SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Una nobile decaduta del calcio scozzese, il Rangers FC, ha annunciato un accordo di partnership con il brand Puma per i prossimi cinque anni.

Il marchio Sportslifestyle sarà il nuovo sponsor tecnico dalla stagione 2013-2014, fornendo le divise ufficiali da gioco, i kit replica e il materiale d’allenamento.

Puma sponsor tecnico Rangers

Massima soddisfazione da ambo le parti nelle parole di Charles Green, Chief Executive dei Rangers, e di Tony Ward, Managing Director di Puma UKIB.

Dopo otto anni si chiude il capitolo con Umbro, l’azienda acquisita di recente dal gruppo Iconix Brand e della quale non si conoscono il futuro ed i prossimi obiettivi.

  • http://www.forzatoro.net AlessandroP

    trattasi di sponsorizzazione indiretta?

  • MiGioPe

    un’ altra squadra umbro che ha cambiato fornitore. 🙁

  • squaccio

    Per me sarà un trauma vedere le nuove maglie dei Rangers…

  • Torto #13

    Purtroppo anche i Rangers lasciano Umbro… o viceversa.

    • DY

      Direi che ‘i Rangers lasciano Umbro’… anche se sono finiti in quarta serie, nel merchandisig è poco ma sicuro che continueranno a fatturare come un top-team, e credo che come tale la Puma li tratterà.

      Il punto è che la nuova proprietà di Umbro pare voglia proprio ‘smobilitare’ dal calcio (quanti sono i club che negli ultimi mesi ha abbandonato?), concentrando il marchio in altri settori.

  • albpal89

    Che tristezza! Quando mi viene in mente Rangers penso subito ad Umbro. Chissà se mi abituerò a questa novità. Che tristezza!

  • jojo

    Beh Umbro come sappiamo è stato acquistato da Nike, molte squadre che indossavano Umbro infatti sono passate a Nike. Rangers li avrei visti meglio con Nike.

    • Tony

      Triste vedere una grande squadra dopo l’altra lasciare la Umbro. Dopo l’Inghilterra, Manchester City, Athletic Bilbao, Siviglia, Lille e Blackburn mi aspettavo comunque che i Rangers sarebbero stati i prossimi a lasciare la compagnia dei rombi. La decisione di Puma di sponsorizzare i Rangers dal punto di vista del marketing e’ comprensibile: se Adidas ha la nazionale scozzese e la Nike ha il Celtic, i Gers sono una ottima opportunita’ per promuovere il loro marchio in territorio scozzese.

    • pongolein

      umbro non è più della nike, l’azienda americana ha già “scippato” alla umbro alcuni dei contratti più importanti (city, santos, ma soprattutto nazionale inglese, per farti 3 nomi)…queste ulteriori defezioni a mio avviso sono da attribuire al fatto che la nuova gestione umbro non ha forse il potenziale economico per mantenere prestigiose sponsorizzazioni.
      Una triste fine per uno degli sponsor tecnici migliori di sempre…spero che in futuro si riprendano.

    • passionemaglie.it
  • MiGioPe

    ma il lilla è passato a Nike?

    • passionemaglie.it

      Sì, dalla prossima stagione.

  • http://Yahoo Eugenio

    Umbro sta perdendo parecchie squadre… Dal city al Lilla, e poi questa… SPERO che facciano qualcosa di convincente, anche se credo che il template per la prossima stagione sarà tratto dalle nuove divise dell Italia..

  • Swan

    La cosa mi intristisce ma era più che prevedibile. Mi auguro che prima o poi la Umbro ritorni ma la vedo dura, spero non faccia la fine della Admiral altro brand mitico sparito dalle scene già da tempo.

