SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

Prendi la maglia della scorsa stagione (e delle ultime cinque). Sposta lo stemma della società posto al centro e allinealo tutto a sinistra. Rimpiazza, con il nome dello sponsor tecnico, il vuoto lasciato dal suddetto stemma. Ottimizza il tutto secondo la normativa della Lega Calcio per le divise da gioco della massima serie e il risultato (deludente) è garantito.

No, non è un art attack sul riciclo creativo o un compito per la scuola di grafica: è ciò che ha fatto l’U.S. Sassuolo Calcio per il primo esordio della storia in serie A. Come se essere promossi in serie A fosse un avvenimento quotidiano.

Kit Sassuolo Sportika 2013-2014

Barricati dietro lo slogan anti-iella “Maglia che vince non si cambia”, Sportika e Sassuolo hanno presentato – in versione reloaded – o ripresentato (scegliete voi il termine migliore) le divise per la stagione 2013-2014. In linea generale la descrizione dei tre kit sta nei primi 350 caratteri – spazi inclusi – di questo articolo, ma vediamoli nel dettaglio.

La prima maglia porta i colori sociali della squadra emiliana, nero e verde, alternati in strisce verticali che si interrompono ad altezza spalla e seguono, quindi, l’andamento delle maniche sulle quali è posto il marchio dello sponsor tecnico. Sulla manica destra è applicata anche la patch della serie A (l’unico segno, ahimè, della promozione del club dal campionato cadetto). Lo sponsor Mapei campeggia sulla maglia poco sotto il colletto a giro; lo stesso sponsor tecnico rimane centrato mentre lo stemma del club viene allineato a sinistra.

Il font bianco utilizzato per le parti testuali e numeriche è lo stesso della stagione passata.

Maglia Sassuolo 2013-2014 Sportika

I calzoncini sono neri con richiami verdi ai lati. Sulla coscia sinistra sono applicati il marchio dello sponsor tecnico (che ritroviamo anche sul retro di entrambe le cosce) e lo stemma del club. Su quella destra, il numero del giocatore. Infine, i calzettoni sono anch’essi neri con bordature nera, verde e bianca e con il marchio e nome del fornitore tecnico centrato sullo stinco e il nome della squadra sul polpaccio.

Seconda maglia Sassuolo 2013-2014

Il secondo kit (registrato però in Lega come third) è una uniforme a tinta unita blu Mapei, spezzata leggermente solo dalle cuciture a vista bianche che segnano il profilo della maglia: i marchi e lo stemma della squadra rimangono invariati sulla geografia della maglia, dei pantaloncini e dei calzettoni, così come il colore di riempimento di nomi e numeri.

Infine il terzo kit da trasferta, che si differenzia dai primi due innanzitutto per il bianco come colore dominante. Non cambia la disposizione grafica dei loghi, ma solo il riempimento di nomi e numeri che diventa verde. Cambia il collo, nero con bordatura verde, in versione polo senza bottoni.

I colori sociali sono altresì ripresi da strisce a punta  poste sulle spalle e dalle bordature delle maniche. Le stesse strisce, con orientamento dal basso verso l’alto, le ritroviamo ai lati dei pantaloncini bianchi con numero riempito in verde. I calzettoni variano per la tinta bianca e bordature nera e verde.

Terza maglia Sassuolo 2013-2014

Insomma, nonostante tutte le specifiche descrittive che si possano fare, si poteva fare un po’ di più per celebrare un minimo una promozione storica in serie A, anche per consolidare ulteriormente la collaborazione – dal 2008 –  tra sponsor tecnico e società. Nel frattempo, se anche per voi vale il detto della maglia che vince non si cambia, le casacche dei neroverdi di Sasôl le trovate on line sullo store della società.

Divise ufficiali Sassuolo 2013-2014

Nota a margine: sul sito di Sportika nella sezione che riguarda il Sassuolo, si legge che «per onorare questo splendido risultato [la promozione in serieA] ha voluto sviluppare una linea di prodotti esclusivi per l’allenamento e la rappresentanza con un design coordinato con l’apprezzatissima terza maglia».

