SoccerHouse24 - Scarpe da calcio ACE 16 e Magista Dark Lightning



Con la vittoria del Mondiale per club, e conseguente assegnazione della patch celebrativa, l’Inter ha aggiunto un nuovo capitolo nella storia dei casi di presenza di scudetto e coccarda tricolore sulla stessa maglia in conseguenza della vittoria in campionato e coppa Italia.

I casi di doppietta nella storia del calcio italiano sono stati sette :  due volte ad opera della Juventus, nel 1959-1960 e nel 1994-1995  e dell’Inter, nel 2005-2006 (anche se in questo caso il titolo di campione d’Italia è stato assegnato a tavolino), e nel 2009-2010. Una ciascuno ad opera di Torino nel 1942-1943, Napoli nel 1986-1987, Lazio nel 1999-2000.

Ma andiamo con ordine.

La prima squadra  a riuscire nell’impresa è stata il Grande Torino nel 1942-1943, ultima stagione precedente la sospensione delle competizioni per la Seconda Guerra Mondiale. Sulle maglie granata però scudetto e coccarda tricolore non comparvero mai contemporaneamente in quanto l’introduzione della seconda avvenne solo 14 anni dopo, in seguito al successo della Lazio nell’edizione del 1958, e da allora adottata ufficialmente dalla Lega.

E fu sempre la Juventus la prima a cucirsi scudetto e coccarda insieme sulla maglia nel 1960-1961, dopo la doppietta nella stagione precedente. Le maglie bianconere in quella stagione avevano lo scudetto e la coccarda affiancati sul cuore, sotto la stella d’oro conquistata nel 1958.

Per vedere di nuovo i due riconoscimenti sulla stessa maglia bisogna attendere ben 27 anni: stagione 1987-1988. La maglia è quella NR del Napoli di Maradona, Giordano e Careca, per la prima volta campione d’Italia nella stagione precedente. Lo scudetto è cucito sul cuore, la coccarda sull’altro lato sotto il marchio NR. Lo stemma del club viene spostato sulla manica destra.

La doppietta riesce di nuovo alla Juventus di Marcello Lippi nel 1994-1995 che soffia entrambi i titoli al Parma di Nevio Scala, in una sfida lunga una stagione che si propone anche in finale di Coppa Uefa, con vittoria in questo caso dei gialloblù. Nel 1995-1996, anno della vittoria in Champions League, la disposizione dei due loghi è la stessa di quella del Napoli: scudetto sul cuore e coccarda sull’altro lato sotto il marchio Kappa.

Nel 2000 l’accoppiata riesce alla Lazio, che nel 2000-2001 si presenta con lo scudetto cucito sul lato destro del petto e la coccarda poco più in alto. Lo stemma resta sul cuore mentre il marchio Puma si sposta al centro rispetto alla stagione precedente. La disposizione dei due loghi per me è la migliore, peccato che sia il primo caso della storia in cui lo scudetto tricolore non trova posto sul cuore, e così sarà anche negli anni successivi fino ad oggi, fatta eccezione per la maglia 2005-2006 della Juventus.

La successiva doppietta è frutto della travagliata estate di Calciopoli (2006) , con lo scudetto assegnato a tavolino all’Inter che per la stagione 2006-2007 se lo cuce al centro del petto, relegando sulla manica sinistra la coccarda della Coppa Italia conquistata sul campo. Pessima scelta.

Ancora Inter, che in seguito al suo straordinario 2010, scrive altri due capitoli della storia della convivenza scudetto-coccarda. Nella prima parte del 2010-2011 il tricolore trova posto per il quinto anno di fila al centro del petto, tra stemma societario e logo Nike, al di sopra del quale viene cucita la coccarda. Molto meglio rispetto al 2006-2007.

Dopo la vittoria del Mondiale per club, stando alla maglia utilizzata per la presentazione ufficiale del nuovo tecnico Leonardo, la patch di campioni del mondo troverà spazio al centro del petto, con conseguente spostamento del tricolore a fianco della coccarda sopra il logo della Nike. Un posizionamento speculare rispetto al primo della storia, quello della Juventus 1960-1961.

Qual è stata secondo voi la migliore soluzione adottata? E quale la peggiore?