SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

La stagione 2015-2016 è già iniziata e le squadre sono al lavoro nei vari ritiri estivi sparsi in tutto il mondo. Nel mentre Nike accende l’attesa delle prossime sfide con il nuovo Lightning Storm Pack, una collezione di scarpini davvero entusiasmante.

Collezione scarpe Lightning Storm Pack di Nike

I modelli Hypervenom II, Mercurial Vapor e Superfly, Magista e Tiempo sono proposti in un assortimento di colori fluo che garantiscono ai giocatori di spiccare sul campo. A partire dal 23 luglio occhio dunque ai piedi dei migliori calciatori durante le amichevoli e nelle prime partite di campionato.

Iniziamo dall’ultima arrivata in casa Nike, la nuova Hypervenom II, investita da una cascata di arancione (Total Orange) con piccoli dettagli neri come il bordo dello swoosh. La versione verde (Green Strike) è riservata unicamente al brasiliano Neymar.

Scarpe Hypervenom II Lightning arancioni e verdi

Tomaia rosa shocking (Hyper-Pink) per entrambi i modelli Mercurial, Superfly e Vapor.

Scarpini Mercurial Superfly e Vapor rosa 2015

La Magista, sia nel modello Obra che in quello Opus, è caratterizzata da una tomaia turchese (Turquoise Blue) con dettagli neri sul collo alto e sulla superficie.

Magista blu collezione Lightning Storm Pack

Infine la scarpa dal tocco leggendario, la Tiempo V, colorata da un verde acceso con il contorno dello swoosh nero sui lati.

Scarpe Tiempo V verdi Lightning Pack Nike

Il Lightning Storm Pack si appresta a scaldare un’estate già torrida di suo, quale colorazione vi ha colpito di più?

  • Azimuth

    mamma mia le magista azzurre che spettacoloooo

  • pongolein

    Preferisco un utilizzo diverso dei colori, sembrano appena uscite da uno stampino, mi piace quando con il colore si enfatizza il cambio di materiale, quando si vuole evidenziare un elemento caratteristico, qui viene meno tutto. Il nero le sagoma in parte e offre un contrasto che può sembrare piacevole in alcuni modelli e forzato in altri.
    Dopo tante belle e originali collezioni non me la sento di promuovere questi modelli nike.

  • Stavrogin

    Ecco, tutto ciò che volevo: scarpini in colori fluo.
    O tempora o mores…

  • rudiger

    Clown football

    • Giovanni

      Io non capisco perchè ogni volta che qualcuno propone scarpe con colori fluo, dettagli particolari o addirittura nuove tecnologie (vedi il “calzino” attaccato alla scarpa Nike che offre maggiore stabilità) tutti a criticare e a rimpiangere le scarpe nere classiche in pelle di canguro… Va bene essere tradizionalisti, ma dopo un po’ stanca…ci vogliono cose nuove! Se ci fossimo rifiutati di evolvere i prodotti a favore della tradizionale versione avremo ancora le clessidre e le maglie in lana…

      • Cinobacigalupo

        C’è innovazione e innovazione… un conto è usare nuovi materiali che favoriscano traspirazione e comfort un’altro è colorare i medesimi come evidenziatori. E delle scarpe sinistre di un colore e destre di un’altro cosa mi dici?

        • Giovanni

          A me personalmente le scarpe fluorescenti piacciono molto perchè danno un tocco di vivacità e allegria, inoltre piacciono molto al target giovanile meno tradizionalista e, in quanto rappresenta la più grande fetta dei calciatori (soprattutto amatoriali, ma anche professionistici) ha un appeal alto che contribuisce alle vendite, poi ognuno a diverse opinioni, ma definirle come imbarazzanti e inguardabili mi pare un po’ esagerato. Per quanto riguarda le scarpe di colore diverso è stato una invenzione della puma che poteva rivelarsi una vera genialita, ma che così non è stato: bisogna osare ogni tanto. Applaudo Puma per il coraggio. Poi de gistibus

      • Matteo Perri

        @Giovanni
        Sono assolutamente d’accordo nonostante la mia età sia oltre i 30 come diversi qui dentro. Sarà che non amo il nero per cui ben vengano i colori e questa nuova collezione a me piace molto.
        Proprio l’età, credo, è il motivo per cui molti qui commentano in modo negativo le novità.