Mal comune mezzo gaudio, per rimanere in tema di modi di dire. Speriamo solo che si siano ricordati di mettere da parte le divise utilizzate nella scorsa stagione per evitare di fare confusione!

  • squaccio

    Sinceramente lo trovo un articolo un po’ cattivo e con dell’inutile sarcasmo strisciante:
    meglio questi spostamenti minimi che la maglia del Milan oro tricolore, o quella della Juve zebrata o quella dell’Inter a serpente.

    Le ho messe tutte così nessuno ha da ridire.

    Reputo quella del Sassuolo una delle migliori maglie della serie A.

    • Dukla

      Bravo, pienamente d’accordo!

    • pinello

      Concordo pienamente: semplice, lineare, sobria.

      Da notare il passaggio: “Sulla manica destra è applicata anche la patch della serie A (l’unico segno, ahimè, della promozione del club dal campionato cadetto)”; cosa dovevano fare? stampare una A rossa su tutto il petto?

      comunque sia complimentoni per il sito!

    • Passione Maglie

      @pinello
      No, bastava fare qualcosa di nuovo, senza follie, come ho scritto poco più sotto.

      Le maglie non sono state giudicate, nè per il design, nè per i materiali, ma forse si è recepito un messaggio diverso.

      • Niger

        Passionemaglie sono d’accordo con te. In un mondo dove ormai il marketing è ultra-agguerrito, è quantomento da lasciar perplessi utilizzare lo stesso kit a fronte di una storica promozione in serie A, specie anche dopo i proclami di grandezza esternati dal patron qualche mese fa..chi se li ricorda?

  • Passione Maglie

    @squaccio
    Tutte le maglie sono esattamente quelle della B, non una virgola cambiata.
    Il tuo esempio lo comprendo, ma non calza, altrimenti significa che non si possono più creare maglie tradizionali di stagione in stagione.

    Nessuno ha messo in dubbio la loro bellezza, ma almeno una novità, dico una, si poteva creare. Senza eccedere con oro, zebre o serpenti. Il tuo commento sulla terza del Pescara lo conferma.

    • mannis

      io condivido con l’articolo.. quelle “da campo” si differenziano giusto x la toppa della A anzichè della B e la rimozione di “rispetto”.. nessuno ha scritto che dovessero giocare come degli arlecchino.. però dai.. nero verde sono anche dei colori intrigante su cui lavorare.. e non siamo nemmeno di fronte ad una società con 50.000 spettatori fidelizzati.. un po di azzardo non avrebbe guastato.. che poi per azzardo si può intendere un colletto piu accattivante.. i fianchi tutti neri.. il bordino nelle maniche.. poi per l’amor del cielo.. quella bianca è bella.. anche se un po rovinata da sportika e dal logo strozzati sul collo.. ma c’è di peggio..!

  • http://www.portierecalcio.it/ Gaspare Ressa

    “Blu Mapei”?

    In realtà si tratta della maglia da catalogo Sportika “Italia Pro”, di ottima fattura, ma invariata ormai da anni, tanto da essere stata utilizzata, stampando sopra i loghi, come maglia da portiere dell’AS Taranto in Lega Pro.

    • Passione Maglie

      Ciao Gaspare, con “Blu Mapei” si voleva semplicemente spiegare il motivo della scelta di tale colore dal catalogo.

      • hangingjudge

        anch’io però leggendo pensavo l’avessero realizzata con l’RGB del logo Mapei (non proprio famoso come il rosso Ferrari, ma avrebbe potuto essere)

  • rudiger

    Posso capire il disappunto del tifoso o dell’appassionato di maglie. Almeno però c’è la consolazione che si è replicata una bella maglia. La prima ovviamente.

  • jojo

    Si poteva fare assolutamente di più, premetto che a me lo sponsor Sportika non piace, ma è un gusto personale.

  • Jak Carate Brianza

    Mi piace l’idea…brava Sportika
    risultato deludente?…mah…se piacciono NO…se non piacciono SI…tutto qui

  • http://chrilore13.wix.com/torto13 Torto #13

    Io non le disprezzo come magliette, a parte la blu che non mi piace. La nero-verde e la bianca mi paiono buone, come già lo erano lo scorso anno visto che sono le stesse. Ovvio che per il primo campionato in serie A Sassuolo e Sportika potevano, anzi dovevano, creare qualcosa di nuovo e che sarebbe dovuto restare unico.

