stripes furono piuttosto classiche, abbinate a calzoncini neri e calzettoni a righe orizzontali rigorosamente bianco-rosse. A partire dal ’68, però, i cambiamenti sociali che coinvolsero tutta Europa investirono anche il Paese dei papaveri: oltre ai diritti delle donne e alla difesa dell’ambiente, anche il calcio ne risentì.

Accadde così che Le Coq Sportif, il fornitore tecnico del club dal 1970 al 1974, optò per una divisa completamente rossa, affiancata a calzoncini alternativamente bianchi o neri. Ebbe inizio un nuovo capitolo nella storia del PSV, che si chiuse – per la felicità dei tradizionalisti – soltanto nel 1989 sotto la gestione di Adidas. Nel frattempo, persino Ruud Gullit aveva vestito, per ben tre stagioni prima di passare all’A.C. Milan, la maglia snaturata.

Gli anni successivi videro un ritorno del bianco, ma con soluzioni che non andavano affatto incontro alle abitudini dei tifosi. Complice l’esigenza di rinfrescare uno stile che, come quello dei connazionali dell’Ajax, è molto emblematico e riconoscibile ma contemporaneamente prevedibile, Nike portò sul campo delle idee originali, che caddero sulle spalle di fuoriclasse come Ronaldo, van Nistelrooy e Kežman, senza tuttavia portare molti trofei nelle bacheche del club.

Ronaldo con la maglia del PSV Eindhoven

Oggi che di rivoluzioni non c’è più bisogno – i Paesi Bassi sono una delle società più aperte e tolleranti del pianeta – la storia detta di nuovo legge. Per la stagione 2014-15, il fornitore americano punta su rigorose pale verticali, aggiornate da una sobria “V” tono su tono che snellisce la figura dei calciatori e interrotte sul retro dal quadratone total red per ospitare nomi e numeri. A completare il tutto, i bordi delle maniche, il colletto e lo swoosh di un nero che più elegante non si può. A innovare un po’ ci pensa un font con degli strani “uncini” sparsi qua e là.

Font numeri PSV 2014-15

La seconda e la terza maglia – quest’ultima per i match in campo internazionale – puntano invece su un’alternanza di bianco e blu che ha spesso caratterizzato la storia del club di Eindhoven: già negli anni ’80 questa sorta di indaco è apparso sul petto dei brabantesi.

Seconda maglia PSV 2014-2015

Terza maglia PSV 2014-15

Anche in questo caso, nessun barocchismo: colletto a girocollo e inserto sulla spalla sinistra per la divisa da trasferta, il nuovo Nike Revolution II jersey template per la divisa europea. E, ovviamente, il marchio Philips in pieno petto. Più tradizione di così?