        @Cinobacigalupo
        Ti dico che le Puma bicolori sono state un successo tra i ragazzi 🙂
        Non dimentichiamoci che sono i più giovani ad utilizzare maggiormente le scarpe da calcio, per chi ama la tradizione non mancano le alternative classiche.

        • cinobacigalupo

          In effetti a quasi 50 anni sono di gusti un pò come dire “classici”, in effetti detesto i colori fluorescenti sulle divise da calcio ed in generale su tutto l’abbigliamento sportivo. Infatti mi fanno abbastanza ribrezzo anche i nuovi palloni per la serie A….ma a quanto pare i giovani apprezzano…mah!

      • Stavrogin

        Colorare le scarpe ha ben poco a vedere con il progresso e l’innovazione tecnologica (clessidre e tessuti), è una mera questione estetica e come tale soggetta ai gusti personali.
        Secondo i miei, sono un pugno nell’occhio… anche perché vanno indossate con divise che non è detto stiano bene col fucsia o il giallo fluo (a differenza di colori neutri come il nero, il grigio o il bianco).

        Su innovazioni tecniche (come i calzini incorporati) o materiali invece non ho nulla da obiettare, purché siano effettivamente utili (e alcune lo sono) e non trovate markettare (e molte lo sono) (come peraltro avviene per i materiali delle maglie).

        • Stavrogin

          Stavo guardando Lazio-Bayer Leverkusen, in particolare un’azione del terzino sinistro dei tedeschi, e mi è tornato in mente questo mio post.

      • rudiger

        Io non capisco perché ogni volta che uno dice che non gli piacciono le scarpe fosforescenti (anche perché nella vita vera non le vede ai piedi di nessuno) automaticamente gli si appioppano gli aggettivi “tradizionalista” “arretrato” e sinonimi vari. Per la cronaca non mi piacciono le maglie di lana (figurarsi quelle da calcio) ne gli scarpini neri, e vorrei decisamente evitare di far morire poveri canguri per fornire scarpe ai calciatori.
        Sono abbastanza progressista per poter dire che le scarpe a pois le mettono i pagliacci?

        • Matteo Perri

          @rudiger
          Sei un caso a parte, purtroppo è pieno di persone che non ammettono qualsiasi scarpa diversa da quelle nere. C’è persino chi vorrebbe istituire delle regole in tal senso, una limitazione che sinceramente mi sembra una sciocchezza.

          Queste scarpe però non sono a pois 😛

        • rudiger

          Secondo me la gran parte di chi non apprezza queste colorazioni estreme non vuole il ritorno al solo nero:: semplicemente pensa che per giocare a pallone non bisogna scegliere per forza tra un mocassino e un preservativo alla fragola.

  • pegaso22

    Io sono antico: sono orripilanti.

  • Mika

    Io ho 16 anni e le scarpe nere non le metterei mai. Mi piacciono molto quelle arancioni o blu. Quanti di voi giocano a calcio? Mio zio mi prende sempre in giro per le scarpe e dice che non devono fare colori così brutti, ma lui non gioca e quindi non le comprerebbe neanche nere, per questo le aziende non le fanno. Dei miei compagni solo uno usa le king nere

    • Giovanni

      Concordo pienamente, anche io gioco a calcio e in squadra su 22 solo undo ha le scarpe tutte nere, per il resto tutte colorate: daltronde se Nike, Puma e Adidas e gli altri grandi brand producono principalmente scarpe con colori “eccentrici” un motivo ci sarà…

      • Stavrogin

        Non capisco questo tipo di discorsi.
        Prima di tutto, forse non è che i grandi brand producono scarpe fosforescenti perché il pubblico le compra, ma viceversa: il pubblico le compra perché i grandi brand le producono. Ovvero: il settore è fortemente supply-driven, il pubblico (tendenzialmente e con i dovuti caveat) comprerebbe qualsiasi “nuova” scarpa prodotta dai grandi brand.
        Secondo: comunque il fatto che il 99% dei consumatori preferisca un tipo di prodotto non vuol dire che il resto non abbia motivo di esistere. Per fare un parallelismo con un altro settore in cui i gusti del pubblico sono fortemente indirizzati dalla industry: esiste musica diversa dagli One Direction e Justin Bieber, anche se il pubblico al 99% preferisce loro ai Silver Mt Zion.