  • mimi

    Potevano osare un po’ di più anche perchè il neroverde per molti stonerà ma almeno finalmente tra la poca creatività nei colori sociali si vede qualcosa di nuovo. Era la tipica maglia che l’appassionato di cose che rompono col passato avrebbe certamente comprato.

  • Dukla

    Le maglie, tutte e tre, erano belle e particolari in serie B e lo sono quest’anno in A. Non hanno cambiato niente: è uno scandalo? Fosse sempre così! E poi perchè dovrebbe essere un imperativo categorico cambiare qualcosa da una stagione all’altra?

    • Passione Maglie

      Per carità, nessun imperativo categorico e gli scandali sono ben altri nel calcio (vedi calcioscommesse).

      Però qui parliamo di maglie e ritengo assurdo, questo sì, andare in serie A con le stesse maglie non di una, ma di svariate stagioni.

      Tanto per fare un esempio, Triestina-Sassuolo (aprile 2011): http://img266.imageshack.us/img266/68/t9xr.jpg

    • Ivan

      Quoto!

      • scibo

        RiQuoto! (e tifo Sassuolo)

  • aldo

    Sinceramente per quanto bella sia questa maglia ha stufato, credo sia l’unica squadra dagli anni 80 ad oggi che ha usato la stessa divisa per ben 6 stagioni, in tutta sincerità non ricordo un’altro esempio. Per la serie A mi aspettavo una nuova divisa, non credo che cambiare la posizione del logo societario possa bastare per identificare una maglia come nuova. Maglia che vince non si cambia? Bene mi sa allora che i neroverdi il prossimo anno li vedremo con una casacca nuova, visto che quest’anno non vinceranno un bel nulla. Comunque la maglia resta una delle più belle della serie A ottimo anche il materiale, peccato solo che è la stessa del 2008-09

  • Armierg

    Le maglie non cambiano da 3/4 anni, andate a controllare. La società non conosce nulla di marketing.

    • aldo

      le maglie sono le stesse dal 2008 ad oggi, 5 stagioni più quella di quest’anno totale 6 anni con la stessa divisa le ho tutte dal 2007 fino a quella dello scorso anno

    • Dukla

      Marketing? Ma con tutto il rispetto e la simpatia per il Sassuolo, quante maglie si possono vendere ogni anno nel bacino dei fans della squadra? E quante se ne sarebbero vendute in più se le avessero fatte nuove e più originali? Sicuramente non sono i numeri di tale “marketing” che possono incidere sulle strategie di una società che – a prescindere da ciò – sta dimostrando di aver le idee ben chiare. Altro che marketing, la A si è conquistata con la programmazione e l’organizzazione, non su 100 o 350 magliette vendute in più!

      • Niger

        Io ad esempio adorando i colori sociali avrei preso una maglia, ora non piu’. E comunque il tuo ragionamento, pur a tratti condivisibile, è alla base della mentalità italiana che ci vede ultimi nel marketing (vedi ricerche di passionemaglie)…cosa dovrebbero dire allora quelle squadrette di serie minori inglesi TUTTE col sito merchandasing e un super repertorio di divise sociali??

    • Daniele Costantini

      Affermare che la società ( = Giorgio Squinzi) non conosca nulla di marketing, cozza non poco coi traguardi raggiunti dapprima dalla sua azienda, poi nel ciclismo, e adesso nel calcio 🙂

  • sergius

    Personalmente sul fatto che siano le stesse della fortunata stagione precedente non mi scandalizza più di tanto, anzi direi che per certi versi hanno fatto bene a confermarle anche perchè il Sassuolo è una assoluta new entry della serie A e magari i meno appassionati lo stanno scoprendo e apprezzando solo da poco. Tutti e tre i kit restano comunque molto belli a vedersi, per le innovazioni si può pure aspettare.

    • Dukla

      Tutto condivisibile!