    • matts

      Se Ho letto bene nella pagina wikipedia NASL 2012 L’admiral sarebbe lo sponsor tecnico dei Minnesota Stars

  • Luca

    Senza avere alle spalle un grosso proprietario come era Nike, Umbro e’ destinata a diventare un marchio di nicchia, concentrandosi sempre meno sui prodotti tecnici per il calcio, sfruttando il proprio incredibile archivio per creare abbigliamento sportivo dal sapore un po’ ‘vintage’. In fondo già Nike, con il lancio della linea Tailored by Umbro, l’aveva usata quasi come linea di nicchia della casa principale.

  • Luca

    PS: ad ogni modo, in un mercato dominato dai grandi marchi, e’ incredibile come ci siano ancora un discreto numero di aziende inglesi che producono abbigliamento sportivo per calcio e rugby ancora ‘Made in England’, soprattutto per le scuole e le università. Penso a Peveril e Gymflex per esempio.

    • Tony

      Si ma rasentano la nullita’ come percentuale di uso tra i giocatori/squadre professionistiche di calcio e rugby (Gymflex poi e’ una catena di palestre, non di sportswear). Compagnie come Avec, Xara o Stanno vengono usate maggiormente da squadre di amateurs o di scuole. Su scala nazionale, hanno piu’ successo le “nostre” piccole aziende di sportswear (Givova, Legea, Sportika etc..), loro almeno riescono a sponsorizzare squadre di A o di B.
      Credo che solo la Umbro (ed un poco l’Admiral) sia stata l’unica azienda di sportswear britannica ad aver avuto successo su scala globale.

      • Luca

        Certo, per carita’, pero’ fino a un paio d’anni fa vivevo in Inghilterra e giocando a rugby mi aveva fatto piacere vedere che molte squadre amatoriali e di università/scuole si fornivano da piccole case che producono ancora in Inghilterra. Per chi ama collezionare maglie, c’e’ tutto un mondo da scoprire li’!.
        Per quanto riguarda Gymphlex, esiste ancora, colpa mia che l’ho scritto male. Adesso produce articoli sportivi soprattutto per le scuole e una linea di abbigliamento sportivo “vintage” di alta qualità che si ispira al loro archivio. Il caso e’ interessante perché sembra quello che sta facendo ora Umbro, a giudicare da umbro.com

        http://www.oneninezerosix.co.uk/#/album/0dbefs/photo/4546740

  • FDV

    Un altro dispiacere, forse ancora maggiore perchè questa volta il passaggio non è stato “fisiologicamente” a Nike come in molti altri casi ma a un marchio diverso che ha potuto fare la parte del leone. Buon lavoro a Puma!

  • max59

    Il problema di Umbro è proprio che non si sa proprio cosa voglia farne Iconix, partita con annunci entusiastici, seguiti dal nulla assoluto(solo dall’emorragia di sponsorizzazioni). Ho temuto da subito che la proprietà volesse semplicemente sfruttare il marchio. Mi piacerebbe capire se il blogger che faceva il rivenditore per l’Italia ne sa qualcosa di più, visto che aveva esordito con delle annotazioni commerciali molto precise.

  • ciobi1984

    Da tifoso Rangers non pottò che affrettarmi nell’acquistare l’ultima, gloriosa divisa Tailored by Umbro. La mia simpatia verso i Blue Bears è datata 1993 quando comprai l’allora maglia realizzata da Adidas… ricordi indimenticabili… quella di Ally McCoist… sembra davvero un secolo fa… la Nike con i Rangers non fece grandi divise, ora temo che ci proporranno i soliti “cataloghi”. avrei preferito la rampante Macron che sta “colonizzando” il mercato scozzese (anche rugbystico)…

  • tyu94

    speriamo che non gli rifilino maglie stile reading home

  • Wasshasshu

    NOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!!!!!!!!!!!

  • ste2479

    E’ vietato segnalare link, grazie 😉

  • LORENZO70

    mi sa che a umbro resta giusto giusto il canada…

    • ste2479

      canada, irlanda, cile, norvegia..almeno per il 2013.

      • ste2479

        e anche galles..