SoccerHouse24 - Scarpe da calcio adidas e Nike

In vista del periodo natalizio, Nike ha voluto proporre una nuova rivisitazione delle sue scarpette migliori: nasce così Flash Pack, il cui nome lascia intendere come l’aspetto unicamente modificato dei succitati modelli sia l’impatto visivo.

Le quattro paia che compongono la nuova collezione sono le Tiempo, le Hypervenom, le Mercurial e le CTR360, tutti modelli ben noti e al top della gamma dell’azienda americana. Sono state tutte realizzate con l’utilizzo di un bianco molto luminoso, e ciò che contraddistingue una scarpetta dall’altra sono i differenti motivi posti sopra la zona del tallone. Infatti, ognuna vanta un design in argento riflettente ispirato ad alcuni dei più maestosi predatori della natura.

Scarpe calcio Nike Flash Pack

Hypervenom si rifà alla pelle dei rettili, mentre la stampa leopardata delle Mercurial vuole omaggiare la spiccata tendenza del modello a privilegiare la velocità su qualsiasi altra caratteristica. Le Tiempo recano invece un tema che si ispira al leone e alla sua nota capacità di leadership, proprio perché il modello rappresenta il capostipite e il fondamento del successo di Nike nel settore delle scarpe da calcio. Infine, le CTR360 traggono ispirazione dagli uccelli rapaci, pronti a “graffiare” al momento opportuno.

Scarpini Nike Flash Pack Reflective

La fodera interna è caratterizzata da una rappresentazione grafica degli scheletri degli animali a cui ogni modello punta a rifarsi, con un tocco di colore per identificare ogni scarpa ancor più distintamente.

Volevamo creare un modello intuitivamente ispirato ai predatori per accentuare l’orientamento di ciascuna scarpa. Abbiamo usato una grafica nascosta basata sul bianco in modo tale che ad un primo sguardo possa sembrare un design semplice, ma ad un più attento esame riescano a vedersi alcuni particolari di questa grafica unica“, ha affermato Denis Dekovic, Design Director di Nike.

Reflective Flash Pack Nike scarpette

Il nuovo Reflective Flash Pack è già disponibile sullo store Nike e presso i migliori rivenditori. Voi cosa ne pensate di questa colorazione?

  • rudiger

    Dopo aver letto con attenzione i deliri che spiegano questi modelli (non dell’articolista ma dell’azienda) colgo l’occasione per una riflessione (senza materiali riflettenti però).
    La moda sportiva (da campo) potrebbe tendere al casual e al pret à porter elegante, per spingere i tifosi ad indossare maglie e accessori del club anche fuori dagli stadi; oppure tendere all’eccesso e allo sportivo “estremo”, totalmente svincolato dall’abbigliamento di tutti i giorni. Ovviamente, direi dagli anni ’90, sta accadendo la seconda cosa. Abbiamo la sfortuna che le multinazionali dominanti sono un’americana e due tedesche, non proprio dei paesi noti per il gusto nel vestire. Se invece le tendenze fossero dettate da ditte francesi, italiane o anche inglesi, forse le cose andrebbero diversamente. Purtroppo invece, anche le realtà minori di questi paesi si accodano all’estetica preponderante; probabilmente a ragione: altrimenti perderebbero mercato visto che la clientela ormai si è assuefatta a colori fluorescenti e ispirazioni da cartone animato.
    Quando va bene maglie, scarpini e palloni si ispirano al passato (leggi copiano); senza fantasia e voglia di innovare. Se poi ci aggiungiamo le brutture degli sponsor e le concessioni che a loro si fanno, il quadro è completo.

    • Riccardo92100

      Io sono per i vestiti sportivi estremi , preferisco che abbigliamento sportivo sia grintoso .

      • rudiger

        Grintoso si, pacchiano no.

  • Passione Maglie

    @rudiger
    Ho visto in vendita delle sottosuole per poter indossare le scarpe da calcio anche fuori dai campi. Desidero un tuo parere in merito 😀

    • rudiger

      Se ci incontriamo e le indossi ti esprimo i parere direttamente 🙂

  • FDV

    Ultimamente sono ben disposto nei riguardi del design degli scarpini in genere, ma questa rivisitazione mi sembra un po’ carente, in particolare dal punto di vista delle motivazioni.

    Sono giusto delle nuove combinazioni di colori, che nel contesto dell’eccentrica modernità attuale mi piacciono. Bianco-nero con suola fluorescente, decisamente non male.

    L’averci infilato per forza del reflective perché é l’ultima tendenza ( vedi Lotto e Adidas) con motivazioni tra l’altro deboli (leone zebrato?) mi sembra da azienda follower un po’ allo sbaraglio, mentre da Nike mi aspetto idee da leader di settore. Salvo solo il coerente leopardato delle Mercurial, ma le più belle, as usual, sono le Tiempo, anche dal punto di vista cromatico.

    • Niccolò Nottingham Forest

      Bella la sfumatura Follower – Leader tipica di chi ha studiato gli oligopoli, e le teorie del gioco: molto raffinata.
      Azienda follower un po’ allo sbaraglio poi è strepitosa, ho in mente un brand in particolare che attinge a piene mani… per così dire. La tua frase descrive in pieno la “filosofia” di questa azienda 🙂

  • LM

    Tutte apprezzabili, molto semplici ma anche molto eleganti e moderne allo stesso tempo. Belli i motivi usati nel bianco per rendere la scarpa meno uniforme, così come vanno bene le zone in cui va usato il colore, creando un risultato particolare e gradevole. Fra tutti i modelli, comunque, preferisco sicuramente le Tiempo, e le Mercurial, con la particolare grafica leopardata. Deludenti CTR 360 e Hypervenom, che comunque non mi hanno mai convinto del tutto, infatti rimpiango ancora le Total 90, rimosse per far spazio a queste. In tal caso buon lavoro di Nike per la rivisitazione, ma a mio parere si stanno facendo troppe versioni, in particolare nella stagione del Mondiale dove bisognerà creare qualcosa di sorprendente e particolare, rivisitando in modelli in modo degno.