  • Swan

    Vedo che il commento precedente al mio conferma un mio sospetto, ovvero che le maglie del Sassuolo sono le stesse non solo della scorsa stagione ma da diverse stagioni a questa parte, perlomeno la home e la away blu mentre ricordo che la bianca aveva una V verde sul petto.
    Che dire, per me è una cosa inconcepibile riciclare la stessa maglia per più anni, roba da club del dopolavoro. Detto ciò salvo la home per via dei colori, mi è sempre piaciuto l’accostamento neroverde, il kit bianco è mediocre, il kit blu è di una tristezza assoluta.

  • Niccolò Mailli

    Mi sembra inevitabile che il commento si sposti da un giudizio sulle maglie a un giudizio sul fatto di riproporre le stesse divise. Personalmente ritengo questa strategia poco condivisibile: parliamo di una squadra al suo primo storico campionato nella massima serie. Tra vent’anni, se la società vorrà ricordare questa stagione con una maglia celebrativa della prima (gli auguro non ultima) annata in serie A, i nostri successori (o anche noi, perche no) si troveranno a commentare una maglia sostanzialmente banale. Avrei caratterizzato la divisa in maniera nettissima, per esempio un verde con pinstripes nere o un verde con maniche nere modello Arsenal, affinché per sempre i tifosi che la porteranno allo stadio sfoggeranno orgogliosi “la maglia dell’anno in serie A”.

    Comunque, il motto maglia che vince non si cambia si sta rivelando un’arma a doppio taglio: l’anno prossimo la dovranno cambiare di sicuro!

  • Juliano Bruni

    Secondo me dobbiamo pure parlare della necessità creata dagli sponsor di farci acquistare, almeno una volta all’anno, una nuova maglia della squadra del cuore. Al di là della estetica (che a me sembra riuscita), questa mi pare una questione da porre. Nel caso del Sassuolo si evita questo problema e questo non è affatto una brutta cosa. Saluti dal Brasile, complimenti per il sito!

  • AxxA

    Durante Verona-Sassuolo, Kurtic aveva i pantaloncini bianchi dello scorso anno.
    Lo stesso dicasi per Laribi e Berardi durante Napoli-Sassuolo. Le foto le potete trovare sul profilo facebook ufficiale della squadra neroverde

  • Eugenio

    Ma Sportika, che non fa niente, poteva cambiare al meno le maglie del Sassuolo ?? Sarà che è l’ unica squadra di calcio che sponsorizza, e forse è l’ unica sua fonte di guadagno ! Poteva cambiare ! Chi , fra i tifosi del Sassuolo, non avrebbe comprato la PRIMA storica maglia della propria squadra tra le 20 della Serie A ? Vabbe’ .. Fatto sta che sono comunque belline le maglie, ma non possono essere le stesse da 2/3 anni…

    Voti 7 – 6 – 7 ( complessivo )

    • aldo

      Sono le stesse del 2008 cioè con questa 6 stagioni

  • AxxA

    Sportika ha mantenuto le stesse maglie anche per il Carpi nonostante la storica promozione in B

  • roberto

    inutile e ingannevole retorica

    • Passione Maglie

      Sull’utilità ognuno può farsi la propria idea, ma per l’ingannevole puoi spiegarti meglio?

      • roberto

        Niente di malizioso ovviamente , per ingannevole intendo lo slogan “maglia che vince non si cambia”, è palese che non è una scelta scaramantica e vera , è chiaro che questa scelta deriva da una ragione economica e di mercato ( che non conosco e posso solo immaginare).Percio’ credo che questo slogan sia solo retorica ingannevole, tutto qui.

        • roberto

          vabbè che non ci crede nessuno poi 🙂

        • Passione Maglie

          Credevo ti riferissi all’articolo Roberto, per questo non comprendevo la parola ingannevole.

          Che sia una sciocchezza siamo tutti d’accordo. Credo 🙂

        • roberto

          no assolutamente! anzi apprezzo molto quello che fai , si nota che ci metti “passione” e scusa il gioco di parole 🙂

  • Stefano Restivo

    Finalmente qualcuno che bastona Sportika, pure con il Carpi le stesse maglie. Vanno al risparmio, che schifo. Creatività ferma al medioevo

  • Daniele Costantini

    Partiamo dal dire che, soprattutto nel calcio inglese, il mantenere uno stesso completo per un biennio non è affatto una rarità; lo fanno anche club di prima fascia (Arsenal in primis), ed è un modo per venire soprattutto incontro ai tifosi e alle proprie finanzea, evitandogli di ricomprare ogni anno una maglietta nuova.