      • http://questocalciatoreachilodo.blogspot.it Achilodo

        Non siete certo originali se tutti quanti voi ragazzini le comprate e le usate colorate. Molto meglio quel singolo che le usa nere.
        Il problema non è il colore, ma il fatto che le comprate solo perché vistose e perché “così fan tutti”. Inoltre tra un po’ si notano di più queste scarpe che le maglie!

    • Klavs

      Anche io gioco a calcio e io sono uno dei pochi che usa le scarpe nere.
      le utilizzo perchè mi piace l’eleganza e il carattere serio in campo. Non è che indossare scarpini neri significhi essere vecchi…

  • Oisselo

    Per quanto riguarda la questioni colori io penso che a tanti dia fastidio il fatto che ormai la scarpa colorata sia diventata la normalità, e che il nero non esista più. E c’è da dire anche che esiste colore e colore. Spesso questi colori cozzano totalmente col colore delle divise (che dovrebbe essere più importante di tutto). Lo dico da 26enne, quindi non particolarmente nostalgico, ma avverso a queste mode che anche secondo me sono da pagliacci. Per quanto riguarda lw regole e la modernità faccio un esempio citando il tennis: non mi pare che nessuno si scandalizzi se a wimbledon è obbligatorio giocare in bianco. ci tengono alla loro tradizione ed evidentemente pensano che il bianco vada bene per fred perry così come per un tennista dell’anno 3000. Non vedo perché questo debba essere sbagliato

  • Antonio

    È la prima volta che commento nonostante legga sempre il vostro sito, ma la “questione scarpe” è un argomento che fa discutere molto anche dalle mie parti.
    Ho 26 anni e ormai gioco solo le celeberrime partite di calcetto con amici. Nonostante ciò vi dico che la maggioranza delle persone con cui mi trovo a giocare, anche non più molto “giovani” tendono ad usare scarpini colorati. Certo non si va dietro all’ultimo modello o all’ultima colorazione, ma comunque generalemente si preferisce una scarpa “colorata” ad una scarpa “classica” (intendo nero/grigio/bianco). Si può dire che lo si fa perché le aziende le producono e quindi noi ci beviamo tutto, ma credo sia diverso e sia proprio come per le scarpe bicolore della Puma: ci hanno provato.
    Le bicolore sono andate ma non troppo e quindi pare siano state accantonate, le fluo invece sono andate alla grande fin da subito e quindi la nike ha continuato. Questo nuovo famigerato “calzino” sta andando moltissimo, ma ricordo le prime dichiarazioni della nike in cui comunque non escludevano un possibile ritorno ai vecchi modelli in caso di fallimento dell’idea e comunque continuano a produrre scarpe “normali” perché sanno che a molti non piace e perderebbero consumatori.
    Ogni novità (non dico innovazione perché non è un’innovazione colorare in maniera diversa le scarpe) è soggetta ai gusti delle persone. Vale per tutto in un mondo che si basa sulle regole di mercato. Se piace, allora si continua finché piacerà; se non piace si accantona e si passa ad altro.
    La scarpa colorata è fuori da ogni dubbio che sia piaciuta e che piaccia ancora molto, quindi AMEN e aspettiamoci di continuare a vederle ai piedi della maggioranza dei calciatori, professionisti o amatoriali che siano.
    Ad ogni modo le scarpe nere ancora girano, anche dei top brand. Le TIEMPO sono state tradizionalmente nere che io ricordi. La variazione più “fantasiosa”, fluo attuale parte, è stata quella degli europei 2012 con la scapra bianco/nera. Guarda caso la TIEMPO è anche la scarpa più “comoda” della Nike. Segno che comunque l’azienda lascia spazio ai tradizionalisti per non perdere completamente la fetta di mercato di quest’ultimi.
    Insomma, i gusti sono gusti e il mercato è mercato!

  • Sandro FC

    Niente male le Mercurial (modello Vapor) e le Tiempo.
    Questo pack a dir poco vivace non mi si addice…