    Premesso ciò, effettivamente il caso del Sassuolo è abbastanza controverso: pur se le divise non sono affatto malvagie, il loro reiterato utilizzo per svariate stagioni lascia decisamente basiti. Forse il merchandising del Sassuolo è cpsì ‘freddo’ da non giustificare un impegno rilevante nella fattura di nuove maglie… ma anche se così fosse (scelta che non condividerei), rimane il fatto che un traguardo storico come la Serie A, andasse celebrato con una maglia nuova di zecca – tantopiù che non siamo nel ‘900, ma nel 2013!

    A latere, mi chiedo perché Squinzi non proponga una away ‘psichedelica’ che ricordi i fasti ciclistici della Mapei degli anni ’90 ( http://www.giemmeargenta.it/negozio/19096-18890/19096-18890.jpg ) 😀

    • Passione Maglie

      Mi schiero a favore di una terza maglia “Mapei”!

      • rudiger

        Ma arlecchino non era di Venezia?

      • Passione Maglie

        @rudiger
        Accetto tutto pur di vedere novità in casa Sassuolo!

    • Swan

      Sul fatto che nel calcio inglese non sia una rarità utilizzare gli stessi kit per un biennio non condivido molto. Immagino che l’Arsenal abbia fatto questa scelta visto che la maglia proposta la scorsa stagione ha avuto grandi consensi ed è il loro ultimo anno con Nike prima del passaggio a Puma, ma sono supposizioni. Comunque, a parte i Gunners, quest’anno nelle prime quattro divisioni inglesi gli unici club che hanno mantenuto la maglia della passata stagione sono Rotherham United, Exter City e York City mentre il Coventry ha utilizzato la maglia 2012/13 fino ad una settimana fa.

      • Passione Maglie

        In Inghilterra l’usanza di mantenere la stessa maglia per due stagioni sta andando scemando, ma l’Arsenal continua a farlo spesso.

  • Maurizio

    Una squadra che utilizza per 6 stagioni la stessa maglia non la si vede dagli anni 80!
    Ma, mi chiedo, non potrebbe essere proprio questa originalità a fare del Sassuolo una felice particolarità in un periodo in cui squadre di grande blasone sporcano e rovinano la storia dei loro colori con divise assolutamente non identificative (Juve, Inter, Milan, Barcellona, Bayern, Arsenal, Francia ecc… )?

  • GianGio87

    qui tutti a dar colpa al sassuolo o a sportika, il vero problema è lo stesso bacino della città sassuolina, una piccola città e pochi tifosi (vuoi anche l’essere in una regione piena di campanilismi) scoraggiano qualsiasi intento di far completi nuovi. a mio avviso sportika, poteva e doveva far qualcosa di più (stesso dicasi per squinzi, ma è comprensibile non spremersi le meningi per numeri relativamente piccoli)

    • aldo

      Stiamo parlando di ridisegnare una maglia da calcio non costruire un paese daccapo, ho visto cose più impegnative sinceramente, ci sono squadre che hanno una tifoseria minore o simile rispetto al Sassuolo eppure cambiano maglie tutti gli anni figuriamoci per il raggiungimento di un traguardo cosi importante come la serie A, rimarrà un anno storico comunque andrà, ci voleva una maglia che si distinguesse da quelle degli ultimi anni, che poi le maglie siano belle è un’altro discorso. Tanto per dirne una la squadra del Forli (città dove vivo) ha la stessa maglia (biancorossa) sempre Sportika

    • Passione Maglie

      @GianGio87
      Io sono un po’ esterrefatto da alcuni discorsi.
      Un club di Serie A, anche piccolo, non può permettersi di fare maglie nuove, cioè di farsele fare dal proprio sponsor tecnico senza sborsare un euro?

      Se i numeri sono piccoli, e lo sono, basta fare una produzione adeguata.

  • Simone

    Utilizzare le stesse divise per anni, con gli stessi font Macron (non dimentichiamolo) senza sfruttare la visibilità di un campionato di Serie A è da scemi.

    Quanto al giudizio estetico sui kit:
    – per tutte le divise, il lettering Sportika al centro ne diminuisce la visibilità, appesantendo la zona del petto;
    – la away bianca non comunica niente del Sassuolo, non avendo un vero riferimento neroverde: se i numeri non fossero verdi li si potrebbe scambiare per esempio con il Cesena. Le due strisce sulle maniche sono una scimmiottatura non abbastanza visibile delle due strisce Asics di qualche anno fa, prima ancora che delle tre strisce Adidas;
    – la third blu è scialba, manca di personalità.

    Mi permetto di dare qualche consiglio ai designer Sportika per l’anno prossimo, casomai leggessero: inserite un palo nero-verde-nero (o una cerchiatura) sulla maglia bianca e, perché no, anche su quella nera e smettete di usare i materiali di altre aziende.

  • FDV

    La maglia di per sé non era brutta, ma era un modello a mio modo di vedere attempato già 4-5 anni fa, una vaga imitazione delle Kombat Kappa della prima metà degli anni ’00, come più evidente nella maglia azzurra.

    Non assistere ad un cambiamento di modello (o di fornitore) nel passaggio in A è stata una delusione.

    Peccato perché il nero-verde è un abbinamento cromatico che mi è sempre piaciuto moltissimo e che utilizzavo per le mie squadre fantasy nei videogiochi. Ma mai a strisce verticali, in quanto per me abbinati al nero a strisce in Italia esistono solo il bianco, il rosso ed il blu, il resto mi sembra tutto artificiale come in questo caso. Ma è un mio personalissimo limite.

    Avrei preferito qualcosa di più originale come questa versione anni ’80.

    https://fbcdn-sphotos-g-a.akamaihd.net/hphotos-ak-frc1/488198_413554752041852_45557817_n.jpg

    Della maglia azzurra mi piace la scelta del colore, ma non il modello, così come non mi piaceva sul Novara 4 anni fa..
    http://www.corrieredinovara.com/upload/articoli/padova-ko-tutto-il-resto-e-festa-2234.jpg

    La bianca invece mi sembra ben riuscita, aldilà delle due strisce che scimmiottano (ma non esageratamente) le tre di Adidas.

    Per una squadra di queste dimensioni, tanta roba la presenza di un unico sponsor, per altro anche esteticamente bello.

  • FDV

    Dimenticavo:

    Due parole sullo stemma del Barcellona ricolorato: una vergogna per l’immagine dell’intera Serie A.

    Riuscite ad immaginare in Premier League, Liga o Bundesliga una squadra con uno scudetto da scuola calcio tipo questo?

    http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/b/b0/ADAP_Galo_Maring%C3%A1.jpg

    • Niccolò Nottingham Forest

      Ahahaha il gallo! Prende un pò dalla Juve e un pò dal Bari???
      E che mi dici di questo?

      Isola della Scala (VR)

      http://www.acscaligera.it/

    • mb–

      Quando facevo collezione di figurine, e il sassuolo era in c2, il logo era questo:

      http://1.bp.blogspot.com/-sYcAZ3A_5gM/UFnCn2aDGEI/AAAAAAAACFg/jDec6xKFUrk/s1600/IMG_3829.JPG

      Che è decisamente meglio di quello attuale :||

    • Swan

      L’ennesimo esempio di pressapochismo del calcio Made in Italy. In questo caso il Sassuolo mi delude tantissimo, un club che si è fatto riconoscere per serietà e programmazione, che si comporta in maniera dilettantesca e superficiale riguardo maglie e stemma che sono uniforme e bandiera del club.
      Da notare che nella foto postata da “mb” con il vecchio stemma del club la maglia del Sassuolo sembra la stessa di oggi. E non dimentichiamoci del Siena, il cui stemma è la copiatura di quello della Juve.

      • Niccolò Mailli

        Juve misto Roma….

      • FDV

        Beh però c’è anche da dire che la corrispondenza dello stemma del Siena a quello vecchio della Juve salta all’occhio per gli stessi colori, ma ad esempio anche l’Hellas Verona ha qualcosa di sostanzialmente uguale.

        In fondo lo scudo ovale palato con fascia centrale con il nome della squadra è qualcosa di molto generico, mentre la forma dello scudo del Barça è unica, articolata ed inconfondibile.

        Senza contare la ridondanza delle strisce verticali, neroverdi sia in alto a destra che in basso, che ovviamente nello scudo del Barça hanno un senso essendo di colori diversi.

        • Niger

          Concordo al 100% sul pressapochismo all’italiana riguardo la storia dello stemma. Tempo fa mi sono scontrato con i dirigenti di una società polisportiva romana molto ambiziosa e in grande ascesa, la Vigor Perconti; ora, andate su google a vedere lo stemma….
          Immaginate me che facevo loro notare: va bene, siete partiti come squadra amatoriale e ci puo’ stare, ma ora che avete ambizioni dilettantistiche non sarebbe meglio essere un po’ piu’ originali?
          MI hanno praticamente insultato per l'”offesa” al loro storico stemma e pure fatto notare che è un marchio registrato!!!

        • Passione Maglie

          @Niger
          Digli che hanno lo stesso stemma del… Sassuolo 😀

    • rudiger

      Più che vergognoso direi risibile. Mettiamola così: ricorda un po’ il calcio dei primordi, quando le divise di tante squadre cambiavano in onore di grandi club. Quante squadre hanno la maglia granata in onore del Grande Torino?
      Però, FDV, ci devi dire dove hai pescato la gallojuve 🙂

  • LM

    Vergognose queste divise, vergognoso il Sassuolo che ha le stesse divise dal 2008, uguali identiche a queste dal 2011. Potrà andare bene per il tifoso che ha la divisa sempre attuale, ma male per l’immagine della Serie A. Comunque queste divise sono davvero belle, sia per i colori che per il modello, fatto bene, ma quando si hanno le divise uguali da quando si era in C1… Bello sopratutto l’impatto dello sponsor, non invasivo e bello da vedere. Lo stemma è da rivedere, è brutto avere un logo che cambia solo per i colori e i dettagli da quello del Barcellona. Infine, i numeri, sono una copia fedele dei font Macron di qualche anno fa. La seconda bianca mi piace molto lo stesso, mentre la terza blu è bruttissima, catalogo. Comunque il nesso è che anche se queste divise sono belle, sono vincenti, vanno cambiate lo stesso, magari con qualche dettaglio dorato o le strisce di un altro spessore, qualsiasi altra cosa, basta che sia diversa da queste divise, oltretutto perchè è la prima partecipazione in Serie A di una squadra che fino a 5 anni fa era in C1, e quindi bisogna avere qualcosa di unico e particolare per questa stagione che,comunque finisca male, rimarrà per sempre nella memoria dei tifosi neroverdi.

    • GianGio87

      font macron… li ha brevettati l’azienda bolognese?
      il (o la) font è l’ultimo dei problemi di questo kit. A mio avviso il primo problema è il logo societario che può andar bene per una società da campionato UISP (con tutto il rispetto) ma non per una squadra professionistica, e in secondo luogo un modello un po troppo usato (anche se per i miei gusti è discreto per essere un kit che non fa esultare)

  • MARCO0890

    certo per il primo anno in serie a si poteva fare qualcosina in più senza stravolgere la divisa

  • cisky

    Forse uno sforzo per qualche dettaglio innovativo rispetto all’anno scorso si poteva fare, ma concordo con quelli che pensano sia meglio lasciare quelle vecchie se son ben riuscite piuttosto che far qualcosa di nuovo ma meno convincente. Poi almeno sino a metà anni 90 non era infrequente che per due stagioni di seguito una squadra non cambiasse stile di maglia.

    • aldo

      Due stagioni? Parliamo di ben 6 stagioni

  • Zidane

    Basta col fango gratuito, mi sembra un’ottima maglia, ad avercene maglie così in Italia. Per i tifosi questa sarà ricordata come la maglie della Serie A, senza inutili toppe, ricami, scritte, tricolori…

  • Lord Balod

    Ben fatto…è una gran rottura di scatole cambiare divisa ogni anno,brava Sportika!

  • Stefano Restivo

    6 anni con le stesse maglie e molti elogi. Qualche utente dovrebbe leggere sul dizionario la parola coerenza.

  • Enrico

    Ma quanta creatività!Prima dell’avvento di squinzi questa squadra giocava in serie z se non cambiano la maglia per un avvenimento così importante come la promozione in serie A siamo messi male.Indipendentemente dalla città dai tifosi dalla storia e dallo sponsor tecnico un minimo per celebrare un traguardo del genere si poteva fare.

  • Warrior

    Gioco in Eccellenza e cambiamo le maglie quasi ogni anno. Ridicolo che non lo faccia una squadra in a, ridicoli chi dice che essendo piccoli non gli conveniva. Lo sponsor tecnico a che serve, noi le paghiamo invece.

  • Simone #4

    Belle maglie, che sia cambiato o no rispetto all’anno scorso, a mio avviso, poco importa. Belle son belle.

    Articolo di pessimo gusto, pieno di “frecciatine” e sarcasmo, si poteva evitare.

    • Passione Maglie

      Per inciso: nessuno ha giudicato le maglie.

      Sul resto cosa dire… in quattro anni che leggo i commenti ho assistito ad autentici massacri di club o sponsor tecnici, colpevoli di non aver fatto grandi innovazioni. Qui invece si premia una squadra che per il sesto anno consecutivo mantiene le stesse divise, per giunta con una storica promozione di mezzo, mettendole in vendita a un prezzo certamente non anti-crisi.

      Probabilmente l’articolo pungente ha urtato la suscettibilità di qualcuno, mi rimane il dubbio che se avessimo fatto un pezzo “normale” le critiche per gli emiliani si sarebbero sprecate.

      A parziale difesa di Sportika c’è l’accordo tardivo raggiunto con il Sassuolo, il patron Squinzi avrebbe infatti cercato altri sponsor nei mesi scorsi.

      Ribadisco per l’ennesima volta – perchè sembra non sia ancora chiaro – che il design delle divise non è oggetto di critica o discussione. Da responsabile dei contenuti di questo sito non trovo affatto il pezzo così di cattivo gusto per quella che è una realtà oggettiva.

  • S4rman

    Scandaloso Sassuolo, Scandalosa Sportika. #SSSS

  • stefano

    secondo me ha pesato il fatto che il contratto sia stato rinnovato giusto appena in tempo per l’inizio del campionato (fino a inizio agosto si parlava di passare a maglie adidas)…

    resta il fatto che per un occasione così importante come la serie A dovevano inventarsi qualcosa di nuovo….righe nero/verdi più spesse o più sottili per esempio…

    • Daniele Costantini

      La stretta tempistica del rinnovo con Sportika, ha sicuramente influito sulla fornitura delle maglie 2013-2014; ciò nonostante, non posso credere che nell’intero catalogo dell’azienda, non fosse possibile individuare un template ‘diverso’ da quello usato nelle ultime stagioni…

      Il ‘paradosso’ è che quest’anno, in Serie A, il ChievoVerona – la cui presenza in massima serie non fa ormai più notizia – utilizza una terza maglia neroverde ( http://www.chievostore.com/166-777-thickbox/maglia-nero-verde-2013-2014.jpg ) che appare ben più curata e interessante di quella del Sassuolo – che invece dovrebbe essere ben più celebrativa e storica, visto l’esordio assoluto in A.

  • Stefano

    Maglie rivoltanti. Il tessuto sembra quello delle maglie dei mercatini, la toppa dello sponsor è sbiadita e scarsamente rifinita, lo spazio della maglia è riempito in modo irregolare e disordinato, le strisce sulle maniche anch’esse disposte a casaccio.
    Perfetto connubio tra un marchio ‘Sportika’ che si conferma brand di livello infimo e Sassuolo, destinato a tornare nel calcio cadetto. Resta che, fosse per me, l’unico marchio italiano che vorrei per una squadra di A è la Kappa. il resto (macron, errea, Zeus, Legea) è da cestinare all’istante.

    • Passione Maglie

      Un’analisi per niente prevenuta quella sugli altri marchi 🙂

  • Pingback: Maglie Sassuolo 2014-2015, cambiano solo nomi e numeri()